Humberto Maturana | "I nostri risultati dipendono dalle nostre conversazioni"


Humberto Maturana | "I nostri risultati dipendono dalle nostre conversazioni"
13 gennaio 2018
L'intenzione con cui li facciamo influisce sul risultato delle nostre azioni? Esistono differenze tra un dipendente che adempie una direttiva per obbligo ad un altro che lo fa perché crede e ne comprende la ragione? Il biologo ed epistemologo cileno, Humberto Maturana , dice sì. Leggi la nota e scoprilo.


Oltre alla sua laurea in medicina, Humberto Maturana ha conseguito un dottorato in Biologia presso l'Università di Harvard. Maturana sostiene che dall'atteggiamento che una persona prende nei riguardi di un’altra persona si determina ciò che è la loro conversazione. Secondo il ricercatore, lo scambio riflette il livello di impegno, collaborazione e rispetto verso ciò che viene fatto e, quindi, il risultato ottenuto.
Questo meccanismo si ripete in ogni conversazione all'interno di un'azienda, si riflette nel compito dei suoi membri e definisce l'organizzazione. Questa riflessione di Maturana parla chiaramente dell'importanza per il biologo della comunicazione all'interno delle aziende.
La base è nella conversazione
"Ogni organizzazione è il risultato delle conversazioni che si svolgono tra le persone che ne fanno parte."

Humberto Maturana insiste sul fatto che la circostanza per cui che le persone sentono di far parte dell'organizzazione a cui appartengono, essendo presenti "corpo e anima", determina come è la società. "È importante che un dipendente si senta parte dell'organizzazione perché avrà tutta la sua attenzione su ciò che sta facendo e non su qualsiasi altra cosa. Se questo risultato sarà raggiunto, essi assumeranno la loro responsabilità etica di fronte al compito che svolgono", dice.

Allineare gli scopi
"Quando la persona si sente riluttante, la loro partecipazione scompare."
Se lo scopo delle persone all'interno di una società non è allineato con quello dell'organizzazione, o non sono soddisfatti e lamentano, o hanno la loro attenzione su un'altra questione, allora non è possibile acquisire il livello di impegno, collaborazione, rispetto e responsabilità necessari per raggiungere gli obiettivi organizzativi. Maturana riconosce che mentre è facile parlare di come ottenere una responsabilità etica delle persone all'interno di un sistema, non è altrettanto facile da ottenere in concreto.

Un invito fondamentale
"È attraverso i manager che l'azienda deve fare l'invito alle persone affinché partecipino e assumano un impegno lavorativo".

Il ruolo dei dirigenti è fondamentale per garantire la responsabilità e l'impegno dei membri dell'organizzazione. "Sono loro che devono estendere l'invito alle persone a partecipare e far parte dell'azienda", afferma Maturana. "L'invito deve essere onesto, altrimenti non funziona, e l'altra parte dovrebbe accettarlo per ottenere uno scambio con energia e rispetto", spiega il biologo, che basa la sua opinione sulla persona sulla sua conoscenza della biologia.

Ispirare a guidare
"Il ruolo del manager è quello di coordinare i compiti delle persone. Non è una questione di leadership, ma di conteggio. "

Una volta che l'invito a far parte dell'organizzazione è stato fatto e accettato, la relazione tra il manager e i dipendenti è collaborativa. Entrambe le parti comprendono che stanno partecipando a un progetto comune in cui i loro desideri coincidono e dove non esiste una leadership come autorità, ma piuttosto una gestione co-ispiratrice. "Quando viene aperto lo spazio per la collaborazione, le relazioni hanno un ordine cooperativo e non gerarchico", dice.

Comunicare per collaborare
"La cosa importante è che le diverse persone che partecipano al progetto comune si sentono parte e responsabili perché, in questo modo, faranno bene il compito che dipende da loro".

Secondo Humberto Maturana, la conversazione è fondamentale per generare uno spazio adeguato affinché il manager possa essere posto sullo stesso piano del dipendente, in modo che possa svolgere il suo lavoro autonomamente da un luogo di collaborazione e non dalla soggezione. "Quando c'è una mancanza di comunicazione, perché non ci sono conversazioni all'interno dell'organizzazione, la collaborazione non si verifica. Al contrario, c'è il dolore, il maltrattamento e la mancanza di rispetto che derivano dai reclami, dalle ingiustizie, dagli errori e dalle negligenze ", descrive il biologo cileno.

Le relazioni definiscono l'organizzazione
"I leader devono capire che ciò che l'organizzazione vive è ciò che la persona vive".

Sostiene che lo sviluppo di spazi per il dialogo e la collaborazione tra le persone all'interno di un sistema determina il tipo di relazioni all'interno di un'azienda e, in questo modo, i risultati che può raggiungere. "I reclami vengono dati e finiscono per essere reciproci perché non si riesce a trovare l'ambiente giusto per dire le cose in modo coerente", dice. Tuttavia, conclude che se il manager riesce a ispirare dalla comunicazione, le persone sentiranno che ciò che accade nell'organizzazione ha a che fare con loro e raggiungeranno la motivazione di cui hanno bisogno per svolgere il proprio lavoro.


Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?