Humberto Maturana ha criticato il discorso imposto sulla competizione e sul successo.




L'illustre Biologo e Premio Nazionale della Scienza, Humberto Maturana, in un'intervista per La Tercera , ha fatto una notevole analisi della realtà cilena, criticando duramente il discorso imposto dalla competizione e la ricerca del successo.
"Viviamo come se pensassimo che tutto ciò che è buono, tutto ciò che è desiderabile, tutto ciò che è di qualità nella convivenza è stato ottenuto nella competizione, nella lotta, nello sforzo e nella ricerca del" successo ", che in questo presente consiste nel raggiungere il "potere" che i soldi ci danno e la certezza della verità. E per raggiungere questo "potere" ci alieniamo nel doverlo fare meglio di un altro ...? ".
Nel mondo biologico non c'è competizione. La competizione è un'emozione strettamente umana (...) si verifica come un atto che cerca consciamente e inconsciamente di negare l'altro, gli altri, e in cui ci neghiamo, perché l'altro diventa il punto di riferimento della qualità del “cosa facciamo".
"Penso che se vogliamo davvero vivere insieme ci troveremo spontaneamente a vivere e coesistere nel rispetto reciproco, nel rispetto di noi stessi, nell'onestà, nell'etica sociale, nell'equità, nella collaborazione e nella conversazione riflessiva, nel desiderio di preservare quella convivenza. E in questo processo ci ritroveremo anche, senza renderci conto, in una convivenza democratica, pronti a non parlare più dell'opposizione nei processi di governo, ma della collaborazione. Questo è semplice se vogliamo vivere insieme "
Questa, amici, è la grande trappola del capitalismo. Perché pochi possano vincere, molti altri devono perdere. Dichiarare guerra ai poveri / esclusi che il sistema stesso camuffa tutta la concorrenza. Non vincono i migliori, come dicono idioti come Axel Kaiser. Non l'hanno mai fatto. Vince sempre chi ha più denaro, vince sempre chi è già in una posizione privilegiata. Discorso che nasconde anche il falso darwinismo per naturalizzarlo usando il "Il più forte sopravvive". Qualcosa che non ha mai sollevato Darwin, che ha sempre parlato di "adattarsi a sopravvivere". Il discorso della concorrenza incoraggia l'individualismo e l'individualismo ci rende vulnerabili. E se vogliamo veramente cambiare le cose, la solidarietà tra noi è la chiave per raggiungere questo cambiamento. La lotta di classe non è mai stata così ovvia .

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)