Il biologo Humberto Maturana analizza il fenomeno della violenza nelle manifestazioni sociali


Il biologo Humberto Maturana analizza il fenomeno della violenza nelle manifestazioni sociali


Humberto Maturana: "Uno dei motivi del risentimento non viene ascoltato"
Il National Science Award ha dichiarato in "Tolerancia Cero" di CHV che è essenziale "ascoltare ed essere disposti a parlare quanto necessario, accettando la legittimità di ciò che significa l'altro". Non significa essere d'accordo, ma riconoscere che ha un fondamento, dobbiamo convenire che confondiamo rispetto e tolleranza: rispetto significa riconoscimento della legittimità dell'altro, tolleranza significa vendetta nascosta ".
Il biologo Humberto Maturana, ha commentato il fenomeno della violenza nelle manifestazioni sociali che negli ultimi anni sono esplose in Cile e nel resto del mondo, analizzandone le cause e i modi per affrontarla.
Il filosofo ha affermato che è necessario "permettere ai giovani di sentirsi liberi di parlare del Paese e di essere ascoltati". Uno dei motivi del risentimento deriva dal non venire ascoltati, dal non venire rispettati.
Poi è stato chiesto: "Come si convive se la violenza appare come un atteggiamento legittimo? Questo perché le persone che rientrano in queste manifestazioni di violenza o agiscono da un'intenzione di vandalismo o esprimono una certa rabbia; ma ciò sta facendo in modo che i giovani, non si sentano parte del mondo in cui vivono che tutto viene presentato come un atteggiamento di confronto ".
"Non voglio dire che bisogna indagare la violenza, ma mi chiedo che cosa stiamo facendo per fare in modo che questo accada. Che cosa facciamo quando appare il risentimento? Quando con il governo di Allende si è iniziato a realizzare la riforma agraria, è apparsa violenza nel paese. Un amico mio che possedeva campi nel sud mi ha detto 'siamo sempre stati bene, abbiamo accolto sempre i contadini, perché hanno tanto odio? Gli ho detto “è un antico odio” è la cultura, una storia di discriminazione, una storia la negazione che discrimina e nega la persona. Poi è la stessa persona che diviene più potente di altra situazione. Tale violenza non rivela l'anima umana, rivela un problema culturale ".
A questo proposito, ha detto che "è essenziale ascoltare ed essere disposti a parlare, se necessario. Accettando la legittimità di ciò che gli altri stanno facendo con altri mezzi. Ciò non significa essere d'accordo, ma riconoscere che quello che stanno facendo, la loro violenza, ha un fondamento. Noi confondiamo rispetto e la tolleranza. Rispetto significa il riconoscimento della legittimità dell'altro, tolleranza significa vendetta nascosta, lo tollereremo nel frattempo ".
"Quello che vedo è che è un gioco di opposizione, è come se dicessero: “noi siamo l'opposizione e tu sei il governo”. Se si tratta di un incontro di opposizioni, non è un incontro di conversazioni in cui possiamo sapere cosa possiamo fare insieme raggiungiamo un livello in cui ci capiamo l'un l'altro “.

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)