.. tutta la propaganda per trasformare i bambini in consumatori è uno stimolo all'avidità.



Humberto Maturana
Di GUILHERME ALMEIDA             / EDUCATORI
Humberto Maturana ha conseguito un dottorato in Biologia (Harvard, 1958). È nato in Cile, ha studiato Medicina (Università del Cile) e in seguito Biologia in Inghilterra e negli Stati Uniti. Come biologo, il suo interesse è orientato verso la comprensione dell'essere vivente e del funzionamento del sistema nervoso, e anche per l'estensione di questa comprensione all'ambito sociale umano. È professore presso il Dipartimento di Biologia della Facoltà di Scienze dell'Università del Cile.

Fa dei seminari in cui divulga la biologia dell'amore e della conoscenza per la formazione umana. Egli sostiene che il linguaggio è basato sulle emozioni ed è la base per la convivenza umana. Fondato a Santiago, l'Institute of Matríztica Formation, uno spazio relazionale che favorisce l'amplificazione della comprensione di tutti i domini dell'esistenza umana, sviluppando studi sulla biologia dell'amore e del sapere, attraverso corsi, conferenze e workshop di conversazioni operative e riflessivo sulla matrice biologica dell'esistenza umana.

Quello che segue è un breve dialogo tra Humberto Maturana e Ximena Davila sull'infanzia, l'etica e l'amore:

Di seguito un'intervista in portoghese, rilasciata ai professori Mércia Helena Sacramento e Adriano JH Vieira, durante il seminario per commemorare i 10 anni del Master in Educazione dell'Università Cattolica di Brasilia.

... tutta la propaganda per trasformare i bambini in consumatori è uno stimolo all'avidità.
Rivista Humanitates - Affermate che l'essere umano è il risultato di trasformazioni anatomiche e fisiologiche che hanno avuto luogo intorno alla conservazione della vita nella conversazione. Cos'è la conversazione?

Humberto Maturana - La conversazione è un flusso nella convivenza, nell'intreccio del linguaggio e dell'emozione. Cioè, vivi in ​​coesistenza in coordinamenti di coordinamenti di azioni ed emozioni. Ecco perché dico che tutto ciò che è umano è costituito dalla conversazione, dal flusso di coordinazioni di coordinazioni di azioni ed emozioni. Quando qualcuno, ad esempio, impara una professione, impara in una rete di conversazioni.

RH : Usi i termini linguagear ed emozione, che cosa significano questi termini?

HM - Ho trasformato i nomi e le emozioni in verbi, per fare riferimento, per connotare ciò che significano nel flusso della vita. Non sono cose, non sono elementi isolati perché si verificano nel flusso, la lingua si verifica nel flusso del linguagear. Non è nella parola, non è nell'oggetto, è nel flusso del vivere in coordinamenti coordinati. Così fa l'emozione.

RH : Tu dici che il modo di convivere è salvato di generazione in generazione, dalla costituzione di una cultura, come la discendenza, è fondamentalmente definito dalla configurazione delle emozioni. Come lo spieghi?

HM - Le emozioni definiscono lo spazio relazionale in cui le nostre azioni si verificano, ciò che viene detto, con il linguaggio. Quindi, lo stesso gesto, lo stesso movimento avrà un personaggio o un altro in base all'emozione che lo origina. Lo stesso discorso avrà un carattere o un altro in base all'emozione da cui è stato generato, da dove è stato creato. Le culture sono reti di conversazioni chiuse che producono la configurazione delle emozioni, è in questa rete chiusa di conversazioni che formerà il carattere della cultura. Quindi è l'emozione che guida, sullo sfondo, il flusso storico.

RH - Quanto sono importanti le emozioni nell'evoluzione umana?

