Humberto Maturana e i problemi del Paese: "Abbiamo bisogno di ascoltare gli italiani"



Il famoso biologo ha parlato con la sua compagna Ximena Dávila e Cristián Warnken alla UC. "Abbiamo perso il nostro candore, viviamo nella tentazione della certezza". 

da: Juan Carlos Ramírez F., The Second Giovedì 2 ottobre 2014

Una lunga fila di studenti attende con impazienza Humberto Maturana e Ximena Dávila nella Casa centrale dell'U. Católica. Per due ore - e prima di una stanza gremita - il biologo e l'epistemologo hanno parlato con Cristián Warnken come parte di "En el camino", la nuova stagione del ciclo "Pensiero personale".

Il National Science Award cammina sorridendo. A 86 anni, sembra impeccabile, con una sciarpa e i suoi iconici capelli bianchi. Ottimista, ritiene che le recenti restrizioni sul consumo di sigarette, l'alcol, gli orari, perseguano un fine che non è stato spiegato bene.

"Non è che ci viene impedito di fumare, ci viene detto: 'Non fumare in tali luoghi perché, alla fine, ha un effetto tossico. Non ci viene impedito di bere, ci viene detto: 'Non bere in tali circostanze, perché ha una conseguenza negativa' Ci viene chiesto di avere una coscienza etica sociale ", dice Maturana.

Ximena, che insieme a lui ha fondato la Matrix School, lo ascolta e aggiunge: "Ma questo dovrebbe andare di pari passo con le conversazioni che sosterrebbero queste restrizioni, che sarebbero diverse, poiché non ci sono molte conversazioni, sono viste come proibizioni". E dà come esempio la legge emiliana. "Digli che se beve, non guida, non è un divieto, è un atto etico".
"Quello che succede è che dobbiamo ascoltare gli italiani", dice lo scienziato.
Entrambi pubblicheranno "L'albero della vita", dove presenteranno i loro pensieri.
Parla senza un telefono cellulare
- Da qui la critica che le riforme vengano decise tra quattro mura?
-Davila: i periodi di governo sono molto brevi. Dovrebbero essere di sei anni. Ora, c'è meno di un anno nel governo fino alle elezioni presidenza! Conversazioni perse e non esiste un progetto per il paese.
-Maturana: Ecco perché viviamo le cose come imposizioni. Deve essere un invito. Ma per essere un invito dobbiamo tornare a parlare. E per questo, dobbiamo avere tempo e disponibilità.
-Che sarebbe il primo passo per uscire da questa situazione?
-Dávila: recuperare l'armonia della conversazione familiare.

-Maturana: dobbiamo tornare al dopo cena.
-Davila: senza cellulare, senza fretta, dove parliamo a lungo per sapere l'altro: quali cose gli piacciono, quale paese vuole, come sono.
-Maturana: spazio aperto, non come disputa o motivo di discrepanza, ma come riflessione su un argomento.
-Ci lottiamo per tutto, giusto?
-Maturana: Dobbiamo ritornare all'amore e al rispetto. No alla concorrenza. Ecco perché dico che l'opposizione dovrebbe essere una collaborazione. Certo, c'è una differenza di pensiero. Se ne parliamo, possiamo scegliere un percorso armonioso.
-Davila: Ne abbiamo parlato molto con Humberto. Poiché il linguaggio costruisce mondi, se chiami l'altra "opposizione", stai impedendo la conversazione. È come quella maledizione che dice: "Di cosa stai parlando per oppormi a me?"
- Dobbiamo imparare ad ascoltare?
-Maturana: Questo è esattamente ciò che ci manca.
Amore e Dalai Lama
"Questo non sarà un colloquio, ma una conversazione", ha annunciato Warnken al momento dell'introduzione di entrambi gli intellettuali. Tra le idee che sono state sviluppate - e che entrambi stanno indagando da decenni - è il dolore. "La vita inizia a male quando vedono o sentire noi. Noi del tatto underpriced inconscio" come Ximena detto.

Maturana, "figlio di istruzione pubblica", come definito, ha detto che nel 1951, quando entrò medicina "Ci allenavamo di essere cittadini. Con responsabilità politiche ed economiche."

Dice che c'era una diversità di pensiero; dai conservatori ai "comunisti cinesi" come lui. "Quando hanno chiesto per lo studio tutti hanno detto:" Per tornare al paese ciò che riceviamo "Solo il miglior studente della generazione, ha detto un'altra cosa:" Voglio essere un medico e di una vita sul serio "Sullo sfondo era lo stesso.! ".

Il problema dei nostri tempi è che "abbiamo perso il candore", dice. "Viviamo nella tentazione della certezza e dell'attaccamento alla teoria, nell'aggrapparsi alla conoscenza."

L'amore - un tema che è stato un lungo periodo - non sarebbe un sentimento. "È una convivenza stretta e duratura, di azioni ed emozioni, che sorgono per l'altro legittimo, davanti al quale perdo la mia incertezza".

Nel suo incontro commentato con il Dalai Lama dell'anno scorso, Ximena afferma che ciò che il leader spirituale ha apprezzato di più è che Maturana è diventato "un amico". In generale, spiega, "le persone chiederanno delle cose, con lui, invece, erano come due bambini".

Il ciclo proseguirà il 12 novembre a Valdivia con i filosofi Martin Hopenhaym e ​​José Jara con il titolo "Nietzsche for life".



Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)