Humberto Maturana e Ximena Dávila Intervista - Conversazioni collaborative


Intervista - Conversazioni collaborative
28 agosto 2018
Conversazioni collaborative
La chiave del successo personale e organizzativo.
Coltivare buone conversazioni basate sul rispetto reciproco e sulla collaborazione può diventare il mezzo più potente per trasformare il mondo in cui viviamo e quindi procedere verso obiettivi comuni. Si ipotizza che Humberto Maturana, scienziato e biologo cileno, e Ximena Dávila, epistemóloga e ricercatore, ha studiato per 40 anni e la cui conoscenza condivisa con caleños nell'ambito della Certificazione Internazionale in conversazioni collaborativo Biologia - culturale, incontro accademico in arrivo grazie al Centro di consulenza e formazione permanente della Pontificia Università Javeriana Cali e alla Cali Lina Hernández.

Come è nata Matriztica e perché formare una scuola di pensiero?

Humberto Maturana: Matríztica sorge quando io e Ximena, ognuno con la sua storia, dopo che quelle storie si intrecciano in una scoperta che ha fatto, si rese conto del dolore che rimane nelle persone che ha sempre un “background culturale”, quando si subisce un danno, la negazione, l'abuso, e che è stato trattato da chi l’ha subito come valido, come una cultura, in quel caso chi ha subito mantiene un dolore e ha anche accertato che il dolore non andrà via, e Ximena lo dimostra con il suo lavoro anche, a tal punto che le circostanze della persona, accompagnate dall'altra, recupera il rispetto di sé. Quindi, cio che questo fatto comporta per me è capire che gli esseri umani non sono solo esseri biologici, ma che tutti noi siamo anche esseri culturali, e che dobbiamo trattare tutte e due queste distinzioni che ho descritto come un'unità, e quindi io e Ximena abbiamo iniziato a parlarne e alla fine della nostra conversazione abbiamo fondato Matríztica.

Ximena Dávila: Quello che succede è che ho messo la cultura fin dall'inizio, per il lavoro di Humberto, era matrice biologica dell'esistenza umana, ma per me il problema che ho portato è stata la cultura, che ha a che fare con le persone, con le relazioni, con i colloqui, poi c'è nato il concetto coniato "Biologia-culturale" e Matríztica come una scuola di pensiero nel sud del mondo, un luogo dove le persone possono prendere i corsi, i processi nelle organizzazioni per capire questo nella " Biologia-Culturale ".

Dr. Maturana, hai parlato di autopoiesi o autopoiesi negli anni 70. Da allora siamo cambiati biologicamente?

HM: Senza dubbio, ovviamente, è inevitabile, perché cambiamo costantemente e quando la nostra comprensione cambia, anche la nostra biologia cambia. Quello che succede è che non l'ho fatto ho preso quando ho fatto questo, allora quello che Ximena ha fatto, perché non aveva visto, non era visto che abbiamo dovuto trattare gli esseri umani nella unità del biologico e culturale; ha cambiato la comprensione, la dinamica biologica, relazionale, ha cambiato la comprensione e questa è un'unità, siamo inevitabilmente esseri biologici e culturali, come dice Ximena.

XD: Ora, quando chiedono di autopoiesi, è l'autopoiesi molecolare; non è solo l'autopoiesi, perché a volte trattano i sistemi sociali come trattano i sistemi autopoietici, e i sistemi sociali non sono sistemi autopoietici, parliamo di autopoiesi molecolare perché si verifica solo nello spazio molecolare. Ora, riguardo alla domanda che chiedi, se la biologia è cambiata. Bene, la biologia sta cambiando perché non siamo le stesse persone che si alzano e la biologia sta cambiando in base al contesto. Pensi che i bambini oggi occupino il telefono, le tavolette, e per loro che è una parte naturale del loro modo di vivere, e quello che stanno occupando come la loro parte naturale del loro modo di vivere, sta trascinando la genetica, quindi ci sono cambiamenti che non sono percepibili ora, ma che saranno visibili in qualche altro decennio.

Dalla tua esperienza, qual è il più culturalmente interessante per le persone?

XD: Quando la persona non sta bene dove si trova, quando deve fare quello che deve fare, perché deve farlo, perché deve pagare con le banconote, gas, acqua e si sente stressato, sente che il lavoro che fa non ha senso. Quando la persona restringe la sua nicchia, il suo spazio si restringe perché la persona si sente felice o no, e questi sono problemi culturali. Perché culturale? Perché viviamo in una cultura molto stressante dove il mantra è "Non ho tempo", non ho tempo per me stesso, non ho tempo per niente, non ho tempo per i miei figli, e ora con tutta la tecnologia, il persone collegate tutto il giorno con la casa, con il lavoro, essendo il cellulare, ad esempio, lo strumento che poteva essere spento, ma non si spegne perché dobbiamo essere connessi. Ma questo ha a che fare con noi, ha a che fare con la cultura e ha a che fare con ciò che accettiamo dalla cultura, perché perfettamente si potrebbe dire "c'è un momento del mio lavoro quando io alle sei del pomeriggio esco, rimango disconnesso e vado ad ascoltare musica, esco con mio figlio al parco, faccio qualcos'altro. " Quindi ciò che preoccupa maggiormente le persone di cultura, è la stessa cultura che facciamo oggi, di ciò che abbiamo costruito, ecco perché parliamo di trasformazione culturale.

