“Maria! Pija lu Fernet pe lu striu”


Stasera mi andava di bere un amaro, sono andato nel mobile bar che era sotto a una vecchia radio a valvole che ho acquistato da due improbabili antiquari nei pressi del mercato di “Settelacquare” a Lecce. E mentre mescevo (che bello questo verbo mescere, non lo usa più nessuno) il Fernet Branca mi è venuto in mente il nonno di mia moglie. Mesciu Ntoni Cantarini EBANISTA.
La prima notizia che mi giunse del nonno di mia moglie risale al giorno dei sepolcri (scusate ma a me reposizione non dice nulla, pe mie su li sebburchi e basta) quando la nipote fu notata in mia compagnia dal nonno di mia moglie, lo stesso, rivolgendosi alla sua gentile consorte chiese: “Maria a istu cu cci stae fidanzata neputeta?”
Dopo il fidanzamento “a casa” andai a far visita ai nonni e fu in quella circostanza che ebbi il grande onore di vedermi trattato da VERO UOMO! Solo un maschio vero beve il Fernet Branca. E quando ascoltai la frase detta con enfasi da Nonno Ntoni “Maria! Pija lu Fernet pe lu striu” capii di essere stato accettato come maschio abile e arruolato!
All’ingresso di casa mia una sua opera, una toilette. Già, conserviamo a casa un mobile di ogni nonno, una per i mii nonni paterni, uno per per i miei nonni materni e uno per i nonni paterni e materni di mia moglie.
La toilette te Mesciu Ntoni Cantarini Ebanista!
Non so perché l’ho scritto, ma l’ho fatto

Antonio Bruno

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)