Humberto Maturana EMOZIONI E LINGUA IN ISTRUZIONE E POLITICA




Pagina 1
Pagina 2
Humberto Maturana EMOZIONI E LINGUA IN ISTRUZIONE E POLITICA T RADUZIONE DI F ORTES F ORALI 3 il ristampa Belo Horizonte Editore UFMG 2002
Pagina 3
Copyright © 1998 di Humberto Maturana Titolo originale: Emozioni e linguaggio in educadón e politica © 1998 della traduzione brasiliana: Editora UFMG 1999 - 1 ristampa 2001- Seconda ristampa 2002- Terza ristampa Maturana R., Humberto Emozioni e linguaggio nell'educazione e nella politica / Humberto Maturana; Traduzione: José Fernando Campos Fortes. - Belo Horizonte: Ed. UFMG, 1998. 98 p. Tradotto dallo spagnolo 1. Filosofia I. Fortes, José Fernando Campos II. titolo CDD: 100 CDU: 1 Catalogazione in Pubblicazione: Divisione Pianificazione e Divulgazione di Biblioteca universitaria - UFMG. ISBN: 85-7041-152-9 Questo libro o parte di esso non può essere riprodotto in alcuna forma senza permesso scritto dell'editore EDITING DI TESTO Ana Maria de Moraes DESIGN GRAFICO Gloria Campos (Manga) COPERTURA Paulo Schmidt RASSEGNA DELLE PROVE Flávia Silva Bianchi Nome Maria Diana C. Santos Maria Stela Souza Reis PRODUZIONE GRAFICA Warren di Marilac Santos FORMATO Visualizza il profilo completo RASSEGNA TECNICA E FD. TRADUZIONE Visualizza il profilo completo di Cristina Maíra Evo Magro EDITORA UFMG Av. Antônio Carlos, 6627 - Ala destra della Biblioteca centrale - Piano terra Campus Pampulha - 31270-901 - Belo Horizonte / MG Tel.: (31) 3499-4650 Fax: (31) 3499-4768 E-mail: Editora@bu.ufmg.br http://www.editoras.com/ufmg
Pagina 4
SOMMARIO PREFAZIONE ................................................. ............................... 07 UN APPROCCIO ALL'ISTRUZIONE ATTUALE IN PROSPETTIVA DELLA BIOLOGIA DELLA CONOSCENZA ...... 11 A cosa serve l'educazione? ............................................ 11 Razionalità ed emozione ............................................... .... 14 L'origine dell'umano: la lingua ............................... 18 Evoluzione e concorrenza ............................................... ..... 20 Le emozioni ................................................ ...................... 22 The Emotional Foundation of Social ................................ 23 La biologia dell'educazione .............................................. ..... 27 Cosa è Educare? .................................................. ............. 29 LINGUA, EMOZIONI ED ETICA IN AFFARI POLITICI ............................................... . 36 Conoscenza e lingua .............................................. 37 The Explain and the Experience ............................................. 38 .. Obiettività tra parentesi e Obiettività-senza-parentesi ................................................. 42 Obiettività e relazioni umane 48 Razionalità ed emozioni ............................................... 51 .. La Corporalità ................................................ ................ 53 Le spiegazioni scientifiche ............................................... 54 Lingua e azione ............................................... ............. 58 Emozioni e interazioni umane: amore .......................... 66 Relazioni sociali e non sociali ..................................... 69 L'etica ................................................ .............................. 72 Costituzione politica e coesistenza .................................. 74 DOMANDE E RISPOSTE ............................................... 80 .. SOMMARIO ................................................. ......................... 90 La lingua ................................................ .................... 90 Le emozioni ................................................ ...................... 92 L'etica ................................................ .............................. 94 Una cospirazione ................................................ .............. 95 UN INVITO AL CILE: VERSO LA CONCLUSIONE .... 97
Pagina 5
PREFAZIONE Si dice che Michel Foucault avrebbe detto che il 20 ° secolo secolo di Gilles Deleuze. Se non sembra ovvio che il Profezia di Foucault, suggerisce un'analogia di cui parlare Humberto Maturana. Il prossimo secolo, il XXI, si può dire di Humberto Maturana. Venendo da un sociologo, questa affermazione potrebbe sembra sospettoso per le orecchie dei biologi. Vediamo perché. La biologia della conoscenza, come lo stesso Maturana chiama l'insieme delle tue idee, mi sembra la grande novità ricerca scientifica attuale, poiché ha permesso il superamento del del pensiero occidentale, quello che ha sempre opposto il biologico al non biologico o sociale o culturale. Questa stessa premessa dualistica che riappare in varie forme e con vari nomi - corpo x mente, spirito x materia, natura x storia, individuo x società - era a nel percorso del pensiero critico. L'importanza di Humberto Maturana ha quindi a che fare con questa possibilità predetto da Lévi-Strauss e voluto da Jacques Derrida, tra altri, per stabilire una continuità tra il biologico e il sociale o culturale. La concezione di Maturana del vivente, degli esseri umani come sistemi che sono operativamente chiusi, autopoietici e strutturalmente determinato, interrotto le vecchie dualità: individuo contro società, natura x cultura, ragione x emozione, obiettivo x soggettivo. Mostrando che "le emozioni sono fenomeni propri del regno animale", dove noi, esseri umani, troviamo anche noi stessi e che il cosiddetto "umano" costituisce proprio l'intreccio tra il razionale e l'emotivo, nel linguaggio, ha causato il collasso dell'imperialismo della ragione.
Pagina 6
Inoltre, quando si parla di emozioni, come biologo, come "Disposizioni corporee che specificano i domini di azione", Maturana fondamento sociale in una particolare emozione, amore, perché questo è il emozione che consente l'accettazione dell'altro come legittimo un altro nel convivenza. Pertanto, una "biologia dell'amore" diventa il fondamento del sociale, non più quella ragione trascendentale con cui ci abituiamo a prendere le distanze dal nostro "essere biologico". L'umano è proprio ciò che costituisce l'intreccio tra l'emotivo e il razionale, e ciò che chiamiamo enfaticamente razionale, per Maturana si basa su "premesse accettate a priori, accettate perché sì, perché soddisfano qualcuno, accettato dalle preferenze di qualcuno ". Anche i confini tra conoscenza e discipline sono qui, e denaturare certi presupposti come dire che non tutti le relazioni o le interazioni tra gli esseri umani sono sociali in quanto tali. Interazioni basate su obbedienza, esclusione, negazione, il pregiudizio non può dirsi sociale, perché negano il nostro di esseri dipendenti dall'amore, cioè negano l'altro come altri legittimi nella convivenza e ti fanno ammalare. Istituzioni e le pratiche basate sull'argomento della razionalità e dell'obbligo sono, quindi, antisociale e deve essere ripensato. Mettendo in discussione l'argomento della ragione o della razionalità, Humberto Maturana ha liberato l'ancora di questa grande "costruzione teorica" della cultura occidentale, il principio della realtà. Per aver considerato il cattura del reale come prova del trionfo della ragione, discussione scientifica è diventata una competizione senza fine di argomenti giustificativi un presunto accesso privilegiato alla realtà. Maturana, nel ridiscutere il esseri come esseri strutturalmente determinati, della realtà, reso dipendente dal osservatore e supporto di grandi dilemmi dell'obbedienza teoretica. Vivere e conoscere sono meccanismi vitali. Sappiamo perché siamo esseri e quello è parte di quella condizione. Conoscere è una condizione di vita nel mantenimento dell'interazione o accoppiamenti integrativi con il altri individui e l'ambiente. La petulanza delle istituzioni educative e politiche ha molto da fare impara dalla semplicità della riflessione di Maturana. 8
Pagina 7
E così facendo si riscoprirà se stesso, il che, dopo tutto, fa la differenza, per noi esseri umani e sociali: il conforto di essere nelle derive basato sul coordinamento consensuale della condotta. Una nuova utopia? Indubbiamente, con il vantaggio che è nato opposizioni e nozioni agonistiche, come si addice a un'utopia consente infine agli esseri umani di incontrarsi con se stessi possedere fino riscoprendo l'un l'altro. Aurora Rabelo 9
Pagina 8
UN APPROCCIO ALL'ISTRUZIONE ATTUALMENTE NELLA PROSPETTIVA DI BIOLOGIA DELLA CONOSCENZA Mi è stato chiesto di rispondere a questa domanda: l'istruzione attuale serve Cile e la sua gioventù? e, se sì, per cosa? o per chi? Allo stesso tempo, mi è stato chiesto di considerarli da diversi punti di vista come la società e il classe, e farlo con entrambi coloro che lavorano per i giovani come coloro che studiano il processo di apprendimento e il fenomeno della conoscenza, cercando di capire come si impara, e che è ciò che rende possibile formare la gioventù in un modo o nell'altro. Per rispondere a questa domanda e rispondere a questo invito, ne farò due tipi di riflessione. Uno, relativo a ciò che serve l'educazione, e un altro riguardo l'umano, considerando la domanda: che cosa significa essere un essere umano? Inoltre, nel fare tali riflessioni, dirò qualcosa sulla biologia di educazione ed etica, e concluderò con alcune conclusioni generali che, dal mio punto di vista, nasce da tali riflessioni. A CHE COSA SERVE L'EDUCAZIONE? Voglio iniziare con "per cosa", per una ragione molto semplice. se chiediamo: l'istruzione attuale serve il Cile e i suoi giovani? stiamo ponendo la domanda sull'ipotesi che tutto capiamo ciò che richiede Ma succede? Il concetto servire è un concetto correlato: qualcosa va bene per qualcosa un desiderio niente 11
Pagina 9
serve di per sé Fondamentalmente, la domanda è: da cosa vogliamo l'educazione? Non penso che nessuna domanda possa essere presa in considerazione gli affari umani, rispetto al loro valore, alla loro utilità o cosa si può ottenere da loro, se non è reso esplicito ciò che è desiderare. Chiediamo se l'educazione cilena serve, richiede risposte a problemi come: cosa vogliamo con l'educazione? Cos'è l'educazione? Per cosa vogliamo educare? E, in definitiva, la grande domanda: Quale paese vogliamo? Non penso che possiamo pensare all'educazione senza contemporaneamente, per riflettere su questa cosa così fondamentale nella vita che è il progetto di campagna in cui il nostro riflessioni sull'educazione. Abbiamo un progetto di campagna? Forse nostro La grande tragedia di oggi è che non abbiamo un progetto nazionale. È chiaro non possiamo giocare al passato. Indubbiamente, come insegnante università, mi rendo conto dell'esistenza di due progetti nazionali, uno del passato, e un altro del presente, chiaramente distinto, uno che io e uno in cui vedo costretti gli studenti di oggi vivere Ho studiato per tornare in campagna ciò che avevo ricevuto da lui. ero immerso in un progetto di responsabilità sociale. Lei faceva parte del costruzione di un paese, in cui vi era continua sul benessere della comunità nazionale che loro aiutato a costruire. Non ero l'unico. In uno opportunità, all'inizio dei miei studi universitari, ci siamo incontrati tutti gli studenti del primo anno per dichiarare la nostra identità le politiche. Quando ciò accadde, ciò che mi sembrò suggestivo era che, nella diversità delle nostre identità politiche, c'era uno scopo comune: restituire al Paese ciò che stavamo ottenendo da esso. Vale a dire, abbiamo vissuto la nostra appartenenza a diverse ideologie come modi diversi per adempiere alla nostra responsabilità sociale di restituire al Paese ciò che noi abbiamo ricevuto da lui, in un impegno esplicito o implicito a compito fondamentale di porre fine alla povertà, con il sofferenza, disuguaglianza e abuso. La situazione e le preoccupazioni degli studenti di oggi sono cambiate. Oggi gli studenti si trovano nel dilemma di scegliere tra di loro viene chiesto, che è quello di prepararsi a competere nel mercato professionale, e l'impeto del suo 12
Pagina 10
empatia sociale, che li porta a desiderare di cambiare un disuguaglianza, che porta alla povertà e sofferenza materiale e spirituale. La differenza tra prepararsi a tornare nel paese ricevuto da lui, lavorando per porre fine alla povertà e prepararsi competere nel mercato del lavoro è enorme. Questi sono due mondi completamente diversi. Quando ero studente, come me ha detto, ha desiderato restituire alla comunità quello che è stato ricevuto da lui, senza conflitto, perché la mia emozione e la mia sensibilità verso l'altro e il mio lo scopo o l'intenzione del paese coincidevano. Ma al momento Questa coincidenza tra scopo individuale e fine sociale non lo fa dà, perché, nel momento in cui una persona diventa uno studente entrando nella competizione professionale, lei fa la sua vita da studente a processo di preparazione per partecipare a una serie di interazioni che definito dalla negazione dell'altro, sotto l'eufemismo: libero e concorrenza sana. La competizione non è e non può essere salutare perché costituisce la negazione dell'altro. La concorrenza sana non esiste. La concorrenza è un fenomeno culturale e umano, e non costitutivo del biologico. Come un fenomeno umano, la competizione è la negazione dell'altro. Osservare il emozioni coinvolte nelle competizioni sportive. Non c'è sana convivenza, perché la vittoria di uno nasce dalla sconfitta dell'altro. il più serio è che sotto il discorso che i valori della concorrenza come a sociale, non si vede l'emozione che costituisce la prassi di competere, quella è quello che costituisce le azioni che negano l'altro. Ricordo di aver frequentato un corso di economia nel Università Cattolica, insegnata da un economista presso la Scuola di Chicago, perché voleva capire gli economisti. Concentrò il suo discorso le leggi della domanda e dell'offerta Ha parlato della sostituzione delle importazioni produzioni locali ed esportazioni nel mercato libero, evidenziando il concorrenza sana ecc. Gli ho chiesto se lui c'è qualche differenza tra la situazione in cui chi vi partecipa è amico e si rispetta l'un l'altro e quello in cui si trova non lo sono, non si conoscono e non si rispettano l'un l'altro. Non sapeva cosa rispondere. Almeno questo mi ha mostrato che questa era una domanda non è mai stato fatto, perché chiunque farà questa domanda lo farà lavorare per rispondere, 13
Pagina 11
perché è una domanda fondamentale. Non è lo stesso di a incontro con qualcuno che appartiene al nostro mondo, e chi rispetto, e un incontro con qualcuno che non appartiene al nostro mondo, e questo è indifferente per noi, anche se questo accade nel semplice transazione, che sembra così ovvia e così chiara. Non è il stessa cosa, perché le emozioni coinvolte nell'uno e nell'altro sono diverso. I giovani cileni sono ora, implicitamente o esplicitamente, essere costretto dall'attuale sistema di istruzione a laurearsi per fare qualcosa che non è dichiarato come progetto nazionale, ma che configura un progetto nazionale basato sulla disputa e la negazione reciproca ai sensi del invito alla libera concorrenza. Inoltre, si parla di libera concorrenza come se fosse un bene trascendente, valido in se stesso, e che il il mondo intero deve valutare positivamente e rispettare come il grande dea, o forse un grande dio che apre le porte al pozzo il benessere sociale, anche se, di fatto, nega la cooperazione nella convivenza, che è ciò che costituisce il sociale. Ma mettiamo da parte, per ora, il domanda sul progetto nazionale e sulla competizione, e andiamo sulle sue fondamenta come aspetti del nostro essere culturale. RAZIONALITÀ ED EMOZIONE Cosa siamo? Cos'è umano? Di solito pensiamo essere umano, nell'essere umano, come essere razionale e frequentemente Nel nostro discorso dichiariamo che ciò che distingue l'essere umano da altri animali sono il tuo essere razionale. Voglio attirare l'attenzione su queste affermazioni, che sono fatte nel presupposto implicito che ciò che dicono sia assolutamente chiaro. Io voglio fallo perché queste affermazioni sono state fatte così, con così tanta libertà, sono, infatti, paraocchi come quelli che i cavalli non usano essere spaventato dal transito di veicoli più veloce del tuo. Oggi, a Santiago, vediamo pochi cavalli con i paraocchi, ma nel campo i paraocchi sono ancora usati. Con cosa sono usati? Per limitare la visione. Se un cavallo vede qualcosa, un veicolo, per esempio, che arriva 14
Pagina 12
Al suo fianco, si spaventa e inizia a correre. Se lo vedi quando è già la tua reazione è diversa. Tutti i concetti e le affermazioni su cui non abbiamo riflettuto, e che accettiamo come se significassero qualcosa semplicemente perché sembra che tutti li capiscano, sono dei paraocchi. Per dire che la ragione l'essere umano è una benda, perché ci acceca al emozione che è svalutata come qualcosa di animale o qualcosa di simile nega il razionale. Vale a dire, quando dichiariamo di essere esseri razionali viviamo una cultura che svaluta le emozioni e noi non vediamo il intreccio quotidiano tra ragione ed emozione, che è il nostro vita umana, e non ci rendiamo conto che ogni sistema razionale ha un fondamento emotivo. Le emozioni non sono ciò che comunemente chiamiamo sentimento. Dal punto di vista biologico, ciò che sappiamo quando parliamo Le emozioni sono disposizioni corporee dinamiche che definiscono il diverso aree di azione in cui ci muoviamo. Quando cambiamo le nostre emozioni, cambiamo il dominio dell'azione. In realtà, lo sappiamo tutti nel prassi della vita quotidiana, ma la neghiamo perché insistiamo sul fatto che cosa definisce la nostra condotta come umana ed è razionale. a Nello stesso tempo sappiamo tutti che quando siamo sotto un certo emozione, ci sono cose che possiamo fare e cose che non possiamo fare, e che accettiamo come validi argomenti certi che non accetteremo sotto un'altra emozione. Prendi la seguente situazione come esempio: ufficio, una persona parla che pensa di chiedere un aumento di stipendio al capo, e l'amichevole segretario dice: "Non chiedere nulla oggi perché lui è arrabbiato e non ti darà nulla ". Ciò che il segretario ha detto non è, per caso, un'indicazione che lei sa che una persona con rabbia solo può agire in un certo modo, non perché è limitato da a modo assoluto, ma perché è in un dominio in cui solo possibili certe azioni e non altre? Quindi, lo diciamo anche noi le cose dette con rabbia hanno un potere, un valore o una rispettabilità diverso da quelli che dicevano in serenità ed equilibrio. Perché? No perché una cosa detta con rabbia è meno razionale di una cosa detta in serenità, ma perché la sua razionalità si basa sulle premesse principi di base, accettati a priori, basati su a preferenze 15
Pagina 13
quale rabbia definisce. Ogni sistema razionale è costituito dall'operare con premesse precedentemente accettate, da una certa emozione. Biologicamente, le emozioni sono disposizioni corporee che determinare o specificare i domini di azione. Ti invito a riflettere su come riconosci le tue emozioni e quelle degli altri. Se lo fai, vedrai che tu distingui le diverse emozioni fare qualche tipo di apprezzamento sul dominio delle azioni in cui persona o animale, o facendo una valutazione del dominio di azioni che la sua corporeità connota. Le emozioni sono un fenomeno del regno animale. Tutti noi gli animali, li abbiamo. Se di notte, a casa tua, quando accendi la luce, tu vieni in mezzo alla stanza uno scarafaggio che cammina lentamente e urla, "Uno scarafaggio!" Comincia a correre da un lato all'altro. se ti fermi per osservare cosa succede, puoi che ciò che lo scarafaggio può fare in un caso o nell'altro è completamente diverso. Lo scarafaggio che cammina lentamente in mezzo alla stanza può fermati a mangiare, ma quello che va da una parte all'altra non può fallo Lo stesso succede a noi, non solo con il massimo anche con ragione. Parliamo come se il razionale avesse un fondamento trascendentale che gli conferisce validità universale indipendentemente da ciò che facciamo come esseri viventi. Non è così. Si basa ogni sistema razionale assunzioni fondamentali accettate a priori, accettate perché sì, accettate perché le persone come loro, accettate perché le persone le accettano semplicemente dalle tue preferenze. E questo è così in qualsiasi Matematica, Fisica, Chimica, Economia, Filosofia o letteratura Si basa ogni sistema razionale ipotesi o nozioni fondamentali che accettiamo come a perché vogliamo farlo e con cui operiamo nel suo la costruzione. Anche le diverse ideologie politiche sono basate su ipotesi che accettiamo come valide e trattate come punti di perché vogliamo farlo. E se discutiamo le ragioni per giustificare l'adozione di queste premesse, il sistema razionale che giustifica queste ragioni si basano su premesse semplicemente accettate perché, lo vogliamo, consciamente o inconsciamente. 16
Pagina 14
Si noti che ci sono due tipi di discussione tra le persone. ci discussioni, disaccordi, che sono risolti in un modo che Il massimo che può accadere è che le persone coinvolte arrossata. Se dico che due volte due è uguale a cinque, e tu dicono: "No, non è così! Guarda, la moltiplicazione è fatta di questo modo, "mostrandomi come rendere la moltiplicazione al massimo Dirò: "- Ah! è vero! Hai assolutamente ragione, me. "Se questo accade, il peggio che può accadere è che mi arrossisco e con un po 'di vergogna. Può anche accadere che io non lo faccia perché questo disaccordo non ha nient'altro che un fondamento logico, poiché c'era solo un errore nell'applicare determinate premesse o certe regole procedure operative che io e l'altro avevamo precedentemente accettato. nostro il disaccordo era banale, apparteneva alla logica. Non litighiamo mai quando il disaccordo è solo logico, cioè quando il disaccordo nasce da un errore nell'applicare l'operativo derivato da premesse fondamentali accettate da tutte le persone in disaccordo. Ma ci sono altre discussioni che generano conflitti: è il caso di tutte le discussioni ideologiche. Questo succede quando la differenza è sulle premesse fondamentali che ognuno ha. Questi disaccordi porta sempre con sé un'esplosione emotiva perché i partecipanti vivono il loro disaccordo come minacce esistenziali reciproca. I disaccordi sulle premesse fondamentali sono situazioni che minacciare la vita, dal momento che si nega l'altro le basi del suo il pensiero e la coerenza razionale della loro esistenza. Ecco perché ci sono dispute che non saranno mai risolte nel che sono stati proposti. La guerra nell'Irlanda del Nord, ad esempio, non c'è soluzione a meno che un decreto non attiri entrambi i gruppi dal spazio religioso, dove all'interno delle fondamenta di una credenza a negare i fondamenti dell'altro e condurli a un dominio di rispetto reciproca. Non è sufficiente che gli avversari si uniscano per parlare sulla tolleranza dell'errore dell'altro. Se lo faranno, lo faranno combattendo perché entrambi i gruppi difendono sistemi che, coerenti in se stessi, hanno premesse fondamentali differenti, quali sono si escludono a vicenda e che i loro seguaci accettano o no dalla ragione, ma dall'emozione: il 17
Pagina 15
Le premesse fondamentali di un'ideologia o di una religione sono accettato a priori e, quindi, non ha alcun fondamento razionale. Inoltre, se veniamo a proporre un argomento razionale per scegliere tra questi o quelle premesse per il loro sistema ideologico a fondamento razionale, rendiamo cieco a quanto detto prima, cioè, cieco al fatto che accettiamo a priori le premesse fondamentali su cui si basa la razionalità dell'argomentazione convincente. Non possiamo quindi pretendere una giustificazione trascendente per il la nostra azione dicendo "Questo è razionale". Ogni argomento senza errore logico è ovviamente razionale per chi accetta le premesse fondamentali su cui è basato. L'umano è l'intreccio tra l'emotivo e il razionale. Rational è la coerenza operativa di sistemi argomentativi che costruiamo nel linguaggio, per difendere o giustificare le nostre azioni. Di solito viviamo i nostri argomenti senza riferimento alle emozioni su cui si basano, perché non sappiamo che loro e tutte le nostre azioni hanno una base e crediamo che una tale condizione sarebbe una limitazione al il nostro essere razionale. Ma il fondamento emotivo del razionale è a limitazione? No! Al contrario, è la loro condizione di possibilità, e ora Spiegherò perché. L'ORIGINE DELL'UOMO: LA LINGUA Per spiegare loro perché il fondamento emotivo del nostro la razionalità non è un limite, devo fare qualche riferimento al origine dell'essere umano e origine del linguaggio Per spiegare l'origine del è necessario iniziare riferendosi a quello che è successo 3,5 anni fa. milioni di anni. Sappiamo dai documenti fossili che ci sono 3,5 milioni di anni fa c'erano i primati bipedi che, come noi, camminava eretto e aveva le spalle. Ma avevano un molto meno - circa un terzo dell'attuale cervello umano. Sappiamo anche che questi primati vivevano in piccoli gruppi, famiglie da dieci a dodici individui, neonati, bambini e 18
