Oggettività e ("oggettività"). Focus di Humberto Maturana.


Obiettività; Humberto Maturana

INTRODUZIONE

Oggettività e ("oggettività"). Focus di Humberto Maturana.

Per iniziare ad approfondire il pensiero di Maturana, sull'oggettività, crediamo sia necessario fare idee conosciute che egli assume come rilevanti.

In primo luogo, stabilisce che esiste una fenomenologia della percezione basata sul conoscere il fenomeno delle cose così come sono, privo di pregiudizi, tutto questo attraverso il biologico. Dichiara che senza un corpo biologico non c'è percezione. È anche necessario determinare cosa dice che la percezione genera o porta alla conoscenza che, coordinata con la lingua, permette di dare una spiegazione derivata da un'esperienza. Maturana sottolinea che in termini di conoscenza, spiegazione ed esperienza sono due cose diverse; ma che l'essere umano li usa comunemente quasi come lo stesso, per essere più pratico nella vita che conduce.

Crediamo anche che un'altra importante idea di ciò che Maturana stabilisce è che la conoscenza è raggiunta attraverso la riflessione che causa incertezza, non nella credenza di qualcosa di assoluto parallelo alla verità, che causerebbe quindi la certezza, non la conoscenza; dal momento in cui qualcosa è conosciuto, non è noto.

OBIETTIVITÀ SENZA ().

L'oggettività senza parentesi si basa sull'esistenza di una realtà indipendente dall'osservatore, quindi, di generare conoscenza l'osservatore deve attenersi a questa realtà per raggiungere l'obiettivo di spiegazione allegata alla verità, quindi la conoscenza generata da una spiegazione viene convalidata per "realtà" così com'è, cioè, una spiegazione data per convalidare la conoscenza è soggetta a quella realtà che esiste e che è indipendente dall'osservatore che sarà valida e oggettiva quella conoscenza generata.

Da quanto sopra, si possono dedurre altri concetti derivati ​​dall'oggettività senza parentesi come l'esistenza di una verità che porta all'emergere di relazioni autoritarie da parte di persone che hanno accesso a quella realtà oggettiva, quindi ne sono i proprietari la verità e con questo esercizio l'autorità sugli altri, perché l'accesso alla realtà consente loro di ottenere ed esercitare il potere.

Nell'oggettività senza parentesi di esistere una verità è esclusa da altre realtà, percependole come sbagliate e quindi confutandole, questo porta a lasciare da parte altra conoscenza che viene generata, che non è convalidata da quella realtà indipendente. Escludendo altre realtà apparentemente sbagliate, l'idea sembra che il corpo limiti la conoscenza della realtà, prendendo ciò che è al di fuori della realtà assoluta come un'illusione.

Un esempio di obiettività senza parentesi sarebbe credere in Dio.

In una certa situazione parleremo con un prete e presentiamo l'idea che Dio non esiste; poi rifiuta la nostra conoscenza ed esclude la nostra realtà definendola errata, perché ha accesso a una realtà indipendente che determina la sua conoscenza come valida, e questa conoscenza stabilisce che Dio esiste quindi la credenza in qualcos'altro è un'illusione .

La realtà del sacerdote è la "verità", la sua conoscenza e spiegazione di essa sono convalidate dalla realtà a cui il sacerdote può arrivare in forma privilegiata; prendendo il suo approccio dalla religione un personaggio autoritario in cui hai il potere di essere il proprietario della verità convalidato dalla sua conoscenza e dalla sua spiegazione oggettiva dalla sua visione di sacerdote.

OBIETTIVITÀ CON ()

L'oggettività con le parentesi si basa sulla convinzione che non esiste una realtà indipendente dall'osservatore, ma che questa realtà ha molte interpretazioni convalidate dalle esperienze associate alla spiegazione attraverso il linguaggio. È così che viene generata la conoscenza, attraverso una riformulazione accettabile di un'esperienza, dando una spiegazione che permetta il dominio esplicativo che ogni persona possiede.

L'oggettività tra parentesi determina che le spiegazioni non provengono dall'esterno, ma la spiegazione e / o l'interpretazione delle nostre esperienze che noi abbiamo criteri di validità per convalidare le nostre spiegazioni. Da quanto sopra si evince che fuoco, dalla prospettiva di oggettività tra parentesi, non esiste una verità assoluta, ma molte verità come ci sono soggetti e domini esplicativi. In questo approccio non ci sono errori o l'esclusione di alcuna realtà; v'è un costante e l'accettazione reciproca tra le diverse interpretazioni che possono esistere, si accetta che la realtà appare dal percorso esplicativo prendiamo, in aggiunta al dominio emotivo in cui troviamo il tempo di spiegare. Non c'è autoritarismo,

Il tipo di realtà che viviamo, come dominio delle proposizioni esplicative, riflette in ogni momento il flusso delle nostre relazioni interpersonali e il tipo di coordinamento che ci aspettiamo che si verifichi in esse. In questa oggettività, il linguaggio è accettato sia come strumento di domanda sia come fenomeno di spiegazione.

Da questa prospettiva, il corpo svolge un ruolo importante; è ciò che abilita, non limita, come l'obiettività propone senza parentesi; l'uomo è un "sistema vivente, le sue capacità cognitive come osservatore sono fenomeni biologici, poiché sono alterati quando la sua biologia è alterata e scompare con lui o lei al momento della sua morte". (Maturana, 1997).

Con lo stesso esempio descritto nell'oggettività senza parentesi focalizzata dalla prospettiva di obiettività con le parentesi di Maturana.

Il sacerdote, in una certa situazione, discute con noi (che sono presumibilmente scienziati) sull'esistenza di Dio. Questa volta il sacerdote continua a sostenere che Dio esiste, ma la validità della sua spiegazione si basa sull'esperienza che porta alla fede nell'esistenza di Dio, vale a dire, la sua spiegazione è determinato dal suo campo esplicativo, oltre alla padronanza emotiva.

Per noi, presunti scienziati, l'esistenza di Dio non è tale, perché non siamo stati in grado, con il metodo scientifico (che sarebbe il nostro dominio esplicativo), di dimostrare empiricamente che Dio esiste.

Nelle posizioni precedenti, non c'è esclusione di nessuna parte con l'altra, non c'è la convalida di una certa realtà data dalla realtà stessa. Le spiegazioni sono convalidate dai domini esplicativi ed emotivi di ciascuno degli approcci (scientifici e religiosi). Nessuna delle due realtà è assoluta o governata dalla verità totale, ma si basa sulle proprie esperienze per dare le proprie spiegazioni. Non c'è autoritarismo, ma c'è accettazione della realtà degli altri, c'è tolleranza reciproca.

UNIVERSITÀ DEGLI AMERICANI

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)