NELLA NOSTRA CONVERSAZIONE, COSTRUIAMO LA NOSTRA REALTÀ CON L'ALTRO


NELLA NOSTRA CONVERSAZIONE, COSTRUIAMO LA NOSTRA REALTÀ CON L'ALTRO .
Non è una cosa astratta. Parlare è un modo particolare di vivere insieme in coordinazione comportamentale (del fare e del muoversi). Ecco perché conversare è un costruttore di realtà. Operando nel linguaggio cambia la nostra fisiologia. Ecco perché possiamo ferire o accarezzare con le parole. In questo spazio relazionale si può vivere in emergenza o in armonia con gli altri. Oppure si vive nel benessere estetico di una coesistenza armoniosa, o nella sofferenza della continua richiesta di negazione.

Humberto Maturana Romesin. PhD.



INTERVISTA CON IL MEDICO HUMBERTO MATURANA.


Il Dr. Gaspar Hernandez intervista il dott. Humberto Maturana, scienziato sociale cileno, durante la sua visita a Bogotá
"L'essere umano è nato amorevole"
Humberto Maturana, uno degli accademici e scienziati sociali più importanti dell'America Latina, è stato ancora una volta in Colombia per parlare del ruolo delle emozioni nella convivenza umana accompagnato da Ximena Dávila, con la quale fondò la Escuela Matríztica de Santiago, in Cile.

Erano i protagonisti del sesto Congresso Internazionale di Trasformazione Culturale Sostenibile - Il sesto vertice internazionale di gestione delle conoscenze e di apprendimento organizzativo - un'esperienza di apprendimento approfondita, che ho seguito per ascoltarli.

Maturana e Dávila hanno tenuto le lezioni: "Le emozioni guidano il nostro operare nelle organizzazioni" e "Workshop: strumenti sistemici di riflessione e azione per i processi di trasformazione culturale nelle organizzazioni". Sono un paio di conversatori di successo.

Sono riuscito a intervistare la professoressa Maturana, il cui lavoro sul piano della sociobiologia è un riferimento epistemologico nella ricerca sull'amore avanzata nel dottorato in educazione all'Università del Atlantico.

Con deferenza, il professore cileno mi ha dato alcuni minuti nell'evento che ha riunito imprenditori di diversi paesi interessati alla gestione della conoscenza.

Qui il dialogo che abbiamo avuto sull'amore.

Potresti darmi una definizione di amore?

L'amore non è una definizione, è un riflesso della coerenza di vita, se si guarda alle circostanze in cui si parla di amore, capiranno che ogni volta che si parla di amore è quando c'è un rapporto senza aspettative, nessuna richiesta, senza supposizioni, nel modo in cui l'altra, l'altro, emerge come legittima nella convivenza.

E come spiega la sua affermazione che l'essere umano è un essere amorevole?

Beh, perché è la sua origine, la storia della umanità nella famiglia ancestrale si verifica in uno spazio dove la convivenza è di questa natura, e abbastanza se ora siamo come siamo, che i bambini sono nati in questa situazione di fiducia, un rapporto di quella natura, è perché apparteniamo a una storia in cui è stato conservato attraverso le generazioni. Quindi non è una definizione, è un risultato che i bambini nati sulla fiducia, crescono dalla fiducia di essere amati e curati, è il risultato della storia evolutiva, non è una definizione, è che ogni bambino è nato d'amore .

Destra. Questo implica la tua proposta di una biologia dell'amore?

Non ho fatto una proposta per la biologia dell'amore. Quello che sto dicendo è che la biologia della madre è davvero il fondamento dell'umano, che quando ciò si perde l'umano scompare e un'altra cosa appare, appare un uomo di un'altra natura. L'homo sapiens amans è noi come un modo di vivere, di vivere la conservazione, che è il fondamento relazionale, che è anche il fondamento della presunzione etica e della cura reciproca.

Hai spiegato nella tua lezione le caratteristiche del concetto di famiglia che si occupa delle emozioni, potresti approfondire?

Non è un concetto di famiglia. È l'osservazione di ciò che costituisce le situazioni in cui parliamo di famiglia. Quando chiedi a un bambino cosa vuole, un bambino per strada, cosa vuole, dice la famiglia, e cosa intende per famiglia?, Uno spazio accogliente per gli adulti che si prendono cura di lui che si sente bene, acconsentito e partecipe e vuole partecipare alla collaborazione di concedere quello spazio, uno spazio di rispetto reciproco, benvenuto in cui c'è collaborazione, non è essenziale nel gioco ancestrale, ma la collaborazione non è Una definizione, la puoi trovare nei desideri di bambini e adulti quando vogliono tornare a casa, in famiglia. Ora, molte volte ciò non è fatto, che è una cosa diversa, ciò che rimane è una definizione politica o civica,

In Colombia, l'amore è sancito dalla Costituzione politica come diritto fondamentale dei bambini. Che apprezzamento meriti che la parola o il concetto di amore siano stati inclusi in una costituzione politica come un diritto per i bambini?

Penso che sia fantastico che lui sia lì, ma è terribile che tu lo dichiari giusto.

Perché terribile?

Perché significa che non è lì, che non è spontaneo, che ci sono degli abusi, che c'è una negazione di ciò.

Vi dico anche che nel Codice dell'infanzia e dell'adolescenza si dice che il bambino, le ragazze, gli adolescenti devono essere educati in un ambiente di felicità, amore e comprensione, è anche assenza?

No, il fatto che ci sia grande, ma che deve essere fatto lì significa che non c'era prima.

Cos'è la Matrix School of Santiago?

La Scuola Matríztica di Santiago è un luogo creato con Ximena Dávila come spazio di riflessione e di indagine della natura umana, affrontare la questione come è possibile che gli esseri umani si preoccupano ciò che accade ad altre persone ea volte hanno teorie chi lo nega?

In un rapporto consegnato al Congresso Internazionale ho osservato che il Matríztica "è un laboratorio umano che genera spazi e processi di conversazione e di riflessione-azione, basata sulla comprensione del biologico e culturale della vita umana, la natura per capire come farlo ciò avviene nelle organizzazioni e nelle comunità umane, genera, preserva o trasforma lo spazio relazionale e amplia il benessere sociale, con responsabilità, qualità produttiva e servizio ".

Di Gaspar Hernández C.

Candidato per un dottorato in educazione.
gasparemilio2@hotmail.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)