"Se vivi in ​​competizione, vivi nella negazione dell'amore"


"Se vivi in ​​competizione, vivi nella negazione dell'amore"


La parola competenza è molto incorporata nella vita di tutti i giorni. C'è la psiche della parola, che rivela come le persone vedono il mondo.
Humberto Maturana



Il biologo e filosofo cileno Humberto Maturana è venuto a Guayaquil, invitato dalla Casa Grande University, per tenere una conferenza. Con questa attività, l'istituzione ha celebrato i suoi undici anni di creazione. Il pensatore cileno era accompagnato dal Dr. Ximena Dávila, con il quale ha fondato, nel 2001, l'Istituto Matriztico. La filosofia di questi due professionisti si basa su argomenti come l'ascolto dell'altro, l'apprendimento dagli spazi dell'amore, la collaborazione, la non aggressività.

Tu, dottor Maturana, affermi che l'asse della convivenza umana è l'amore. Ma i tempi in cui viviamo, la competizione, l'aggressività, disarmonizzano quella convivenza. Come comportarsi per essere competitivi, come richiede la società attuale e essere allo stesso tempo esseri d'amore?

Se vivi in ​​competizione, vivi nella negazione dell'amore. Si crede e questo ha a che fare con il pensiero evoluzionistico darwiniano, che la competizione è il motore del progresso, il motore evolutivo, e non è vero. Quando competono, l'altro determina ciò che fai.

Quindi, l'ideale è la non concorrenza?

Non abbiamo bisogno di competere. Possiamo collaborare, ma competere è un atto umano che implica la negazione dell'altro, e ci saranno sempre delle giustificazioni per negare l'altro.

Quando dici a qualcuno che sei competitivo, vuoi dire che sei una persona intraprendente, che cerca il successo. Il successo è stato associato alla competizione. Per quali ragioni?

Maturana: Sfortunatamente, questo paese è centrale in questo, perché qui ci sono le Isole Galapagos e gran parte del loro lavoro evoluzionista Darwin si è basato sulla sua esperienza nelle Galapagos. Si stava chiedendo cosa sta facendo l'evoluzione? Ha vissuto in un momento in cui pensava alla forza. Qual è la forza che muove l'evoluzione? Ha preso dagli economisti del tempo la nozione di concorrenza e messo la competizione come un fenomeno di biologia, che non lo è, non accade. Gli organismi non competono, scivolano, collaborano, fanno spazi ecologici, nel loro insieme. Quindi, pensiamo che i progressi abbiano a che fare con la competizione, che l'asse del successo sia la competizione, che le cose siano migliorate se siamo in competizione. Nascondiamo la collaborazione, la possibilità di conversazione.

Ximena Dávila:C'è un orientamento in ciò che facciamo nella vita di ogni giorno a un risultato. Siamo in competizione per un risultato e guardando il risultato non vediamo il processo, abbiamo una cecità e ciò accade nelle aziende, accade nello spazio educativo.

Se rinunciamo a quei concetti prestabiliti e socialmente accettati, quale sarebbe, allora, avere successo?

Maturana: il successo è qualità in quello che fai, divertiti. Ai bambini piace fare le cose bene e chiedere come è fatto. Quindi, quando viene rimosso il problema del successo, che cosa appare? Collaborazione e trasformazione della collaborazione, non la concorrenza. L'altra cosa è che la nozione di successo è associata alla crescita. Quello che ha più ha più successo e anche la biologia appare con la storia evolutiva della selezione naturale, quell'idea che le specie di maggior successo sono le più abbondanti. Si pensa che l'abbondanza significhi successo sotto una prospettiva economica e questo non è vero. Siamo esseri umani qui in quantità gigantesche e stiamo generando distruzione. L'abbondanza stessa non è un bene. L'armonia nella convivenza è un bene.

Una delle domande che sollevate nei vostri studi è che nella correzione delle azioni, la punizione non è presente. Come correggere senza una punizione implicita? La società accetta la punizione come atto esemplare. Come correggere nell'educazione, nella vita quotidiana, senza quella coercizione che viene esercitata su altri esseri umani?

Maturana: Se punisco, il bambino impara a punire. La punizione non è necessaria, ciò che è necessario è la conversazione. I bambini sono intelligenti come gli adulti, ma hanno una storia più piccola. Se parliamo, se spieghiamo cosa è, comprendiamo e possiamo collaborare con noi, perché si sentono bene collaborando.

Ximena Dávila:Ma come abbiamo imparato a punire? Dove abbiamo imparato a creare spazi di paura? Ha a che fare con la cultura e la cultura come una rete chiusa di conversazione in questo momento convalida la punizione e produce dolore consapevolmente e inconsciamente. Prima è stato detto che la lettera con il sangue entra. Tuttavia, i bambini imparano ed espandono la loro creatività in spazi amorevoli, in spazi di pazienza.

Affermate che molte delle malattie degli esseri umani sono prodotte dalla negazione dell'amore. Esiste una consapevole negazione dell'amore?

Maturana: la competizione è una negazione dell'amore. Per vincere in una gara devi battere l'altro. E chi non vince, ha tutti i dolori del fallimento e della malattia. Quando un bambino chiede a qualcuno qualcosa e non risponde, lo nega.

Ximena Dávila: L' amore è lo spazio in cui l'altro appare legittimo in coesistenza con uno. La sottigliezza dell'amore ha a che fare con l'allargare il nostro sguardo.

Maturana: Amar non sta mettendo pregiudizio o giudizio prima. Se l'altro si sente sentito, si sente amato.

Ximena Dávila: Cerchiamo sempre di convincere l'altro dei nostri argomenti e di convincere significa sconfiggere l'altro. Conversare, d'altra parte, significa ballare insieme, significa che voglio ascoltare l'altro, rispettare l'altro, perché mi rispetta. A volte ascoltiamo aspettando che l'altro confermi ciò che diciamo, perché crediamo che abbiamo ragione, quindi che conversazione c'è quando ciascuno ascolta se stesso.
Intervista a
Clara Medina
: pensatori cileni, fondatori dell'Istituto Matriztico

Inviato a NEWS da Christián Martínez, che ringraziamo

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)