Pagina 16
adulti. Esaminando il loro arco dentale, sappiamo che erano animali mangiatori di grano, quindi mietitori e, presumibilmente, solo cacciatori occasionali. Tutto ciò indica che questi gli antenati hanno condiviso il loro cibo e sono stati immersi in un sensualità ricorrente con i maschi che hanno partecipato alla cura di in un modo di vivere che fonda un lignaggio che raggiunge il presente e in cui, inoltre, il cervello cresce da circa 430 centimetri 3 a 1.450 o 1.500 cm 3 . Ma come sorge l'umano stesso e a cosa è associata questa crescita cerebrale? È stato spesso detto che la storia della trasformazione del il cervello umano è legato all'uso di strumenti, principalmente con lo sviluppo della mano nella sua fabbricazione. No Condivido questa opinione, poiché la mano era già sviluppata in questi i nostri antenati Mi sembra più fattibile rispetto alla destrezza e la sensibilità che ci caratterizza sono sorti nell'arte di sbucciare piccoli semi di erba dalla savana, e della mano nella carezza, per la sua capacità di plasmarsi al qualsiasi superficie del corpo in un modo gentile e sensuale. Al contrario, Io sostengo che la storia del cervello umano è correlata soprattutto con la lingua. Quando un gatto gioca con a palla, sta usando le stesse coordinate muscolari di noi. se qualcosa che tieni cade a terra, ti coinvolgi in una partita che non è diverso dallo scherzo del gatto. La scimmia fa questo con a uguale o anche maggiore del tuo, anche se la tua mano non lo è se si estende come il nostro. Il peculiare dell'umano non è nel manipolazione, ma nel linguaggio e nel suo intreccio con emozionare Ma se è in relazione l'ominizzazione del cervello dei primati lingua, a che cosa si riferisce l'origine della lingua? Diciamo comunemente che la lingua è un sistema simbolico di comunicazione. Sostengo che tale affermazione ci impedisce di vedere i simboli sono secondari alla lingua. Se stavi guardando due persone fuori dalla finestra, senza sentire i suoni che emettono, cosa tu dovrebbero osservare per dire che stanno parlando? quando Puoi dire che una persona è nella lingua? La risposta è semplice e lo sappiamo tutti: diciamo due persone 19
Pagina 17
stanno parlando quando vediamo che il corso delle loro interazioni costituisce un flusso di coordinamenti di azioni. Se non vedi azioni o, secondo il gergo moderno, non vedere la comunicazione non parlerà mai di lingua La lingua è relativo al coordinamento dell'azione, ma non a nessuno coordinamento dell'azione, solo con il coordinamento delle azioni consensuali. Inoltre, il linguaggio è un'operazione in coordinamenti consensuali di coordinamenti consensuali di azioni. Facciamolo chiarire. EVOLUZIONE E CONCORRENZA L'evoluzione è un processo conservativo. Quando parliamo di esseri della loro diversità, e pensiamo alla spiegazione evolutiva - che propone un antenato comune a tutti loro - ci meravigliamo del cambiamenti che sono dovuti accadere dall'origine degli esseri viventi al presente. Questa meraviglia, tuttavia, non dovrebbe nasconderci da ciò che è fondamentale per questa storia di avere luogo: la conservazione del nuovo nella conservazione del vecchio. La biologia moderna si è concentrata sulla genetica e in eredità per spiegare questa conservazione, assimilando ciascuno caratteristica o tratto distinguibile negli esseri viventi da un determinante peso molecolare negli acidi nucleici. Quindi, per la biologia moderna, la specie è definita come genetica preservato attraverso la storia riproduttiva di una popolazione o a sistema di popolazione, ed evoluzione come il cambiamento nel genetica conservata in tale popolazione o sistema di popolazione. io Penso diversamente. Penso che ciò che definisce una specie è il suo modo di vita, una configurazione di relazioni variabili tra organismo e ambiente, che inizia con la concezione dell'organismo e finisce con la sua morte, e che viene conservato, generazione dopo generazione, come fenotipo ontogenico, come un modo di vivere in un medium, non come un setting particolare gene. Quindi, il cambiamento evolutivo si verifica quando costituisce un nuovo lignaggio cambiando il modo di vivere che è conservato sequenza riproduttiva. Pertanto, nella misura in cui il cambiamento l'evoluzione è attraverso la conservazione di nuovi nel fenomeno evolutivo è nel 20
Pagina 18
il modo di vivere e la sua conservazione nella costituzione di a il lignaggio di organismi congruenti con le loro circostanze, e non in disaccordo con esso. In queste circostanze, il fenomeno della concorrenza che si verifica nel sfera culturale umana, e che implica la contraddizione e la negazione di l'altro non è biologico. Gli esseri viventi non umani no competere, fluire tra loro e con gli altri in reciproca congruenza, preservare la sua autopoiesi e la sua corrispondenza con un mezzo include la presenza di altri, piuttosto che negarli. Se due animali sono di fronte a un alimento e solo uno di loro lo mangiano, questa non è competizione. Non lo è, perché non è essenziale, per quello che succede a ciò che mangia, che l'altro non mangia. Nell'ambito al contrario, la competizione è culturalmente l'altro non ottiene quello che ottiene è fondamentale come un modo di relazione. La vittoria è un fenomeno culturale che costituisce la sconfitta del altro. La competizione è vinta dal fallimento dell'altro, e quando è culturalmente desiderabile che ciò avvenga. Nel campo biologico non umano, questo fenomeno non si verifica. La storia evolutiva degli esseri vivo non comporta competizione. Pertanto, la competizione ha no partecipazione all'evoluzione umana. Ciò che partecipa all'evoluzione di è la conservazione di un fenotipo ontogenico o di uno stile di vita, in cui la lingua 1 può sorgere come variazione circostanziale al la sua realizzazione quotidiana, che non richiede nulla di speciale. Questo modo di la vita si svolgeva nei coordinamenti della condotta della condivisione del cibo passandoli l'un l'altro negli spazi di interazioni ricorrenti del la sensualità, che porta con sé l'incontro sessuale e la partecipazione dei maschi nell'allevare i loro figli, presenti a i nostri antenati 3,5 milioni di anni fa. In altre parole, dico conservazione di un modo di vivere, caratterizzato dal condividere il cibo nel piacere di vivere insieme e ____________________ 1 Maturana usa il termine "lingua" e non "lingua", riconcettualizzare questa nozione, sottolineando il suo carattere di attività, di comportamento, evitando così l'associazione con una "facoltà" della specie, come è tradizionalmente fatto. (Nota di questo problema). 21
Pagina 19
un incontro sensuale ricorrente, in cui convivono maschi e femmine intorno all'educazione dei bambini, che può accadere, e ci sarà stato stile di vita in un consensual coordina- azioni consensuali che costituiscono la lingua. In breve, penso anche che il modo di vivere in cui coordinamenti consensuali di condotta di coordinamenti consensuali di condotta nell'intimità della convivenza, della sensualità e la condivisione, dando origine al linguaggio, appartiene al il nostro lignaggio per almeno 3,5 milioni di anni. E lo dico tenendo conto del grado di coinvolgimento anatomico e funzionale che il nostro cervello ha con il linguaggio orale. LE EMOZIONI Quando parliamo di emozioni, ci riferiamo al dominio di azioni in cui un animale si muove. Notiamo che questo è così a causa del fatto che i nostri commenti e le nostre riflessioni, quando parliamo di emozioni, diventano l'altro, che può essere un animale o un persona. Pertanto, dico ciò che sappiamo quando parliamo di le emozioni sono i diversi domini di possibili azioni nelle persone e animali e le diverse disposizioni corporee che li costituiscono e Lo fanno. Per questo motivo, sostengo che non c'è azione umana senza un'emozione che lo stabilisce come tale e lo rende possibile come atto. Ecco perché penso che un modo di vivere basato su insieme in interazioni ricorrenti nel piano della sensualità in cui il linguaggio sorge, sarebbe necessaria un'emozione fondante particolare, senza il quale questo modo di vivere nella convivenza non sarebbe possibile. questo l'emozione è amore. L'amore è l'emozione che costituisce il dominio delle azioni in cui le nostre interazioni ricorrenti fanno l'altro a altro legittimo nella convivenza. Le interazioni ricorrenti in amore ampliare e stabilizzare la convivenza; interazioni ricorrenti nel l'aggressività interferisce e rompe la convivenza. Questo è il motivo per cui la lingua, come dominio del coordinamento consensuale della condotta, non può 22
Pagina 20
essere sorto nell'aggressione, perché ciò limita la convivenza, sebbene, una volta nella lingua, può essere utilizzato in aggressione. Infine, non è la ragione che ci porta all'azione, ma l'emozione. Ogni volta che sentiamo qualcuno dire che lui o lei è razionale e non lo fa possiamo sentire l'eco dell'emozione che sta sotto affermazione, in termini di desiderio di essere o di ottenere. Ogni volta che abbiamo difficoltà a fare, c'è davvero un difficoltà nel volere, che è nascosto dall'argomentazione sul farlo. Parliamo come se fosse ovvio che certe cose dovrebbero accadere la nostra convivenza con gli altri, ma non li vogliamo, quindi no verificarsi. Oppure diciamo che vogliamo qualcosa, ma non lo vogliamo o ne vogliamo un altro, e naturalmente facciamo quello che vogliamo, dicendo questo qualcos'altro non può essere fatto. C'è una certa saggezza consueta quando dici: "Con i loro atti li conoscerai". Ma cos'è? che sapremo osservando le azioni dell'altro? Sapremo il tuo emozioni come fondamenti che costituiscono le loro azioni. No sapere cosa potremmo chiamare i loro sentimenti, se non il spazio dell'esistenza reale in cui si muove questo essere umano. LA FONDAZIONE EMOTIVA DI SOCIAL L'emozione fondamentale che rende possibile la storia dell'ominizzazione è amore So che quello che dico potrebbe scioccare, ma insisto, è amore. No Sto parlando sulla base del cristianesimo. Se mi perdoni, lo dirò che, sfortunatamente, la parola amore è stata distorta, e quell'emozione quellalei connota perso la sua vitalità, da così tanto dire che l'amore è qualcosa speciale e difficile. L'amore è costitutivo della vita umana, ma non lo è niente di speciale. L'amore è il fondamento del sociale, ma non tutto la convivenza è sociale. L'amore è l'emozione che costituisce il dominio di conduce l'accettazione dell'altro come un altro nella convivenza, ed è questo modo di convivere quello sappiamo quando parliamo di social. Ecco perché dico che l'amore è il emozione che fonda il 23
Pagina 21
sviluppo sociale. Senza l'accettazione dell'altro nella convivenza, non c'è sviluppo sociale. In altre parole, dico che solo le relazioni sono fondato sull'accettazione dell'altro come legittimo altro nella convivenza, e che tale accettazione è ciò che costituisce una condotta di rispetto. Senza a storia di interazioni sufficientemente ricorrenti, che coinvolgono e accettazione reciproca in uno spazio aperto a coordinamento delle azioni, non possiamo aspettarci che il linguaggio si presenti. se non c'è interazione nella reciproca accettazione, separazione o distruzione. In altre parole, se c'è qualcosa nella storia degli esseri viventi che non può sorgere in competizione, questo è linguaggio. Ripeto quello che ho detto prima: il linguaggio come dominio di coordinamenti consensuali di condotta di coordinamenti consensuali di comportamento, può sorgere solo in una storia di condotta consensuale, e ciò richiede una convivenza costituita nel accettazione reciproca, in uno spazio di azioni che comporta costantemente un coordinamento consensuale della condotta in questo operabilità. Come ho già detto, questo deve essere successo nel storia evolutiva dei nostri antenati e ciò che sappiamo sulla loro il modo di vita più probabile di 3,5 milioni di anni fa lo rivela lo stile di vita esisteva già in quel momento. Inoltre, questo modo di vivere fino ad ora è conservato in noi. con effetto, siamo ancora mietitori, e questo è evidente sia nel benessere che sentiamo nei supermercati come nei nostri dipendenza vitale dall'agricoltura; siamo ancora animali e questo è evidente nel bambino che porta via il cibo da lui bocca da dare a sua madre, e cosa succede a noi quando qualcuno ci chiede l'elemosina; siamo ancora animali che vivono nel coordinamento consensuale delle azioni, e questo vediamo nella facilità con cui siamo disposti a partecipare alle attività di cooperazione, quando non lo facciamo abbiamo un argomento razionale per rifiutarli; siamo ancora animali i cui maschi partecipano alla cura dei bambini, ciò che vediamo nel gli uomini si prendono cura dei bambini quando non hanno argomenti razionali per svalutare tale attività; siamo ancora animali che viviamo in piccoli gruppi, che traspare nel nostro sentirsi parte 24
Pagina 22
di una famiglia; Siamo ancora animali sexy in cui viviamo. spontaneamente si toccano e si accarezzano a vicenda, quando non ci apparteniamo una cultura che nega la legittimità del contatto fisico; e infine, ancora siamo animali che viviamo la sensualità nell'incontro personalizzato con l'altro, che è evidente nella nostra denuncia quando questo non succede Ma, soprattutto nel momento presente della storia evolutiva appartengono - che è iniziato con l'origine della lingua, quando il l'essere nel linguaggio è diventato parte del modo di vivere che, preservandosi, E 'stato il lignaggio Homo di cui facciamo parte - siamo animalidipende dall'amore L'amore è l'emozione centrale nella storia evolutiva. dall'inizio, e tutto ciò si verifica come una storia in cui il conservazione di un modo di vivere in cui l'amore, l'accettazione dell'altro come legittimo altro nella convivenza, è una condizione necessaria per il fisico, comportamentale, psichico, sociale e normale funzionamento spirituale del bambino, così come per il sviluppo fisico, comportamentale, psichico, sociale e spirituale dell'adulto. In senso stretto, noi esseri umani abbiamo origine nell'amore e ne dipendiamo. Nella vita umana, la maggior parte della sofferenza viene dalla negazione dell'amore: gli esseri umani sono figli dell'amore. In effetti, direi che il 99% delle malattie umane ha a che fare con con la negazione dell'amore. Non parlo da cristiano - non lo so importa quello che ha detto il Papa, non sto ripetendo quello che ha detto. Sto parlando di biologia. Sto parlando del comprensione delle condizioni che rendono possibile una storia di interazioni ricorrenti sufficientemente vicine a ricorsione nel coordinamento consensuale della condotta che costituiscela lingua Non emotivo, siamo mammiferi. I mammiferi sono animali in cui l'emozione è, in gran parte, consensuale e in cui l'amore svolge un ruolo importante Ma amore, come il emozione che costituisce l'operazione in reciproca accettazione e fonda il sociale come un sistema di coesistenza, si verifica anche con i cosiddetti insetti politiche sociali. Se tu 25
Pagina 23
le formiche, per esempio, noteranno che quello è formiche non si attaccano a vicenda. Anche se attaccano e distruggere un intruso, collaborare alla costruzione e alla manutenzione di formicolio e condivisione di cibo. Inoltre, lo è ricostruire la storia evolutiva degli insetti sociali e mostrare ciò che il come tale Infatti, dallo studio delle diverse classi degli insetti che attualmente esistono e dei loro resti fossili, si può mostrare che l'origine della socializzazione degli insetti avviene al momento che le femmine depongano le uova e restino a toccarle ea succhiarne certe secrezioni che hanno, senza mangiarle o danneggiarle. inIn altre parole, la storia degli insetti sociali inizia quando le femmine tratta le loro uova come società legittima in un rapporto di accettazione ed è costituito dalla formazione di un lignaggio in cui questo la relazione delle interazioni di mutua accettazione è conservata come un modo di vivere, e si estende alle larve e agli adulti. Tutto corrente insetti sociali, alveari, formicaio o termiti, qualunque cosa la sua complessità, sono il presente di una storia di conservazione di rapporti di reciproca accettazione tra i suoi membri, a partire da relazione femmina-uovo. Se le femmine si fossero separate dalle loro uova o li aveva distrutti toccandoli o succhiandoli, questa storia non avrebbe avuto verificato. L'emozione che fonda il sociale come emozione che costituisce il dominio delle azioni in cui l 'altro è accettato come legittimo nel la convivenza è amore Relazioni umane che non sono basate sul l'amore, dico, non è un rapporto sociale. Pertanto, non tutti le relazioni umane sono sociali, e non lo sono tutte diritti umani, perché non tutti sono basati sul accettazione reciproca. Diverse emozioni specificano diversi domini di azione. Pertanto, le comunità umane, sulla base di altre emozioni diverso dall'amore, sarà costituito in altri campi di azione che non sono di collaborazione e condivisione, nei coordinamenti azioni che non implicano l'accettazione dell'altro come legittimo altri nella convivenza e non saranno comunità sociali. 26
Pagina 24
LA BIOLOGIA DELL'EDUCAZIONE Ora voglio dire qualcosa sulla biologia dell'educazione. Per questo, Devo invitarvi a pensare per un momento a cosa succede un essere vivente nella loro storia individuale. Noi, esseri viventi, siamo determinati sistemi nella nostra struttura. Ciò significa che siamo sistemi tali che quando qualcosa è esterno su di noi, quello che ci succede dipende da noi, dalla nostra struttura in questo momento, e non di qualcosa di esterno. L'enorme discussione che ha nel corso della storia sulla separazione del corpo e dell'anima dalrisolve quando ammettiamo (e non farò lo sviluppo completo) che siamo sistemi determinati nella nostra struttura e quindi che ci sono alcuni fenomeni che non si verificano all'interno del corpo, ma nelle relazioni con gli altri. Ho appena detto che illa lingua è un dominio di coordinamento consensuale di coordinamento consensuale della condotta. Si prega di notare che se avessi avuto detto: il linguaggio è il nostro strumento di comunicazione, avrebbe postola lingua nel corpo, come lo strumento attraverso il quale gestiamo simboli nella comunicazione. Se ho manipolato qualcosa che è un simbolo per trasferirlo a un altro, tratterebbe il linguaggio come una proprietà in me che mi permette di manipolare simboli. Ma lo riconosco il linguaggio è costituito nel coordinamento consensuale di coordinamento consensuale della condotta. Lo riconosco anche io il linguaggio non si presenta nel corpo come un insieme di regole, ma nel coordinamenti consensuali di condotta. Certo, se prendo un colpo in testa e cado o morto, il mio discorso scompare. Ho bisogno che il mio cervello sia nella lingua Ho un cervello che è in grado di crescere nella lingua, ma il linguaggio non si verifica nel cervello. La lingua come fenomeno, come operazione dell'osservatore, non si verifica nella testa né consiste in un insieme di regole, ma si verifica nello spazio delle relazioni e allo scopo di coordinare le azioni come modo di fluire in esse. se la mia struttura cambia, cambia il mio modo di essere in relazione al anche, e quindi cambia la mia lingua. Se cambi la mia lingua, cambi lo spazio del linguaggio 27
Pagina 25
in cui sono, e cambio le interazioni di cui partecipo con la mia linguajeio. Ma il linguaggio è costituito e si verifica nel coordinamenti consensuali di azione, non nella testa, o nel cervello o struttura del corpo, o grammatica o sintassi. Quello che sappiamo quando parliamo della psiche e di quello psichico si verifica nel cervello, ma costituisce una modalità di relazione con il circostanza e / o con l'altro, che acquisisce a nella ricorsione del funzionamento umano nella lingua. L'autocoscienza non è nel cervello: appartiene allo spazio riferisce che è costituito in linguaggio. L'operazione che dà origine a l'autocoscienza è collegata alla riflessione nella distinzione di cosa distingue, ciò che è possibile nel campo delle azioni di coordinamento nel quando c'è il linguaggio Quindi, l'auto-consapevolezza sorge quando l'osservatore costituisce l'auto-osservazione come entità, mentre per distinguere la distinzione dalla distinzione nel linguaggio. Riconoscere che siamo sistemi determinati nella nostra struttura non deve immobilizzarci. Tale riconoscimento non lo fa esperienze spirituali, né quelle che chiamiamo psichiche. a al contrario, ci permette di riconoscere che, come ho già detto, appartengono al corpo, ma allo spazio delle relazioni in cui il convivenza. Pertanto, ogni storia individuale umana è sempre a epigenesi nella convivenza umana. Cioè, ogni singola storiaè la trasformazione di una struttura ominide iniziale fondatore, in modo contingente con una particolare storia di interazioni che avvengono in modo costitutivo nello spazio umano. Questo è costituito nella storia degli ominidi a cui apparteniamo instaurazione del linguaggio come parte del nostro modo di vivere. il la cellula che fonda un organismo costituisce la sua struttura iniziale che cambierà come risultato del loro processi interni, in un corso modulato dalle loro interazioni in un mezzo, secondo una dinamica storica in cui l'unica cosa che agenti le esternalità fanno scattare i cambiamenti strutturali determinati in questo Struttura. Il risultato di tale processo è un cambiamento contingente strutturale con la sequenza di interazioni dell'organismo, che dura dal suo inizio fino alla sua morte come in un processo storico, perché il dono del 28
Pagina 26
l'organismo sorge in ogni momento come una trasformazione del presente in quel momento. Il futuro di un organismo non lo farà mai è determinato nella sua origine È sulla base di questodobbiamo considerare l'istruzione e l'educazione. CHE COS'È L'ISTRUZIONE? Educare è il processo in cui il bambino o l'adulto coesiste con l'altro e vivendo con l'altro, spontaneamente, così che il loro modo di vivere diventi progressivamente più congruente con quella dell'altro nel convivenza. L'istruzione si verifica, quindi, sempre e in a reciproca. Si presenta come una trasformazione strutturale contingente con una storia vivente, e il risultato è che le persone impara a vivere in un modo che è configurato secondo il vivendo nella comunità in cui vivono. L' educazione come "sistema"mondo", e gli studenti confermano nella loro vivi il mondo che ha vissuto nella loro educazione. Gli educatori, dai loro conferma il mondo che hanno vissuto educando nell'educazione. L'educazione è un processo continuo che dura tutta la vita, e quello della comunità in cui viviamo un mondo spontaneamente conservatore, a cui si riferisce l'educare. Questo non significa, ovviamente, quello il mondo dell'educazione non cambia, ma piuttosto quello dell'educazione, come sistema dell'addestramento dell'adulto e del bambino, ha effetti a lungo termine non cambiano facilmente. Ci sono due periodi o periodi cruciali nella storia di ogni persona che ha conseguenze fondamentali per il tipo di comunità che portano con sé nella loro vita. Questi sono infanzia e giovani. Nell'infanzia, il bambino vive il mondo in cui il suo possibilità di diventare un essere capace di accettare e rispettare il un altro da accettazione e rispetto di sé. In gioventù, la validità di questo mondo di convivenza nell'accettazione e nel rispetto dell'altro dall'accettazione e dal rispetto per se stessi, all'inizio di una vita adulta che è socialmente e individualmente responsabile. 29
Pagina 27
