Humberto Maturana propone la fine dei leader e il salvataggio dei rapporti umani nelle aziende


Humberto Maturana propone la fine dei leader e il salvataggio dei rapporti umani nelle aziende

7 dicembre 2015 da Partner volontari in referenziali
Il cileno Humberto Maturana è un medico e un biologo addetto alla formazione. La sua comprensione della biologia umana ha portato a teorie che hanno originato il pensiero sistemico, uno dei fondamenti della moderna gestione aziendale. Assieme a Ximena Dávila, ha fondato e diretto l'Istituto Matrix in Cile, dove lavorano con organizzazioni umane - siano essi famiglie o aziende - da quella che chiamano la Matrice Biologica dell'Esistenza Umana. In questa matrice, la biologia del sapere e la biologia dell'amore si intrecciano. Recentemente, in Brasile, Humberto Maturana e Ximena Dávila hanno partecipato a un seminario promosso dalla National Quality Foundation. In questa intervista, in cui hanno fatto il punto di parlare insieme di non ammettere la gerarchia tra la coppia, spiegano le loro proposte per salvare l'essere umano, la sua capacità di amare e relazionarsi, e come si rifletterebbe positivamente sulle aziende. Inoltre, vedono la nascita di una nuova era in cui i leader saranno superflui.

Ethos Institute: cos'è il pensiero sistemico e come si applica alla gestione aziendale?

Ximena: In primo luogo, ti pongo una domanda: cosa intendi per responsabilità sociale aziendale?

IE: L'Ethos Institute è un centro per l'organizzazione delle conoscenze, lo scambio di esperienze e lo sviluppo di strumenti che aiutano le aziende ad analizzare le loro pratiche di gestione e ad approfondire i loro impegni in materia di responsabilità sociale delle imprese. Per l'Istituto Ethos, la CSR è la forma di gestione definita dal rapporto etico e trasparente dell'azienda con tutto il pubblico con cui si relaziona e stabilendo obiettivi aziendali compatibili con lo sviluppo sostenibile della società, preservando le risorse ambientali e per le generazioni future, nel rispetto della diversità e nella promozione della riduzione delle disuguaglianze sociali.

Ximena: In quello che mi hai detto, c'è un pensiero sistemico-sistemico. Non è una società che fluttua nell'aria, è un'azienda in uno spazio che lo rende possibile, che lo rende sostenibile, che gli dà energia - che ha a che fare con la produttività - che ha senso per le persone. Questo renderà la compagnia allineata a fare cose in questo modo. Perché se vado a vendere costumi da bagno in Antartide, mi ammalerò. Se ho un'azienda produttiva, se vendo qualcosa, questo qualcosa è un servizio alla comunità. Ma non parliamo di "aziende private". Diciamo che tutte le aziende sono "pubbliche" perché devono dare un senso allo spazio sociale a cui appartengono. Quindi quando parliamo di "aziende private", parliamo di qualcosa che è al di fuori del contesto della comunità a cui appartiene. E ogni azienda appartiene a una comunità, la comunità è ciò che lo rende possibile. Chiedi del sistemico. È lo stesso fondamento di ciò che ci hai detto, l'aspetto che hai messo in evidenza era l'aspetto sistemico: sono le aziende, le persone, l'ambiente e l'ecologia, cioè la biosfera. Ciò implica essere consapevoli di un flusso sistemico-sistemico, che ha a che fare con la dinamica, con l'accoppiamento tra persone-azienda, società-comunità, comunità-biosfera.

IE: Tu dici che il pensiero sistemico non è una teoria. Perché?

