Obiettività secondo Maturana


Obiettività secondo Maturana
24 marzo 2017

Humberto Maturana è uno scienziato cileno e un pensatore, forse il più rilevante che ancora oggi ha creato il concetto di autopoiesi per definire cosa sia un essere vivente. Da quanto ha osservato, parla anche del suo punto di vista riguardo alla realtà e alla relazione degli esseri umani tra loro, specialmente quando ci relazioniamo attraverso il linguaggio.

Il libro si chiama The Argumentation: An Argument to Enforce ISBN 9789567802319 . Ho letto filosofia e uno dei temi che mi colpisce è la teoria della conoscenza, ad esempio, il soggetto dell'obiettività. Puoi essere obiettivo? Esiste una realtà oggettiva a cui tutti possiamo riferirci e puntare? Questo libro parla dell'argomento e ha solo 150 pagine ma ha molte informazioni a riguardo. Non è un libro troppo leggero, piuttosto è un libro denso pieno di concetti quindi un riassunto non è sbagliato.

Riassumere bene il libro è fuori dalla mia portata, ma in ogni caso voglio spiegarne alcune idee di base nel caso in cui non vogliate leggerlo, ma non prendetemi troppo sul serio perché è la mia interpretazione del libro e posso sbagliarmi.

Il primo di "L'ontologia dello spiegare" affronta la questione dell'argomentazione e spiega che ci sono due modi diversi per fare un'affermazione. Uno è il concetto tradizionale di realtà assoluta, che Maturana chiama "oggettività trascendentale" o "obiettività senza parentesi", cioè quando si dice che "la cosa logica è che facciamo questo", "Quello che dico è razionale". L'altro è il concetto di "oggettività costitutiva" o "oggettività tra parentesi"in cui l'osservatore parte dalla premessa che gli esseri viventi sono fallibili per essere ingannati dalle nostre percezioni ma anche la premessa che intersechiamo diversi domini (o insieme) della realtà, quindi qualcosa che sembra vero in un dominio non ha cosa c'è in un altro? Secondo Maturana in un'altra intervista non si tratta di relativismo ma di un diverso atteggiamento.

Poi parla di "realtà" ( "Realtà: una proposta esplicativa" ) e inizia a sviluppare il tema. Postula che siamo noi a disegnare la realtà perché è attraverso il linguaggio che la definiamo. Gli esseri umani vivono nella lingua. Un altro punto che egli menziona è che nella cultura occidentale esaltiamo troppo la razionalità e dimentichiamo quanto siano importanti le emozioni (che è super nietzscheano e riconosce che è stato ispirato da interviste che ha fatto). Come esseri umani ci muoviamo attraverso diverse realtà (domini della realtà, per esempio, matematica, fisica, filosofia, nel modo in cui le comprendiamo) e ogni persona ha il suo.

Le persone sono in realtà sistemi strutturalmente definiti che cambiano solo (se dell'idea, fisicamente, qualunque cosa) per mezzo di un processo interno. Pertanto, per essere convinti qualcosa che si deve finire appropriarsi ciò che stanno dicendo e riformulare una spiegazione del problema in modo che in forma con la vostra padronanza della realtà, in altre parole, non si può essere "forzato" per capire qualcosa . Se vogliamo convincere qualcuno del nostro punto di vista, dobbiamo "sedurlo" ad adottare la nostra spiegazione nel suo dominio della realtà.

L'altra cosa che è interessante è che la lingua o l'atto di linguaggiare (amore che il concetto non spiega in questo libro in modo da avere a guardare, a dire la distinzione utilizzando il linguaggio insieme alle emozioni che possono raggiungere tale) è un processo biologico che viene attivato dall'interazione con altri esseri umani attraverso il quale entrambi sono "azioni di coordinamento". Il linguaggio per Maturana non è un insieme di parole che puntano a oggetti reali ma viceversa, gli oggetti sono definiti dal linguaggio.
Spiega anche in questa parte che gli esseri umani sono mossi dall'emozione : sono le emozioni che ci fanno fare tutto ciò che facciamo, non la ragione. È l'emotività che ci consente di mantenere, per esempio, una conversazione e, naturalmente, di finirla. A sua volta c'è una ricorsione, perché nel caso della conversazione, ma in generale in tutto ciò che facciamo, ciò che facciamo influenza le nostre emozioni e ricomincia. Poi comincia a spiegare che cosa una conversazione e che cosa implica, anche l'influenza del sistema nervoso (biologo s, questo non sarebbe mai successo a un filosofo puro) perché gli esseri viventi sono entità composite (sistema di sistemi) e la lingua è influenzato dal sistema nervoso e viceversa.

La consapevolezza di sé è possibile solo nella lingua perché il linguaggio ci consente (e questo è molto importante) di definire una cosa e distinguere una cosa da un'altra. Dell'epigenesi implica che il linguaggio appare non come un componente preassemblato ma come un adattamento necessario l' ambiente e quindi non è un quadrato o fissato che è dato dall'esterno (prendere nazisti grammatica).

