Humberto Maturana: "Questa crisi etico-morale non è il prodotto di un errore, è il prodotto di una frode sistemica"



"L'autorità non risolve i problemi, i problemi sono risolti nei colloqui, perché hanno a che fare con le emozioni, non hanno nulla a che fare con la ragione, hanno a che fare con la collaborazione. E quando diciamo a noi stessi, stiamo anche portando mano le nostre radici, le nostre storie, esperienze e diverse interpretazioni ", dice l'epistemologo e dottore in biologia.

Epistemologo, dottore in biologia, filosofo, Premio Nazionale della Scienza 1994 e co-fondatore di Matríztica, Humberto Maturana afferma che la crescente sfiducia nelle istituzioni, irregolarità nel finanziamento della politica e l'aumento disordini sociali, non è il riflesso di una crisi, ma rivela un aspetto della nostra storia.
In un'intervista a La Segunda, l'accademico dice che ciò che sta accadendo nel Paese "non è insolito ... Si rivela semplicemente un aspetto della nostra storia, l'uso e, talvolta, l'abuso di relazioni umane per ottenere particolari risultati, sono accompagnate da malizia e la disonestà. questa pratica deriva dai tempi coloniali. Non abbiamo mai visto come un problema, si parla sempre che il Cile non era un paese corrotto e, quando ci sono state queste situazioni, abbiamo visto il punto. Quello che succede è che ora è stata vista una trama molto più ampia che influenza la convivenza economica, politica e sociale ".
E aggiunge che "lo consideriamo una crisi e ciò è positivo, perché significa che non ci piace la situazione (...) La crisi non è perché ciò che accade sta succedendo, la cosa potente è che oggi ci rendiamo conto e non ci piace. Trovo fantastico ciò che sta accadendo, è la nostra opportunità di diventare rispettosi di noi stessi e capire che questa crisi etico-morale non è il prodotto di un errore, è il prodotto di una frode sistemica, che lo rende ancora più serio ".
Maturana afferma che c'è un disincanto nel rendere conto della situazione nel Paese e "se questo ci sconvolge, è meraviglioso perché ci mostra che non vogliamo vivere così, c'è una grande opportunità per cambiare le cose".
"Se ho intenzione di chiedere all'autorità religiosa, politica o economica di venire a risolvere i problemi, non parteciperò alla generazione di una convivenza, perché non ho intenzione di scendere a compromessi".
L'autorità non risolve i problemi, i problemi si risolvono nelle conversazioni perché hanno a che fare con le emozioni, non hanno nulla a che fare con la ragione, hanno a che fare con la collaborazione, e quando diciamo questo a noi stessi, portiamo anche le nostre radici, le nostre storie, esperienze e intese. In Cile non siamo tutti uguali, siamo meravigliosamente diversi, diversi, e il grande compito è trovarci in una conversazione in collaborazione in quella diversità attorno a un progetto di un paese comune, l'equità così volutamente desiderata oggi non è altro che la legittimità della diversità ",l'accademico tiene.
Per quanto riguarda la situazione che ha recitato Arturo Vidal, Maturana ha detto che l'ovazione ricevuta allo stadio da persone che erano presenti è stato il giocatore e non quello che ha fatto fuori dal campo, perché "naturalmente la sua condotta era inadeguato, scomodo e sciocco Penso che ne sia consapevole, ma deve vivere le conseguenze di essersi comportato in modo inadeguato ".

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)