# Innovazione sul serio: isolata o relazionale? - storia di #Maturana


# Innovazione sul serio: isolata o relazionale? - storia di #Maturana
Maturana chiarisce "La cosa più importante in innovazione è ciò che vuoi conservare mantenere, questa è la chiave, quindi l'innovazione ha tutto da cambiare ... c'è un cambiamento, ma questo ha sempre a che fare con ciò che vuoi conservare mantenere"
Fotografia: Autore Darío Vargas (c) -  www.dariovargas.cl

Come è l'inizio di questo blog, ogni persona è innovativa . E quando si tratta di mettere la persona al centro dell'innovazione, si può fare dall'etica o dalla manipolazione. Sin dalla manipolazione, la verità è stata usata come argomento per forzare, attraverso il quale cerca di spiegare l'innovazione e molte altre questioni. Purtroppo manipolano, presuppongono dinamiche frequenti che non lasciano decollare l'innovazione, vale a dire sono pratiche che non cercano seriamente l' innovazione . Questi sono gli aspetti principali che toccano Maturana e Dávila, filosofi controversi secondo alcuni, in termini di innovazione. Per altri, semplicemente chiariscono le cose e rimuovono la "cannuccia dagli occhi".



Contributo di Maturana e Dávila al tema dell'innovazione.
Humberto Maturana (vedi più in "Il ritorno ad un classico ... Humberto Maturana " http://www.christianestay.com/2012/07/volviendo-un-clasico-humberto-maturana.html , 31 luglio 2012) porta il sguardo biologico sul tema dell'innovazione. Dalla sua visione di come viene prodotta la conoscenza, di come gli esseri viventi apprendono, riesce a dimostrare che non c'è realtà indipendente dall'osservatore. Per questo motivo, l'innovazione è così complessa da definirla da un'unica sfumatura. Xiména Dávila, epistemologo, ha aggiunto la parte culturale al processo di innovazione. Maturana e Dávila partono dalla loro realtà riguardo alla questione dell'innovazione. Per loro, l' innovazione è una dinamica relazionale perché non è indipendente dalla realtà dell'osservatore, sebbene sia consustanziale con l'essere umano. Per Maturana per parlare di innovazione dobbiamo parlare di 2 parole: cambiamento e trasformazione. Ed è per questo che la trasformazione è sapere cosa non cambia e cosa deve essere trasformato. Questa prospettiva è la più controverso della proposta di Maturana e Varela. Per Maturana, l'innovazione è parlata - o venduta - dalla bocca verso l'esterno. Questo ho già provato nel mio post " Innovazione: perché continuano a venderlo dalla" bocca verso l'esterno "?  " ( Http://www.christianestay.com/2016/01/innovacion-no-es-venderla-de-la -boca-para-afuera.html , 23 gennaio 2016).







Inoltre, Maturana spiega "L'innovazione più importante è ciò che si vuole conservare, tenere, questa è la chiave. Questo è il motivo per cui l'innovazione ha tutto trasformazione ... c'è un cambiamento, ma questo ha sempre a che fare con ciò che vogliamo per risparmiare ". E per questo motivo, per Maturana e Dávila,  tutte le innovazioni devono sempre partire dall'etica. Secondo al Dávila, l'etica innovazione è presente quando coloro che sono coinvolti nel rapporto di creare innovazione sono a conoscenza di nessun stesso danno o danneggiare gli altri o della società. Quando non etico non può essere osservato esiti delle innovazioni come parte di un vero e proprio processo relazionale, ma derivano da una persona che pensa di sapere e trasforma in relazione con gli altri.








L'innovazione isolata o relazionale non è la stessa dell'innovazione chiusa o aperta: questo è buono o cattivo?

Cerchiamo di chiarire qualcosa. Maturana sottolinea che l'innovazione è isolata o relazionale. E NON È LO STESSO, rispettivamente, che l'innovazione è chiusa o aperta. Maturana fornisce la base concettuale per dire che non v'è l'innovazione aperta isolato o innovazione aperta relazionale, e lo stesso vale con l'innovazione che può essere chiuso o isolata o relazionale. Tutto è una questione di etica.

Per entrambi, tutto è riconoscere che il problema fa parte di una cultura di dominio e sottomissione basata sul valore della competizione. Allo stesso modo, entrambi hanno riscontrato incongruenze all'interno delle organizzazioni, tra ciò che dicono di volere e come ottenerlo. Assicurano che il cambiamento culturale non è dichiarato, è un processo ; e, quindi, incoraggiare la riflessione e la conversazione in tutti i tipi di relazioni.



Di conseguenza, la soluzione sarebbe:

In primo luogo, innovare è sopprimere la relazione basata sulla concorrenza in modo che la collaborazione si presenti.
In secondo luogo, innovare è essere onesti, cioè coinvolgere il rispetto reciproco , in modo che ci sia una vera innovazione.
In terzo luogo, innovare significa capire che a nessuno piace obbedire , quindi è più facile e più sano stabilire una cooperazione che la concorrenza.



Riflessioni sui pensieri di Maturana e Dávila.
Secondo me, se l'innovazione è una dinamica relazionale, potremmo dire che l'innovazione si allarga man mano che ampliamo il nostro modo di relazionarsi, man mano che la nostra realtà viene ampliata. In effetti, secondo Maturana uno dei fatti che ha prodotto un'enorme innovazione è il linguaggio circa 100 mila anni fa. Questo fatto è stato quello di aumentare il nostro modo di relazionarci l'un l'altro, quindi, non dovrebbe essere sorpreso che l'innovazione accelerata dal linguaggio.





Pertanto, non sembra illogico che dalle telecomunicazioni si parli tanto di innovazione, perché le telecomunicazioni sono state come l'invenzione del linguaggio 100 mila anni fa, un canale che emerge come un'estensione o una protesi della nostra lingua, che ci ha permesso di conoscere le verità degli altri, che espande le nostre verità e aumenta il modo in cui ci relazioniamo. E mentre il nostro modo di relazionarsi si espande, emerge un campo ancora più grande di idee sorprendenti, di verità estese, ma anche di conseguenza ... scontri di culture, poiché ogni società costruisce la propria etica dell'innovazione basata sulla propria realtà . In modo che,



Ciò che impedisce un'innovazione seria potrebbe essere il conflitto che dobbiamo relazionare con gli altri . Ma attenzione, la relazione non implica parlare, dare discorsi, creare laboratori di innovazione, o cose del genere, ma piuttosto ascoltare e parlare gli uni gli altri gli uni dagli altri, dando spazio alle idee altrui come proprie o come parte di dibattiti che costruiscono nuove relazioni, non che inibiscono o sono semplicemente scuse per non ascoltare o far credere alle persone che stanno ascoltando. Questo è molto difficile Se è vero che l' innovazione è inerente all'essere umano , non è meno vero che si pone nella relazione con gli altri.



Pertanto, il conflitto di innovazione in questo momento è la conseguenza di una relazione forzata tra lavoratori, società, famiglia e che impone un modello di innovazione basato sulla verità presa in prestito da un'altra società. Sei d'accordo?

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?