E arrivò Pino Colucci


Io non sono cresciuto con un fratello. La mia famiglia sarebbe dovuta essere composta da padre, madre, due figli maschi e due femmine. Ma il Signore ha chiamato a se il mio fratello maggiore che io non ho mai conosciuto.
Quindi sono cresciuto con le mie sorelle, con alcune amiche delle mie sorelle, ma i maschi sono giunti solo con la scuola elementare.
Ci vedevamo in strada.
Poi le scuole medie e amici più grandi di me. Non moltissimi anni in più, uno o due, comunque non erano miei coetanei.
E’ stato negli anni 80, quando avevo 20 anni, che è arrivato un fratello nella mia vita: mio cugino Pino.
Lui era di Lequile ma sposò Rossana Monaco, mia cugina acquisita, di San Cesario di Lecce.
Poi si candidò nel 1975 e divenne consigliere comunale prima, assessore poi e, infine, Sindaco del paese più bello del Mondo.
Io fui candidato nel 1985 per il consiglio comunale, ma non fui eletto. Ed è proprio per questo che cominciò una relazione strettissima con Pino, una relazione di due fratelli.
Lui, per alterne vicende, si trovava avversato dagli amici e dagli avversari. Era “forestiero”, non era nato nel paese più bello del Mondo. Era arrivato qui per la famiglia che l’aveva accolto come fosse un figlio e che gli aveva donato una famiglia.
E’ stato proprio alla fine della sua esperienza politica nel 1992 che ci siamo legati ancora di più, era pieno di umanità, sempre pronto a capire, collaborativo anche se aveva uno spirito “aristocratico”.
E’ il fratello che mi è stato accanto sino al 2005.
Ho raccontato tutto a lui e lui ha raccontato tutto a me.
Pino non ha sempre approvato ciò che ho fatto e che gli ho raccontato. Ma mi ha sempre voluto bene. Anche a me non piaceva tutto quello che lui aveva messo in atto nella sua, purtroppo breve, esistenza. Ma gli volevo e gli voglio ancora tanto bene.
Metto questa foto sua di fanciullo. Lo descrive meglio di ciò che ho scritto. E’ la sua limpidezza, la grande intuizione, le trovate sempre geniali e il non irrigidirsi mai, per nessun motivo.


Grazie Pino per tutto quello che mi hai insegnato. Grazie, Grazie, Grazie


Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?