SISTEMI AUTOPOIETICI E ACCOPPIAMENTO STRUTTURALE




"Due unità autopoietiche possono essere accoppiate (accoppiamento strutturale di secondo ordine) nella loro ontogenesi quando le loro interazioni acquisiscono un carattere ricorrente o molto stabile. Il risultato sarà una storia di mutamenti strutturali mutuamente concordanti purché non si disintegrino "(Maturana 1973: 50), che spiega la comparsa di organismi metacellulari come una salamandra, piccioni, uccelli, mammiferi e umani.

"I sistemi metacellulari autopoietici sono di secondo ordine con chiusura operativa [enfasi aggiunta] nella propria organizzazione: l'identità è specificata da una rete di processi dinamici i cui effetti non lasciano la rete" (Maturana 1973). Sono composte da sistemi autopoietici del primo ordine e formano lignaggi attraverso la riproduzione a livello cellulare (Maturana 1973).
Quando un organismo entra nell’accoppiamento strutturale con un altro (os) del corpo (I) che accoppia il terzo ordine che si genera è una fenomenologia particolare se queste interazioni diventano fenomeno sociale ricorrente distinto in uccelli, insetti primati (Maturana 1984) .
Gli accoppiamenti di terzo ordine sono legati alla riproduzione sessuale degli organismi ed è un fenomeno relativamente universale necessario per la continuità di uno specifico lignaggio. Ciò che è comune a tutti questi collegamenti è che "gli organismi partecipanti soddisfano le loro ontogenie individuali [...] attraverso i loro reciproci collegamenti nella rete di interazioni reciproche" (Maturana 1984: 129).

Ogni volta che c'è un fenomeno sociale c'è un accoppiamento strutturale di terzo ordine tra individui e come osservatori possiamo descrivere un reciproco comportamento di coordinamento tra noi che chiamiamo comunicazione. C'è comunicazione ogni volta che c'è una coordinazione comportamentale in un dominio di accoppiamento strutturale. Il fenomeno della comunicazione non dipende da ciò che viene trasmesso, ma da quello che succede con quello che riceve tale trasmissione. (Maturana 1984).
Si capisce che la comunicazione è un particolare tipo di comportamento che si verifica con o senza la presenza del sistema nervoso ed è costituito da un comportamento coordinato da una reciproca trasmissione che si verifica tra i membri di un'unità sociale. Come tutti i comportamenti, possiamo distinguere tra comportamenti filogenetici (innati) e comportamenti comunicativi ontogenetici (apprendimento) (Maturana 1984). Questo è quello che succede in specie non umane come i macachi giapponesi che hanno imparato a lavare le patate che consumano e che oggi viene imitato dai loro coetanei. È un esempio di comportamento ontogenetico.

Le configurazioni comportamentali che, acquisite ontogeneticamente nelle dinamiche comunicative di un ambiente sociale, sono stabili attraverso le generazioni, costituiscono comportamenti culturali (Maturana 1984). Il culturale è un fenomeno che diventa possibile come caso particolare di comportamento comunicativo in un flusso di cambiamenti congruenti (apprendimento ontogenetico) con il medium.

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?