H. Maturana: "L'azienda ha bisogno di sapere cosa conservare per sopravvivere"



In tempi critici, in cui l'azienda deve cambiare perché la situazione e l'ambiente lo richiedono, appare la domanda chiave a cui qualsiasi azienda deve rispondere: cosa vogliamo conservare?

Questo è uno degli argomenti su cui Humberto Maturana e Ximena Dávila, creatori della Scuola Matriztica di Santiago del Cile, rifletteranno sul loro passaggio attraverso Madrid il 17, il 18, il 19 e il 21 gennaio.

Secondo la teoria della Biologia Culturale sviluppata da questa prestigiosa scuola, gli organismi viventi sono modificati perché devono adattarsi per continuare a vivere. Allo stesso modo, le aziende devono cambiare in base alle esigenze dei nuovi tempi per sopravvivere. Per questo motivo, il cambiamento dell'azienda è fondamentale per la sua sopravvivenza e l'adattamento a un ambiente e un mercato in continua evoluzione, sempre più competitivo e globalizzato. Se non fosse così, significherebbe la morte perché quando non c'è cambiamento, la vita non è possibile.

Il Change Management è stato uno dei temi più importanti che le organizzazioni hanno dovuto affrontare e, in base al successo con cui lo hanno fatto, sono stati in grado di sopravvivere o meno e hanno ottenuto alcune possibilità di consolidare e mantenere la propria posizione sul mercato .

Tuttavia, il cambiamento in sé può portare alla perdita dell'identità e diventare qualcosa di diverso dall'essenza stessa. Questo può persino portare alla scomparsa. Per questo motivo, le aziende che sono riuscite ad adattarsi ai nuovi tempi senza perdere le loro idiosincrasie(le loro forti avversioni per situazioni o persone non gradite) e che hanno mantenuto la loro identità, riescono a continuare a produrre ovvero persistono. Gli organismi viventi, per continuare con la similitudine, vivono grazie a ciò che conservano, anche se sono in un continuo processo di cambiamento.
La domanda chiave per l'azienda è quella di stabilire ciò che si desidera conservare e attorno a ciò che si esegue, sempre e comunque, si svilupperanno spontaneamente le modifiche che è necessario apportare. Si tratta di contrassegnare un asse immobile che fornisce l'identità, il che garantisce che l'essenza non venga persa.

Le imprese familiari che sono state lanciate dai loro fondatori, fedeli ai principi che hanno significato la chiave del loro successo, devono tenere a mente sempre quei principi che hanno permesso loro di essere ciò che sono diventate, ma dovranno adattarsi ai tempi che cambiano e alle esigenze della società in cui viviamo. Cioè, anche se il cambiamento è necessario, dobbiamo anche riflettere su ciò che vogliamo conservare. La mancanza di una risposta chiara a questa domanda, siccome vogliamo conservare una performance costante, è ciò che impedisce, in molti casi, la sopravvivenza della società che la seconda o terza generazione lascia la gestione diretta per vendere.

Dietro il comportamento ci sono le emozioni che ne derivano e dalle quali alcune cose sono possibili e altre no. Quali emozioni dei team di gestione che vengono trasmessi al resto dello staff consentono alle aziende di espandersi e farsi strada in un ambiente competitivo come quello in cui viviamo? E quali emozioni generano un aspetto breve e restrittivo che impedisce l'esaltazione dell'azienda?
Viviamo in una società in cui l'emozione della paura predomina su quella della forza o dell'ambizione, e questo ci condiziona affinché le nostre proposte seguano una direzione che porterà ai risultati, e le nostre aziende seguono le linee guida di azione che il portare alla loro sopravvivenza o scomparsa.

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?