Il modo in cui viviamo è come educeremo, e lo faremo mondo da vivere come studenti. E noi educeremo gli altri con vivere con loro, il mondo in cui viviamo. Ma che mondo vogliamo? Voglio un mondo in cui i miei figli crescano come persone che accettarsi e rispettarsi a vicenda, accettando e rispettando gli altri in a coesistenza in cui gli altri li accettano e li rispettano dal accettare e rispettare se stessi. In uno spazio di convivenza di questo tipo, la negazione dell'altro sarà sempre un errore rilevabile che può e se vuoi correggere Come ottenere questo? È facile: vivere questo spazio di convivenza Viviamo la nostra educazione in modo che il bambino impari ad accettare e per essere rispettati, per essere accettati e rispettati nel suo essere, perché imparerai ad accettare e rispettare gli altri. Per fare questo, dobbiamo riconosciamo che non siamo in alcun modo trascendenti, ma lo siamo in uno stato continuo, variabile o stabile, ma quale non lo è assoluto né necessariamente per sempre. Ogni sistema è conservatore in ciò che è costitutivo, o si disintegra. se diciamo che un bambino è in un certo modo buono, cattivo, intelligente o sciocco, stabiliamo il nostro rapporto con esso in base a cosa e a meno che il bambino non accetti e rispetti se stesso, non lo farà e cadrà nella trappola della non accettazione e del non rispetto per stesso, perché il suo divenire dipende da come si presenta - come bambino buono, cattivo, intelligente o sciocco - nel loro rapporto con noi. Cosa succede se il il bambino non può accettare e il rispetto non può accettare e rispettare il altro. Temerai, invidierà o sviluagli l'altro, ma non lo farai rispetto. E senza accettazione e rispetto dell'altro come legittimo altro nella convivenza non c'è fenomeno sociale. Vediamo cosa significa accettare e rispetta te stesso Qualche giorno fa un amico mi ha parlato di una conversazione con lei sua figlia, chiedendo la mia opinione. Il suo rapporto era il seguente: "Ho avuto un conversazione con mia figlia (Juanita, 8 anni) che mi ha detto: - Mamma, non mi conosci. "Juanita, come posso non?" lo so? - Mamma, non mi conosci perché non sai che io sono una persona felice e libera. " Nell'ascolto di questo racconto, il mio riflesso era in seguito: "Amico mio, penso di capire cosa voleva Juanita dire quando dici di essere felice è relativamente facile, e io non ne ho più niente 30
Pagina 28
per dire al riguardo. Si tratta di essere liberi che voglio dire qualcosa. Juanita non parla dalla ragione, ma dall'emozione. E dal emozione, quello che ha detto è che non si sente in colpa per le sue azioni. a che non si sente in colpa per le sue azioni, deve viverle in lei legittimità perché non ti senti negato nel tuo rapporto con te, e accetta se stessa. Juanita non pensa e non sente di dover cambiare; non pensa o sente che qualcosa non va in lei. Allo stesso tempo, rispetta se stesso, e non si scusa per quello che fa; cioè, atti senza riflettere sulla propria legittimità. il mio Complimenti! Come madre sei una persona che non nega tua figlia richieste e punizioni, e lascia che la viva diventando nell'amore che il costituisce un essere sociale ". Ripeto: senza accettazione e rispetto per se stessi non si può accettare e Rispetto l'altro, e senza accettare l'altro come legittimo un altro in non c'è fenomeno sociale. Inoltre, un bambino che non è accettato e non lo è spazio di riflessione, perché è nella continua negazione di se stesso e in ricerca ansiosa di ciò che non è e non può essere. Come potrebbe il bambino guardarsi se ciò che vede non lo è perché gli adulti sono stati messi al corrente di questo, sia i loro genitori che i loro insegnanti? Come potrebbe il bambino guardare se stesso se già lo sa che qualcosa è sempre sbagliato in questo, perché non è ciò che dovrebbe essere o è Cosa non dovrebbe essere? Se l'educazione cilena non fa ragazze ei ragazzi cileni accettano e rispettano se stessi, accettando e rispettando gli altri quando sono accettati e rispettati, l'educazione lo farà male, e non va bene per il Cile. Ma l'auto-accettazione e il rispetto di sé no Gli affari di una persona non sono appropriati per vivere. Come posso accettami e rispettami se so quello che so, cioè se il mio non lo è adeguato alla mia vita e, quindi, non è una conoscenza nella vita di tutti i giorni, ma nella vita fittizia di un mondo lontano? Se pensi che I bambini del Cile imparano non è un fare nello spazio della vita quotidiana del bambino in Cile in cui vive, l'educazione cilena non lo è Cile. Come posso accettare e rispettare me stesso se sono imprigionato nel mio fare (sapere), perché non ho imparato a fare (pensare) a concedermi impara qualsiasi altra attività 31
Pagina 29
Quando cambia il mio mondo, cambia la mia vita di tutti i giorni? Se educazione Il Cile non guida il bambino a fare (sapere) in relazione alla propria vita vita quotidiana, in modo che possa riflettere su di lei del mondo rispettando se stessa e l'altra, l'educazione nel Il Cile non è buono per il Cile. Come posso accettare e rispettare me stesso se non ho imparato a rispettare i miei errori e trattarli come legittime opportunità di cambiamento, Perché sono stato punito per aver fatto un errore? Se l'educazione in Cile porta a i bambini a vivere i loro errori come una negazione della loro identità, educazione in Cile non va bene per il Cile. Come posso accettare e rispettare me stesso se il valore di ciò che faccio misurato facendo riferimento all'altro nella competizione continua che mi nega e nega l'altro, e non per la serietà e la responsabilità con cui io Cosa faccio? Se l'istruzione in Cile stimola la competizione e la negazione di se stesso e l'altro che la competizione porta con sé, educazione in Il Cile non è buono per il Cile. È difficile educare all'accettazione e al rispetto per se stessi, quali accettazione e rispetto per l'altro, così come serietà nel fare? No, tranne che ciò richiede all'insegnante di sapere come interagire con i ragazzi e le ragazze in un processo che non li nega o punizione, sia dal modo in cui appaiono nella relazione, o perché non appaiono come i requisiti culturali dicono che dovrebbe essere. che l'insegnante può farlo perché anche loro rispettano il se stesso e l'altro. Il centro della convivenza umana è l'amore, le azioni che costituiscono l'altro come legittimo altro nella realizzazione dell'essere sociale che entrambi vive nell'accettare e rispettare se stessi per quanto riguarda l'accettazione e rispetto per l'altro. La biologia dell'amore farà in modo che ciò accada come un processo normale se si vive in esso. Ma come possiamo ottenere nell'istruzione la capacità di adattarsi a qualsiasi dominio del sapere (fare)? È necessario, per caso, sapere tutto dall'inizio? No, non devi sapere tutto dall'inizio, sì, è necessaria una postura riflessiva nel mondo in cui si vive; sono accettazione e rispetto per se stessi e gli altri senza urgenza della concorrenza. Se ho imparato a conoscere e rispettare il mio mondo, sia il campo, la montagna, la città, il boschetto o il mare, e non a 32
Pagina 30
negarlo o distruggerlo, e ho imparato a riflettere sull'accettazione e il rispetto per io stesso, posso imparare qualsiasi azione. Se l'educazione in Cile non porta i bambini alla conoscenza del loro mondo nel rispetto e riflessione, non è per i cileni o per il Cile. Se l'educazione in Cile porta ad aspirazioni che svalutano cosa è il nostro, invitando un pensiero lontano dal quotidiano nella fantasia di ciò che non è vissuto, l'istruzione in Cile non è nemmeno utile per il Cile né per i cileni. L'ambizione può occasionalmente portare a ricchezza o successo individuo, ma non conduce alla trasformazione armoniosa del saggezza di una convivenza che non genererà né la povertà né abuso. Quello che dico è valido anche per l'educazione dell'adolescente. il l'adolescente moderno impara valori, virtù che deve rispettare, ma vive in un mondo adulto che li nega. L'amore predica, ma nessuno sa cosa consiste nel fatto che non vedi le azioni che il costituisce, e lo guarda come l'espressione di un sentimento. Insegna te stesso desiderare la giustizia, ma gli adulti vivono nella falsità. La tragedia di gli adolescenti stanno iniziando a vivere un mondo che nega i valori che sono stati insegnati L'amore non è un sentimento, è un dominio di azioni in cui l'altro è costituito come un altro legittimo nel convivenza. La giustizia non è un valore trascendente o un sentimento di legittimità: è un dominio di azioni in cui non si usano menzogne giustificare le proprie azioni o quelle dell'altro. Se l'istruzione media e superiore in Cile si basa sulla competizione, nella fuorviante giustificazione di vantaggi e privilegi, in una nozione di progresso che impedisce ai giovani di conoscere il loro mondo limitando il loro approccio responsabile alla comunità che li sostiene, l'istruzione superiore e superiore in Cile non serve il Cile o il Cileni. Se l'istruzione media e superiore ci invita all'appropriazione, lo sfruttamento del mondo naturale e non la nostra coesistenza armoniosa con lui questa educazione non serve né il Cile né i cileni. Alla fine, la responsabilità arriva quando ci rendiamo conto se vogliamo o no le conseguenze delle nostre azioni; e la libertà arriva quando ci rendiamo conto se vogliamo 33
Pagina 31
o no il nostro volere, o non volere le conseguenze delle nostre azioni. Vale a dire, la responsabilità e la libertà sorgono nella riflessione che il nostro pensare (facendo) nell'ambito delle emozioni al nostro volere o no vogliamo le conseguenze delle nostre azioni, in un processo in cui non lo facciamo possiamo realizzare qualcos'altro a meno che il mondo sia così noi viviamo dipende dai nostri desideri. Se l'educazione in Cile no i giovani alla responsabilità e alla libertà di essere creatori del mondo in cui vivono perché limita la riflessione, in Cile, non serve né il Cile né il Cile. Perché educare? A volte parliamo come se non ci fosse alternativa a un mondo di lotta e competizione, e come se dovessimo preparare i nostri figli e i giovani a questa realtà. Questo atteggiamento è basato su un errore e errore. Non è un'aggressività quella è l'emozione fondamentale che definisce l'umano, ma il amore, convivenza nell'accettare l'altro come legittimo altro nel convivenza. Non è la lotta che è la modalità fondamentale della relazione umana, ma collaborazione. Parliamo di competizione e lotta per la creazione di una vita competizione e lotta, e non solo tra di noi, ma anche con l'ambiente naturale che ci consente Quindi, dicono che gli umani dovrebbero combattere e superare le forze naturali per sopravvivere, come se questo fosse stato e è il modo normale di vivere. Ma non è così. La storia di umanità in guerra, dominio sottomesso e appropriazione che esclude e nega l'altro, ha origine dal patriarcato. In Europa, che è la nostra fonte culturale, prima che il patriarcato vivesse in armonia con il la natura, nel godimento della congruenza con il mondo naturale, nella meraviglia della sua bellezza - non nella lotta con lei. Perché educare? Al fine di recuperare questa armonia fondamentale che non lo fa exploit, non abusare, non ha intenzione di dominare il mondo naturale, ma chi desidera conoscerlo nell'accettazione e nel rispetto così che il benessere nel benessere della natura in cui si vive. Questo è per Ho bisogno di imparare a guardare e ascoltare senza paura di smettere di essere, senza paura di lasciare che l'altro sia in armonia, senza sottomissione. Ne voglio uno mondo in cui rispettiamo il mondo naturale che ci sostiene, a mondo 34
Pagina 32
in cui si restituisce ciò che si prende in prestito dalla natura per vivere. Essendo esseri viventi, siamo esseri autonomi, nella vita non lo siamo. Voglio un mondo in cui l'espressione "risorsa naturale" sia abolita, in cui riconosciamo che tutti i processi naturali sono ciclici e che, se ferma il tuo ciclo, è finita. Nella storia dell'umanità, le persone che non l'hanno visto sono state distrutte dall'esaurimento del loro chiamato risorse naturali. Il progresso non è continuo complicazione o cambiamento tecnologico, ma nella comprensione del mondo naturale, che permette di recuperare l'armonia e la bellezza dell'esistenza in lui, basato sulla sua conoscenza e rispetto per lui. Ma per vedere il mondo naturale e accettarlo senza l'intenzione di dominarlo o negarlo, dobbiamo imparare ad accettare noi stessi e rispettare noi stessi come individui e come i cileni Un'educazione che non conduce i cileni ad accettarci e rispettarci come individui e cileni, nella dignità di chi sa, accetta e rispetta il loro mondo nella responsabilità e nella libertà di riflessione, serve il Cile o cileni. Gesù era un grande biologo. Quando parla di vivere nel regno di Dio, parla di vivere nell'armonia che porta con sé la conoscenza e rispetto per il mondo naturale che ci sostiene e ci permette di vivere in esso. senza abusarne o distruggerlo. Per questo dobbiamo abbandonare il discorso lotta patriarcale e guerra, e abbandonarsi al vivere mistico del conoscenza della natura, rispetto e collaborazione nella creazione di un mondo che ammette errori e può correggerlo. Un'educazione che agire nella conservazione della natura, per comprenderlo con cui vivere e senza pretendere di dominarlo, un'educazione che ci permette di farlo vivere in una responsabilità individuale e sociale che rimuove gli abusi e porta collaborazione nella creazione di un progetto nazionale in cui il l'abuso e la povertà sono errori che possono e devono essere corretti, questo si lo è per il Cile e per i cileni. Cosa fare? Non punire i nostri figli per essere, quando correggono le loro azioni. Cerchiamo di non svalutare i nostri figli secondo quello che loro loro non sanno; Apprezziamo la tua conoscenza. Conduciamo i nostri figli nel di un fare (sapere) che è legato al loro mondo quotidiano. Invitiamo i nostri figli a vedere cosa fanno e, soprattutto, entriamo in competizione 35
Pagina 33
LINGUA, EMOZIONI ED ETICA AFFARI POLITICI Mi sento molto onorato con questo invito e con il pubblico che qui E '. Voglio iniziare con il seguente avvertimento: non sono più un politico di ogni altro cittadino; Non sono meno, perché vivo come tutto nelle azioni, domande e problemi che hanno a che fare con convivenza in una comunità umana. Quello che faccio, tuttavia, è vivere la politica come la mia professione di fede. Pertanto, anche se dichiaro che non sono un politico, qualunque cosa esprimo, lo farà dal la mia responsabilità come cilena. È, quindi, da questo posizione che voglio fare alcune riflessioni sulla lingua, emozioni ed etica, e così facendo, parla della mia esperienza ecapire come un biologo. Perché dovrei parlare come biologo e non come psicologo o sociologo? Parlerò da biologo perché è stato nello studio della fenomenologia di percezione come un fenomeno biologico che ho trovato nello spazio. di riflessioni sul linguaggio, sulla conoscenza e sul sociale. Non sono arrivato a quello che dico prima interessato o immerso nel studio del sociale o del linguaggio, ma sono venuto in secondo luogo al dalla biologia. Ciò implica che ho accettato, come problemi legittimi essere considerato da un biologo, argomenti e domande che, per altri effetti, sarebbe possibile dire che non mi appartengono. Sì, Avrei potuto dire che i problemi del sociale e dell'etica non mi dicono rispetto. Avrei potuto dire che sono uno scienziato focalizzato sullo studio di fenomeni di percezione come fenomeno del sistema nervoso, e che questi altri problemi, infatti, non mi toccano, perché appartenere ad un altro campo professionale. Tuttavia, non lo dico perché non è così 36
Pagina 34
Questo problema riguarda me e questo per diversi motivi. Dice rispetto per me perché sono cileno e appartengo a una cultura in cui Ho imparato, già nei miei giorni da studente, quella riflessione sul sociale fa parte della vita di tutti i giorni. Mi riguardano, anche perché sono stato studente di medicina e hanno reso l'essere umano da allora il campo di la mia attenzione e interesse biologico. È, quindi, da questo sfondo di interessi che ho dedicato alle mie riflessioni, sia sul campo strettamente professionale di neurofisiologia, come nei campi che, derivato da esso, ha a che fare con il linguaggio, con il sociale, e in l'ultima spiaggia, con quella etica. CONOSCENZA E LINGUA Ora voglio dirti, dal punto di vista del mio biologo, cosa necessariamente e inevitabilmente si verifica con certi fenomeni del nostro vita di convivenza, per il semplice fatto che siamo esseri viventi. nel fare Farò due tipi di considerazioni: da un lato, farò alcune riflessioni che chiamerò epistemologico, perché sono la conseguenza difare domande sulla validità delle tue conoscenze; e, d'altra parte, lo farò riflessioni che chiamerò più strettamente di biologico, perché loro hannofare con il nostro operare come esseri viventi. Le riflessioni epistemologiche sorgono con la domanda: come noi sappiamo Questa domanda può essere richiesta senza impegnarsi veramente ad accettare che il fenomeno di sapere è un fenomeno biologico. Quindi, possiamo dire che lo è interessante sapere come sappiamo e sfuggire alla domanda, dicendo questo i filosofi lo risolveranno; o possiamo dire che è ovvio che abbiamo capacità di sapere, in modo che non dobbiamo davvero fare la domanda Tuttavia, se poniamo la domanda non possiamo non notare che gli esseri umani sono ciò che siamo quando siamo esseri umani. Cioè, siamo osservatori o osservatori nell'osservazione e nell'essere quello che siamo, siamo nella lingua In altre parole, non possiamo che gli umani sono umani nella lingua e per essere stiamo riflettendo su cosa ci succede. 37
Pagina 35
Ad esempio, riflettendo su ciò che ci sta accadendo ora in Cile, cosa vediamo accadendo? Cosa faremo? come agiremo? Oppure, riflettendo su di noi qui, ora, in questa stanza, possiamo chiederci: cosa sta succedendo in questa conferenza? di Di cosa sta parlando questa persona? Inoltre, se ci proponiamo di chiedere dal nostro sapere, è chiaro che siamo immersi in una vita che il linguaggio, l'esperienza dell'essere la lingua. E insisto su quest'ultimo punto, perché se non siamo nel linguaggio non c'è riflessione, non c'è discorso, non diciamo nulla,siamo semplicemente senza essere, finché non riflettiamo sull'essere. Ci sono cose che facciamo al di fuori della lingua? Certo! La digestione, per esempio. Mangiamo e la digestione è fatta. Si scopre che c'è la digestione e quello non dobbiamo pensare che la digestione abbia luogo. Quando pensiamo e ci riflettiamo su altre cose accadono con noi che sono diversi di digestione - può anche accadere che abbiamo indigestione - perché, In realtà, la digestione sorge quando si distingue da noi. Se non portiamo con la digestione, distinguendolo nel linguaggio, non c'è digestione. Il fatto che ci incontriamo nella lingua è anche qualcosa che semplicemente succede a noi. Quando riflettiamo sul linguaggio, noi ci siamo dentro In queste circostanze, ci sono due possibili atteggiamenti prima di incontrarci: o accettiamo la nostra capacità di sapere come una determinata condizione, o ci chiediamo come sappiamo. Ora, quando qualcuno si chiede come succede qualcosa, cosa vuole ascoltare è una risposta esplicativa che, in quanto tale, dovrebbe separare il spiegazione dell'esperienza da spiegare, nel proporre a processo che, come risultato del suo funzionamento, dà origine a ciò che si vuole spiegare. SPIEGARE E L'ESPERIENZA Spesso, nella nostra descrizione di ciò che ci accade, noi spiegare con l'esperienza che vogliamo spiegare. Ad esempio, viaggiando in auto, se guardiamo nello specchietto retrovisore e non vediamo nessun veicolo dietro di noi, siamo rimasti sorpresi quando improvvisamente un'altra macchina ci sorpassa e noi diciamo: "Ah! È venuto molto veloce! "L'esperienza è che questa macchina appare, e appare dal 38
Pagina 36
niente; quando la persona si rende conto che è stata superata da un'altra auto, dicendo "è arrivato molto veloce", si unisce alla spiegazione "A causa della sua velocità non l'ho visto avvicinarsi", con l'esperienza, "È apparsa un'auto." Farò un diagramma a cui farò riferimento in tutto il nostro discussione: Presta attenzione alla separazione tra la spiegazione esperienza che voglio spiegare. Qui ci sono due situazioni a cui Mi riferirò. In (1), la domanda che richiede una spiegazione del origine delle proprietà dell'osservatore. In (2), è accettato. Quando lo rifiutiamo? Quando assumiamo che le nostre capacità sono proprietà costitutive del nostro essere umano. se Ad esempio, dico: "C'è un posacenere sul tavolo" e qualcuno mi chiede: "- Come fai a sapere che ce n'è uno posacenere? "e io rispondo:" Perché lo vedo, lui è lì ", lo sono parlando come se avessi la capacità di vedere come a proprietà intrinseca della mia, che non viene messa in discussione. Nella vita lavoriamo in questo modo, ed è davvero conveniente farlo. 39
Pagina 37
Il problema sorge solo quando, in insolito nella nostra vita quotidiana, lo facciamo domande riflessive come: come funziona il sistema nervoso? Come sorge il linguaggio nella storia degli esseri viventi? Che cosa è Come chiami la comunicazione? Qual è questa chiamata? coscienza? Qual è la storia di essere consapevole? Se accetto, all'inizio, che sono consapevole o che ho il capacità di sapere, non ho alcuna domanda da chiedere. Se lo accettiamo abbiamo la possibilità di riferirci al posacenere di capacità di conoscere e parlare, il linguaggio ci appare come a sistema simbolico che ci permette di comunicare sugli oggetti che circondarci, come se fossero esseri che, come il posacenere, esistono indipendentemente da noi. Ma quando vogliamo spiegare cosa si verifica nell'essere vivente, quando voglio capire cosa succede quando a lo scimpanzé è incorporato nella vita umana quotidiana nella convivenza attraverso il sistema di segni usati dai sordomuti, allora lo facciamo domande come: Cosa succede in questa relazione con lo scimpanzé, Com'è parlare? Cos'è questa cosa dei simboli di apprendimento? Come puoi si verifica una cosa del genere? Se accettiamo queste domande, è chiaro che dovremmo proporre una spiegazione dei fenomeni di conoscenza e lingua come fenomeni che ci circondano nel nostro essere esseri viventi perché, se cambiamo la nostra biologia, cambiamo la nostra conoscenza e la nostra la lingua. Ma prima di andare voglio dire qualcosa sulla spiegazione e spiegazione. Spiegare è sempre proporre una riformulazione dell'esperienza per essere spiegato in modo accettabile per l'osservatore. Se tu "Cos'è un fulmine?" Rispondiamo, citando Franklin: "Lo è una scintilla elettrica che salta tra le nuvole e la terra quando le nuvole sono elettricamente cariche a causa del loro attrito con l'aria. " Questa è una rielaborazione dell'esperienza dei lampi di luce che vedi in un giorno di tempesta e chiamato raggi. Quello che sto dicendo è che quando viene accettata una riformulazione dell'esperienza come una riformulazione dell'esperienza, costituisce una spiegazione a chi lo accetta In altre parole, chi ascolta è chi Si tratta di una riformulazione di esperienza come spiegazione, l'accettabilitàesso 40
Pagina 38
come tale Quando il bambino chiede alla mamma: "Come sono qui "e lei risponde" Figlio, sei stato portato dalla cicogna "e il bambino dice "Grazie, mamma" o qualcosa del genere, a questo punto, Questa riformulazione dell'esperienza costituisce una spiegazione del qui del bambino. Quando proponiamo una spiegazione di un fenomeno e dell'altro dice "Ti sbagli", quello che l'altro ci dice è che non lo faccio Accetto questa riformulazione dell'esperienza come la riformulazione di esperienza che voglio sentire. Risulta, tuttavia, che ilcome viene ascoltata una proposizione esplicativa è ciò che determina se lo è o non accettato come spiegazione. O, in altre parole, è il criterio che è usato per accettare o rifiutare una proposizione esplicativa cosa determina che questa proposizione esplicativa è una spiegazione o meno. Nessuna proposizione esplicativa è una spiegazione in sé. È il accettazione dell'osservatore che costituisce la spiegazione e cosa succede con l'osservatore, in generale, è che accetta o rifiuta una spiegazione inconsciamente. Quando il bambino sente "Figlio, lo sei stato portato dalla cicogna "e il bambino è felice, il bambino non ha fatto il riflesso "Quello che ho detto a mia madre soddisfa le mie aspettative o le mie convalida ", ma è così che funziona - ha accettato questa riformulazione come una riformulazione del suo essere lì. Quando, dopo alcuni giorni, il bambino viene e dice: "- Mamma, non credo nella cicogna, perché Juanito, il vicino, vincerà un fratellino e disse che sua madre è che lo sta facendo Ho chiesto a sua madre e lei me l'ha mostrato pancia, dove ha detto che il bambino sta crescendo. "Quando questo accade, la proposizione "Figlio, sei stato portato dalla cicogna" lascia essere una spiegazione, perché cessa di essere una proposta accettata come una riformulazione dell'esperienza di essere qui con il bambino. Quando ciò accade, mamma dice: "Figlio, sei già grande, ora posso dirti che gli neneni sono fatti davvero da Mamma. "E le racconta la storia della piccola ape e del fiore, e il bambino va anche se felice. Questa nuova riformulazione dell'esperienza, quando accettata dal bambino, diventa una spiegazione. 41