Ximena: Il sistemico non è un pensiero, una teoria, è un modo di vivere. Perché siamo costitutivamente sistemico-sistemici. Quello che succede è che siamo nati come esseri amorevoli. Quando siamo nati, da bambini, siamo venuti con tutte le antenne per vivere accoppiati in coerenza con il mondo naturale. Ma viviamo in una cultura che si adatta a noi, che ci mette in "adolescenza", "iperattività", "ambizione", "successo", che ci categorizza. Tutto ciò significa che questo stile di vita accoppiato al mondo naturale inizia poi a svanire, a scomparire. Quello che stiamo dicendo non è invitare a un "pensiero sistemico-sistemico" come ad una novità, ma forse recuperare in noi ciò che è costitutivo dell'essere umano. Siamo esseri sistemici. Ad esempio, parli di sostenibilità e sostenibilità, in modo che rimanga nel tempo, implica che c'è questa collaborazione, stando bene,

Maturana: volevo proporre un esempio assolutamente quotidiano di dinamiche sistemiche umane. Immagina di essere nel salotto di una casa con la madre, il padre, i bambini, una cameriera, un gruppo di persone. E c'è un acquario. Un bel giorno, il pesce scompare. Cosa diventa? Cambia tutto. I bambini cominciano a chiedere dove si trova il pesce, e se prima dovevano procurargli del cibo, ora non ne hanno più bisogno, non hanno più pesce. E la casa è diversa perché l'acquario non c'è più. Abbiamo preso qualcosa che sembra così semplice, il pesce d'acquario, e si è trasforma tutta la casa. Quanto lontano arriva? Quanto sono interconnesse queste persone nella vita sociale. Questa è una situazione sistemica. Questo è ciò che intendiamo quando diciamo che non è un pensiero, non è una teoria, è un modo di vivere, una dinamica relazionale.

IE: E come si riflette nelle aziende?

Ximena: questo modo di relazionarsi fa sì che un'organizzazione crei buoni prodotti, che le persone rimangano più a lungo. Pertanto, la società è sostenuta ed è attiva più nel tempo. Cosa succede a molte aziende? Diventano un'università per i nuovi arrivati, che restano lì per un po’ e poi guardano altrove, perché quel posto non dà loro più quello che vogliono: non li fa crescere, non li motiva, né gli fa potenziare, qualunque cosa. E perché non rimangono? Spesso non rimangono perché non hanno il senso di appartenenza, non lo percepiscono.

IE: Maturana, tu dici che le aziende sono comunità umane, spazio per la collaborazione e la co-ispirazione. Cosa significa? Cosa significano questi concetti?

Maturana: Ci sono molti modi di relazionarsi l'un l'altro. Alcuni sono di autorità. Io sono il capo, quelli che sono subordinati mi obbediscono. I subordinati sono subordinati ai desideri, agli ordini, alle aspirazioni dei capi. Il capo dice "Voglio una cosa del genere", e questo è un ordine. E il subordinato, senza domande, lo fa. Questo è un modo. L'altro modo è che molte persone si incontrano in un posto e si muovono indipendentemente l'una dall'altra, il quale non influenza gli altri. E altre forme sono quelle in cui persone diverse interagiscono tra loro, non in un rapporto di autorità e subordinazione, non in una relazione di separazione completa, ma nel fare le cose insieme. In questo fare insieme le cose può salvarsi il piacere di farle insieme oppure innescare una deriva verso la subordinazione o la dispersione. Quando si conserva il piacere di fare le cose insieme, si conversa. Quello che si dice non è un requisito, una prescrizione per gli altri. È un invito, una riflessione per generare una produzione. Non si vive questo modo come “un ordine” o come indifferenza, se uno vive come partecipazione, ognuno fa, un modo in cui ciò che ciascuno fa è coerente con ciò che gli altri fanno nell'autonomia, attraverso la comprensione di ciò che viene fatto insieme. Questo è ciò che intendiamo quando parliamo di collaborazione. Questo spazio avviene in una conversazione, in una co-ispirazione. Per esempio, qui stiamo parlando insieme, come risultato di una co-ispirazione. Ad un certo punto viene suggerita la necessità di un incontro, e questo converge nel fatto che siamo insieme e ascoltiamo. Non c'è alcuna relazione di autorità, non siamo dispersi, ma stiamo facendo qualcosa insieme che è un'intervista, una conversazione, e ha un carattere che dipenderà dalla natura di ciò che viene fatto. Ma ciò che è associato al momento di essere qui, di voler essere qui, di fare cose che nascono da questa interazione che non è di autorità, e che non è di dispersione.

