Humberto Maturana: "Le emozioni sono il fondamento di tutto ciò che deve fare"


Humberto Maturana: "Le emozioni sono il fondamento di tutto ciò che deve fare"
IL CITTADINO13 MAGGIO 2010

Negli anni settanta rivoluzionò la scienza con il suo concetto di autopoiesi. Poi ha scosso il più tradizionale con la sua obiettività tra parentesi. E più tardi sostenne che ogni argomentazione razionale si basa su premesse non razionali accettate dall'emozione. Humberto Maturana, l'uomo dietro queste affermazioni, è stato invitato al Dialogues Creativos il 4 maggio ed è stato intervistato dal giornalista César Pincheira.

Humberto Maturana ha conseguito un dottorato in Biologia presso l'Università di Harvard. Ha vinto il National Science Award nel 1994 per il suo eccezionale contributo alla biologia della conoscenza.

Inoltre, è autore di diversi libri come Of Machines e esseri viventi , The tree of knowledge - entrambi in collaborazione con Francisco Varela - e Love and play , tra gli altri.

"Tace l'occhio sinistro e guarda con la destra la croce che è nel mezzo. Quindi sposta la carta e il punto nero scompare. " Così Maturana ha iniziato la conversazione con il grande numero di partecipanti che si sono incontrati nella Sala del Consiglio Nazionale della Cultura e delle Arti (CNCA). Gli esempi e le schede didattiche hanno permesso di spiegare in modo rilassato i loro approcci sulla conoscenza, la ragione, gli esseri viventi e l'amore.

- Potresti spiegare la tua affermazione secondo cui gli esseri umani non sono in grado di distinguere tra l'illusione e la percezione?

Se tocco la punta del mio naso con le dita incrociate, sentono due piccoli punti. Ma se mi vedo allo specchio ... A chi posso credere? A quello che vedo nello specchio o a quello che sento al tatto? Gli esseri viventi vivono ciò che viviamo come valido al momento di viverlo. L'illusione è un'esperienza che si vive valida nel momento in cui si vive e invalidata da un'altra esperienza che si accetta. Credendo allo specchio, dico "questa è un'illusione" (perché vedo un puntino, accetto ciò che lo specchio mi mostra).
Con la percezione è lo stesso. Percezione e illusione sono esperienze. La prima, la percezione, è convalidata con un'altra esperienza, la seconda, l’illusione, è invalidata con un'altra esperienza.
Nell'esperienza stessa non abbiamo modo di distinguere tra l'illusione e la percezione.

- In cosa differiscono errore e menzogna?

Supponiamo che un bambino dica qualcosa e un adulto gli dice "non è vero, stai mentendo". Ma il bambino insiste dicendo "L'ho visto". Cosa succede al bambino? Il bambino non sta mentendo, potrebbe aver sbagliato, ma non ha mentto. Non sa che sta commettendo un errore quando dice quello che dice. Quando dico "ho sbagliato", l'errore è nato. Le scuse per l'errore richiedono all'altro un riconoscimento di onestà. Invece quando menti, sai che stai mentendo. Nell'errore non sbaglio perché voglio commettere un errore ...
Se puniamo l'errore, invitiamo a mentire. Quindi, per favore, quando qualcuno commette un errore e dice "mi scusi, ho sbagliato", congratuliamoci con lui.
- Cosa intendi proponendo alla cultura come una rete di conversazione?
In questo appare il soggetto del linguaggio. Di solito si pensa che il linguaggio sia un sistema di comunicazione della realtà, di ciò che esiste in quel luogo. Una comunicazione simbolica. Quel linguaggio ci permette di parlare di quello che c'è. Ma il linguaggio non può essere quello che è scritto prima, perché non abbiamo modo di parlare di ciò che è indipendente da noi, perché non lo sappiamo, non lo conosciamo e questa non è una limitazione. Si scopre che con il linguaggio si coordinano i nostri comportamenti. Per esempio: vado in strada e voglio prendere un taxi, su una strada a doppio viale, ma vengono dei taxi che sono tutti occupati. Tuttavia, dall'altra parte ci sono taxi liberi, cosa si fa? Forse si potrebbe attraversare la strada, ma se non possiamo farlo perché ci sono barriere, comunque si vede che un taxi libero che arriva dall'altra parte. All'improvviso c'è lo sguardo del tassista e io lo fermo con un gesto. Sicuramente si girerà e tornerà verso la mia direzione. Ma se quel taxi a cui ho fatto il gesto mentre viene nella mia direzione vede che io prendo un taxi che viene nella mia direzione e che si è liberato, il precedente tassista ne rimarrà turbato.
Quello che è successo con questi gesti - e che abbiamo espresso nel discorso - è un'operazione minima nella lingua. Il linguaggio consiste in un flusso nella convivenza in coordinazioni di coordinamenti di azioni. La coordiniamo in modo tale che emerga in coesistenza, in modo consensuale.
Cosa significa che si capisce l'altro? Questo coordina i coordinamenti dei lavoratori. Conversare è un flusso in coordinazioni di azioni ed emozioni.
Le culture, le comunità che costituiscono una cultura, formano uno spazio comune e fondamentale di coordinamento di azioni ed emozioni, che è chiuso, che si impara quando è si è incorporato ed è un membro della cultura e se questo non apprende non è membro della cultura. Le culture sono reti di conversazioni chiuse che si imparano diventando membri di essa, sia nell'infanzia che in qualche altro momento.
- Tu proponi che l'amore è l'emozione che ci costituisce come esseri umani: in che modo questa emozione influisce sull'emergenza del linguaggio?
Mi sono imbattuto nel tema dell'amore proprio nel cercare di capire come doveva essere all'inizio, perché la cosa interessante è che la lingua inizia in uno spazio in cui la lingua non deve essere esistita. Si vede che tutta la storia della trasformazione del sistema nervoso ha a che fare con la convivenza, con il fare le cose insieme. Quindi, quello che ho capito è che se è vero che i linguaggi coordinano i coordinamenti delle azioni, perché ciò accada dobbiamo stare insieme. E per stare insieme devi goderti lo stare insieme. L'emozione che rende possibile l'origine del linguaggio è ciò che costituisce la vicinanza, è l'amore. Amare ha a che fare con il vedere, con l'udito, con la presenza.

- Come possiamo far capire alla scienza che l'amore è anche un modo per capire?
Una persona ama quando guida in modo tale che attraverso quello che fa, l'altra persona emerge nella sua legittimità nel vivere con lui o lei. Ciò accade quando non ci sono pregiudizi, aspettative, richieste nella relazione. L'altro ha una presenza, quando la sua presenza è legittima, non deve scusarsi per essere. Se non rispetterò non capirò mai ...
L'atto di riflessione-scienza per esempio richiede amore. Richiede questo atto di muoversi nelle circostanze, senza pregiudizi, aspettative o richieste. Nel processo di comprensione è richiesto un certo atteggiamento per capire. Ma nel mondo di oggi appare competizione, ambizione, e sorge quella apparente negazione dell'amore.
Le emozioni sono il fondamento di tutto ciò che fa. Non possono mai essere separati. La comprensione non si verifica nell'argomentazione razionale, se non in ciò accetto che l'argomentazione razionale sia valida e che dipenda dall'emozione.

Di César Pincheira

Fonte: Centro di estensione CNCA




Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?