La maternità e paternità: una coesistenza etica e armoniosa




"La prima maternità e paternità sono atti poetici. La madre all'inizio non sa cosa significhi essere una madre. Il padre all'inizio non sa cosa significhi essere un padre, tranne che per quello che gli altri, forse le persone delle rispettive famiglie, gli avranno potuto dire. Infatti, tutti i viventi quando diventano padre o madre sanno che è un atto poetico, perché si deve fare la propria esperienza, nel proprio vivere dalla propria creatività, dalla propria sensibilità intima, qualcosa che abbiamo imparato o sentito dagli altri: un atto poetico è quello di iniziare a vivere la vita stessa nel modo in cui si ha un senso di ciò che ci hanno insegnato, su cosa abbiamo visto o su cosa abbiamo potuto immaginare prima.

Il bambino alla nascita fa un atto poetico confidando implicitamente in mamma e papà per vita che sono nati con lui o lei, e nel processo inventa un vivente che non è solo, perché la sua vita si intreccia con quella degli altri. Gli esseri umani sono poeti, tutti gli esseri viventi sono poeti e per creare vivono da soli e chi vive scegliere consapevolmente o inconsapevolmente quello che ci accoglie, e rifiuta ciò che ci nega i mondi che gli adulti anche consciamente o inconsciamente, ci offrono dal proprio vissuto.

In questo gioco di poesie la famiglia è come una superficie di convivenza, i bambini portano un verso vitale segreto che è anche un invito poetico e che sembra dire: "Amami e ti amo, prenditi cura di me e io mi prenderò cura di voi, e si impara la tenerezza dell'essere innamorati, che è come te ". E la mamma porta anche la sua strofa segreta e che lei stessa non conosce: "mi prendo cura amorevole e prendersi cura di voi stessi mostrerà la libertà di essere chi si vuole essere nel corso della riunione da soli, rispettandoti in amore".

E il padre crea a sua volta il suo verso segreto, difficile e misterioso, ma allo stesso tempo amorevole: "Vieni con me e ti mostrerò il mondo facendo ciò che so e chiedendomi perché non lo so". La madre e il padre guidano l'aspetto riflessivo dei bambini quando chiedono: "Humberito, Juanita, hai capito cosa stai facendo? Vuoi davvero fare quello che stai facendo? Vogliono davvero fare quello che fanno? "E così facendo danno al bambino e alla ragazza un'autonomia riflessiva. Il padre e la madre guidano l'azione efficace quando il ragazzo o la ragazza chiede: "Papà, mamma, come è fatto?" E il papà e la mamma mostrano come viene fatto dalla tenerezza che non ha fretta o mancanza di tempo , dare al bambino l'autonomia dell'azione del piacere e la serietà di renderlo responsabile.

Ragazzi e ragazze come esseri umani hanno tre o più tesori psichici alla nascita: nascono amorevoli, si preoccupano del dolore degli altri e vogliono accompagnare e proteggere: "Mamma, papà, perché questo bambino piange? Perché quel vecchio è triste? " Arrivano allegri e seri, a loro piace imparare a fare bene quello che fanno: come si diventa mamma? Come è fatto papà? Voglio farlo; e arrivano giocosi e curiosi, giocano, ridono e vogliono vederli e toccarli tutti ...

Sono anche nati con diverse madri: la nonna, la madre, l'infermiera, se ce n'è una, e i vicini. E con quelle varie mamme provengono diverse culture, diversi modi di essere nella vita. Mia nonna era più ispanica, sarebbe stata severa, religiosa; mia madre, un'assistente sociale, era creola e dopo aver vissuto diversi anni come ragazza indiana in una comunità quechua negli altopiani boliviani, la sua preoccupazione principale era come collaborare e condividere dalla comprensione della convivenza; la mia nana, una donna di origini mapuche, era tenera e mi ha insegnato rispetto per i genitori mentre mi mostrava il potere mitico del linguaggio in tutte le dimensioni del vivere e del vivere insieme; e i vicini, Dona Blanca, Dona Emma ... erano un rifugio, al tempo stesso sguardi riflessivi su quello che stavo facendo nel mio fare infantile.

La famiglia era il mondo dove tutto era buono, dove c'erano polli da mangiare, pollai da costruire, gatti da accarezzare, tetti da riparare, piante da irrigare, alberi da scalare per avere solitudine in compagnia di sé; mondo in cui il patrigno era una società e dove la madre era la sicurezza della protezione infinita: "bambini il peccato non esiste, non c'è nulla di buono o cattivo in sé, ci sono i comportamenti che sono appropriati o inappropriati, tempestivi o prematuri, ed è responsabilità di ognuno sapere quale è quello appropriato  in ogni momento ".