IE: Esprimi qualche critica all'idea di leadership, al contrario dell'idea di gestione co-ispiratrice, perché la leadership si baserebbe sull'obbedienza all'autorità. Ma in entrambe le scuole aziendali e di management si parla molto della necessità di un addestramento alla leadership. Come vedi questa necessità della formazione dei leader? E in che modo questa idea di gestione co-ispiratrice arriva alle aziende quando la presenti?

Ximena: Le società che ci ascoltano sono società responsabili, serie e audaci. E la parola è audace, mentre li stiamo invitando a un cambio di era, passando dall'era postmoderna all'era post-moderna. L'era della postmodernità è l'era della denuncia, del dire che siamo cattivi, qualcosa deve cambiare, noi abbiamo il cambiamento climatico, le specie stanno morendo. Siamo come il discorso, ma siamo nello stesso posto. Entrare nell'era post-moderna significa passare all'era dell'azione, alla possibilità dell'Homo Sapiens-Amans eticus, la cui etica centrale è vivere e vivere insieme. Per questo cambio di era, stiamo proponendo la fine dell'era della leadership per entrare nell'era della collaborazione e della co-ispirazione.
Quando parliamo di leadership, stiamo dicendo che ci sono persone che guideranno gli altri in qualche modo. Succede che nel momento in cui qualcuno guida, tutto nasce nella sua mente. Ma la parola leader ha perso nel mondo questo significato che è il suo significato corretto. Non è più il leader, si tratta del manager che è la persona che ha il ruolo di ricoprire più responsabilità, che co-inspira, che collabora. Sei un manager in un'azienda ed essere un manager non significa essere un leader, in definitiva un manager non è un leader. Ma quello che fai nella gestione è co-inspirational, ci sta invitando a ispirarci insieme, a collaborare a un progetto comune. Se sono il co-ispiratore, per me le persone sono ugualmente intelligenti, ugualmente creative e invito, ispiro, a questo progetto comune. Quindi stiamo invitando un cambio di era: passare dall'era della leadership all'era della collaborazione e della co-ispirazione in un progetto comune. Se sono il co-ispiratore, per me le persone sono ugualmente intelligenti, ugualmente creative e invito, ispiro, a questo progetto comune. Quindi stiamo invitando un cambio di era: passare dall'era della leadership all'era della collaborazione e della co-ispirazione in un progetto comune.

IE: Chi sono questi tipi di Homo sapiens di cui parli?

Ximena: C'è l'Homo sapiens in senso zoologico. Parliamo di Homo Sapiens-Amans amans, Homo sapiens-Amans agressans e Homo Sapiens-Amans arrogans. Perché diciamo l'Homo sapien- Amans Amans? Perché siamo nati come esseri amorevoli. Quando lo chiamiamo Agressans, o una persona aggressiva in una relazione, è nato aggressivo o è diventato aggressivo dalla cultura in cui viveva? È nato amorevole, come tutti gli altri. Ed è diventato un Homo sapiens-Amans agressans per via della vita. E divenne un Homo Sapiens-Amans arrogante per via della vita. Ma è nato amorevole, proprio come tutti gli esseri umani sono nati.

Maturana: Homo Sapien - Amans amans ha a che fare con l'origine dell'umano, con il discorso, con ciò che lo rende possibile. Nell'aspetto zoologico, parliamo di Homo sapiens, un'entità zoologica. Stiamo parlando di un'entità zoologico-psichica, zoologico-relazionale. È un animale che costituisce la storia nella conservazione della lingua e della conversazione. E l'emozione che rende possibile che questo accada nella storia evolutiva è il piacere di stare insieme, perché il linguaggio deve sorgere, è necessario rimanere in compagnia degli altri.

Fonte: Fátima Cardoso 08/07/2009

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)