La neotenia - Humberto Maturana



La neotenia - Humberto Maturana
13 FEBBRAIO 2011 CASA
Reblog questo post
La neotenia è la persistenza, temporanea o permanente, delle forme larvali o giovanili nel corso dello sviluppo di un organismo. Da "neo": nuovo, altro e "tenia" di tendere: estendere. 

(Questa appendice fa parte di una conferenza tenuta da Humberto Maturana al congresso di "Miti, ostacoli e entrampes nel lavoro della famiglia", maggio 1994).

Gli animali in generale e i vertebrati in particolare, si muovono nelle loro relazioni tra due estremi: un primo estremo, nei rapporti di rispetto reciproco e accettazione corporale totale nelle immediate vicinanze, e nell'altro estremo, nei rapporti di reciproca negazione nelle dinamiche di dominio e sottomissione. Nei mammiferi, il primo è di solito più intenso e talvolta limitato alla relazione materno-infantile e al periodo dell'infanzia o alla cura della prole; il secondo è il solito modo di relazionarsi nella vita adulta in un periodo che inizia all'età della riproduzione. Gli scimpanzé assomigliano a questa situazione più di quanto facciamo noi umani, quindi l'antenato comune che condividiamo con loro non poteva essere diverso dalla solita forma di mammifero.
In che modo il nostro lignaggio era diverso?
La nostra proposizione è che i due sistemi di discendenza che hanno dato origine agli umani e agli scimpanzé differriscano attraverso la conservazione di un'enfasi diversa nei due modi di relazione di mammiferi di base appena menzionati. Proponiamo che gli esseri umani siano il presente di un lignaggio definito ed emerso attraverso la conservazione della relazione madre-bambino di reciproca accettazione nella fiducia e nella vicinanza fisica in un modo che si è esteso oltre l'età del riproduzione, in un processo evolutivo neotenico. Pensiamo che gli scimpanzé siano il presente di un lignaggio in cui il modello totale dei mammiferi delle relazioni interindividuali è stato conservato con maggiore enfasi sui rapporti di dominazione e sottomissione rispetto all'origine.
Che noi apparteniamo a un lignaggio o sistema di lignaggi con caratteristiche neoteniche, cioè con caratteristiche tipiche di espansione e conservazione dell'infanzia nella vita adulta, è, naturalmente, ben noto ai biologi.
In effetti, i biologi sottolineano questo affermando che molte delle nostre caratteristiche corporee assomigliano a quelle dei bambini degli scimpanzé più di quelle degli adulti degli scimpanzé. Ciò che noi (gli autori di questo articolo) sostengono, è che questa espansione dell'infanzia nella vita adulta ha coinvolto anche le dinamiche emotive, e che la conservazione delle dinamiche relazionali dell'amore nell'infanzia nella vita adulta ha guidato il corso dei cambiamenti corporei e relazionali che alla fine ci hanno costituito come il tipo di animali che siamo come esseri umani: gli esseri umani sono animali cooperativi dipendenti dall'amore in tutte le epoche. Gli scimpanzé non sono il presente di una storia neotenica. Sono il presente di una storia evolutiva in cui la vita adulta è rimasta adulta, o addirittura, è arrivata ad essere enfatizzata ed espansa nell'infanzia: gli scimpanzé sono animali politici.

Questa differenza tra noi - esseri umani - e gli scimpanzé, non è razionale, non appartiene al dominio razionale, appartiene al dominio emotivo. Entrambi i tipi di lignaggio implicano un'espansione della capacità di consensualità e, quindi, di intelligenza, ma questa espansione avviene in una vita centrata sulla cooperazione e l'altra nella vita centrata sulla competizione e sulla manipolazione delle relazioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)