Cosa cambia quando comprendiamo la biologia culturale?



Questa era la domanda che avevo in mente quando ho iniziato i Master con Humberto Maturana e Ximena Dávila. Dopo tutto, sarebbero state 7 settimane a Santiago nell'arco di due anni e l'obiettivo era quello di partecipare a un master che aggiungesse e modificasse la mia pratica professionale.
Oggi posso rispondere che la mia pratica è cambiata molto con la comprensione della biologia culturale. E mi permetto di dire che il mio sguardo sull'umano è cambiato.
Una di queste comprensioni che ha fatto la differenza nel mio modo di fare e nel relazionarsi è stata quella di realizzare che ogni sistema (umano, gruppo di persone, organizzazioni) funziona perfettamente secondo la sua coerenza, la sua storia e le sue possibilità. Cioè, funziona e agisce su come può funzionare e agire. Niente di più. Comprendere la biologia culturale è estremamente importante.
Comprendere questo ci costringe a rinunciare al giudizio e ci incoraggia a capire, accettare di cambiare. Dopo tutto, quale sistema si fiderà di te se il tuo sguardo è critico?
Un altro aspetto importante che emerge da questa comprensione è l'importanza di scoprire quali sono queste coerenze esistenti, ciò che ciascun sistema fa perfettamente e coerentemente.
Un esempio: conosco un'organizzazione che non adempie mai alla sua pianificazione strategica. E questo è perfettamente coerente con la sua storia. Tutto quello che dovevamo fare era osservare questo comportamento e cercare di capire cosa c'era dietro questo comportamento.

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?