"Mamma, non mi piace obbedire, mi piace fare le cose che voglio fare per me stesso." Non obbedire, figlio mio, fai solo ciò che vuoi, e siine responsabile, accetta le conseguenze di ciò che fai, perché con il tuo fare fai il tuo mondo, e il tuo mondo è con gli altri che ti rispetteranno e ti ameranno se tu li rispetti e li ami. Quella era la casa del Cile in cui sono cresciuto, un continuo invito di essere se stessi, da parte dello Stato che ti ha dato istruzione e la sanità, e di voler essere se stessi, di ritorno hai ricevuto: la metà ispanico Autorità, Media autonomia indigena in profonda ribellione di non voler essere sottomesso.

La madre era il centro, il fondamento di ogni possibilità, e il padre, se non gli mancava ed era presente, era un'azione efficace, e se non era presente e non c'erano lamentele quotidiane Lui, la madre, era tutto, come sempre nella forza primaria della madre vivente.

Questo è il Cile delle madri che ho vissuto. Ma ci sono stati tre o quattro Cile, alcuni bambini invisibili come me e gli altri che ho visto, e vederli sgranò gli occhi ai miei sentimenti, che mi permise di vedere, sentire, toccare e annusare oltre, altrimenti non avrei visto né ascoltato. Una volta mia madre mi portò quando avevo undici anni per accompagnarla a visitare una madre che aveva chiesto aiuto medico al policlinico dove lei (mia madre) lavorava come assistente sociale. Siamo andati alla fine di Macul, a Punta de Rieles. Oltre quello c'era la campagna, e c'era un posto artigianale dove venivano fatti i mattoni. A quel tempo, quando aveva undici anni, era un ragazzino. Nella mia casa non c'erano né telefono né radio, arrivarono diversi anni dopo. L'indirizzo che stavamo andando a visitare era lì; era un buco rettangolare con un tetto inclinato come una mezz'acqua; Quando scesi, vidi una donna distesa sul pavimento della terra con stracci e coperta di stracci, che mi commosse. Ma quello che mi ha colpito di più è stato vedere una bambina accanto a lei, per me più giovane di me. Vedendo ciò, pensai: "Quel bambino potrebbe essere me, ma non lo sono." "Quali meriti speciali ho?" "Sono fortunato, vivo in una casa, molto modesta, ma a casa, vado a scuola e mi piace due volte al giorno." "Come mai sono così fortunato senza alcun merito speciale?" "Non è giusto, pensavo." "E Dio, cosa fai, se essere onnipotente lo permette?" "Inoltre, ho pensato, ci sono mamme ricche che hanno grandi case per i loro figli, e bambini Mapocho che vivono sotto i ponti e non hanno né la casa né la mamma". Come succede? Non è giusto, mi sono detto di nuovo ... e sicuramente ho pianto in segreto. "

"E i bambini e le madri indigeni? Che dire di Fresia, moglie di Caupolican, che getta ai suoi piedi il suo figlio indignato perché è stato sconfitto. " "E con madri come Fresia, questi bambini indigeni hanno imparato fin dall'infanzia a collaborare e condividere". Fresia non era ancora cilena, ma lei proveniva da questa terra prima di noi, e ora tutti i cileni hanno qualcosa di lei, penso ora alla domanda a cui sono invitato a rispondere.

Tutte le donne cilene sono madri cilene, anche se non lo sanno; tutti gli uomini cileni sono genitori cileni anche se non lo sanno; e dico "ma non so", perché se non lo sapevano permettono a se stessi o a vivere immersi nella difesa delle teorie che giustificano il disamore, creare discriminazioni condannano molti dei limiti della povertà, il tempo in cui immergono gli altri in teorie che giustificano la dipendenza dalla cecità della sovrabbondanza.

Tu, lettrice o lettore, sei un padre cileno, madre, figlio o figlia, membro di una famiglia e di una famiglia cileni, che vita vuoi per i tuoi figli cileni se li hai già, o quando li hai? Cosa vogliamo per loro come comunità umana e cosa stiamo facendo? Vogliamo collaborazione che crea benessere basata sul rispetto reciproco e il godimento della diversità in una convivenza democratica creativo e conservativo in armonia antroposfera e la biosfera in una popolazione stabile?, O vogliamo vivere l'inevitabile disarmonia la competizione e la continua crescita della popolazione che portano alla discriminazione, alla disuguaglianza e alla povertà?

Mamme e papà lo sanno: vogliono collaborare e condividere la continua creazione e conservazione del benessere in una coesistenza etica e armoniosa senza il dolore di scatenare le trappole psichiche cieche di povertà e sovrabbondanza ".

Humberto Maturana
Madre, famiglia e casa
"7 uomini decifrano la madre cilena".
tramite: Ya Magazine, quotidiano El Mercurio. 13 maggio 2013. Pág. 143-144.

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?