HM - Le emozioni sono fondamentali per l'evoluzione di tutti gli esseri viventi, perché definiscono il corso delle loro azioni: dove sono, dove vanno, dove cercano il cibo, dove si riproducono, dove allevano i loro piccoli, dove depongono le uova, ecc. Bene, con gli umani c'è esattamente la stessa cosa. L'emozione, il flusso delle emozioni, definisce il luogo in cui avverranno le cose che si fanno nella vita. Quindi, se una persona si muove, per esempio, per frustrazione, questo definirà continuamente lo spazio relazionale in cui si trova e il corso che avrà la sua vita. Se vivi per fiducia, seguirai un corso diverso. Quindi, ciò che guida il flusso della vita individuale sono le emozioni e la costituzione evolutiva. È l'emozione che si conserva da una generazione all'altra nell'apprendimento dei bambini.
RH - Come educare un bambino in modo che diventi un adulto socialmente responsabile?
HM - In un'educazione amorevole, che vede il bambino, che è certo che c’è chi l'ascolta, chi lo accoglie con rispetto. Un'educazione che comporta per il bambino, la fiducia in se stessi e il rispetto per se stessi, questa quindi è l'educazione che rende possibile la collaborazione. La collaborazione si verifica solo in una relazione con gli altri, avendo rispetto per se stessi.
RH - Qual è la biologia dell'amore e qual è la sua importanza per lo sviluppo umano?
HM - La biologia dell'amore è il fondamento biologico del movimento di un essere vivente, nel piacere di essere dove si trova, nel confidare di essere accolto, sia dalle circostanze che dagli altri esseri viventi. Nel caso degli umani, questo è fondamentale per il rapporto del bambino con sua madre, con suo padre, con il suo ambiente familiare, che gli permetterà di crescere come un bambino che sarà un adulto che rispetta se stesso. Se guardi alla storia dei bambini che diventano esseri, chiamiamoli antisociali, scopriremo che hanno sempre una storia di negazione dell'amore, di essere stati creati nella profonda violazione della loro identità, nella mancanza di rispetto, nella negazione del loro essere.
RH - Quando e come avvengono i cambiamenti culturali?
HM- I cambiamenti culturali avvengono quando ci sono cambiamenti nelle emozioni che definiscono le reti di conversazione in cui si vive. In generale, questi cambiamenti culturali si verificano semplicemente perché stanno cambiando le condizioni di vita e le persone stanno cambiando quello che fanno, o perché ci sono situazioni esperienziali che si traducono nel nostro caso, in una riflessione che ci porta a voler vivere diversamente da come viviamo. Ma la vita è sempre conservatrice. Le culture sono conservatrici, in modo che un cambiamento può essere impercettibile, nel senso che una persona non si rende conto, perché le condizioni di vita stanno cambiando, o si modificano le condizioni di vita senza alcun cambiamento culturale, perché l'emozione rimane la stessa . Ad esempio, penso che sia quello che succede oggi alla tecnologia della comunicazione. O perché ci sono situazioni che ci stanno toccando.
RH - Quali sono le differenze fondamentali tra la cultura matriarcale e la cultura patriarcale o matriarcale?
HM - La differenza fondamentale sta nel fatto che la cultura patriarcale / matriarcale è centrata nei rapporti di dominazione e sottomissione, richieste, sfiducia e controllo. Diversamente, una cultura matrística, che c’è stata prima della cultura patriarcale / matriarcale, è centrata nei rapporti di grande rispetto e, quindi, di collaborazione. Nella cultura patriarcale / matriarcale non c'è collaborazione. Vale a dire, ci può essere, ovviamente, ma al centro, il fondamento è il rapporto di dominio e sottomissione.
RH - Viviamo in una società che promette felicità dal consumo, dalla posizione sociale, dall'avere, possedere cose. Questa stessa società presenta molte persone che accusano sofferenze. Queste sofferenze ci dicono che dobbiamo cambiare la cultura patriarcale / matriarcale, che incoraggia la competizione e il profitto, e riprendere la cultura matristica?
HM - Vedi, la sofferenza, come dice la mia amica Ximena Dávila, ha un'origine culturale, è il risultato della sensazione di essere negato nella convivialità. Quindi ovviamente è un segno che viviamo in un mondo relazionale che ci nega. Quindi abbiamo bisogno di cambiamenti, abbiamo bisogno di creare nuovi spazi di convivialità. E indubbiamente, questo ha a che fare con la negazione di essere originariamente esseri amorevoli.
RH : Come vedi la democrazia in questo momento?
