HUMBERTO MATURANA ETICA SENZA MORALE


HUMBERTO MATURANA ETICA SENZA MORALE


Poerksen: cosa succede quando sorgono conflitti? Non ci sono soluzioni gestite razionalmente per loro?
Maturana: ogni soluzione di successo che ha un conflitto è di natura emotiva. Ciò non significa in alcun modo che tu stia sostenendo di porre fine alla discussione, a corto di dialogo. Ciò che deve essere raggiunto è la creazione di una base comune che consenta una riconciliazione e rimuova la paura degli avversari. Quando due parti iniziano a negoziare per tentare di risolvere un conflitto, devono prima ricostruire la fiducia e il rispetto reciproco. Forse è appropriato ammettere un errore, scusarsi e riconoscere l'intelligenza dell'altra parte, perché quando si ristabilisce la fiducia, si inizia ad ascoltare in modo diverso e a riconoscere la validità di ciò che viene detto nel dominio di ciò che viene espresso. Su questa base è possibile riscoprire una dinamica emotiva condivisa che sosterrà la relazione. Mettono da parte le proprie certezze e si rivolgono a un comportamento che chiamo amore.
Poerksen: Mi sembra che le tue riflessioni che riguardano l'amore e il potere delle emozioni abbiano sempre un salto: la scienza dura si trasforma in una descrizione poetica che punta a una prassi diversa, alla caratterizzazione di ciò che viene dato, è un dovere da fare, l'epistemologia, un'etica. Cambia il discorso.
Maturana: Questo è falso. La biologia non ci dice cosa fare, e come biologo, e quindi come scienziato, non dico a nessuno come dovrei agire, sarebbe un equivoco. In natura nulla è buono o cattivo. Le cose sono Solo nel dominio umano della giustificazione o del rifiuto di un certo comportamento - cioè, quando si tratta delle nostre rispettive preferenze - appaiono valori e distinzioni, come il bene e il male. Ancora una volta, non do alcuna raccomandazione. Come biologo, ad esempio, posso affermare che quando si interviene sul genoma vengono prodotti mostri. Ma ciò non significa che io chiamo manipolazione genetica o ammonimenti contro di essa, ma sto semplicemente descrivendo le conseguenze che derivano da un atto. E ognuno ha la libertà di decidere.
Poerksen: Questo modo di descrivere i fatti non contiene un partito e un appello indiretto?
Maturana: No. Forse l'ascolto è determinato dai propri valori e preferenze, ma questo è qualcosa di diverso. In tal caso, è difficile semplicemente percepire i fatti e lasciarli mostrare loro.
Poerksen: Ma il concetto di amore non ha una connotazione positiva in anticipo? La parola amore suona semplicemente bene. Nessuno che sia sano di mente difende apertamente lo sfruttamento e la dittatura.
Maturana: quando voglio separare la valutazione della descrizione, mi basta fare una cosa. Discutere nel modo più chiaro e preciso possibile e dire esplicitamente cosa penso e voglio trasmettere. Certo, quando osservo un comportamento che porta all'altro appare come legittimo altro, potrei parlare di num. Sarebbe una parola nuova e neutra: num. Ma poi potresti chiedermi perché uso quell'espressione quando l'amore è il concetto con ciò che è solitamente chiamato quel comportamento e quella traccia nell'evoluzione delle relazioni. Voglio ripetere ancora una volta che in nessun modo sto facendo proselitismo con l'amore, ma affermando che senza amore non ci sono fenomeni sociali.
Poerksen: Tuttavia, sembra naturale tradurre le tue idee in un imperativo etico, ad esempio. "Agisci sempre in modo da conservare o generare amore".
Maturana: Si potrebbe dire, ma colui che formula un imperativo trasforma l'etica in morale. Vorrei proporre a questo punto della nostra conversazione di distinguere molto chiaramente tra etica e morale, anche se a prima vista potrebbe sembrare un po’ artificiale. Un moralista sostiene il rispetto delle regole; sono per lui un riferimento esterno destinato a dare autorità alle sue affermazioni e ai suoi curiosi avvenimenti. Manca la consapevolezza della propria responsabilità. Colui che fa da moralista non percepisce l'altro perché si concentra sull'adempimento di regole e imperativi. Conoscere con certezza cosa deve essere fatto e come dovrebbero comportarsi gli altri. D'altra parte, chi agisce eticamente percepisce l'altro: è importante per lui, lo vede. Ovviamente è possibile per qualcuno argomentare come moralista e agire eticamente allo stesso tempo. È concepibile che sia moralista essere etico o che sia reputato immorale e tuttavia la sua condotta è etica. In ogni caso, la possibilità di etica e di essere toccati dall'altra appare solo quando si percepisce l'altro essere umano come un altro legittimo e si preoccupa delle conseguenze che le azioni stesse potrebbero avere per il loro benessere. L'etica è basata sull'amore. Poerksen: Cosa diresti a coloro che, nonostante il loro deciso rifiuto di formulare regole e imperativi, individuano una somiglianza con il mandato cristiano dell'amore per il prossimo?
Maturana: È stato Gesù a parlarci dell'amare il prossimo. E il cristianesimo, che ha partecipato a guerre e distruzioni, lo comprende per duemila anni come mandato. Potresti anche dire che se non ti fidi del tuo vicino, devi avere un fucile e il dito sul grilletto sempre a portata di mano. Ora, si potrebbe chiedere: è quello che voglio? Se lo vuoi, non puoi amare il tuo prossimo o fidarti di lui in nessuna circostanza, perché anche l'altro ti affronta con diffidenza e paura, dando un'apparente giustificazione all'arma stessa. O detto il contrario, chiunque agisca mostrando rispetto per gli altri, sarà rispettato da loro. Colui che confida in un bambino, in questo il bambino si fiderà. Questo non significa che io sottoscrivo quello di non fare all'altro ciò che non vuoi che ti facciano; Sarebbe un semplice opportunismo, non sarà amore. Sto solo dicendo che generiamo il mondo in cui viviamo. Se c'è qualcosa che vogliamo che sia, facciamolo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?