per poter parlare un po’, solo per un po’.

Triste, poi piango e infine rido. Tutto così naturale come esce, quello che esce, senza soluzione di continuità. Questa è la vita, si! Questa è vita!
Da quanto tempo non scrivi una lettera? La cassetta della posta contiene le notizie del tuo amore? Che cosa c’è nella cassetta della posta oltre alla pubblicità e alle bollette?
Una volta rientravi a casa e guardavi quella scatola e il cuore faceva un tuffo se vedevi al busta che conteneva le notizie che ti giungevano dal tuo amore. E poi, da solo, andavi a leggertela e a rileggertela. Prima velocemente e poi frase per frase.
La scrittura che cambia a seconda degli stati d’animo. Mi scrivi una lettera amore mio?
Diglielo, chiediglielo. Fatti scrivere una lettera, falla portare alle poste che le buche delle lettere sono tutte oramai scomparse. Ci avete fatto caso?
Non ci sono più quelle che prevedevano una buca per la città e una per tutte le destinazioni. Non ci sono più e noi?
Non ci sono più nemmeno le cabile telefoniche, quelle che passavi ore a parlare con lei, che trepidante attendeva che il telefono squillasse e litigava con la sorella per mantenerlo libero.
La buca delle lettere, la cabina telefonica, luoghi della comunicazione, luoghi che lasciavano il tempo di riflettere, di pensare, di decidere.
E adesso?
C’è lo SMARTPHONE.

Ma c’è chi resiste, c’è chi ha deciso di non essere sempre connesso. C’è chi, se vuoi parlare con lei o con lui, devi andare a cercarla o a cercarlo, devi aspettare che esca, devi sperare di incontrarla o di incontralo, perché accada quello che desideri, per poter parlare un po’, solo per un po’.
Antonio Bruno

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?