Humberto Maturana: che cos'è l'educazione?



-Professore Maturana, che cos'è l'educazione?
-Educare è diventare la convivenza con gli adulti quando si è bambini. I bambini impareranno il modo di vivere che gli adulti hanno, somigliando o differenziandosi in base a ciò che sentono nella relazione.
-Quale ruolo svolgono le emozioni nel processo di apprendimento?
-Le emozioni guidano tutto ciò che accade nella nostra vita. Tutto ciò che facciamo; lo facciamo partendo da un desiderio, prendendo le mosse da una certa curiosità. Dipende da come mi sento; o dalla circostanza in cui mi trovo; da cosa mi accadrà e da come mi trasformerò. Ecco perché la relazione degli anziani con i bambini è così importante.
Famiglia fondamentale
-Come pensi che ci rapportiamo a ragazze e ragazzi nella società di oggi?
-Se non li ascoltiamo, se non rispondiamo alle loro domande, se non li riflettiamo; ci sbagliamo, perché saranno trasformati con noi, con questo modo di vivere che non ascolta e non riflette. Se non ascoltiamo i bambini, non impareranno ad ascoltare come un aspetto della loro vita quotidiana.
- Allora come possono insegnare ai bambini ad ascoltare e a riflettere gli adulti che non hanno sviluppato le loro emozioni o non hanno lavorato su quella dimensione?
-Non dobbiamo parlare di emozioni; dobbiamo comportarci in modo rispettabile e accogliente; impareranno a relazionarsi in quel modo. Se siamo autoritari, impulsivi e li smentiamo, impareranno ad essere così oppure a non esserlo, a seconda di come si sentono con le persone con cui si relazionano. Non necessariamente solo con il padre o la madre; tuttavia, lo spazio fondamentale è quello della famiglia.
- Riesci a rieducare le emozioni?
- Uno impara un modo di relazionarsi, non apprende particolari atteggiamenti, come quello che devo fare per imparare la gioia o la rabbia. Dipende da come vive il bambino e dal modo in cui si relaziona con gli adulti con cui vive. Forse se vivo con genitori autoritari ed esigenti sarò autoritario ed esigente con i fratelli più giovani. Ora; è molto diverso fare qualcosa per un obbligo oppure farlo perché vuoi; dipenderà tutto da come il bambino capirà che sta partecipando. Ai bambini piace la tenerezza; essere affettuosi con il fratello minore, a loro piace relazionarsi in un modo che sia stimolante; e per questo noi adulti dobbiamo generare una piacevole convivenza.
-Come può essere trasferito a scuola?
-Uno dei compiti fondamentali degli insegnanti è ascoltare i bambini; perché hanno domande, vogliono imparare. Il compito dell’ insegnante è di rispondere; ascoltare, spiegare e dedicare del tempo per mostrare loro come sono fatte le cose.
"Quando si discrimina, nega l'altro "
- Ritiene che ci siano differenze di genere quando si tratta di educare?
-Ci sono differenze nelle abitudini; dipende da come vivi; se vivo perché devo rispondere a un requisito "questo bambino maschio deve comportarsi in un certo modo e la ragazza in questo modo", faccio una discriminazione. Gli adulti non devono discriminare; dobbiamo vedere le differenze e rispettarle. Quando uno discrimina; nega l'altro. Ora; se ci sono comportamenti che non sono tempestivi o appropriati; il mio compito come insegnante; padre o fratello maggiore è di mostrare dove si trova l'errore. Raggiungiamo un accordo su come una certa cosa dovrebbe essere, e se non viene fatta in quel modo, la denuncia sarà perché l'accordo non è stato rispettato e sarà una coesistenza rispettosa.
- A livello di società, come possiamo imparare dalle emozioni?
-Le emozioni sono presenti tutto il tempo; il problema centrale è come vogliamo rapportarci. Voglio relazionarmi con me stesso partendo dall'autorità? Dalla paura? Se vogliamo una convivenza democratica; non può essere data dall’autoritarismo; dalla paura, dalla minaccia o dalla sfiducia. Al contrario, si basa sulla fiducia e il rispetto, sull'accordo e sul parlare di ciò che vogliamo fare insieme; e su come farlo. I bambini chiedono come è fatto, e questa è una domanda meravigliosa. Il mio compito di padre, madre o insegnante è di avere il tempo di insegnare loro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?