Pagina 39
OBIETTIVITÀ-TRA-PARENTESI E OBIETTIVITÀ-SENZA PARENTESI Ciò che sto dicendo, tuttavia, non è "cosa infantile", è una cosa serio. Torniamo alla Figura 1. Quindi voglio separare questi due atteggiamenti riguardo alla domanda l'osservatore e la sua capacità di conoscere, e che sono anche due modi di riflessione. Ti mostrerò, allo stesso tempo, che sono, allo stesso tempo, due percorsi di relazioni umane. senon ci poniamo la questione dell'origine del osservatore, ci comportiamo in realtà come se fossimo noi capacità di riferirsi a entità indipendenti da noi, a verità la cui validità è indipendente da noi, perché non dipendono da cosa noi facciamo. Questo percorso esplicativo, che afferma esplicitamente o implicitamente che le nostre capacità cognitive sono costitutive di il nostro essere, io chiamo il percorso dell'oggettività, senza parentesi. Ascolta una risposta esplicativa quando non assumiamo la domanda dall'origine delle capacità dell'osservatore equivale all'ascolto sperando di sentire un riferimento a una realtà indipendente da noi, accettare come spiegazione la riformulazione presentata come rispondi a una domanda per chiedere una spiegazione. La risposta potrebbe essere implicando un riferimento alla materia, all'energia, alla coscienza, a Dio, a una rivelazione, qualunque cosa si voglia, come riferimento a qualcosa di indipendente di quanto fa l'osservatore e che costituisce, implicitamente o esplicitamente, il la base del criterio che usiamo per accettare questa riformulazione del esperienza come riformulazione dell'esperienza e, quindi, come sua spiegazione. I cileni appartengono a una cultura in cui, quando chiediamo a un interlocutore i dati che provano ciò che lui detto, stiamo chiedendo un riferimento a qualcosa di indipendente o criteri di convalida che ci consentiranno di accettarlo. questo il procedere dalla nostra cultura implica il presupposto implicito. che possediamo, almeno in linea di principio, l'abilità o la capacità necessario fare un tale riferimento. Nella nostra cultura, questa capacità, in non è in discussione Ma quando uno accetta di chiedere fonte 42
Pagina 40
delle capacità dell'osservatore, ciò che viene effettivamente accettato è chiedere: Come posso, in qualità di osservatore, rendere le dichiarazioni che faccio? Come posso fare osservazioni? Come posso rendermene conto, se me ne rendo conto, cos'è realmente, e commetto anche un errore? Come funziona il mio osservatore? Inoltre, accettando questi domande, la biologia acquisisce una presenza perché, ammettendo spiegando le capacità cognitive dell'osservatore, non si può riconoscere che quando la biologia cambia, abilità cognitive. "- Sai che il presidente, sfortunatamente,ho avuto un ictus e non sappiamo se lo sarà al potere? - Perché? "Beh, a causa del tuo cervello!" - Ah! Quindi la tua capacità di governare, dipende dalla tua abilità cognitiva del cervello? - Sembra! che connotiamo in castigliano con le parole menzogna e errore. Si noti che le parole si trovano e l' errore si riferisce allo stato diconoscenza che una persona ha delle proprie circostanze e delle proprie azioni nel momento in cui fa ciò che chiama una bugia o un errore. quandoDico a qualcuno "Stai mentendo!" Quello che sto esprimendo è: no quando dici quello che dici, lo sai che non lo è valida. Quando dico "Mi dispiace, ho effettivamente mentito", lo sono dicendo che nel momento in cui ho detto quello che ho detto, lo sapevo non era corretto La parola errore allude a una cosa molto diversa. Quando dico"Ho fatto un errore" (errore o incomprensione), quello che sto dicendo è questo quando ho fatto la dichiarazione a cui mi riferisco, nel dire che ho commesso un errore, ho onestamente accettato che fosse valido, ma ora lo so non è così L' errore, l' errore è sempre a posteriori. noici sbagliamo sempre dopo l'esperienza che abbiamo detto è stata una equivoco, perché l'incomprensione o l'errore è un'esperienza svalutata. in riferimento a un'altra esperienza, che è senza dubbio considerata valida. Come ci siamo sbagliati, se in realtà siamo in grado di avere accesso a una realtà indipendente da noi in osservazione o riflessione? Come si verifica l'errore? Come nasce l'equivoco? Ci sono, per esempio, situazioni in cui si saluta qualcuno: "Ciao, Juan!" e si dice "Scusa, ho sbagliato. 43
Pagina 41
Non era Juan, avevo un'illusione. "La cosa interessante è che quando saluta Juan, l'esperienza della persona nel dire "Ciao, Juan!" è quella di per incontrare Juan. In effetti, ha tutte le dinamiche fisiologiche di incontrarsi con Juan - ha reazioni di felicità o tristezza, a seconda della loro relazione con Juan al momento di avere l'esperienza della loro presenza, indipendentemente dal verdetto, a posteriori, sul fatto che il Juan ha trovato era un'illusione o realtà. Le illusioni, gli errori, iidee sbagliate, sono sempre a posteriori.Prendi in considerazione un'altra situazione: pesca di trote, per esempio. Preparammo il gancio, gli stivali, la bevanda; siamo arrivati ​​al lago o al fiume e gettiamo il gancio, che passa solo spazzolando l'acqua. Se facciamo tutto questo giusto, la trota salta e solo dopo aver morso il gancio dice "E 'stato un gancio! "La cosa straordinaria è che il gancio appare solo dopo che lei lo ha morso. In altre parole, l'hook viene agganciato solo più tardi. La trota non può distinguere tra l'illusione e la percezione. E, quando salta e morde il gancio lei salta per prendere un insetto. Non possiamo distinguere, nell'esperienza, tra l'illusione e la percezione. Illusione ed errore sono qualificatori che svalutare un'esperienza a posteriori facendo riferimento a un altroesperienza accettata come valida: la persona non si sbaglia quando commetti un errore Ma se per esperienza non possiamo distinguere tra illusione e percezione, verità o errore, in cui, quindi, il fenomeno che conosciamo quando parliamo di conoscenza? Se vogliamo capire il fenomeno della conoscenza, se vogliamo capire il sistema nervoso, se vogliamo capire la lingua, vogliamo capire cosa succede nella nostra convivenza, dobbiamo di questo curioso fenomeno: gli esseri umani, generale, non possiamo distinguere tra l'esperienza di ciò che chiamiamo illusione e percezione come affermazioni cognitive sulla realtà. No Dico che nelle dinamiche sociali non parliamo di illusione e percezione, di errore e verità, o di menzogne ​​e verità, in un modo coerente con il il nostro vivere Ma sto svalutando questa distinzione come a distinzione che ha significato nella convivenza. Quello che voglio dire è che, per capire certi fenomeni, dobbiamo capire cosa succede quando facciamo queste distinzioni. Gli esseri umani il mondo in cui viviamo vivendo, e dobbiamo chiederci come abbiamo istituito e 44
Pagina 42
come viviamo in esso, se costitutivamente, come esseri viventi, non lo facciamo Possiamo fare la distinzione, che noi illusione e percezione. Una delle prime domande che ci viene in mente in queste circostanze è: Possiamo continuare a sostenere la validità delle nostre affermazioni cognitive con il pretesto che sono validi perché si riferiscono a realtà indipendente da noi, se possiamo dire che abbiamo accesso a a questa realtà indipendente dovremmo essere in grado di distinguere esperienza tra l'illusione e la percezione? È vero che abbiamo vissuto ora senza fare questa riflessione, senza esaminare le fondamenta del nostro capacità cognitive e che possiamo continuare a vivere così. ma se riflettiamo, possiamo consentire di approfondire la nostra comprensione delle dinamiche delle relazioni umane, sociali e non sociali, e scoprirne alcuni aspetti che non dovremmo ignorare, se vogliamo essere responsabili in ciò che facciamo nel vivere con gli altri esseri umani e con la natura che ci sostiene e ci nutre. Indico questa consapevolezza che non possiamo distinguere tra illusione e percezione, con un invito a mettere l' obiettività tra parentesi nel processo di spiegazione. Non voglio dire di noci sono oggetti, né posso specificare un certo dominio di riferimento che tratto come indipendente da me. Voglio dire che mettendo l'obiettività tra parentesi, me ne rendo conto Non posso affermare di avere la capacità di riferirmi una realtà indipendente da me, e voglio rendermene conto intenzione di capire cosa succede con i fenomeni sociali del conoscenza e lingua, senza riferimento a una realtà indipendente dall'osservatore per convalidare la mia spiegazione. Nella figura 2, che è un ingrandimento della figura 1, i due percorsi spiegazioni che sorgono a seconda che accettiamo o meno il dall'origine delle capacità cognitive dell'osservatore. Così, quando il l'osservatore non mette in discussione l'origine delle sue capacità cognitive e li accetta come proprietà costitutive, agisce come se ciò che distingue i preesistenti alla sua distinzione, nell'ipotesi implicato di poter riferirsi a questa esistenza per convalidarne la validità spiegare. A questo percorso esplicativo do il nome del percorso esplicativo dell'oggettività - senza parentesi. 45
Pagina 43
In altre parole, nel percorso esplicativo dell'oggettività- le parentesi si comportano come se ciò che diciamo è valido nella funzionedel tuo riferimento a qualcosa che è indipendente da noi. Quindi diciamo: "Quello che sto dicendo è valido perché è oggettivo, non perché sono io chi lo dice È la realtà, sono i dati, sono le misurazioni, non io, il responsabile della validità di ciò che dico e se dico che lo sei sbagliato, non sono io a determinare che ti sbagli, ma realtà. "In breve, operiamo su questo percorso esplicativo accettando che, in ultima analisi, ci sia una realtà trascendente che convalida la nostra conoscenza e la nostra spiegazione, e che il l'universalità della conoscenza si basa su tale oggettività. Sull'altro percorso esplicativo, che chiamo ob- tra parentesi, come ho già detto, nell'accettare la domandala nostra capacità di osservare, il 46
Pagina 44
la biologia acquisisce presenza. Cioè, quando chiediamo l'origine delle capacità cognitive dell'osservatore non possiamo non vedere che questi cambiano o scompaiono quando la nostra biologia cambia, e questo non possiamo disprezzare la nostra condizione di esseri più che nel l'esperienza non può distinguere tra l'illusione e la percezione. Inoltre, ce ne rendiamo conto, ci rendiamo conto anche di quando ascoltiamo una proposizione esplicativa o una riformulazione di esperienza e accettarlo come una spiegazione, ciò che accettiamo non è un riferimento a qualcosa di indipendente da noi, ma una riformulazione del esperienza con elementi di esperienza che soddisfano alcuni criteri di coerenza che noi stessi proponiamo esplicitamente o implicitamente. In altre parole, ci rendiamo anche conto che dipende da se accettiamo o meno una certa riformulazione dell'esperienza spiegato come una spiegazione di esso, secondo un criterio di accettazione cheabbiamo nel nostro ascolto e, quindi, la validità delle spiegazioni accettiamo è configurato nella nostra accettazione e non in modo indipendente di lei Interessante, non è vero? Nel percorso esplicativo dell'oggettività- parentesi, diciamo che un certoLa fisica, per esempio, è accettabile all'inizio se si fa riferimento alla materia o energia, trattandoli come entità oggettive indipendenti dal osservatore e distinguibile attraverso la misurazione strumentale. su Tuttavia, nel fare ciò, consideriamo lo strumento come un'estensione del capacità dell'osservatore di fare riferimento, anche se solo modo indiretto o incompleto, alla realtà che esiste indipendentemente da lui o da lei. In questo modo esplicativo, diciamo che siamo obiettivi perché diciamo che ciò di cui stiamo parlando è valido indipendentemente da noi. Allo stesso tempo, su questa strada esplicativa tutta la verità oggettiva è universale, cioè valida per qualsiasi osservatore perché è indipendente da ciò che fa. Nel modo esplicativo dell'oggettività, tra parentesi , diciamoche una certa spiegazione, in ogni area della Fisica, per esempio, è valido perché soddisfa il criterio di convalida che costituisce la fisica come un campo esplicativo dell'esperienza con elementi del esperienza. In questo 47
Pagina 45
percorso esplicativo, materia ed energia sono le spiegazioni del che vengono usati come tali nella formulazione dell'altro spiegazioni di esperienza, nello spiegare l'esperienza con elementi dell'esperienza che costituisce la fisica. In questo modo spiegando che ci sono molti domini esplicativi, e ciascuno di essi di loro è un dominio oggetto costituito come una spiegazione del esperienza, essendo, quindi, un dominio della realtà. Finalmente, il Da questo percorso esplicativo è possibile capire che la nozione di realtà, sia sull'uno che sull'altro cammino esplicativo è, infatti, a proposta esplicativa. OBIETTIVITÀ E RELAZIONI UMANE Nella vita di tutti i giorni, consapevolmente o inconsciamente, noi ci muoviamo nei due percorsi esplicativi menzionati. Al momento dove incontriamo persone che appartengono al nostro dominio di accettazione reciproca, come quando ci incontriamo con gli amici, operiamo nel oggettività tra parentesi. Questo perché, in questi casi,importa ciò che gli altri dicono o pensano, quali interessi hanno, né se vivono in aree di coerenza dell'azione diverse da la nostra. Li accettiamo, senza dubbio. Nel percorso esplicativo di oggettività tra parentesi non c'è verità assoluta né veritàrelative ma molte verità diverse in molti domini diversi. In questo modo esplicativo ci sono molti diversi domini di realtà, come domini distinti che spiegano l'esperienza diversi vincoli operativi e, come tali, sono tutti legittimi nella loro origine, anche se non sono uguali nel contenuto, e che non sono ugualmente desiderabili per essere vissuti. Nel modo esplicativo dell'oggettività, tra parentesi, il fattouna persona ama la fisica e l'altra biologia, o un essere cristiano e l'altro musulmano non crea una dinamica di negazione nel coesistenza, perché non importa che uno non è come l'altro. "- Sono cattolico, e tu? Musulmano? Ah! quella grande. Prendiamo caffè? "Il fatto che io fossi 48
Pagina 46
non esclude l'altro, e il fatto che l'altro sia un musulmano no esclude. Se non mi piace la religione musulmana, sono affari miei, e se non lo faccio Lo faccio responsabilmente - lo rifiuto perché non mi piace, perché la religione musulmana è sbagliata, come direi se era sul sentiero esplicativo della non-parentesi dell'oggettività. Infatti, quando si è nel percorso esplicativo dell'oggettività- senza parentesi, i rapporti umani non avvengono in reciproca accettazione.Se su questo percorso esplicativo dico, ad esempio, "I am Catholic", significa che ho accesso al vero Dio, e che l'altro, che non lo è Cattolico, è sbagliato. A sua volta, questo altro potrebbe dire: "Io sono Musulmano ", e quindi implicano che egli ha accesso al vero Dio, e che l'altro, io nel caso, è sbagliato, e in un certo senso trascendente che lo nega. In questo modo esplicativo diciamo che il la conoscenza dà potere e legittima l'azione, sebbene questa sia la negazione dall'altra. Di fatto, su questo percorso esplicativo, colui che è nega erroneamente se stesso e ogni atto di negazione dell'altro fondato sulla legittimità della conoscenza è giusto. Questo è quello che succede nelle guerre religiose dell'Irlanda del Nord e del Libano. Di sicuro modo, è anche quello che succede, anche se non necessariamente nel tra israeliani e palestinesi. Ogni volta che viene adottato posizione di avere accesso privilegiato a una realtà indipendente, come costitutivamente si verifica nel percorso esplicativo dell'oggettività- senza parentesi, ciò che non è con la persona è contrario.Sai che non sto dicendo nulla di nuovo. Quello che sono aggregando sono due affermazioni: una, che il dare o meno conta di questo ha a che fare con se o non spiegare le capacità cognitive del osservatore; l'altro, che nella vita di tutti i giorni ci spostiamo senza in un campo o in un altro, a seconda che accettiamo o meno il legittimità del mondo dell'altro. Al momento accettiamo il legittimità del mondo dell'altro, il fatto che sia un musulmano, un cattolico, Protestante o altro, non è discutibile in senso trascendente, e se solleviamo obiezioni, lo facciamo rendendoci responsabili dalla nostra obiezione, comprendendo che è solo giustificato nel nostro desideri. Nel momento in cui vogliamo avere accesso alla realtà obiettivo ci assumiamo la proprietà del 49
Pagina 47
la verità, non accettiamo la legittimità del mondo dell'altro, e il negare in modo irresponsabile, senza prendere in considerazione il nostro emozioni. Al massimo ammettiamo temporaneamente la presenza dell'altro tollerando il loro errore. La tolleranza è una negazione trascurata. Tollerare è dire che l'altroè sbagliato, e lascia che sia per un po '. Figura 2, come a riflessione epistemologica sulla sua spiegazione, è anche un diagramma del relazioni dalle nostre dinamiche emotive, rivelando come la nostra spiegazione ha a che fare con il modo in cui ci incontriamo con l'altro. Se incontro l'altro in una posizione in cui Voglio avere un accesso privilegiato alla realtà, l'altro deve fare il che dico o è contro di me. D'altra parte, se incontro il un altro consapevole che non ho e non posso avere accesso ad a la realtà trascendentale indipendentemente dalla mia osservazione, l'altra è così legittimo come sono, e la sua realtà è legittima quanto la mia, ancora questo non mi soddisfa e sembra minacciando la mia esistenza e ai miei figli Inoltre, posso decidere di agire contro l'altro e la realtà che modella la tua vita, ma lo farò sotto il mio responsabilità e desiderio, non perché lui o lei ha torto. In altre parole: nel percorso esplicativo dell'oggettività, senza parentesi sono sempre irresponsabile nel negare l'altro, perché è "il"realtà "che lo nega, non io; nel sentiero esplicativo dell'oggettività- tra parentesi nessuno è intrinsecamente sbagliato a operarein un regno della realtà diverso da quello che preferisco. Se un altro è l'essere umano opera in un regno della realtà che non mi piace, posso opporsi a lui o lei Posso anche fare qualcosa per distruggerlo o distruggerlo, ma non lo farò perché il mondo che lui o lei porta con sé è sbagliato in un senso assoluto o trascendente, ma perché Non mi piace questo mondo. Nel modo esplicativo dell'oggettività, tra parentesi che diamoche la negazione dell'altro e del mondo che porta con sé il loro vivere non può essere giustificato in riferimento a una realtà o verità trascendente, ma può essere giustificata solo dal preferenze che nega. Per questo, ogni rifiuto dell'altro in arrivo la spiegazione dell'oggettività tra parentesi è una negazioneresponsabile. 50
Pagina 48
RAZIONALITÀ ED EMOZIONI Mi oppongo a qualsiasi governo totalitario non perché lo sia sbagliato, ma perché porta con sé un mondo che non accetto. Questo ècompletamente diverso dal dire che mi oppongo a un governo totalitario perché è intrinsecamente sbagliato. Essere in grado di per dire che qualcosa o qualcuno è sbagliato, dovresti essere in grado di farlo vero, e che la mia affermazione della verità sarebbe obiettiva e, quindi, fondato su una realtà indipendente da me stesso, dovrebbe per conoscere questa realtà. In breve, se dico "Mi oppongo a questo governo perché è sbagliato ", dichiaro di avere il privilegio di avere accesso alla realtà che i membri del governo non hanno. Ma con cosa questo potrebbe dire? E cosa succede se i membri del il governo sostiene allo stesso modo e dice che chi è Mi sbaglio Nota che tutti i sistemi razionali sono basati su accettato a priori. Tutti! Nel percorso esplicativo dioggettività-senza parentesi, operiamo come se la ragione consentisse aalmeno vicino a una realtà trascendente. Ma il la ragione è alterata se prendiamo un colpo sulla testa di colui che ragiona. Se la biologia cambia, il ragionamento cambia; inoltre, se ci muoviamo di padronanza emotiva, cambia il nostro modo di ragionare. La ragione sta sempre su premesse accettate a priori. L'accettazione a priori di assunzioni che costituiscono un dominio razionale appartengono al dominio di emozione e non dominio della ragione, ma non sempre ce ne rendiamo contodi questo Quindi, quando ci incontriamo in una conversazione apparentemente razionale, ci sono due tipi di divergenza differenziarsi dalle classi di emozioni che emergono in loro, di solito non ci distinguiamo perché ci sembrano modi diversi reagire a un errore logico. Sono: a) divergenze logiche, che in realtà sorgono quando uno deii partecipanti alla conversazione commettono un errore nel coerenze operative che definiscono il dominio razionale in cui è dà; e b) divergenze ideologiche che sorgono quando i partecipanti alle conversazioni discutono da diversi domini razionali, come se erano nello stesso dominio. 51
Pagina 49
La cosa normale è che, in entrambi i casi, diciamo che l'altro si impegna un errore logico, ma mentre uno di questi disaccordi viene risolto facilmente, l'altro no. In effetti, viviamo la divergenza logica come se non avesse importanza, e come se il riconoscimento del l'errore è stato facile. Quindi, se io affermassi che 2x2 = 5, il mio interlocutore mostra che a causa della costituzione della moltiplicazione come somma 2 x 2 = (1 + 1) + (1 + 1) = 4, accetto facilmente il mio errore nell'applicare il coerenze operative che definiscono la moltiplicazione e si scusano. Al massimo possiamo vergognarci che la nostra vanità sia stata raggiunto. Le divergenze ideologiche, a loro volta, sono vissute da noi come differenze trascendenti: non riconosciamo l'errore logico, e accusiamo l'altro di cecità o stupidità. Trattiamo queste differenze errori logici, ma li viviamo come minacce la nostra esistenza, non rendendoci conto che quello che sta succedendo è quello siamo in diversi domini razionali e che le nostre differenze sono sono dovuti al fatto che partiamo da premesse a priori, no fatto che uno o l'altro ha commesso un errore nella sua applicazione. Le premesse fondamentali di ogni sistema razionale non sono razionale, sono nozioni, relazioni, distinzioni, elementi, verità, ... quello accettiamo a priori perché ci soddisfano. In altre parole, il sistema razionale è costituito come un costrutto coerente dal applicazione ricorsiva di premesse fondamentali nel campo di che queste ipotesi specificano e in conformità con il regolarità operativa che comportano. Vale a dire, ogni sistema la base razionale ha un fondamento emotivo. Facciamo, tuttavia, una cultura che dà al razionale una validità trascendente, e a cosa proviene dalle nostre emozioni, un carattere arbitrario. Ecco perché è difficile.per noi accettare il fondamento emotivo del razionale e pensiamo che ci espone al caos dell'irrazionalità, dove tutto sembra essere possibile. Succede, tuttavia, che la vita non si verifica nel caos, e che c'è il caos solo quando perdiamo il nostro riferimento emotivo e non lo facciamo sappiamo cosa vogliamo fare, perché ci troviamo ricorrente in emozioni contraddittorie. Inoltre, solo nel percorso esplicativo dell'oggettività, tra parentesi è che possiamo fare questa riflessione e realizzare ilfondamento emotivo di qualsiasi sistema 52
Pagina 50