Dici che nella competizione non riconosciamo l'altro, ma se le aziende non gareggiano nel modo in cui sopravvivono?

HM: Le aziende sopravvivranno solo se ciò che producono soddisfa desideri, bisogni o condizioni che favoriscono il benessere della convivenza. Se quello che fanno è generare conflitti, alla fine quelle aziende scompariranno, ma per le aziende che lo fanno devono rispettare la comunità, devono essere formate da persone che sono consapevoli di ciò che stanno facendo e delle conseguenze di ciò che stanno facendo. fanno e scelgono, non dal punto di vista del vantaggio economico o di conquistare un altro, ma dalla qualità del loro lavoro per il benessere della comunità a cui appartengono.

XD: Penso che la questione della concorrenza sia la parola "essere competente", che è "fare qualcosa di giusto", ma stiamo parlando della concorrenza che è la competizione di vincere un altro, di essere migliore di un altro, e penso che sta già andando fuori moda o fuori dalla nostra lingua corrente. Ora guardiamo più al benessere dei lavoratori, loro stanno andando all'autogestione, cioè, imparano a gestire le persone nell'organizzazione e non c'è spazio per la competizione. Cioè, un'organizzazione che fa bene quello che fa, che si preoccupa del suo ambiente, una persona che si preoccupa delle parti interessate, una persona che è consapevole della sostenibilità o dell'armonizzazione di antroposfera e biosfera, un'organizzazione che "ha tutti i vantaggi di vincere", perché ora si cercano società che abbiano un senso sociale ed ecologico. Pertanto, in competizione per la concorrenza, quelle aziende sono già fuori, in un altro secolo. Ora le aziende arrivano con un altro chip, il chip per lavorare online, il chip per lavorare le ore di cui hai bisogno ma facendo bene quello che fai, il chip di autogestione, il chip per collaborare in spazi ricchi dove mi sento bene, o essere, la competizione. Competere per competere non è lì. Se ho tutti gli elementi nella mia organizzazione affinché la persona faccia bene quello che deve fare, le persone si sentono bene, riconosciute, felici, non ho bisogno di competere perché la mia produzione sarà buona,

HM: è minare me stesso, perché l'altro fa meglio di me, e sminuire l'altra persona perché devo fare per rendere le cose migliori di altre cose, allora si tratta di un conflitto permanente in cui le cose che faccio non sono mai buone, e questo per tutte le parti che competono.

XD: il dispendio energetico è brutale, perché devo vivere spiando per vedere ciò che l'altro sta facendo e ottenere qualcosa di meglio e faccio questo invece di dedicare me stesso per fare bene quello che devo fare, un altro produce e spende energia di ogni tipo.


Perché Cali, in Colombia?

XD: Veniamo in Colombia da molti anni, a Bogotá, Medellín, Pereira, ecc. Cali ora, siamo stati in diverse parti e abbiamo sempre avuto molti studenti che sono andati in Cile da qui in Colombia, sento che c'è una preoccupazione e una curiosità di rispondere a domande fondamentali e che ha a che fare con il dolore che hai vissuto come paese, il dolore della divisione, della morte, della separazione, il dolore di ... beh chi meglio di te conosce il dolore che ha vissuto più di 60 anni fa, ha cercato di migliorarlo e non continuare a recitare ma se non è stato sradicato, è perché in 60 anni quel modo di vivere in montagna è diventato una cultura, e quando qualcosa si trasforma in una cultura, essa viene trasmessa di generazione in generazione e le linee emergono, e una cultura è sradicata. ,
Così quando mi hanno detto l'anno scorso che siamo venuti, un'insegnante mi ha fatto una mappa, eravamo con Antanas Mockus quella volta, mi ha detto "noi colombiani conosciamo la Colombia da qui a qui, da qui a lì non conosciamo la Colombia" e per me comprendendo che era terribile perché è come se fossi diviso in Cile in due, cioè, conoscerai solo il Sud del Cile e da qui a lì non saprai nulla. È un paese ricco, che ha molte risorse. Se potessimo coesistere in Colombia in armonia, benessere, conservazione delle risorse che hanno e tutto, sarebbe un paese che andrebbe avanti molto rapidamente. Ecco dove quello che abbiamo detto con il dottore è "riguardo al male e allo stolto".

HM: Perché se è una cultura significa che ci sono due parti, supponiamo che la parte A, che è quello stato di violenza, di abuso; e parte B, quella che li ha sofferti, e se la cultura viene trasformata che sarà conservata. Non è che l'abuso di questo sarà conservato, ma che riceve l'abuso, non vedrà fare cose diverse, a meno che non cambino entrambi, non può cambiare solo uno di questi due in questa relazione. Il cambiamento avverrà solo nel momento in cui siamo consapevoli del fatto che siamo rispettati, non nella memoria del male che l'altro ha fatto e che dobbiamo punirlo, ecco perché è difficile quando le culture vengono trasformate (...) e richiede intelligenza, sincerità, onestà da entrambe le parti e la saggezza deve implicare quelle tre cose, se ciò non accade, il desiderio di voler vivere insieme.


Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)