IN CHE MODO LE EMOZIONI INFLUENZANO IL PROCESSO DI APPRENDIMENTO?


IN CHE MODO LE EMOZIONI INFLUENZANO IL PROCESSO DI APPRENDIMENTO?

18/06/18 da consuelo.agusti
Durante il V Congress of Education, organizzato da Seminarium Certificación, ha sottolineato l'eccellente presentazione del dottore in biologia Humberto Maturana, che ha parlato degli interessi e delle emozioni degli studenti di oggi.
Il filosofo di 89 anni Premio Nazionale della Scienza del 1994, co-fondatore con Ximena Dávila, il Matríztica e professore presso il Dipartimento di Biologia, Facoltà di Scienze, Università del Cile, ha tenuto una conferenza sulle implicazioni di emozioni legate all'apprendimento a scuola questa volta, con gli psicologi spagnoli e Carles Monereo César Coll.
Durante il congresso, il ricercatore cileno ha approfondito il modo in cui le emozioni fondamentali sono nella vita umana, perché secondo lui determinano lo spazio in cui ognuno reagisce a un determinato evento, cioè ci guidano e definiscono le nostre azioni prima che le varie circostanze diano corso alla vita; "Molte volte si dice che gli esseri umani sono razionali, ma io credo che siamo essenzialmente e veramente esseri emotivi, che possiamo riconsiderare di scegliere ciò che possiamo fare in diverse circostanze della vita", dice.
Un esempio di ciò è accaduto a lui con uno studente di medicina che gli ha chiesto: "Tu dici che gli esseri viventi hanno iniziato a essere tali 3,8 miliardi di anni fa, che certezza hanno gli esseri viventi in quel momento?"
Il dottore in biologia ha commentato che ha risposto a quella domanda, perché oltre a quello che ha chiesto il suo studente, l'intero corso ha riflettuto su quella domanda. Momento trascendentale per il ricercatore, poiché crede che il vero fondamento del nostro vivere abbia a che fare con l'ascolto e il riflettere. "Così mi sono dedicato a vedere cosa si diceva allora in campo biologico sugli esseri viventi per elaborare una domanda", ha detto.
INSEGNAMENTO E TECNOLOGIE
Humberto Maturana definisce l'insegnamento come un aspetto che guida l'attenzione su cose che sembrano importanti per un altro. Tuttavia, l'apparizione incipiente della tecnologia nella società, secondo il ricercatore, ha portato grandi cambiamenti nello spazio di convivenza all'interno della famiglia, perché l'essere umano è diventato dipendente da esso, dimenticando completamente di vivere con il suo ambiente .
Sottolinea che gli adulti dovrebbero prestare attenzione agli interessi dei bambini, specialmente durante i primi 7 anni, perché in quella fase iniziamo ad usare la ragione. "In questo periodo le persone sono come piedi e scarpe. Hai sentito il detto che dice, niente di più comodo di una vecchia scarpa ?, Questo è legato alle persone che si trasformano con convivenza, educazione, ambiente ", dice.
Le informazioni acquisite durante tutta la vita devono essere incorporate e riflettute con le persone perché, se un bambino chiede a suo padre qualcosa che lo disturba, e lui risponde: "Dopo aver spiegato, non ho tempo", non è buono per il bambino La risposta dovrebbe essere: "Spiegherò, ma non in questo momento, in un momento te lo spiegherò".
In questa situazione Maturana aggiunge: "In giovane età il bambino impara il mondo attraverso le persone anziane che compongono il loro ambiente. Questo è il motivo per cui è così importante che questi adulti si rispettino e li aiutino a essere creativi. In questi tempi la cellula li separa dall'incontro tra padre e figlio, in quell'aspetto è negativo ".
Il ricercatore pone molta attenzione all'attenzione dei bambini, perché se le famiglie non ascoltano, non prestano attenzione ai bambini e le emozioni non vengono prese in considerazione, stiamo prendendo la strada sbagliata, poiché i bambini sono quelli che vanno trasformando con gli adulti: "Se non siamo in grado di ascoltare i bambini, non saranno in grado di farlo su base giornaliera", avverte.
Di fronte a questa realtà, il legame paterno con i bambini produce rispetto reciproco. "C'è un libro che ho scritto con Francisco Varela intitolato" L'albero della conoscenza ". In esso parliamo di "sapere", come qualcosa che viene assegnato ad un altro quando accetta ciò che l'altro fa: "Sai, hai conoscenza?", Ma nella relazione che non è tutto, deve esserci una riflessione. Se non lo merita, dico che non ha stabilito un collegamento, perché non sono incatenato, non lo controllo ", spiega.
Pertanto, la sfida è per le famiglie, la comunità educativa e anche gli insegnanti in generale. E questo Maturana lo capisce molto bene, riflette su come interessare questi giovani immensamente immersi nella tecnologia.
"Non è bello essere di fronte a un corso per esercitare un sistema autoritario del diciannovesimo secolo, oggi dobbiamo invitare bambini e giovani a riconsiderare e poi agire, perché lo studente non guadagna nulla quando cerca informazioni su Internet, l'insegnante è colui che ha la responsabilità di insegnargli cosa fare con quell'informazione, che deve produrre di fronte ai suoi studenti ".
E conclude sottolineando che tutti gli esseri umani, uomini e donne, sono ugualmente intelligenti, a meno che non abbiamo una storia di trauma che ha danneggiato il nostro sistema nervoso.
"Tutte le persone sono ugualmente intelligenti, con storie diverse, gusti diversi, teorie diverse, preferenze diverse, ma non c'è differenza, ci muoviamo in questo meraviglioso sistema di coordinamenti comportamentali e consensuali, nella consensualità del linguaggio e della ricorsione, che rende questo è gigantesco, quindi i problemi umani non sono di intelligenza ma sono di emozioni, conflitti di desideri, conflitti di intenti, conflitti di intenzioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?