razionale. Questo perché l'operazione di riflessione consiste nel mettere spazio di emozioni le basi delle nostre certezze, esponendole ai nostri desideri in modo che possiamo tenerli o conoscendoli o cosa stiamo facendo. LA CORPORALITÀ Nel modo esplicativo dell'oggettività - senza parentesi, che è ilpercorso esplicativo che seguiamo quando trattiamo il nostro cognitivo come espressione della nostra proprietà costitutiva, il nostro corpo emerge come strumento di espressione di questo proprietà, e anche come limite alla sua espressione. In questo Modo esplicativo, incontriamo il nostro corpo e lo diciamo impone limitazioni all'espressione del nostro essere razionale trascendente. Nel percorso esplicativo seguiamo accettando che il nostro capacità di osservare i risultati della nostra biologia e ciò che chiamo il percorso dell'oggettività tra parentesi, esattamente quello che succedealtrimenti. Seguendo questo percorso esplicativo, lo realizziamo la nostra corporeità ci costituisce, e che il corpo non ci limita, ma, al altrimenti, ci consente. In altre parole, capiamo che lo è attraverso la nostra realizzazione come esseri viventi che siamo esseri consapevole che esistono nella lingua. Quindi capiamo, per esempio, che nel oggettività-senza parentesi c'è una realtà oggettiva per cuipossiamo indicare, e che usiamo come riferimento per convalidare il nostro spiegare. Lì, qualsiasi affermazione non convalidata da un riferimento al la realtà oggettiva è un errore o un'illusione, perché considera qualcosa di reale che è falso Nel modo esplicativo dell'oggettività, senza parentesi, ill'illusione è l'espressione di una limitazione o incapacità di operare il osservatore. Nel modo esplicativo dell'oggettività, tra parentesi, ill'indistinguibilità esperienziale tra l'illusione e la percezione è a condizione costitutiva dell'osservatore, non una limitazione o fallimento di è operativo. Pertanto, accettando questa condizione come condizione costitutivo, comprendiamo che in questo cammino esplicativo c'è più domini della realtà, ognuno 53
Pagina 51
costituito come un dominio esplicativo definito come dominio coerenze esperienziali. Grazie al suo come domini di coerenza esperienziale, tutto domini della realtà che sorgono nel percorso esplicativo di l'oggettività tra parentesi è ugualmente valida, anche sediversi e non tutti ugualmente desiderabili di vivere. Allo stesso modo tempo, un'affermazione o una spiegazione fatta in un regno della realtà il percorso esplicativo è assurdo, falso o illusorio quando lo è ascoltato da un altro regno della realtà. Quando un governante dice che un altro governo, basato su a ideologia politica o economica distinta dalla sua, è caotica, ha ragione. Certo, è caotico, dal momento che, secondo la prospettiva del coerenze operative di un sistema ideologico, le coerenze di un altro sistema ideologico costituiscono un disordine totale. Qualsiasi affermazione in un regno della realtà ascoltata da a un altro dominio è un'illusione. Adottando il percorso esplicativo di l'oggettività tra parentesi, l'indistinguibilità esperienziale trache chiamiamo illusione e percezione non è una limitazione o un fallimento dovrebbe essere negato o sormontato, ma al contrario, è un'opportunità questo ci porta a fare un'altra domanda: come sono i fenomeni di coabitazione comportamentale, se non possiamo distinguere tra l'illusione e la percezione? LE SPIEGAZIONI SCIENTIFICHE Prima di andare oltre, voglio dire due cose sulla scienza etecnologia, e voglio farlo perché viviamo in una cultura che valorizzascienza e tecnologia. Sono uno scienziato e apprezzo la scienza, ma voglio dì qualcosa sulla scienza per capire cosa apprezziamo e in modo che siamo responsabili di accettare o meno questa valutazione. Parliamo spesso di scienza e tecnologia come spiegazioni e azioni che fanno riferimento a una realtà utile, permettendo di prevedere e controllare la natura. Negli anni 1987 e 1988, quando abbiamo avuto alluvioni a Santiago, il ministro dei lavori pubblici stava dicendo che era tutto sotto controllo, anche se il fiume Mapocho ha continuato a traboccare. perché non ha semplicemente detto: "Noi siamo 54
Pagina 52
agendo in ogni punto in cui possiamo agire? " controllo come la vita di tutti i giorni ci mostra che non controlliamonulla. Guidati dall'idea di controllo, siamo ciechi nei confronti dei nostri circostanza, perché in essa cerchiamo il dominio che esclude l'altro e lui lo nega. Inoltre, nella nostra cultura occidentale, siamo immersi nel idea che dobbiamo controllare la natura, perché crediamo che il la conoscenza consente il controllo. Ma questo, in effetti, non si verifica: la conoscenza non porta al controllo. Se la conoscenza porta ad alcuni parte, è capire, capire e questo porta a armonico e adattato con gli altri e il mezzo. Che cosa fa allora la scienza se non ci permette veramente di controllarla? il la scienza - e la validità delle spiegazioni scientifiche - non lo è né si basa sul riferimento a una realtà indipendente che può essere controllo, ma nella costruzione di un mondo di azioni commensurabilicon il nostro vivere Le spiegazioni scientifiche sono valide perché hanno a che fare con coerenza operativa dell'esperienza nel successo osservatore, ed è per questo che la scienza ha potere. Le spiegazioni sono proposizioni generative presentate nel contesto del soddisfazione del criterio di validazione delle spiegazioni scientifiche. il il criterio per la validazione delle spiegazioni scientifiche fa riferimento esclusivamente alla coerenza operativa dell'osservatore in configurazione di uno spazio di azioni in cui determinate operazioni del l'osservatore nel regno esperienziale deve essere soddisfatto. Vediamo ad esempio il famoso esperimento di Benjamin Franklin con il aquilone. Franklin voleva spiegare il lampo e se gli avessimo chiesto il che avrebbe voluto spiegare, avrebbe detto: voglio spiegare questa luce giorni della tempesta, quando guardi il cielo o l'orizzonte, e vedi lampi di luce e talvolta raggi luminosi che collegano le nuvole sulla terra. Ciò che spieghiamo è sempre un'esperienza. Pertanto, chi descrivi cosa stai per spiegare, descrivi cosa devi fare esperienza che si vuole spiegare. Se dico che voglio spiegare il si verifica in un giorno tempestoso, quello che voglio spiegare è il mio esperienza di vedere un fulmine in un giorno di tempesta. Proponendo il tuo spiegazione, Franklin dice: "Credo che quello che succede è quello le nuvole si caricano elettrostaticamente con l'attrito dell'aria causato dall'essere trascinato 55
Pagina 53
dal vento, che, inducendo una potenziale differenza abbastanza grande tra le nuvole e la terra, a "Quali elementi utilizza Franklin per fare questo proposta? Usa elementi della sua esperienza. Franklin era a casa a giocare con elettrostatico, con condensatori e scariche elettriche, e usato questo esperienza per la tua proposta. Se ho insistito per chiederle di più spiegazioni, mi porterebbe a casa sua e mi mostrerà cosa fa lì: "- Vedi? - mi direbbe - se strofini due sostanze naturali diverso, uno si carica elettricamente rispetto all'altro, e questo può vedere con uno strumento in cui ci sono due lame d'oro che si separano quando i due vengono caricati elettrostaticamente con lo stesso carico. In breve, la mia intera spiegazione è basata su osservazioni (pratiche esperienziali) che ho fatto nel mio laboratorio o nella mia casa. " Dopo aver descritto ciò che voleva spiegare, Franklin avrebbe detto: "Se il il meccanismo che propongo è corretto, dovrei essere in grado di farlo carica un condensatore ponendo un conduttore che collega le nuvole e uno dei suoi poli. Posso dire questo perché lo so ogni volta che ho un corpo elettricamente carico, e ho messo un conduttore tra questo e uno dei poli di un condensatore mentre l'altro polo è collegato sulla terra, il condensatore si carica. "Così Franklin ne fece un altro esperienza (o esperimento). Dove? Nello spazio delle tue esperienze. Non importa che Franklin non possa distinguere tra l'illusione e la percezione, perché ciò che fa è solo legato a ciò che gli accade. Ad esempio, Franklin ha abbattuto un aquilone con un conduttore collegato a un condensatore, e quando vide che era carico, disse: "Ecco il Spiegazione scientifica radicale: le nuvole si caricano elettrostaticamente con attrito; questo produce una differenza potenziale che fa una scintilla salto tra loro e la terra ". In questa serie di operazioni nel suo ambito esperienziale, Franklin soddisfatto le quattro condizioni nello spazio di esperienza dell'osservatore che costituiscono il criterio per la convalida delle spiegazioni scientifiche, e sarà valido per tutti coloro che possono portarlo a termine. Inoltre, questo avvenne senza che Franklin avesse bisogno di fare alcun riferimento una realtà indipendente da lui, sebbene ai suoi tempi ce l'avesse fatto. 56
Pagina 54
Cosa è successo? Considerando gli esperimenti di Franklin, vediamo che tutto si svolge nel campo della coerenza operativa osservatore. Allo stesso tempo, vediamo che il problema di spiegare a il fenomeno o l'esperienza non è mai nell'esperienza, perché è vissuta da fare, nel momento in cui si distingue l'azione che lo costituisce. il questo è fatto, succede e basta Le nostre differenze, le nostre discussioni, una volta che l'esperienza che desideriamo spiegare è stata distinta, spiegazioni: "- Osserva, ci sono bambini che muoiono di fame! - Ah! Che orrore! Questo spiega perché ... ", e il che parla presenta una proposizione economica esplicativa. L'altro dice: "No, quello che succede è ..." e propone una spiegazione sociologica. Abbiamo due diverse proposizioni esplicative e combattiamo. Dove? da Cosa? Combattiamo a causa dell'esperienza della conoscenza muoiono di fame? No! A meno che non ci uniamo al fenomeno vogliamo spiegare con la spiegazione che proponiamo, come quando "Vedi, ci sono bambini che muoiono di fame perché il il governo non offre opportunità di lavoro. " Ma se non lo facciamo questa fusione e accettiamo di spiegare come "i bambini muoiono di fame", iniziamo a discutere la spiegazione, e se non siamo d'accordo, litighiamo per questo e dimentichiamo i bambini. Capisci? Il problema è nella spiegazione. È quindi importante sapere quale sia il spiegazioni. Le spiegazioni scientifiche non si riferiscono alle realtà indipendente dall'osservatore. In realtà, le spiegazioni scientifiche no discriminare tra i due percorsi esplicativi indicati nella figura 2, come i percorsi dell'obiettivo - senza parentesi e l' oggettività - fra parentesi. Questo perché la differenza tra questi duei percorsi esplicativi appartengono allo scopo di "realizzare", quando riflettiamo su ciò che mostra questo diagramma. Me ne rendo conto ogni volta Voglio avere accesso a una realtà indipendente, faccio una dichiarazione sul percorso esplicativo dell'obiettività non parentesi, e verso ilper fare questo, faccio una petizione di obbedienza. Si noti che sul percorso esplicativo delle non parentesi, quando dico "Questo è così", quello che sto facendo è dire all'altro Lui non è d'accordo con me. 57
Pagina 55
sbagliato, e che dovresti fare ciò che dico di aver ragione, e che se non lo fai Non ho altra scelta che richiedere obbedienza o rifiutalo, prima o poi, una volta per tutte. Quando si riflette su questo diagramma, me ne rendo conto anche durante il tragitto spiegando l' oggettività tra parentesi ci sono molti dominidi realtà diverse ma ugualmente legittime, anche se non lo sono ugualmente desiderabile, ciascuno costituito come dominio di nell'esperienza dell'osservatore. E anche io Mi rendo conto che nel percorso esplicativo dell'oggettività, tra tra parentesi un'affermazione cognitiva è un invito fatto all'altroentrare in una certa area di coerenza operativa, e che quello che rende consapevole che ci sono altre affermazioni cognitive uguali altri domini della realtà che l'altro potrebbe preferire. In questo modo esplicativo, le divergenze rivelano che quelli che non sono d'accordo sono in diversi regni della realtà, e che possono unirsi o separarsi a causa della loro divergenza a seconda del se vogliono o no stare insieme. Se non vuoi stare insieme, la divergenza si traduce nella loro separazione responsabile, e se vogliono essere insieme, la divergenza diventa un'opportunità per la creazione di un nuovo regno della realtà, anche in modo responsabile. LINGUA E AZIONE Ora dirò qualcosa sulla lingua. Anche se di solito parliamo di linguaggio come un sistema di segni o simboli di comunicazione, nel momento in cui vogliamo capire il come fenomeno dell'essere vivente o associato all'essere vivente termini di simboli, capiamo che il problema sta nella comprensione come appare il simbolo. Ad esempio, se dico al mio cane "Lo farà cercalo ", indicando la mia mano e il mio dito su ciò che voglio, il è comune il cane che si orienta verso la mano e non quello che sono puntamento. Puntamento richiede l'associazione del gesto di puntamento con cosa viene indicato. Come si stabilisce questa relazione? Il simbolo è a indicando qualche dominio di oggetti concreti o astratti. Come tale, richiede un'operazione di mutuo accordo che, costituendo il come una distinzione 58
Pagina 56
di chi punta e di ciò che è indicato, fa entità che mira. Tale accordo è in lingua. Il simbolo no e per operare con i simboli dobbiamo essere già nel la lingua. Qual è il linguaggio? Quando vediamo due persone attraverso la finestra senza sentire diciamo, cosa sarebbe necessario osservare per affermare che lo sono parlando? Dico che ciò che dovremmo osservare è il corso segui le loro interazioni e che se le vediamo in un flusso di interazioni che vediamo come un flusso nei coordinamenti di condotta di di contuta, che possiamo descrivere come a accordo ", allora potremmo dire che queste persone sono nella lingua. Diamo un'occhiata a un esempio. Se siamo su un lato della strada e vogliamo prendere un taxi, vediamo un taxi vuoto che va nella direzione opposta a quella in cui ci troviamo, lo facciamo un gesto con la mano che ci coordina con l'autista, che poi si ferma. Tale interazione è un coordinamento della condotta semplice e non lo è, visto come tale, niente di più. Ma se dopo aver fatto il gesto coordina la nostra condotta con l'autista alla sua fermata, ne facciamo un altro che gira intorno e si ferma dalla nostra parte, orientato nel contrariamente a quello che seguì, c'è un coordinamento di coordinamento dell'azione. Presi insieme, la prima interazione coordina la fermata e cattura il passeggero, e la seconda, la direzione da seguire. Tale sequenza di interazioni costituisce un linguaggio minimale. un l'osservatore potrebbe dire che c'era un accordo. A prima vista, si è verificata solo una sequenza di coordinate di condotta, una sequenza particolare, perché il secondo coordinamento delle azioni coordina il primo, non semplicemente lo unisce. Il linguaggio è costituito quando è incorporato nel vivere, come vivere, questo scorre in coordinamenti di condotta di coordinamenti di comportamento che nasce nella convivenza come conseguenza di esso - cioè, quando i coordinamenti di condotta sono consensuali. Tutte le interazioni implica un incontro strutturale tra coloro che interagiscono e l'incontro strutturale risulta in a innescando cambiamenti strutturali tra i partecipanti del conferenze. Il risultato di questo è che, ogni volta che si verificano incontri 59
Pagina 57
Si verificano cambiamenti strutturali che seguono un corso dipende dal corso di questi. Questo ci succede nella vita in modo tale che, sebbene lo siamo, come viventi cambiamento strutturale spontaneo e reattivo, il corso del nostro i cambiamenti strutturali spontanei e reattivi sono fatti in modo contingente con la storia delle nostre interazioni. Prendi il caso di un bambino in crescita. Abbiamo messo bambino in una scuola e cresce in un certo modo possiamo vedere con determinate abilità, che diciamo che ha acquisito. Se il lo mettiamo in un'altra scuola, cresce in un altro modo, con altri competenze. Parliamo di apprendimento, ma, in realtà, di ciò che facciamomettere un bambino in un college è introdurlo in un certo modo interazioni, in cui il corso dei cambiamenti strutturali che sono producendo in lui o in lei sia questo e non quello. In modo che tutti sappiamo che viviamo in una forma o nell'altra, andando in un college o in un altro non ha lo stesso risultato, e questo ci preoccupa perché, diciamo, le abitudini sono difficili da cambiare. Inoltre, lo sappiamo tutti, anche se non siamo sempre chiari Inoltre, ciò che è coinvolto nell'apprendimento è la trasformazione del nostro la corporeità, che segue un corso o l'altro a seconda del nostro stile di vita. Stiamo parlando di imparare come catturare un mondo indipendente in un'operazione astratta che difficilmente corporeità, ma sappiamo che non è così. Sappiamo che l'apprendimento ha a che fare con i cambiamenti strutturali che si verificano in noi in a contingente sulla storia delle nostre interazioni. È per via del movimento che si riconosce un cileno o un nord- Americana. Se sono all'estero, mi basta osservare come qualcuno si muove o si veste per sapere che è cileno. E se lo sento Parlare è ancora più facile. Perché i cileni si assomigliano? noi ci sembra di essere immersi nello stesso interazioni, e il corso del cambiamento fisico di tutti noi assomiglia, in per quanto dipende da questa storia. Le differenze in questa storia hanno a che fare con le caratteristiche iniziali di ciascuno, e con le circostanze particolari che si verificano in questa storia che ci costituisce come cileni. 60
Pagina 58
Con il linguaggio succede esattamente lo stesso. Il bambino impara a parlare senza catturare simboli, trasformando in spazio di convivenza configurato nelle loro interazioni con la madre, con il padre e con gli altri bambini e adulti che si formano mondo. In questo spazio di convivenza il tuo corpo cambierà come risultato di questa storia, seguendo un corso contingente con questo storia. E il bambino che non è esposto a un essere umano le vite si sono trasformate in esso secondo la vita in esso, non è umano. Questo è e dovrebbe essere parte della nostra preoccupazione quotidiana: i bambini crescere sotto una dittatura, crescere bambini che crescono in una democrazia. In sottofondo, questo è ciò ci riferiamo quando diciamo "Questo è incarnato in esso". È a causa dell'incarnazione del modo di vivere che non è facile cambiare, perché le persone hanno già "vissuto in un certo modo" quando sorge la domanda di cambiamento. La difficoltà di cambiamenti di comprensione, di pensiero, di valori, è grande. Ciò è dovuto all'inerzia del corpo e non al fatto che il corpo sia una zavorra o costituire una limitazione. È la nostra possibilità e condizione di essere. Inoltre, la vita si presenta in modo costitutivo come a storia di cambiamenti strutturali in cui la congruenza di tra l'essere vivente e l'ambiente, e in cui, quindi, il mezzo cambia insieme all'organismo che ci sta dentro, come ho indicato nella figura 3 61
Pagina 59
In altre parole, l' organismo e il medio si scatenano l'un l'altrocambiamenti strutturali sotto i quali rimangono reciprocamente congruente, in modo che ognuno fluisca nell'incontro con l'altro seguendo le dimensioni in cui conservano la loro organizzazione e adattamento, altrimenti l'organismo muore. Alla fine, ciò accade spontaneamente, senza alcuno sforzo da parte dei partecipanti, come risultato del determinismo strutturale nelle dinamiche sistemiche che costituisce nell'incontro organismo-mezzo. Di conseguenza,mentre sono vivo e fino alla morte, vivo in interazioni ricorrenti con il mezzo, in condizioni in cui il mezzo e io sono cambiati congruenti. È sempre così? Sì, sempre! Spiegherò meglio: se Dico che ho attraversato una porta dell'università per studiare medicina, e che dopo sette anni ho attraversato una porta che era, allo stesso tempo, la e uno diverso, devo chiarire in che senso questa porta è la e in che senso non lo è. Non è nel senso umano, perché sono andato trattati diversamente al momento dell'iscrizione e al momento di ma è lo stesso se parlo in senso architettonico, sottintendendo che la mia osservazione non è cambiata e che l'edificio non lo è stato demolito e ricostruito nel frattempo. Voglio dire, solo se io muto è che le mie circostanze cambiano, e la mia circostanza cambia solo se cambio. L'organismo e l'ambiente stanno cambiando insieme in modo congruente per tutta la vita dell'organismo. A volte lo spiego riferendomi a un mio zio, molto ricco. Alcuni di voi potrebbero avermi sentito dire al storia di questo zio, ma, in breve, le "storie dello zio" sono così cilene che, perché non raccontare la storia dello stesso zio? Mio zio è molto ricco ed è molto malato. Stai per morire, e io e mio fratello siamo tuoi. eredi unici. Ha un pacemaker, con respirazione artificiale, necessità di sottoporsi a emodialisi tre volte a settimana, ha bisogno di essere alimentato per via endovenosa, ed è incosciente per la maggior parte del tempo. da questo, poche settimane fa, ho cercato un giudice per richiedere il mio eredità e gli disse: "Voglio la mia eredità, mio ​​zio sta morendo". Il giudice rispose, in giustizia alla giustizia cilena: "- Dov'è il certificato di morte "Non ce l'ho, ma dico che sta morendo, sebbene sia ancora vivo. "Allora non puoi rivendicare l'eredità." 62
Pagina 60
Mio zio è molto malato e morirà, ma non è morto. Mio zio è vivo e vivo finché vivo, indipendentemente da ciò che io pensa al tuo benessere Inoltre, da quando mio zio è diventato vivo alla clinica di Las Condes 2 in una meravigliosa ambulanza di tutti i tipi di risorse che venivano utilizzate durante il viaggio da casa tua la clinica, mio ​​zio è stato trasformato con il mezzo, e il è stato trasformato con lui nella conservazione della sua congruenza reciproca. Mento perché non posso portarlo in spiaggia ma so che se lo prendo lui muore perché il ritiro del congruenza con l'ambiente in cui è vivo. Non essere scandalizzato, questa è solo la storia di uno zio che mostra, in una situazione quotidiana, che un essere vivente è vivo solo mentre conserva il suo congruenza con l'ambiente, e che la vita è solo l'organismo e l'ambiente sono trasformati congruentemente sotto condizioni dell'organizzazione del vivente. La conseguenza di tutto questo è che siamo come siamo congruenza con il nostro ambiente e che il nostro ambiente è come congruenza, e quando questa congruenza è persa, non lo facciamosiamo di più. Questa dinamica costitutiva reciproca è valida per a organismo, indipendentemente dal suo ambiente e, nel nostro caso, il umano, qualunque sia la nostra dinamica di convivenza. Se due gli esseri viventi si trovano in interazioni ricorrenti, come nella figura 4, c'è una storia di cambiamenti strutturali congruenti tra di loro, in quale mezzo di A include B e C, quello di B include A e C, e quello di C include A e B. Questo cambiamento congruo accade comunque, indipendente dalla nostra volontà, e lo sappiamo tutti. ____________________ 2 Clinica sanitaria a Santiago, Cile. 63
Pagina 61
Se ora consideriamo questa situazione di convivenza tra A e B, in relazione a ciò che abbiamo già detto sul linguaggio come a coordinamento della condotta del coordinamento consensuale della condotta, in una storia di interazioni ricorrenti, vediamo, da un lato, questo linguaggio come parte del processo di cambiamento strutturale di A e B, dipendente dal corso delle sue coordinate di condotta e, per altro, che seguono un corso contingente A e B passano nel corso di tale coordinamento di condotta di coordinamento consensuale di condotta. Nell'incontro di A e B, A non specifica cosa succede con B, né B che si verifica con A. Gli esseri viventi sono sistemi determinati da la nostra struttura Niente di esterno a noi può specificare ciò che noi Succede. Ogni volta che c'è un incontro, dipende da cosa succede a noi noi. Questo lo sappiamo tutti. Quando invitiamo il sindaco della cittàvisitare un'opera, se non vogliamo che muoia se a Mattone in testa, ti chiediamo di indossare un casco. E noi no perché è il mattone che ucciderebbe il sindaco, ma perché sappiamo che il il cranio del sindaco ha una tale struttura che il suo incontro con il mattone che cade da una grande altezza innesca in lui un cambiamento strutturale distruttiva. In altre parole, la morte del sindaco dipende dal mattone? No! Dipende dal capo del sindaco! L'incontro con il mattone è a contingenza storica. La prova che lo sappiamo è così nel fatto che abbiamo modificato la testa del sindaco con un elmetto, non con il mattoni. Quello che ho appena detto scherzosamente è una condizione costitutiva del esseri viventi. Anche in una conversazione come questa, tutti ascoltano da se stesso e, costitutivamente, a causa del determinismo possiamo solo ascoltare da noi stessi. cosa Dico è un disturbo che si innesca in ognuno di voi a determinato cambiamento strutturale in te stesso, non in quello che io Dico, e quindi non determinato da me, che io sono solo il contingenza storica in cui ti ritrovi a pensare a cosa stanno pensando. Quando siamo in interazioni ricorrenti nella convivenza, cambiamo in modo congruente con la nostra circostanza, con l'ambiente, e in senso stretto nulla è un'opera del caso, perché 64