HM- Penso che la democrazia adesso avviene in questo modo: tutti i partiti o movimenti politici si basano sulla capacità di collaborare in un progetto comune di rispetto reciproco così come già scritto precedentemente, collegato da altre dinamiche emotive che si intersecano con esso. Questi partiti e movimenti politici hanno a che fare con le idee filosofiche o politiche, ma si può osservare che sottolineano solo la competizione, la sfiducia e il controllo. Cioè ci sono i partiti e i movimenti politici, ma se stanno generando uno spazio di collaborazione nella coesistenza in cui appare la competizione, questo sarà un distruttore della collaborazione stessa. Ora, se stiamo creando una democrazia, o vogliono vivere in una democrazia, che è essenzialmente uno spazio per la collaborazione di persone che si rispettano in un progetto comune, che è la convivenza democratica, non dovrebbero apparire nozioni di concorrenza o atteggiamenti competitivi , dipende, ovviamente, anche dal livello di questa competizione, come per esempio nella nostra cultura, nella quale è del tutto evidente che al momento, l'intera visione del commercio associata allo stimolo dell'avidità, è distruttiva per la democrazia. Quando Gesù dice: "Non puoi servire due padroni allo stesso tempo, non puoi servire i soldi e l’amore", indica certamente questa criticità della cultura patriarcale - matriarcale. Ciò dimostra che servire i soldi ha a che fare con l'avidità. Perciò il giovane ricco che chiede di entrare nel Regno di Dio, per poterlo fare, deve scartare le sue ricchezze, abbandonare i suoi attaccamenti, perché il Regno di Dio è, in effetti, amare; è democrazia. Questo è ciò che il Vangelo ci dice.
Quindi è evidente, ed osserviamo quotidianamente, che queste emozioni si intersecano, come per esempio, in tutta la pubblicità che ha come effetto quello di trasformare i bambini in consumatori, la pubblicità è uno stimolo all'avidità. Probabilmente questi bambini saranno adulti che desidereranno crescere nella ricerca della soddisfazione di tutto ciò che vogliono, senza essere consapevoli di ciò che significa nello spazio sociale, nello spazio della convivenza, ad esempio, dei loro genitori, che non possono necessariamente comprare tutto quello che vogliono i bambini Ma i bambini chiedono e continuano a chiedere perché sono invitati a farlo dalla pubblicità. La pubblicità, in questo caso, è un cattivo maestro della consapevolezza del bambino, della legittimità dello spazio di convivenza in cui le persone non hanno tutto. Se hai una relazione d'amore, non devi avere tutto.
RH - Quanto è importante il gioco per lo sviluppo umano?
HM- Il gioco d'azzardo è un'attività che viene eseguita nel piacere di essere fatta, con l'attenzione posta sul piacere di fare la cosa, facendo lo stesso, non di conseguenza. Altra cosa è invece il gioco. L'importanza di questo è che il gioco consente la collaborazione. Permette la serietà del fare per il proprio fare, per il rispetto per ciò che si fa, per il piacere di farlo e non per le conseguenze che può avere. Il bambino, quando gioca, impara un modo di vivere la cui attenzione non è nelle conseguenze, ma è nella responsabilità di ciò che fa. Ovviamente avranno delle conseguenze, ma il centro non sono le conseguenze, ma ciò che il bambino sta facendo mentre gioca. Se qualcuno impara può collaborare, può studiare, può fare qualsiasi cosa con soddisfazione e con piacere. Perché la soddisfazione centrale non sarà il risultato, un essersi distinto, non è quello che vincerà con quel gioco, ma la centralità è lo stesso processo da fare giocando. Questo dà la libertà di azione. Non voglio dire che qualcuno non può deve nulla per ottenere il risultato, sì, può farlo, può cercare il risultato, ma lo farà con la serietà di rispettare il processo, e quindi non si fisserà sui risultati.
RH : Cosa diresti a un insegnante di bambini, ad esempio, nella prima infanzia? Quale messaggio lasceresti loro o loro?
HM - Non tradire i bambini! Non promettere di accoglierli quando li ignorerai. Non promettere che li farai giocare quando ordinerai loro di sedersi e di stare zitti. Perché ciò che fa un insegnante, a volte, senza rendersene conto, ovviamente, è spesso tradire i bambini in base a ciò che vuole che facciano. Da un lato li accoglie, ma in realtà li distingue, quindi il bambino vive questo come un tradimento. Un ragazzo che viene all'asilo e l'insegnante dice "vieni qui, giocherai con gli altri bambini!" E dopo che il ragazzo lo accetta, dice "Bene, ora siediti qui!", quando accade questo altro non è che un tradimento. I bambini sanno esattamente quando qualcuno promette qualcosa e non lo mantiene, e lo vivono come un tradimento. Questo crea dolore e produce risentimenti, perché è una negazione della nostra condizione d'amore.


Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?