In "L'ontologia del conoscere", Maturana parla dell'osservatore e delle sue interazioni. Dice che, in primo luogo, quando qualcuno dice "lo so", afferma anche che sa come comportarsi all'interno di un dominio, quindi se dico "lo so che è così" sono una conoscenza arrogante e privilegiata di una realtà oggettiva che in realtà Io non ho Quindi inizia a parlare di domini cognitivi. Viviamo in comunità cognitive che hanno un criterio di accettazione per farne parte. Apparteniamo a molti di loro, ma tra loro non hanno nulla a che fare, ma tutti quei domini cognitivi (matematica, storia, biologia, filosofia, ecc) si intersecano nella mia corporeità, allora dobbiamo stare attenti a non mescolare reclami validi un dominio agli altri. Sotto l'oggettività trascendentale si potrebbe giungere alla conclusione che lo stesso è valido per tutto o che tutto deve essere assolutamente coerente. Ora ogni dominio cognitivo è un dominio della razionalità (la razionalità è coerenza) ma passiamo da un dominio all'altro attraverso le emozioni, poi ci deve essere occhio perché normalmente si capisce la razionalità (nell'oggettività trascendente o senza parentesi) come qualcosa di immodificabile, ma non siamo noi stessi e che influenzerà i nostri risultati. Il corpo e la mente si influenzano reciprocamente ricorsivamente.

Alla fine parla di "sociale ed etico" . Distingue i sistemi sociali da quelli non sociali. Per Maturana, i sistemi sociali sono comunità (lavoro, famiglia, volontariato, amicizie, club di lettura, ecc.) In cui l'emozione dell'amore che definisce come l'emozione che ci porta ad accettare l'altro gioca un ruolo. e loro a noi. E in quei sistemi ci sono reti di conversazioni (cioè, ci relazioniamo attraverso il linguaggio) e abbiamo un'identità. Ad esempio, in un club di lettura, essere un lettore è ciò che identifica i suoi membri. Quando finisce l'identità della classe o dell'amore, anche il sistema muore. Esistono sistemi non sociali come il lavoro, ad esempio, in cui la differenza è che l'amore non gioca un ruolo ma altri fattori come la coordinazione delle azioni (ho intenzione di pagarti, tu farai una cosa del genere per me ma non mi interessa conoscerti pienamente o generare affetto).

Questi sistemi sociali sono domini di convivenza che, come ho detto sopra con i domini della realtà, questi domini non hanno nulla a che fare l'uno con l'altro ma si intersecano in noi in modo che siano influenzati da ciò che ci accade negli altri ( cosa succede a noi nella famiglia ci colpisce sul lavoro, ecc.). A quell'intersezione che è la nostra corporeità, si chiama anche Maturana (almeno qui) "ego". Quindi i nostri domini di convivenza Ci influenzano e cambiamo quando partecipiamo alle reti di conversazione di ciascuno. Le comunità cambiano anche perché le loro parti costitutive (le persone) cambiano, ad esempio, con l'immigrazione o quando le persone che viaggiano molto hanno idee diverse da quelle che solitamente abbiamo nella nostra cultura. Quindi sia le persone che le comunità (sociali o meno) stanno cambiando strutturalmente da queste influenze.

Sull’ Etica dice Maturana che ha a che fare con l'emotività, anche se noi usiamo la ragione per risolvere le contraddizioni che possiamo avere. Le emozioni sono il fondamento dell'etica ma sono anche incanalate dalla cultura. Fondamentalmente, l' empatia è l'emozione fondamentale che guida le nostre azioni etiche . Dice qualcosa di molto interessante ovvero che i nostri problemi non vengono dalla nostra biologia, ma dalle nostre giustificazioni razionali (in fondo siamo in grado di giustificare qualsiasi cosa, ben detto da alcuni filosofi della metà del ventesimo secolo come Adorno e Arendt che l'Olocausto degli ebrei non era un atto irrazionale ma qualcosa di completamente razionale, attentamente pianificato e coerente con le convinzioni del partito socialista nazionale). Lo afferma anche l'etica non è universale e viene vissuta in modo diverso in ogni sistema sociale. Né controlliamo i nostri interessi etici, ma nascono dall'emotività e da li li applichiamo alla nostra consapevolezza di sé. L'empatia è la chiave.

Per Maturana, la cultura occidentale è (inclusa la scienza) troppo immersa nel pensiero oggettivo trascendentale . L'importanza di comprendere le nostre emozioni e il loro effetto così come di una realtà non universale così come i diversi punti di vista non è solo una questione di essere buoni e tolleranti, ma aiuta anche a capire il mondo in un modo più costruttivo e secondo l'esperienza .

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?