Pagina 62
tutto ci succede in un dono interconnesso che viene generato continuamente come una trasformazione dello spazio delle congruenze a che apparteniamo. Allo stesso tempo, nulla di ciò che facciamo o pensiamo è banale o irrilevante, perché tutto ciò che facciamo ha delle conseguenze nel campo dei cambiamenti strutturali a cui apparteniamo. Se osserviamo ingenuamente l'incontro di A e B, potrebbe sembrare questo A determina cosa succede a B, ma non è così. Con B si verificano cose determinate in B in base al loro presente strutturale, ma questo è emerso da una storia di interazioni molto più ampia della sua spazio con A. Lo stesso accade con A in relazione a B. A e B sono entità indipendenti, ma solo nello spazio in cui storicamente non sono indipendenti. Diamo un'occhiata a questo in un altro modo. Se metto una chiave in una serratura e apro una porta, può sembrare che la chiave è che ha definito la modifica prodotta nella serratura. Ma no Questo è così, se perdo la chiave, dovrò usare il lucchetto per farlo. una chiave che lo apre. È il blocco che determina se la chiave è appropriato o no, non la chiave. Sotto l'aspetto ingenuo potrebbe sembrare che la chiave apre il blocco quando il blocco e la chiave sono congruenti, e normalmente lock e key sono congruenti la costruzione. Nel caso degli esseri umani si verifica la congruenza della condotta dalla storia. Ti parlo in spagnolo e mi ascolti Castigliano o, più precisamente, castigliano-cileno. Perché? Perché apparteniamo alla stessa storia. Ma è interessante notare che questo appartiene alla stessa storia, che si vede nella congruenza di la condotta di due o più organismi viventi è il risultato di una storia di cambiamenti strutturali congruenti all'interno di un quadro di interazioni ricorrenti che direttamente o indirettamente contribuiscono a ricorsivamente per configurare le stesse modifiche che storia. La lingua appare anche nella storia degli esseri viventi nel contesto di interazioni ricorrenti, nella ricorsione consensuale delle coordinate di condurre. La spontaneità e naturalezza con cui emerge il consenso nella convivenza può essere visto nella convivenza con un animale come un gatto, per esempio. Quando adottiamo un gatto e viviamo con lui per 65
Pagina 63
tempo - un giorno, due giorni, una settimana - lo spazio iniziale di il comportamento è ampliato dal momento dell'adozione. in Poco tempo il gatto impara - diciamo - dove si trova il cibo, e capire quando ti invitiamo a salire sulle nostre ginocchia oa dormire con noi a letto. In altre parole, nella convivenza con il gatto nel suo insieme insieme di condotte che si verificano nel presente come risultato di a storia di interazioni ricorrenti, che non sarebbero sorte senza questo storia. Ma perché ciò accada, bisogna accettare il gatto come uno legittimo nelle interazioni con lei, e il gatto deve accettare il persona allo stesso modo. Prenderò il gatto, lo porterò a casa e lui lo farà però. Non accettarmi. Prendo il gatto, lo porto a casa e mia moglie non lo vuole e lo rifiuta, non lo accetta. La storia delle interazioni ricorrenti non succede L'accettazione dell'altro come legittimo non è un sentire è un modo di agire. Se lavoro con il gatto in modo che a l'osservatore può dire che lo accetto, l'accettazione è data. Se non lo faccio, il l'accettazione non si verifica EMOZIONI E INTERAZIONI UMANE: AMORE Perché ci sia una storia di interazioni ricorrenti, deve esserci un emozione che costituisce i comportamenti che si traducono in interazioniricorrenti. Se questa emozione non si verifica, non c'è storia di interazioni solo incontri casuali e separazioni. Ci sono due emozioni pre-verbali che lo rendono possibile. Loro sono rifiuto e amore. Il rifiuto è l'area di negare l'altro come legittimo un altro nella convivenza; l'amore è il di condotta accettando l 'altro come legittimo nel convivenza. Il rifiuto e l'amore, tuttavia, non sono opposti perché l'assenza di uno non conduce all'altro, ed entrambi hanno come opposto il indifferenza. Il rifiuto e l'amore, tuttavia, sono opposti nella loro conseguenze della convivenza: il rifiuto della negazione e l'amore di E '. Il rifiuto è uno spazio per le interazioni ricorrenti culmina con la separazione. L'amore è uno spazio di interazioni che si sta allargando e può 66
Pagina 64
stabilizzare come tale. Questo è il motivo per cui l'amore è uno spazio di interazioni, in cui uno spazio di convivenza il coordinamento della condotta del coordinamento consensuale di condotta che costituisce la lingua, che fonda l'umano. Ed è per questo che l'amore è l'emozione fondamentale nella storia del lignaggio ominide a cui apparteniamo. Perché uso la parola amore? Uso la parola amore perché è la parola che usiamo nella vita di tutti i giorniper riferirsi all'accettazione dell'altro o qualcosa come legittimo un altro nella convivenza. Qualcuno dice a un amico che sta pulendo il suo auto: "- Ehi, ami davvero la tua auto? "Sì, certo", risponde, È nuovo, mi prenderò cura di lui. Mi piace. "Ad un'altra persona che Lascia che il gatto si arrampichi sul tuo letto, possiamo dire: "- Ehi, sembra che tu ama il tuo gatto! "Sì, risponde, lo amo." O, quando qualcuno ci consente di essere ciò che siamo, senza richieste, diciamo "Il tal dei tali è un" amore "o" Il tal dei tali mi ama ". Allo stesso tempo, quando qualcuno negaci le richieste, dì "Non mi ami". Cos'è l'amore? L'amore è l'emozione che costituisce l'azione di accettare l'altro come un altro legittimo nella convivenza. Pertanto, amare è aprire uno spazio di interazioni ricorrenti con l'altra, in cui la sua presenza è legittima, senza alcun requisito. L'amore non è un fenomeno biologico possibile o speciale, è un fenomeno biologico quotidiano. Più di questo, l'amore è un fenomeno biologico così basilare e quotidiano nell'umano, quello spesso lo neghiamo culturalmente creando legittimità della convivenza, in funzione di altre emozioni. Quindi, per Ad esempio, l'intera dinamica della creazione di guerra quando c'è una lotta con un altro, consiste nella negazione dell'amore che dà indifferenza, e quindi nella coltivazione del rifiuto e dell'odio che negano l'altro e consentire la sua distruzione o portare ad esso. Se questo non è fatto, il la biologia dell'amore distrugge il nemico. Questo è stato un problema che è sorto durante la prima guerra mondiale con le trincee. I tedeschi conversato con l'inglese o il francese, e la guerra. Era necessario proibire 67
Pagina 65
incontrare i nemici fuori dalla battaglia. Questo è il motivo per cui il torturatore deve insultare e denigrare i torturati. Ricordo di aver letto nella squadra europea, nel 1961 o 1962, atitolo che diceva: "50 americani uccisi, 200 comunististerminati. " I comunisti erano vietcong e furono sterminati,ma gli americani stavano morendo. Chi è stato sterminato? Non il chi è come lui, ma chi è diverso da lui, ed è necessario per definire il nemico come diverso, più spesso con a argomento razionale, altrimenti non è un nemico e non lo uccidiamo. Gli esseri umani inventano discorsi razionali che negano amore, e quindi rendere possibile la negazione dell'altro. Non come qualcosa circostanziale, ma come qualcosa culturalmente legittimo perché nel spontaneità della nostra biologia siamo fondamentalmente aperti al accettazione dell'altro come legittimo altro nella convivenza. questo la disposizione biologica di base è fondamentale in noi perché è la base di la nostra storia ominide. Quello che sappiamo nella vita di tutti i giorni quando distinguiamo cosa noi chiamiamo le emozioni sono domini di azioni. Pertanto, sottolineo che il che distinguiamo biologicamente parlando di emozioni diverse sono le diverse disposizioni dinamiche del corpo che specificano il diversi domini di azioni in cui noi, gli animali, ci muoviamo. da questo, nella misura in cui diverse emozioni costituiscono domini di diverse azioni, ci saranno diversi tipi di relazioni umane a seconda dell'emozione che li sostiene, e lo sarà emozioni per distinguere i diversi tipi di relazioni umane, già che li definiscono. Quindi, se osserviamo l'emozione che definisce il dominio delle azioni in che costituiscono le relazioni che chiamiamo vita quotidiana relazioni, vediamo che è amore, perché le azioni checostituiscono ciò che chiamiamo sociale sono quelli dell'accettazione dell'altrocome legittimo altro nella convivenza. In sociologia trattiamo tutti le relazioni umane come relazioni sociali. Secondo quello che io non tutte le relazioni umane sono dello stesso tipo, fatto che viviamo i nostri incontri sotto emozioni diverse, quali diversi campi di azione. O in altri 68
Pagina 66
parole, solo se i miei rapporti con l'altro si svolgono nel l'accettazione dell'altro come legittimo altro nella convivenza e, quindi, in fiducia e rispetto, le mie conversazioni con quell'altro nello spazio delle interazioni sociali. Consideriamo ora le relazioni basato su altre emozioni che sull'amore. Relazioni di per esempio. RELAZIONI SOCIALI E NON SOCIALI I rapporti di lavoro, secondo quello che ho detto, non lo sono relazioni sociali perché sono basate su un impegno da soddisfare un compito e, in loro, l'adempimento del compito è l'unica cosa che questione. In altre parole, adottare l'impegno del lavoro è essenziale che i partecipanti siano persone, esseri multidimensionali,ma una volta che l'impegno è stato fatto, il fatto che i partecipanti siano le persone e hanno altre dimensioni relazionali no rilevanza. Ciò è evidente quando colui che accetta il il lavoro ha qualche difficoltà nel realizzarlo. Quando ciò accade, il capo si lamenta e dice: "- Non ti pagherò, hai perso la settimana: non è venuto, non ha adempiuto, non lo ha pagato. "Ma, signore," balbettò il dipendente - mia moglie ... mio figlio ... mia suocera ... - Guarda, - risponde il capo - le cose personali non arrivano qui, l'unica cosa ciò che conta è il compito. "Allo stesso tempo il dipendente, è stato negato nelle sue altre dimensioni, lo sa che in un certo ciò che il capo ha detto è legittimo di fronte all'accordo compito, ma si lamenta e si sente insultato. Il nostro problema è questo confondiamo i domini, perché funzioniamo come se tutte le relazioni gli esseri umani sono dello stesso tipo e non lo sono. Le relazioni umane non sono basati sull'accettazione dell'altro come legittimo la convivenza non sono relazioni sociali. I rapporti di lavoro non lo sono relazioni sociali. Lo stesso vale per le relazioni gerarchiche, da allora Questi sono basati sulla negazione reciproca implicita, il obbedienza ed empowerment che portano con loro. Il potere emerge con l'obbedienza e l'obbedienza costituisce il potere come una relazione di rifiuto reciproco. Relazioni gerarchiche 69
Pagina 67
sono relazioni fondate sulla sopravvalutazione e svalutazione che costituiscono il potere e l'obbedienza e, quindi, non sono relazioni sociali. Di solito parliamo come se l'altro avesse potere, ma nel È vero, non è così. Mi ricordo che durante il Il presidente Allende, un ufficiale militare è stato nominato ministro degli Interni. doveva mettere fine a uno sciopero dei camionisti. Ha dato ordini e no non è successo nulla Dov'è il potere dei militari? In obbedienza agli altri. Se do un ordine al soldato e lui non obbedisce, dove è il mio potere? Il potere non è qualcosa che ha, è una relazione in cui qualcosa è concesso a qualcuno attraverso l'obbedienza e l'obbedienza lo è quando qualcuno fa qualcosa che non vuole fare soddisfacendo a ordine. Chi obbedisce si nega perché, per evitare o ottenere qualcosa, fa ciò che non vuole su richiesta dell'altro. Con cosa obbedisci agisce rabbia, e nella rabbia nega l'altro perché lo rifiuta e non lo accetta come a altro legittimo nella convivenza. Allo stesso tempo, ciò che obbedisce nega se stesso obbedendo e pensando: "Non voglio farlo, ma se non lo faccio Sono espulso o punito e non voglio essere espulso o punire. "Ma chi governa nega anche l'altro e nega se stesso anche se non incontra l'altro come legittimo nel convivenza. Si nega perché giustifica la legittimità di l'obbedienza dell'altro con la sua sopravvalutazione, e nega l'altro perché giustifica la legittimità dell'obbedienza all'inferiorità dell'altro. Quindi, rapporti di potere e obbedienza, relazioni gerarchico, non sono relazioni sociali. Un esercito non è un sistema sviluppo sociale. Tuttavia, tra i membri di un esercito può essere dato relazioni sociali. Per vedere questo, basta guardare la letteratura che rivela situazioni della vita quotidiana. Ad esempio, cosa succede tra un generale e la sua ordinanza. Scena: felice, l'ordinanza pulisce il uniforme del generale e parla: "- Dove vai stasera? il mio generale - Me ne vado. "E ... è una brava persona, la ragazza?" "Sì, certo, lei è molto bella! "Finora, la relazione sociale sta andando bene, ma improvvisamente il L'ordinanza dice: "Il mio generale, sai, penso a quello che mi hai chiesto di fare fare ieri non darà. - Devi fare quello che hai detto! - Ma, il mio generale ... "" È un ordine! " Niente più relazioni sociali! il l'amicizia tra l'ordinanza e il generale non esiste più, sono adesso in una gerarchia. 70
Pagina 68
Gli umani non sono tutti tempi sociali; solo noi siamo nelle dinamiche dei rapporti di reciproca accettazione. Nessuna azione di accettazione Non siamo social. Tuttavia, nella biologia umana il sociale fondamentale che appare sempre e ovunque. Nel momento in cui il capo ascolta un lavoratore o un dipendente sulla malattia di sua moglie che accetta la sua legittimità, il persona che realizza il lavoratore o il dipendente e si crea una relazione sociale. Ma il capo che ascolta non è un buon capo, perché confonde a relazione che dovrebbe essere esclusivamente di lavoro con una relazione sviluppo sociale. Il buon capo è colui che adempie ai suoi impegni verso il suo dipendenti e con le leggi o gli accordi comunitari che disciplinano il accordi di lavoro. È proprio perché i rapporti di lavoro no sono le relazioni sociali che sono leggi necessarie che le regolano. Nella cornice le relazioni sociali non si adattano ai sistemi legali, perché le relazioni accettazione reciproca e, quindi, rispetto reciproco. I sistemi legali costituiscono meccanismi di coordinamento tra persone che non costituiscono sistemi sociali. entro del sistema sociale opera in una congruenza di condotta vissuta come spontaneo, perché è il risultato della convivenza nell'accettazione reciproca. Se guardi alla storia, lo capirai emerge quando le popolazioni umane diventano così grandi che cessano di essere sistemi sociali e frammenti nelle comunità movimenti sociali più piccoli ma indipendenti, o danno origine al comunità non sociali che aprono nuovi spazi per le interazioni basato su altre emozioni che sull'amore. Dico che i fenomeni sociali hanno a che fare con la biologia, e questo l'accettazione dell'altro non è un fenomeno culturale. Inoltre, io culturale, nel sociale, ha a che fare con la delimitazione o la restrizione di accettazione dell'altro. È nella giustificazione razionale di coesistenza inventiamo discorsi o sviluppiamo argomenti che giustifica la negazione dell'altro. Insegniamo ai bambini, dal rifiutare determinati tipi di persone e animali. Quindi, se la madre vede che suo figlio vuole giocare con qualcuno che non le piace, lei dice: "Non giocare con questo ragazzo, è uno straccio". 71
Pagina 69
Questo succede a noi senza rendercene conto, perché viviamo in a cultura che fa questo, e dobbiamo riflettere per evitarlo. I cani dei ricchi ringhio per i poveri. A chi ringhia? Per la negazione di un altro che rende i ricchi. Sto usando la parola ricca per parlare di auna persona che nega l'altro per paura di perdere ciò che ha. il mio il cane sa esattamente chi sono i miei nemici. Come lo sai? Perché li nego nelle mie dinamiche emotive, muovendomi nel aree di azione che porta. Se la mia emozione è rifiuto, il mio la condotta non è accettare l 'altro come un essere umano legittimo nel coesistenza e, se apparteniamo alla stessa cultura, realizza, anche Voglio nasconderlo perché apparteniamo allo stesso dominio di congruenza strutturale. Non possiamo evitare la nostra biologia. E inoltre evitarlo se ci costituisce? È meglio incontrarla. L'ETICA Ora voglio fare alcune riflessioni sull'etica. Noi in cultura riflettiamo eticamente. Parliamo di diritti diritti umani, abbiamo le Nazioni Unite United. Io, nel mio laboratorio, ne ho una copia, e lei Ho aggiunto due punti: il diritto di sbagliare e il diritto di cambiare di opinione. Ci sono libri in cui i diritti umani sono razionalmente giustificato. Tuttavia, il Bill of Rights Diritti umani e discorsi razionali sui diritti umani, per puliti come sono, convincono solo quelli che sono già convinti. da Cosa? Perché il razionale deve operare all'interno di un quadro di coerenze approcci operativi e discorsivi basati su una serie di premesse fondamentale, accettato a priori, che lo determina. Quello che non hai stesse premesse fondamentali hanno altro, e genera, modo impeccabile, un discorso razionale diverso che ne costituisce un altro dominio delle coerenze operative e discorsive, e quindi un altro dominio razionale. Questo si applica al campo dell'etica? Certamente. La preoccupazione etica, preoccupazione per le conseguenze che le nostre azioni hanno sul un altro, è un fenomeno che ha a che fare con 72
Pagina 70
l'accettazione dell'altro e appartiene al dominio dell'amore. Questo è il motivo la preoccupazione etica non supera mai il dominio sociale in cui sorge. Nel 1955 ero uno studente in Inghilterra. Ho visitato con diversi amici una mostra di dipinti di un pittore giapponese sul distruzione e sofferenza generate dalla bomba atomica Hiroshima. All'uscita, uno dei miei amici ha detto: "- Mi interessa Centomila giapponesi sono morti a Hiroshima, se non lo faccio Non ne conoscevo nessuno! "Sentire questo mi dava i brividi e, allo stesso tempo, io sembrava meraviglioso. Ho ringraziato il mio amico per averlo detto, perché mi ha fatto capire qualcosa di fondamentale: se non ho incorporare quelli giapponesi nel mio mondo, accettarli come legittimo gli altri nella convivenza, non posso preoccuparmi di cosa succede a loro come conseguenza delle mie azioni. La sua onestà era meraviglioso e rivelatore, eppure scioccante. L'etica non ha una base razionale ma emotiva. quindil'argomento razionale non funziona, e questo è esattamente il motivo per cui lo è sistemi legali che definiscono le relazioni tra esseri umani basati sulla configurazione di un sociale capace di abbracciare tutti gli esseri umani. La Dichiarazione dei Diritti Umani è presumibilmente in grado di che comprende tutte le nazioni in un sistema giuridico comune che imita, per dichiarazione, relazioni sociali che sorgono spontaneamente nel convivenza basata sull'amore. Era necessario farlo perché in ognuno la preoccupazione etica non va oltre i suoi confini. Quindi parla dell'umanità e spero che uno scopo sociale dell'umano accade spontaneamente, non funziona, perché non è facile estendere il accettazione dell'altro, senza riflessione, oltre i propri confini attività culturali. Tuttavia, quando siamo fuori dal paese, tutti i cileni nel noi vogliamo La verità è che l'ideologia dell'altro non importa molto, e, infatti, non l'abbiamo incontrato lì. Io non la penso così fuori potremmo essere tutti democratici. Perché? Perché noi accettiamo semplicemente perché siamo cileni. Qualcuno dice, per esempio: "- Sono un comunista. - Ah! Ci vediamo! Sono radicale! - I Sono liberale! " 73
Pagina 71
Oppure: "- Sono conservatore! - Oh, è interessante, quindi andiamo. parlare! "Fuori dal Cile, abbiamo parlato di queste cose, noi reciprocamente; dentro il Cile, combattiamo. Perché? Perché il il dominio sociale è un dominio definito dalla nostra reciproca accettazione nel Cultura cilena. Non qui In Cile, abbiamo istituito il e ci dimentichiamo del Cile, che è nascosto nel naturale. Nel campo delle preoccupazioni etiche cilene includere i cileni. Se la carta d'identità ha definito l'estensione della nostra accettazione dell'altro come legittimo altro nella convivenza, poi tutti i cileni con ID, e solo questi, farebbe parte delle nostre preoccupazioni etiche. È dovuto al carattere sociale delle preoccupazioni etiche, dipendenti dal amore, non ragione, che una particolare comunità politica può fare giudizi etici che non sono validi per un altro. Lo spazio sociale che definisce un'ideologia politica non è la stessa di un'altra, perché ciascuna L'ideologia politica definisce una specie di umanità. Voglio insistere che lo sia dobbiamo capirlo, perché nella misura in cui la fede-nomenologia dell'amore è nel fondamento biologico dell'umano, sarà presente in ogni caso. Non penso che ci sia una buona comprensione del fenomeni di convivenza e la storia dei fenomeni politici se comprendiamo la natura del sociale e dell'etica nell'ambito della sua fondazione emotivo. COSTITUZIONE POLITICA E COESISTENZA Le relazioni umane avvengono sempre sulla base di definire l'ambito della coesistenza. Pertanto, la coesistenza di persone appartenenti a domini sociali e non sociali distinti richiede l'istituzione di regolamenti che operano definendo il spazio come dominio emotivo dichiarativo che specifica i desideri di convivenza e, quindi, lo spazio delle azioni che il Lo fanno. La costituzione di un paese o di una nazione fa questo, ci unifica in a progetto nazionale e, se lo generiamo insieme, ci unifica nel dei desideri e costituisce un'area di reciproca accettazione in cui la convivenza. Lo è 74
Pagina 72
capisci bene: senza l'accettazione reciproca, non ci può essere no coincidenze nei desideri, e nessuna coincidenza nei desideri non c'è armonia nella convivenza, né nell'azione né nella ragione e, quindi, no c'è libertà sociale. Inoltre, se non lo comprendiamo, non lo facciamo possiamo capire perché ci sono certe divergenze che non lo faranno mai risolvere senza un atto dichiarativo che li elimina. Ad esempio, credo che la guerra cattolica protestante in Il Nord è una guerra eterna. Cioè, è una guerra di sterminio di opposizioni politiche che possono scomparire solo se coloro che abbandonarli per ragioni di divergenza. Cosa mi spinge pensando in questo modo è la mia comprensione della biologia del conoscere e le conseguenze di diverse posizioni cognitive su relazioni umane. Le proposte politiche e religiose sono fatte, in generale, dall'oggettività, senza parentesi, come dominirivelando una realtà indipendente dall'osservatore. Questo è il motivo divergenze politiche e religiose vissute nell'oggettività, senza le parentesi sono eterne e non hanno soluzione e sono finite per la conversioneo scomparsa di una delle parti. Il compito della democrazia è uscire opposizione alla creazione di un dominio di convivenza in cui il reclamo avere un accesso privilegiato a una verità assoluta svanisce. Viviamo una cultura che convalida la competizione e la lotta, e spesso diciamo che la democrazia è la libera competizione per il potere. Questo è un errore, se quello che vogliamo è una convivenza in cui non lo facciamo povertà, abuso e oppressione come modi di vita legittimi. Non c'è competizione sana o conflitto fraterno. Sì che cosa vogliamo una coesistenza in cui povertà e abuso non sorgano come legittime istituzioni di vita nazionale, il nostro compito è quello di fare il democrazia un'opportunità per collaborare alla creazione quotidiana di convivenza basata sul rispetto che riconosce la legittimità del un altro in un progetto comune, nella realizzazione di cui povertà e abuso sono errori che possono e devono essere corretti. Facciamo della democrazia uno spazio politico per la cooperazione nel creazione di un mondo di convivenza in cui né la povertà né abuso, né tirannia per emergere come modi di vita legittimi. il la democrazia è un'opera d'arte politico-quotidiana che richiede di agire nel sappi che nessuno possiede la verità e che l'altra è così legittima come chiunque. Inoltre, tale lavoro richiede riflessione e accettazione 75
