Dopo l’attentato di Strasburgo


Dopo l’attentato di Strasburgo

Le nostre mani, quelle dell'homo sapiens, si distinguono da quelle di tutti i primati per una caratteristica peculiare: il pollice opponibile. Per quanto riguarda il ruolo del pollice opponibile riguardo allo sviluppo umano, ci sono ipotesi circa l'evoluzione che ha interessato la natura della nostra specie attraverso il famoso fermaglio, quello che ci permette di afferrare gli oggetti con le mani, Maturana aggiunge un altro elemento, io penso che questo di Maturana abbia la stessa importanza del pollice opponibile o che possa essere addirittura più importante per il nostro sviluppo.

Maturana parla di noi non solo come la specie che può appropriarsi delle cose attraverso le mani, ma ci indica anche come esserti capaci di accarezzare usando lo stesso fermaglio .
Maturana parla della specie umana in termini biologici, e ne da una visione molto radicale, definendola come una specie biologicamente programmata ad amare.
Esempi di tale programmazione biologica io li vedo ogni giorno, e anche se mi sono familiari anche comportamenti opposti.
Dunque è difficile conciliare entrambe le estremità ... colui che si appropria , qualunque sia il suo possesso, oggetti, idee, persone convive nello stesso corpo che è biologicamente programmato per dare amore. Perché entrambi i comportamenti coesistono.

Biologicamente così oggi, ancora una volta, in un altro giorno dopo uno di quegli attacchi di terrorismo feroce (Strasburgo), mi sono chiesto cosa può fare qualcuno che si appropria ... anche delle vite delle donne e degli uomini. Mi chiedo come è cresciuto quel terrorista o quei terroristi che sono passati da bambino ad adulto relegando nel profondo del loro essere la capacità biologica di amare. Cosa deve succedere a un bambino? Cosa è dovuto accadere perché qualcuno possa apprezzare se stesso così poco da perdere anche la propria vita?
E mi sono ricordato i diritti internazionali del bambino che dicono:

• Tutti i bambini devono avere gli stessi diritti, indipendentemente dal sesso, dal colore, dalla religione o dallo status economico.

• I bambini devono avere tutti i mezzi necessari per crescere fisicamente, mentalmente e spiritualmente , in condizioni di libertà e dignità.

• I bambini hanno il diritto ad un nome e una nazionalità dal momento della loro nascita.

• I bambini e le loro madri hanno il diritto di godere di una buona alimentazione, di alloggi dignitosi e di cure sanitarie speciali.

• I bambini con malattie fisiche e mentali dovrebbero ricevere un'attenzione speciale e un'educazione adeguata alle loro condizioni.

• I bambini devono ricevere l'amore e la comprensione dei loro genitori e crescere sotto la loro responsabilità. La società deve preoccuparsi dei bambini senza famiglia.

• I bambini hanno diritto all'istruzione, alla cultura e al gioco .

• I bambini devono essere i primi a ricevere protezione in caso di pericolo o incidente.

• I bambini devono essere protetti da ogni forma di sfruttamento e negligenza che danneggia la loro salute e istruzione.

• I bambini devono essere educati in uno spirito di comprensione, pace e amicizia e devono essere protetti contro il razzismo e l'intolleranza.

C'è un bel proverbio africano che dice: "Per educare un bambino hai bisogno di un'intera tribù" . E mi chiedo come stiano giocando con i bambini le nostre tribù, quali valori inculchiamo, quanti di questi diritti abbiamo presenti giorno per giorno, in tutte le nostre azioni e, alla fine, se le nostre azioni rispondono veramente alle nostre intenzioni.

Forse arriverà il giorno in cui tribù complete educheranno i nostri figli.




Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?