Plasticità comportamentale?

Pagina 1 di 4 +56 (0) 2 9182001 +56 (0) 2 9182038 | Rosario Sur 91 di. 304, Las Condes. Santiago - Cile. Web: matriztica.cl Email: info@matriztica.org     


Plasticità comportamentale?

Un giorno, tra i giorni in cui fummo invitati a tenere una conferenza in un'università straniera, questa doveva essere consegnata in una sala importante del Rettorato dell'università alle sei del pomeriggio. A causa di circostanze del tutto inaspettate, il personale di supporto non ha funzionato quel giorno e abbiamo scoperto che il sistema audio funzionava male e in effetti sembrava inutilizzabile. L'insegnante responsabile si sentiva incapace e disperata. L'auditorium era pieno, cosa fare? Ximena mi ha chiesto: "Cambiamo tutto? Senza microfoni o altoparlanti? Invitiamo il pubblico a partecipare e a parlare?" E abbiamo subito detto entrambi nel migliore spirito della poesia orale: "SC facciamolo, perché solo allora ci vedremo tutti e ci ascolteremo veramente vedendoci e ascoltandoci l'un l'altro". Ci siamo fermati e camminando di fronte al tavolo rettorale e ai suoi microfoni inutili in quel momento, li abbiamo invitati a fare domande: "per favore domande, solo così possiamo sapere dove sei e dove siamo". La conversazione è durata più a lungo del previsto e tutti alla fine sono sembrati felici di quello che è successo. Riflettiamo, parliamo. Hanno ascoltato, hanno ascoltato e sono stati ascoltati. Una pianificazione è la progettazione e la proposizione della circostanza e le misure da seguire per garantire che un determinato processo sia efficace nel generare un risultato desiderato. Tuttavia, i piani non risultano mai se uno si attacca a loro. E questo perché l'atto stesso di cercare di assicurare il successo di un piano avviene in un ambito più ampio rispetto a quello in cui viene proposto, il che inevitabilmente distorce le dimensioni operativo-relazionali del presente che cambierà e che genererebbe in una dinamica che altererebbe la direzione del fare, portandola a un risultato diverso da quello desiderato. L'uscita è nell'intelligenza nella plasticità comportamentale contro un mondo che cambia, nella volontà di lasciar andare la convinzione che l'efficienza e l'efficacia della realizzazione di un compito o di un processo dipende dall'attaccamento al piano. L'efficienza e l'efficacia del fare sono nella non pianificazione della pianificazione, cioè nel non sottomettersi a ciò che è pianificato nel fare ed essere sempre pronti ad amare a guardare ad amare facendo ciò che si fa, senza aspettative, senza richieste e senza supposizioni. Esistiamo in un evento in continua evoluzione in cui sorgono nuclei di conservazione di configurazioni di processi dinamici che costituiscono sistemi che esistono come classi diverse di entità discrete mentre esistono le condizioni in cui l'occorrenza della configurazione è preservata in ogni caso di processi che definiscono la loro particolare singolarità. Gli esseri viventi come componenti del cosmo mutevole della nostra esistenza sono una particolare classe di questi sistemi, e gli umani sono una particolare classe di esseri viventi che vivendo in linguaggi e riflessioni possono guardare al loro vivere e cambiare il loro
Diventare secondo le tue preferenze e i tuoi desideri.
In queste circostanze, l'arte e la scienza della non-pianificazione nella pianificazione sta nella comprensione della natura della rete sistemica sistemica-sistemica dei processi (vedi Post Scriptum) in cui ci si trova nella vita e nella conoscenza di se stessi. dove vuoi andare come un percorso che viene definito momento per momento da ciò che vuoi mantenere (da ciò che vuoi che rimanga così com’è ora). I mammiferi sono animali curiosamente curiosi, cerchiamo continuamente di guardarlo, odorarlo, toccarlo ... come risultato della corteccia cerebrale dei mammiferi. Gli esseri umani come mammiferi sono curiosi e mentre cerchiamo di guardarli, odorarli, toccarli tutti ... e anche come esseri nel linguaggio, vogliamo riflettere tutto in un contesto culturale attuale di vanità in cui vogliamo controllare tutto, e lasciando che ciò voglia guidaci a perdere la plasticità ci siamo ridotti all'intelligenza e ci attacchiamo alla pianificazione e dimentichiamo il no-plan nella pianificazione. Sarà necessario controllare tutto o possiamo contare sulla collaborazione e sulla co-ispirazione che espande l'intelligenza dall'amore? Ano che il nostro sentimento nell'attaccamento al controllo ... sta indicando qualcos'altro.
È una delle tante esperienze memorabili e piacevoli che abbiamo vissuto nel fare la Escuela Matríztica de Santiago.

Post Scriptum: Le idee non fluttuano liberamente là fuori in una coscienza cosmica, sono sempre visioni o astrazioni di vita fatte da una persona individuale, anche se molti dicono in seguito: "era evidente". L'espansione della comprensione operativa e concettuale della nostra esistenza sistemica espressa dall'evocazione sistemico-sistemico-sistemica fu proposta per la prima volta da Ximena Dávila Yáñez in un congresso di terapia familiare all'Università del Kent in Inghilterra nel 2006.

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)