Pagina 73
dall'altra, e soprattutto, l'audacia di accettare che le diverse ideologie dovrebbe operare come diversi modi di guardare per scoprire diversi tipi di errori nell'attività obiettivo comune di creare un mondo di convivenza, in cui povertà e sono errori che vuoi correggere. Questa è una cosa diversa dalla lotta per il potere. Infine, vorrei fare quanto segue il linguaggio ha a che fare con l'azione, il linguaggio sempre fare. In una occasione, Pinochet ha dichiarato che è stato un errore per lui essere considerato un dittatore, poiché nessun dittatore accetta di approvare una costituzione secondo cui il dittatore limiti. Questa affermazione di Pinochet è particolarmente almeno per due motivi: uno, perché è valido, e un altro perché Dice: Mi trovo imprigionato nelle mie stesse dichiarazioni, perché attraverso di loro il Paese è cambiato e non posso negarlo, dal momento che così facendo in cui il paese non è permesso. La caduta di Pinochet è iniziata con il lavoro della commissione costituzionale che egli stesso nominò nel 1974, perché in quel momento lo spazio delle azioni che costituivano la strada verso la transizione democratica. Il paese è uscito dittatura nel momento in cui è iniziata la conversazione sulla democrazia. In altre parole, il paese si è tolto di mezzo la dittatura quando il la transizione verso la vita democratica. Altri articoli Di questo, questo processo è iniziato anche durante la persecuzione politica e la negazione dei diritti umani. La conversazione democratica è democrazia: la vita umana è fatta nella conversazione. Da qui il modo in cui presentiamo ciò che diciamo fondamentale. Le nostre dichiarazioni, affermazioni o discorsi, nella misura in cui costituiscono i coordinamenti delle azioni in cui ci muoviamo, anche se sembrano astratti e volatili, configuraci nella loro spazio di azioni. In altre parole, ogni volta che qualcuno dice che il discorso dell'altro è una speculazione infondata, quello che dice è che l'altro è ipocrita e implicitamente afferma: "Credo che quando dici questo, in realtà stai dicendo qualcos'altro con cui ti nascondi azioni che non sono sincere. "Ma l'ipocrisia è un riflesso di posteriori. L'ipocrisia non è mai nel presente; l'ipocrisia è un riflessione sulla sincerità della condotta degli altri in passato, ora, così finché non lo fai 76
Pagina 74
posso accusare colui che parla la menzogna, colui che parla è imprigionato da le tue parole Ancora, per la stabilità nell'armonia del un discorso sincero che non può essere successivamente svalutato dall'ipocrisia. il la convivenza nella sfiducia dell'ipocrisia genera solo sociale e sofferenza, perché implica sempre la generazione continua di contraddittorie. A volte crediamo che un discorso, perché è astratto, non lo fa ma non è così perché, come ho detto, parlare ha a che fare con costitutivamente con la recitazione. Inoltre, in questa storia di interazioni azioni ricorrenti e coordinate nella coordinazione emotiva, Ci sono altre emozioni oltre all'amore. Alcuni lo negano, altri no, gli altri si intersecano con lui. Il brivido della convivenza nel il discorso, nel linguaggio, non può e non dovrebbe essere negato, perché è con colui che si dà la vita umana. È nell'emozione così tanto amico come il nemico, non in ragione o razionale. Ecco perché dovremmo capire che la democrazia è definita e vissuta per emozione, il dal desiderio di vivere insieme in un progetto comune di vita. In altre parole, il compito di creare una democrazia inizia con il spazio di emozione con reciproca seduzione per creare un mondo in cui la legittimità dell'altro nel senza discriminazione o abuso sistematico. tale l'impresa è un'opera d'arte, un prodotto del desiderio di convivenza democratica, non ragione. Se non accettiamo la presenza di flusso emotivo in un discorso, non lo capiamo, e se non lo facciamo lo scopo creativo del discorso democratico, se sappiamo che la democrazia appartiene al desiderio e non alla ragione, saremo in grado di vivere in democrazia, perché ci impegneremo a imporre la verità La democrazia è una cospirazione sociale per a coesistenza in cui povertà, abuso e sfruttamento sono errori in corretto e corretto perché si ha il desiderio di farlo. Inoltre, vivere in democrazia richiede di accettare che il un ordine sociale non è rilevante, perché è, infatti, a cospirazione basata sul desiderio di convivenza. Quando si desidera preparare un progetto di un ordine sociale, apriamo lo spazio alla tirannia, perché noi stiamo come 77
Pagina 75
consapevole del dovere di essere sociale e chiedere che gli altri siano noi riteniamo opportuno. E tanto che, come il mio amico Darío Rodri-guez mi ha fatto notare, quelli che parlano dell'uomo nuovo "sono sempre quelli che vogliono imporre un progetto sociale in particolare da un'ideologia politica esplicativo di non-parentesi oggettività. " Mi sembra che la democrazia non possa essere ricondotta al disegno di a ordine sociale, ma piuttosto come la cospirazione nella realizzazione di a nazionalità, nel desiderio di generare continuamente uno stile di vita in cui l'emergere di povertà, abuso e distruzione della natura errori che puoi e vuoi correggere. Lo chiamo una cospirazione. ontologia alla libertà di azione che si ottiene condividendoche serve come riferimento per guidare l'azione dei cospiratori nel convivenza. Ogni volta che stipuliamo un accordo per fare qualcosainsieme, in modo che non abbiamo bisogno di controllarci a vicenda, perché con l'accettazione e il rispetto reciproci, agiamo sinceramente, lo siamo in una cospirazione ontologica. Cioè, stiamo costruendo un mondo dal desiderio di convivenza. La democrazia è un cospirazione ontologica che nasce dal desiderio di vivere insieme in un paese, nelle circostanze in cui il mondo che portiamo al vivere insieme sarà il mondo che vivremo insieme e che in realtà costituirà questo paese. La cospirazione ontologica ci dà la libertà perché è così fiducia e rispetto reciproci. Nella cospirazione democratica, la Costituzione e le leggi che sono generate sotto di loro costituiscono norme permettere di correggere gli errori commessi nello scopo comune, proprio perché gli esseri umani non sono tutti uguali e nessuno lo è tutti noi abbiamo la possibilità di avere allo stesso tempo una visione livello locale e generale del paese che ci consente di agire responsabile per il desiderio che ci unisce. La cospirazione democratica non richiede un nuovo essere umano, richiede solo sincerità nel partecipazione democratica alla cospirazione, e tale sincerità non è difficile se ognuno di noi sa di essere parte di questa cospirazione. Allo stesso tempo, nella misura in cui la cospirazione democratica è legato all'aspetto fondamentale dell'essere umano innamorato, cioè, accettando l'altro come legittimo altro nella convivenza, la cospirazione democratica è un invito creativo, non una restrizione autorevole. 78
Pagina 76
Il fallimento delle dittature e dei sistemi totalitari e degli uomini di stato, carattere socialista o no, non è un fallimento economico ma spirituale. Il suo fallimento è il fallimento del sistema di un progetto ontologico che cerca di stabilire un ordine sociale imponendo un dovere che nega il individuo come essere sociale che è consapevole e responsabile per lui o lei nella costruzione del mondo che porta con sé nella sua coesistenza con gli altri Ogni volta che tutta la saggezza è collocata in un gruppo umano, quello dei militari, dei filosofi, dei tecnici, dei proletari, o qualsiasi altro, viene generata una tirannia, perché gli altri sono negati. ora stiamo per fare questo dando saggezza agli imprenditori. La cospirazione democratica è l'unica possibilità di evitarlo alienazione se siamo in grado di viverla, riconoscendo che in effetti il nel mondo in cui viviamo, tutti noi ci guadagniamo da vivere, in cuinoi stessi siamo l'ambiente naturale che ci sostiene. Se possiamo fai questo, le diverse posizioni esistenziali, i diversi compiti, i diverse ideologie diventano diversi modi di guardare consentire di riconoscere diversi tipi di errori nella realizzazione del progetto buon senso, all'interno di un quadro aperto di questi errori. Ma affinché questo accada, dobbiamo volerlo accadere. E perché no? Il Cile è il nostro paese, e quindi lo è sia la nostra responsabilità che la nostra opportunità. 79
Pagina 77
DOMANDE E RISPOSTE È stato detto qui che la costruzione della democrazia dipende fondamentalmente delle emozioni. Ma le emozioni semplicemente capita alle persone - non le controllo, e penso questo si verifica con tutti. Ad esempio, ho partecipato di recente a un forum con un economista governativo. Sono andato lì con uno spirito molto aperto, ma mi sono trovato in uno stato d'animo bellicoso; Ero teso e finito qualcosa di completamente diverso da quello che volevo fare. Ora capisco meglio cosa è successo grazie a ciò che hai detto rispetto alle emozioni, ma mi chiedo: come cambiare se non lo fanno dipende da me? Le emozioni capitano alle persone, come tutto il resto, ma due le cose accadono allo stesso tempo: 1) Esiste uno sfondo di somiglianza e accettazione reciproca fondamentale tra gli umani nella biologia del sociale. Questo diventa evidente in circostanze più estreme, quando i discorsi giustificativi del la negazione dell'altro perde la presenza e noi abbiamo solo il fondamentalmente, come nel caso di un materiale o relazionale. Di solito abbiamo discorsi in cui noi legittimità dell'altro da una prospettiva ideologica, religiosa. o economico, che definisce la validità della nostra argomentazione, dandole un personaggio trascendente razionale. Quando ne incontriamo un altro persona nell'aggressione, per esempio, direi che il più probabile entrambi o abbiamo un discorso che può essere un soliloquio, attraverso il quale giustifichiamo la negazione dell'altro. da Ad esempio, pensiamo: "Quest'altro è un estremista e tutto ciò che dice la sua ideologia della lotta di classe. L'unica cosa che vuole è attaccami. "Tale conversazione 80
Pagina 78
o la riflessione porta un certo brivido che definisce il punto di partenza del incontro come negazione, non accettazione. Se le altre facce così con me, posso rimanere bloccato nel tuo brivido e nel ragionamento con lui, fallo solo in aggressione. Con l'altro può succedere il anche. 2) Sappiamo che in ogni relazione interpersonale c'è uno sfondo l'ultimo biologico costitutivo, in cui possiamo trovare noi stessi come esseri umani. Se la persona può essere in questa condizione, il conversazioni di reciproca accettazione, cooperazione e cospirazione a un progetto comune è possibile e durerà fino all'una o all'altra spazio emotivo. Quindi se l'altro dice "Io sono un musulmano sciita" e io rispondo, "Sono cattolico", è possibile che possiamo trasferirci in un altro spazio di negazione e non di accettazione, perché "essere musulmano" Sciita "e" essere cattolici "portano con sé dinamiche emotive diverso. Il vero compito della convivenza democratica è, prima, desiderarlo, e in secondo luogo, generare una cospirazione in cui le conversazioni che portano alla negazione reciproca non vanno di pari passo. Sistematico. Non penso che sia il materiale o che riuniscono le persone nella creazione di una convivenza nel rispetto reciproco, perché quando ciò accade, i sindacati sono così il flusso dei vantaggi comparativi che questi offerta. Per me, la convivenza democratica nasce dall'accettazione e non lo genera, poiché è solo attraverso l'accettazione reciproca che a una cospirazione ontologica che definisce un modo di vivere che non lo fa può causare abusi. È possibile allora che cambi le mie emozioni? Certo! Se ne incontri un'altra in segno di diniego, aggressività e All'improvviso, nel processo dell'incontro, tu dici: "In realtà, io no Voglio attaccare quest'uomo ", quindi inizi a relazionarti con lui altrimenti. Cosa è successo? La sua emozione è cambiata. Ma questo "mi succede", non sono io che faccio il cambiamento! Non lo determini come un'azione esterna da parte tua tu, ma, attraverso il tuo riflesso, perché sei il riflesso, tu guide. Ad esempio, se credo che una persona mi attacca o critica e invece di rispondere semplicemente con a Chiedo se ho motivi per 81
Pagina 79
Per pensare così, l'interazione segue un altro percorso. Nel fare questa riflessione,Mi trovo già altrove. Ma devo osare farlo riflessione o allenamento per farlo; o, in altre parole, devovoglio fare riflessioni, e per volerlo fare devo ricominciare da capo legittimità dell'accettazione dell'altro. Vorrei chiedere se c'è anche un etica tra parentesi e un'altra senza parentesi. Chiedo questa domanda perché, secondo la cultura di ogni popolo, l'etica può essere diverso. Di fronte alla morte o al crimine, per esempio. Ma dentro la società con la stessa cultura, non c'è diverso? Questo è quello che succede in Cile con le ideologie. Non lo sarebbe quella etica potrebbe compromettere la stessa società in a tempo determinato? Indubbiamente, ma sarà ancora più facile troviamo uno spazio di reciproca accettazione. Se abbiamo discorsi giustificare la negazione dell'altro, limitiamo la diffusione di accettazione reciproca. Ad esempio, se nel mio discorso parlo di un certo tipo di persone che dicono che l'unica cosa che vogliono è generare un situazione economica che, a mio parere, è inadeguata per il paese, faccio un discorso che convalida continuamente a negazione dell'altro. Per cambiare questo ho bisogno di un altro discorso avvicinati agli altri in modo che ciò non accada. Ad esempio, in un programma televisivo "De Cara para o País", Gabriel Valdés 3 invitato in un'occasione, ha dichiarato che le idee non dovrebbero essere perseguitati, solo azioni. Con questo lo stavo dicendo abbiamo bisogno di lasciare uno spazio di reciproca accettazione, da cui noi che limitiamo la portata della nostra accettazione del un altro come essere legittimo. Inoltre, nel caso di a crimine, l'accusato, anche se condannato, deve essere accettato come a legittimo un altro, perché ciò che viene punito è la sua azione, non il suo essere. se non lo facciamo, non possiamo parlare di rispetto per i diritti umani. umana. Il fatto che non abbiamo accesso a una realtà oggettiva in sé non significa che non possiamo definire i criteri di azione. a altrimenti, significa che lo siamo 3 Un importante politico cileno, uno dei leader del partito Cristiano democratico (Nota di questo problema). 82
Pagina 80
responsabile dei criteri di azione che adottiamo perché non lo sono validi in se stessi, ma sono validi perché li consideriamo in questo modo. il l'accettazione dell'altro come legittimo altro nella convivenza costituisce il coesistenza sociale come unica coesistenza in cui la modalità di la convivenza sorge e si svolge nell'accettazione, non nella negazione di ciò che l'altro è diverso. Non è la paura della punizione che detiene il crimine nella vita sociale - semplicemente non appare. Il crimine arriva dopo che la convivenza sociale si è spezzata. L'atto di generare una costituzione fondò il paese come repubblica, quando si definisce lo spazio dei conduttori legittimi nella convivenza. il La Costituzione potrebbe essere questo o quello, ma dobbiamo accettarlo rispetto, e quando arriviamo ad un accordo, esprimiamo il desiderio di convivenza in uno spazio di minima accettazione reciproca, che è la stessa Costituzione concordata. I nostri discorsi possono sembrare più o meno razionale o progressivo, ma la più importante è la creazione di un dominio emotivo di accettazione reciproca in un dominio dove si svilupperà la nostra legalità e dove noi accetteremo. Questo è ciò che intendeva Gabriel Valdés quando affermava che non poteva negare il comunismo da un punto di vista puramente ideologico, perché così facendo si ritroverebbe a negare molti modi di pensare, alcuni dei quali non sapevo, e negateli a priori, indipendentemente dal loro aspetto. Persegui il le ideologie ci portano a questa situazione. Pertanto, propone un criterio di azione che permette di riconoscere in modo particolare se determinate persone indipendentemente dal fatto che siano o meno fuori dalla legalità concordata nella Costituzione. Se no accordo su uno spazio per la convivenza, finiamo vivendo rapidamente i capricci di uno di noi, a cui obbediremo. dalla paura, o dai vantaggi segreti o visibili che ci porta. Nelle dinamiche umane i gruppi sono sempre formati. Questo è relativo alle accettazioni, alle conversazioni, agli incontri. Quando siamo su un piano umano sufficientemente basico, noi accettiamo Ad esempio, se vado nel sud del Cile come persona e mi trovo in una situazione di bisogno, busso alla porta una casa, chiedo aiuto e lo ricevo. Ma se vado nel sud del Cile come appartenente a a 83
Pagina 81
ideologia e bussare alla porta di una casa i cui proprietari ne hanno un'altra ideologia, non aiutarmi. Perché? Perché con la mia ideologia io definisco i limiti di accettazione. Il compito democratico è generare una conversazione nel l'accettabilità è così ampia che ci coinvolge tutti in un progetto comune, come desiderio fondamentale di convivenza che è il nostro ambito di libertà e il nostro riferimento al nostro agire con responsabilità sociale. Riguardo la questione etica tra parentesi, voglio chiarire che la nozione di essere tra parentesi si riferisce a solo quando ci rendiamo conto che non abbiamo accesso a una realtà e quindi non possiamo rivendicare queste cose diciamo che sono validi solo perché abbiamo questo accesso privilegiato a realtà o verità. La preoccupazione etica è la preoccupazione dell'altro, lo è nello spazio emotivo e ha a che fare con la loro accettazione, qualunque cosa il dominio in cui si verifica. Questo è il motivo per cui la preoccupazione etica non sarà mai oltre il dominio dell'accettazione dell'altro in cui si verifica. Allo stesso modo a seconda che accettiamo o meno l'altro come legittimo altro nella convivenza, saremo responsabili o non responsabili nei confronti dei nostri interazioni con lui o lei e se le conseguenze che le nostre azioni hanno su di lui o lei. Nel percorso esplicativo dell'oggettività - senza parentesi, l'altro noè accettato come legittimo e non siamo mai responsabili per il negazione dell'altro. Lo neghiamo in difesa dell'umanità, in difesa la verità o in difesa della madrepatria. Se neghiamo l'altro perché è offeso la bandiera, è il rispetto per la bandiera che lo nega, non noi. Già nel percorso esplicativo dell'oggettività, tra parentesi, in cuiRealizzo la mia partecipazione con l'altro nella configurazione del mondo, se nego l'altro lo faccio perché non mi piace quello che fa, e se lo nego perché lui o lei calpesta la bandiera, la mia negazione è che non mi piace calpestare la bandiera. In tal caso, il mio la negazione dell'altro è un atto responsabile. Voglio dire, lo faccio responsabile delle mie azioni e accetto le conseguenze che possono avere avere. Io non pretendo di essere innocente o di affermarlo 84
Pagina 82
sono indipendenti dai miei desideri. Ripeto, la preoccupazione con l'altro non va oltre lo spazio di accettazione dell'altro in cui sorge, cioè, non va oltre l'amore Etica, come dominio della nostra preoccupazione con le conseguenze che le nostre azioni hanno sulla vita di altri esseri esseri umani, appartiene al dominio dell'accettazione dell'altro come legittimo un altro nella convivenza, cioè nel dominio dell'amore. Questo è il motivo per cui le preoccupazioni etiche non vanno mai oltre il dominio in cui sorgono e hanno forme diverse nelle diverse culture. Lo è anche per questo, le argomentazioni razionali sull'etica si limitano a convincere per credere. L'invito etico non è razionale, ma emotivo. È il dall'amore che l'altro ha presenza. Non dico come il Papa "L'amore è più forte". Dico che la biologia è più forte. L'amore non è una cosa speciale, è ogni giorno, e tu che in tutte le situazioni di crisi umana, comunità, dai terremoti, dagli incendi, dalle situazioni estreme, le persone sono a un livello umano di base dove è presente e non ha nemmeno bisogno di essere raccomandato, sembra solo. Perché? Perché l'amore ci appartiene come caratteristica biologica costituisce l'umano. Si noti che la maggior parte delle malattie umane sorgono nel negazione dell'amore Siamo malati se non siamo ricercati, se siamo respinti, se negaci o criticaci in un modo che sembra ingiusto per noi. Possiamo anche ottenere il cancro, perché le dinamiche fisiologiche ha a che fare con le dinamiche emotive. Per quanto riguarda il desiderio di controllare le emozioni, penso posizionamento inadeguato perché presuppone che debbano essere controllato dal loro carattere negativo. Ma non è così. Le emozioni costituiscono il fondamento di tutto il nostro sforzo. Quello che ci sta bene è Dobbiamo imparare da loro ad agire responsabilmente, cioè dando se vogliamo o no le conseguenze delle nostre azioni. il la responsabilità ha a che fare con la comprensione della nostra desideri, e sorge nella riflessione come un atto in cui mettiamo il nostro desideri sotto il controllo dei desideri. In altre parole, il la responsabilità non appartiene al dominio 85
Pagina 83
della ragione Lo stesso vale per la libertà che viene con la nostra responsabilità la nostra responsabilità. Il desiderio di controllo è un desiderio di dominio che nasce dal nostro mancanza di fiducia in relazione al naturale e contro la nostra capacità di coesistenza con il naturale. Nel desiderio di controllo, il cecità, di fronte all'altro o al medium, e di fronte a se stessi, che vedere le possibilità della convivenza. Ad esempio, se non lo voglio per controllare il clima, o il flusso del fiume Mapocho, le uniche domande può farmi essere "quali cambiamenti si sono verificati e quali cambiamenti avrebbero avuto che si verificano per cambiare le dinamiche del fiume Mapocho, in modo tale che certe catastrofi non si verificano? " Accettando il fiume Mapocho senza tentare di farlo controllalo, non lo combatto e posso prendermi cura di lui. riforestazione della catena montuosa che porterebbe al naturale il suo flusso. Quindi, ad esempio, se mi occupo della riforestazione per vegetazione per trattenere più acqua quando piove, e non corre immediatamente al fiume, non significa che lo "controlla", perché non lo sto combattendo Cosa faccio, modificando circostanze della costituzione del fiume, è di conviverci in un continuo se la situazione è appropriata o meno per questo convivenza. Perché accetto il fiume, mi rendo conto che lui, il montagne, noi, ecc., formano un sistema di convivenza che non lo fa può cambiare senza negare l'uno o l'altro. Quando la nozione di controllo è abbandonata e la nozione di cooperazione o coesistenza, il sistema appare. Ci rendiamo conto di lui. Ad esempio, per quanto riguarda le alluvioni verificatesi alcuni anni fa, Si pensava che il fiume fosse responsabile di tutto, perché il Sistema Mapocho-Montagne-abitanti. Non ci sono mai state conversazioni a riguardo. Si può dire che in un'emergenza si verificherà un certo atteggiamento essere preso. Ma quando dico che in un'emergenza prenderò un atteggiamento del genere, Intendo dire che sono consapevole che questo è un momento in una situazione più duratura. In questa realizzazione non parlo di controllo, ma di emergenza, e delle mie azioni nel sistema da evitare emergenze attraverso una piena comprensione di tutti gli elementi e Partecipanti relazioni. Lo stesso accade nello spazio umano in cui si riferisce alle relazioni di convivenza. 86
Pagina 84
Non farò una domanda, ma voglio dire che non posso accettare l'affermazione che il potere non ha importanza in una relazione sociale. Dal mio punto di vista, l'esercizio del potere, che impone anche a persone che potrebbero non essere d'accordo, è conveniente e necessario. Perché se una società politica, in termini adotta un determinato accordo a maggioranza e impone un certa forma di convivenza, e alcuni di quelli che sono vivere volontariamente in questa comunità democratica non accetta (perché non lo ritengono giusto o perché non lo vogliono), il potere, in questo caso, deve essere legittimamente imposto, e deve essere persone, per il bene comune, che hanno determinati atteggiamenti, ancora chi non è disposto a farlo. Non nego le relazioni di potere. Volevo mostrare quali sono le dinamiche in queste relazioni. Ha detto che c'era un rapporto di potere quando obbedienza. E c'è l'obbedienza quando qualcuno fa qualcosa che non vogliono rispondere a una petizione che potrebbe essere di una persona o sistema in cui quella persona è inserita, perché vuole mantenere questo relazione. Direi che nella convivenza all'interno di una comunità umana c'è momenti in cui i rapporti di potere devono essere accettati, ma queste relazioni non sono relazioni sociali. Sappiamo che tutte le relazioni all'interno di a sono comunemente chiamati social. Quello che io Affermo che nelle relazioni ci sono emozioni diverse, e queste dare loro caratteristiche diverse che sono oscurate o negate quando non sono riconosciuti Quindi, ci sono quelli che hanno a che fare con la nostra storia biologica, come l'amore, che costituisce il dominio di accettazione reciproca. Ogni volta che parliamo del sociale nella vita di tutti i giorni, ci riferiamo a questa emozione. Dì "Qui non socializzare, qui se funziona, "significa che socializzare e lavorare sono attività diverso, perché accadono sotto emozioni diverse. Quindi quando si dice "I rapporti di lavoro sono relazioni relazioni sociali ", relazioni unificate impossibili da unire se consideriamo le emozioni coinvolte. Non voglio farlo perché diverso le emozioni sono domini di diverse azioni e le relazioni che sono stabilire in loro portare a diversi modi di agire. Nell'altro parole, voglio separare le relazioni umane secondo le emozioni su cui si basano, 87
Pagina 85
perché è l'emozione che li definisce. Se non lo facciamo, io possiamo capire le comunità umane perché non vediamo che questi sono costituiti da reti di diversi tipi di sistemi che non dovrebbe essere confuso perché implicano azioni diverse. E se non capiamo le comunità umane, difficilmente possiamo capire gli individui che li eseguono e che, come noi, vivono all'incrocio di molti sistemi allo stesso tempo. Il Cile è una comunità umana. Pertanto, è una rete di sistemi sociali e non sociali. Nel formare questa comunità umana, come un accordo fondamentale per regolare le nostre interazioni, noi diamo una costituzione che definisce determinati comportamenti che accettiamo e che deve essere soddisfatto in ogni modo e specificiamo, inoltre Inoltre, un rapporto di forza. Cioè, accettiamo come membri di questo comunità che ci sono alcune cose che dovremmo fare per il semplice fatto di accettare di appartenergli. In questo atto di accettazione, accetto anche il conseguenze dei miei atti in esso, secondo le norme della costituzione. Ma nel contesto di un accordo fondamentale di convivenza come questo, ci sono sistemi sociali e sistemi non sociali, relazioni sociali e relazioni non sociale. Si potrebbe dire che mi sto opponendo all'intero discorso sociologica tradizionale. Forse è così. Tuttavia, penso che tutto professionale e tecnica è una bolla di conversazioni nei vivi da dove sorgono. Tutte le parole, quindi, sorgono in questo spazio. Quindi devi ascoltare la parola sociale di questo posto. Se nonon arriveremo a capire cosa succede al suo uso e faremo errori concettuali. Le parole hanno a che fare con coordinamento del fare, ed è il fare che coordina ciò che costituisce significato, non viceversa. Vivere con un veterinario o un meccanico è diverso, i coordinamenti delle azioni sono diversi e il significato delle parole sono diversi, anche se suonano lo stesso. Le parole sono elementi in un dominio di azioni coordinate. Quindi, il il significato della parola gata è diverso nella comunità meccanica enella comunità veterinaria, e questo è così perché questa parola partecipa, in ciascun caso, a diversi flussi di coordinamento delle azioni, e, 88
Pagina 86
come tali, i loro significati appartengono alla concretezza del vivere, non al spazio astratto di riflessioni in cui si distinguono quando semantica. Inoltre, è perché il significato delle parole appartiene la lingua si impara vivendo in coordinamenti di azioni, e che le diverse aree di azione implicano differenze domini semantici e viceversa. Questo è anche il motivo per cui se vivi con un meccanico, le parole di solito sembrano significare cosa nel campo della meccanica. Questo lo sappiamo tutti, ma nessuno dei due ci prendiamo sempre cura di questo, e non capiamo come vivere Dipende dalla conversazione e da come la conversazione dipende dal live. Le parole sono nodi in reti di coordinamenti di azioni che si presentano nella convivenza. Pertanto, la modifica dei significati delle parole implica cambia i domini dell'azione e implica la modifica dei domini dell'azione cambia il tuo modo di vivere Questo è il motivo per cui è anche certo che se le parole non cambiano, non cambiano le azioni cambia il modo di vivere. Se uso la parola social allo stesso modocome è usato in sociologia, non dico nulla di nuovo in sociologia. se Intendo qualcosa di nuovo, devo distorcere l'uso di una parola in a direzione o altro, o inventarne uno nuovo. La cosa normale è che ho trovato rifiuto in entrambi i casi, perché in effetti quello che faccio cambiando il è quello di cambiare il normale corso dei coordinamenti delle azioni. E cosa? accade con l'uso della parola sociale quando si vuole circoscrivere il suo usoallo scopo delle relazioni umane fondate sull'amore. Credo, tuttavia, che la distinzione è così fondamentale che insisterò su di essa, difficoltà che possono sorgere. 89
Pagina 87
SOMMARIO In conclusione, vorrei ora riassumere alcuni dei riflessioni su linguaggio, emozioni, etica e cospirazione. LA LINGUA Siamo abituati a considerare il linguaggio come un sistema di comunicazione simbolica, in cui i simboli sono entità astratte questo ci permette di muoverci in uno spazio di discorsi, fluttuando la concretezza del vivere, anche se lo rappresentano. In effetti, il linguaggio, essendo un fenomeno che ci coinvolge come esseri viventi e, quindi, un fenomeno biologico che ha origine nel la nostra storia evolutiva, consiste in un'operazione ricorrente, in coordinamento del coordinamento consensuale della condotta. Questo risultato quelle parole ci sono nelle reti di coordinamento delle azioni, no rappresentanti di una realtà indipendente dalla nostra affari interni. Questo è il motivo per cui le parole non sono innocue, e che non lo è È indifferente usare l'una o l'altra in una determinata situazione. il le parole che usiamo non solo rivelano il nostro modo di pensare, ma anche progetta il corso del nostro lavoro. Si verifica, tuttavia, che il dominio in che le azioni che le parole coordinate sono eseguite non sono sempre chiare in un discorso, e bisogna aspettare che il divenire della vita lo sappia. Tuttavia, questo non è l'ultimo punto che voglio sottolineare, ma il fatto che il contenuto della conversazione in una comunità non è innocuo per questa comunità, perché porta con sé le sue faccende. Permettetemi di riflettere su quello che è successo negli ultimi mesi. nella storia del Cile. Allo stesso tempo chiedo 90
Pagina 88
mi scuso per aver fatto di lei una biologa che non è in grado di fare valutazione storico-politico-economica. Penso a cosa successo in relazione al plebiscito 4 del 1988 mostra esattamente cosa ha detto sul linguaggio come un funzionamento in coordinamenti di azioni di coordinamento. Nel 1973, quando ebbe luogo il colpo di stato militare,Il consiglio di amministrazione ha dichiarato che intendeva generare un la democrazia. Chi ascolta non crede perché ci è sembrato che le parole non venivano confermate dalle azioni. Ma il il discorso sull'intenzione democratica è rimasto. Nel processo, fu nominata una commissione costituzionale che alla fine scrisse un progetto costituzionale che, modificato qua e là da Pinochet, era approvato in un plebiscito. Abbiamo iniziato a parlare di leggi elettorali, leggi di partiti politici, di procedure elettorali. In altre parole, un quadro di colloqui sulla democrazia che costituivano una rete di azioni. Cosa è successo il 5 ottobre 1988, il giorno del Plebiscito Le elezioni presidenziali, certamente non riflettono il desiderio di Pinochet, ma verificato. È successo perché il governo non ha potuto fermarlo! Questo è accaduto perché rete, la rete di coordinamenti di azioni generate nel processo di discorsi e dibattiti su democrazia e legalità l'era democratica costituiva una rete di azioni che non potevano essere evitate, perché non c'è spazio per le conversazioni in cui le azioni che il potrebbe sorgere. No! Questa non è una riflessione superficiale postare! Conversazioni, come interlacciamento del brivido e della lingua in cui viviamo, costituiamo e modelliamo il mondo che viviamo come un mondo di possibili azioni nella concretezza di la nostra trasformazione corporale vivendo in loro. Noi umani siamo di cosa abbiamo parlato, ed è così che incarnano la cultura e la storia il nostro regalo Parlando dei discorsi che costituiscono il democrazia che costruiremo la democrazia. In effetti, il nostro unico la possibilità di vivere il mondo che vogliamo vivere è immergerci nelle conversazioni che lo costituiscono, come pratica sociale quotidiana, in una continua co-ispirazione ontologica che lo porta al presente.__________________ 4 Consultazione della popolazione, chiamata dal governo Pinochet, per decidere se la costituzione del paese debba essere modificata o meno. L'approvazione del cambiamento dal plebiscito respinto al momento del regime dittatoriale di Pinochet. (Nota di questo problema). 91
Pagina 89
LE EMOZIONI Viviamo una cultura che svaluta le emozioni a causa di a sopravvalutazione della ragione, nel desiderio di dire che noi umani, ci distinguiamo dagli altri animali essendo esseri razionali. ma succede che siamo mammiferi e, in quanto tali, siamo animali che vivono nell'emozione. Le emozioni non sono qualcosa che oscura la comprensione, non sono restrizioni della ragione: le emozioni sono dinamiche corporee che specificare i domini di azione in cui ci muoviamo. Un cambiamentoemotivo implica un cambiamento nel regno dell'azione. Niente ci succede, nulla di ciò che facciamo non è definito come un'azione di un certo tipo da un'emozione che lo rende possibile. Il risultato di questo è che la vita umana si svolge in modo continuo intreccio di emozioni e linguaggio come un flusso di coordinamenti consensuali di azioni ed emozioni. Lo chiamo intreccio di emozioni e linguaggio di conversazione. Gli esseriesseri umani viviamo in diverse reti di conversazioni che si intrecciano nella loro realizzazione nella nostra individualità corporea. Se vogliamo capire le azioni umane, non dobbiamo osservare il movimento o agire come una particolare operazione, ma l'emozione che o renderlo possibile. Uno scontro tra due persone sarà vissuto come un'aggressione o incidente, a seconda dell'emozione in cui ilpartecipanti. Non è l'incontro che definisce ciò che accade, ma l'emozione che lo costituisce come un atto. Quindi, discorsi razionali, comunque pulito e perfetto che sono, sono completamente inefficaci per persuadere l'altro, sia che parli e che cosa senta emozioni diverse. E questo è così perché il dominio razionale in cui ci muoviamo in ogni momento è costituito come un dominio di coerenza operativa accettando le premesse fondamentali che definiscilo in un atto emotivo. Le premesse fondamentali che costituiscono un dominio razionale, li accettiamo a priori, perché vogliamo farlo, perché ci piace. In altre parole, se vogliamo la democrazia, avremo la democrazia e avremo razionalitàdemocratica. Ma non lo faremo mai se non lo vogliamo e se non lo facciamo fare i discorsi che lo costituiscono 92
Pagina 90
come dominio di coordinazioni di azioni ed emozioni che hanno trovato ilrazionalità che lo giustifica. Mi sembra che il grande problema nella costituzione di un paese sia il la creazione di un'ispirazione da cui i suoi abitanti possonoessere in un accordo emotivo che permette loro di fare alcune conversazioni, come quelle della democrazia. Quando ero uno studente di medicina, nel 1950, noi studenti abbiamo vissuto il nostro essere come a ciò ci permetterebbe di restituire alla comunità cilena, al abbiamo ricevuto da lui rendendo possibile per noi di essere studenti. Abbiamo studiato medicina per restituire alla comunità ciò che avevamo ricevuto da lei. Ci guadagneremmo da vivere nel processo, ma il nostro compito doveva tornare nel paese ciò che avevamo ricevuto da lui. E questo, da a in un modo o nell'altro, è stata un'ispirazione fondamentale perché lo era dove si incontrarono i diversi gruppi ideologici. su diverse ideologie erano prospettive diverse di guardare al scopo comune. Personalmente, non vedo la democrazia come l'opportunità di lottare. ideologica. Credo che la lotta ideologica neghi la democrazia e al tempo, penso che le ideologie siano assolutamente essenziali e abbiano perché sono diversi modi di guardare che ti permettono di vedere cose diverse. Le diverse ideologie implicano differenti conversazioni, cioè diverse reti di coordinazioni emozionali e azioni, che si traducono in diverse distinzioni, nel compito di un progetto comune. I colloqui per combattere non appartengono alla democrazia. La lotta il nemico perché ne ha bisogno e oscura le condizioni dargli origine Nella lotta ci sono vincitori e vinti, non i scomparsa dei nemici. Lo sconfitto tollera il vincitore in attesa per un'opportunità di vendetta. La tolleranza è una negazione di temporaneamente sospeso. Le vittorie che non sterminano il il nemico prepara la prossima guerra. In democrazia non c'è lotta. se vogliamo la democrazia, e in effetti siamo nella passione della costruzione una democrazia, siamo nei colloqui che costituiscono un progetto accettazione e rispetto reciproci, quali abilitare la collaborazione nel 93
Pagina 91
di un mondo in cui la povertà e l'abuso non sorgono. come modi di vivere legittimi. Se siamo nella passione per la democrazia, siamo nelle conversazioni che rendono diverse ideologie differenti modi di scoprire errori diversi nella realizzazione del progetto comune. Se siamo nella passione per la democrazia, possiamo ascoltare l'altro e cooperare. Se siamo in lotta, l'altro deve sparire, o, di più prima o poi, mi distruggerà. L'ETICA Ho già raccontato l'esperienza che ho avuto in Inghilterra visitando un museo che mostrava la sofferenza causata dalla bomba atomica a Hiroshima, e ho detto che un mio amico era indifferente al dolore di quella gente. Riguardo a questa attitudine, penso che se non sono nel include l'altro nel mio mondo, non posso prendermi cura del tuo benessere. I discorsi sui diritti umani, basati sulla giustificazione il rispetto per l'umano, sarà valido solo per coloro che accettano l'umano come centrale, per coloro che accettano l'altro come membro della propria comunità. Ecco perché i discorsi su i diritti umani, i discorsi etici basati sulla ragione, non andranno mai quelli che li accettano fin dall'inizio e non riescono a convincere chiunque non sia convinto in anticipo. Solo se accettiamo l'altro, l'altro è visibile e ha presenza. In altre parole, mai una preoccupazione etica comunità di mutua accettazione in cui sorge. Pertanto, se in realtà vogliamo vivere una democrazia che si estende in tutto il paese, abbiamo che ne fanno un'unità con un fondamento etico-morale comune, in cui siamo tutti legittimi. Dobbiamo fare il paese a con uno scopo comune, che lo definisce efficacemente come unità, e all'interno del quale tutti i cileni sono emotivamente accettati come Stati membri. Sembra un compito difficile. Non ho una risposta per lei, ma il la storia ci mostra esempi interessanti e tempestivi. sono pensando a quelle antiche comunità non primitive in cui c'erano consigli degli anziani che includevano uomini e donne le persone anziane Lo era 94
Pagina 92
comunità che non erano governate da leggi scritte, in cui I Consigli degli Anziani costituivano il riferimento etico-morale dal che rifletteva su problemi, difficoltà e trasgressioni alle modalità di coesistenza che sono state prodotte. Penso anche al caso degli aborigeni australiani. Tra loro c'è un problema serio di alcolismo, ma in alcune comunità questo è un problema risolvendo da solo. Queste sono comunità che hanno Consigli degli anziani come riferimento etico-morale per i giovani. Gli uomini e le donne alcoliche portano i loro problemi al Consiglio, che, ascoltandoli, offre loro uno spazio di accettazione e rispetto che dà significato e legittimità sociale alle loro vite, e l'alcolismo scompare Vediamo ora un esempio moderno. La Corte Suprema del Lo scopo degli Stati Uniti è quello di esaminare se il giudice se non violano i principi della Costituzione. Bene, il intenzione della Costituzione ha a che fare con l' etico-morale, con l'obiettivo didi convivenza, non con le forme particolari che adotta. il intenzione della Costituzione è un progetto etico-morale che, sebbene dovrebbe essere interpretato con ogni lettura Il risultato è che la Corte Suprema degli Stati Uniti d'America agisce fatto come Consiglio degli Anziani di fronte al progetto di paese che fonda la Costituzione. È l'intenzione della convivenza che definisce un paese, perché è il riferimento che fonda le sue leggi ed è la coincidenza con questa intenzione il compito più difficile nella costituzione di una democrazia. UNA CONGIUNTA La tragedia del Cile è il suo smembramento come comunità. il i sistemi sociali sono fondati e costituiti sotto l'emozione di reciproca. Non tutte le relazioni umane sono relazioni sociali. Loro sono le relazioni sociali solo quelle che costituiscono l'accettazione reciproca, cioè, nell'accettazione dell'altro come legittimo altro nella convivenza. Altre relazioni, come i rapporti di lavoro, per esempio basato sull'accettazione di un impegno per il conseguimento di 95
Pagina 93
un compito, coinvolge un'altra emozione fondamentale diversa dall'amore, e per questo dico che non sono relazioni sociali. Dico lo stesso con alle relazioni gerarchiche, perché sono costituiti da un'altra emozione, quella di rifiuto reciproco. Obbediamo quando facciamo ciò che le altre richieste di noi, in circostanze in cui non volevamo farlo. Pertanto, che cosa obbedisce e rifiuta di obbedire e nega colui che comanda perché non accetta spontaneamente la validità di ciò che chiede. A sua volta, cosa nega colui che obbedisce perché gli chiede di fare ciò che non vuole e rinnegare se stesso perché si crede degno dell'obbedienza del altro. Quindi, le relazioni gerarchiche non sono basate sul accettazione reciproca e rifiuto reciproco. D'altra parte, i rapporti di lavoro non lo sono accettazione dell'altro, ma sono basati sull'impegno a di un compito. Quindi l'essere sociale, nei rapporti di lavoro, è a impertinenza. Può anche essere sostituito da un robot. Quando l'unità è di una comunità umana si perde, e questo è frammentato in sistemi sistemi sociali e non sociali indipendenti, sono necessari sistemi legali coordinare attraverso i confini di tali sistemi e ricostituire la comunità nel suo insieme. Perché questo accada, senza dubbio, tali sistemi legali devono essere l'espressione del desiderio ricostituzione di tale comunità. La prospettiva etica non va oltre il confine del sociale che sorge e l'adozione di comportamenti non etici in una comunità appare dalla frammentazione di questa comunità come unità sociale. In queste circostanze, cosa ci è successo in Cile? noi frammentato come una comunità e, credo, l'unico modo in cui possiamo ricostituire come nazionalità è attraverso una cospirazione, attraverso un'ispirazione congiunta per le nostre faccende come nazione. Dovrebbe essere una co-ispirazione etico-morale che definisce e costituisce a spazio di mutua accettazione, in cui è presente la presenza di qualsiasi cileno legittimo, anche se non lo sappiamo, e in cui le nostre azioni non lo fanno nega questa presenza Per questo abbiamo bisogno, probabilmente, immaginare qualcosa di simile a ciò che gli americani immaginavano nella loro Corte suprema, che è un corpo che determinare quando la legislazione o una decisione del tribunale viola il intento etico e morale della Costituzione. 96
Pagina 94
UN INVITO AL CILE: GUIDA ALLA CONCLUSIONE 5 Il Cile è il nostro mondo e sarà ciò che facciamo. No ne abbiamo un altro Ma cosa vuole il Cile? Le nostre azioni ci rivelano. Se tutti vogliamo davvero vivere in un la società democratica, i nostri atti quotidiani la costruiranno e il Cile sarà una società democratica. Se non lo facciamo, la difesa di le nostre ideologie, le nostre posizioni filosofiche o religiose nel ci accecherà e ci condurrà inevitabilmente a una condotta che convalida il autoritarismo e dittatura. Il mondo in cui viviamo è sempre e momento la nostra responsabilità. La convivenza sociale è fondata e costituisce accettazione, rispetto e fiducia reciproca, creando così un mondo comune. E in quello accettazione, a questo riguardo e in quella fiducia reciproca, costituisce il libertà sociale. Questo perché la costituzione biologica umana è così quello di un essere che vive cooperando e condividendo, in modo che la perdita di convivenza sociale porta con sé malattia e sofferenza. La malattia in Cile è la paura di non poterlo fare coesistenza sociale. È questa paura che ci conduce alla negazione del intolleranza, sfiducia, mancanza di riflessione e accettazione dell'uso di autorità piuttosto che conversazione e accordo come modi di convivenza. Questa malattia provoca l'autoritarismo ognuno di noi con la perdita di fiducia nei nostri capacità di convivenza democratica, o in obbedienza e in sottomissione ad un disegno imposto e indifferente all'azione del nostro riflessione. ________________ 5 Questo testo è stato scritto principalmente dall'autore e firmato dal Premio Nazionale delle Scienze, dottori Danko Brncic (1987), Héctor Croxato (1979), Joaquin Luco (1975), Herman Niemayer (1983), Igor Saavedra (1981) e Luis Vargas (1985), a Santiago del Cile, nel Novembre 1987. 97
Pagina 95
Vogliamo partecipare al compito quotidiano di rendere il Cile un società democratica e quindi ripristinare la libertà sociale. Nell'altro Vorremmo prendere parte al progetto comune per rendere il Cile un società in cui abuso e povertà sono errori di convivenza riconosciuto e corretto, e che può essere riconosciuto e corretto senza perdita di libertà sociale. Le azioni che costituiscono una società democratica non sono la lotta potere o il perseguimento di un'egemonia ideologica, ma il cooperazione che crea continuamente una comunità in cui i governi accettano di essere criticati e alla fine cambiati, quando la loro condotta si discosta dal progetto democratico che li ha eletti. quindi la nostra responsabilità come cileni: la storia sociale del Cile a noi, i cileni. Questo è un invito per noi a unirci, prima di tutto, nel progetto comune per rendere il Cile una società in cui il diverso le prospettive politiche sono solo modi diversi di guardare cooperazione per la creazione quotidiana di una società capace di abuso e povertà. Questo è un invito per questo obiettivo comune essere una guida nella nostra convivenza - non il sospetto, la paura o il ambizioni autoritarie di chiunque. Nei prossimi mesi, eventi decisivi per il futuro di la nazione si scatenerà. Questo rappresenta un'opportunità per i cileni, esercitiamo rispetto reciproco, fiducia, conversazione e cooperazione nella causa democratica comune, oltre al politiche ideologiche o individuali. La cosa importante non è lì, ma dentro la nostra decisione di creare, da ora in poi, un Cile democratico. In breve, ti invitiamo a dichiarare pubblicamente il nostro scopo politico per l'eternità, come cileni, è collaborare sulla base di tutte le prospettive ideologiche nel compito quotidiano di fare il Cile una comunità umana democratica. Ti invitiamo a compromettere il fatto che nessuno di noi cercherà di assumere la proprietà di verità politica nell'istituzione di una dittatura economica ideologica. o religioso. Compatrioti, questo è il momento in cui dobbiamo agire. No paura: se vogliamo, possiamo ora incorporare il buon senso nel vita e recupera la nostra dignità di cileni. 98
Pagina 96
FINE DEL LIBRO

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)