Humberto Maturana: Mentre viviamo in competizione, ci neghiamo sempre l'un l'altro


Humberto Maturana: Mentre viviamo in competizione, ci neghiamo sempre l'un l'altro


25 agosto 2014

- Traduzione in portoghese -
Sistemica di collegamento da Fernanda Elmor

Presenter - (GPS ... ). Vogliamo utilizzare il nostro radar ogni giorno per farci un buon modo all'inizio del 2013. Per questo abbiamo la persona giusta con noi. C'è con noi in studio il biologo e pensatore Humberto Maturana, autore di numerosi e riconosciuti libri come "L'albero della conoscenza". Humberto è attualmente direttore di Matriztica, un'organizzazione che funziona come un laboratorio umano dedicato per facilitare la discussione e la comprensione del vivente mondo e l'umano, con il desiderio di ampliare la riflessione e l'azione di persone in spazi diversi.

Stiamo anche utilizzando nei nostri social network un hashtag molto interessante, al quale vi stiamo invitando. Ed è per questo che ti invitiamo a parlarne e questo è esattamente ciò che vogliamo fare oggi. Parla.

Benvenuto, Humberto.

HM - Grazie mille, mi sento molto onorato di questo invito.

Annunciatore - Siamo molto onorati. Forse una buona prima domanda per aprire questa conversazione è se gli umani conoscono se stessi. Sappiamo chi siamo?

HM - In un certo modo, gli esseri umani sono i più conosciuti, perché ciò che si conosce di un organismo viene prodotto osservando quell'organismo. E la nostra storia di osservazione e riflessione su noi stessi è piuttosto lunga. Ma allo stesso tempo anche noi umani inventiamo spiegazioni, teorie su ciò che vediamo. Quindi la conoscenza è sempre un misto di osservazioni, distinzioni di condotta e processi, interpretazioni e spiegazioni di come ciò avvenga.

Moderatore: crediamo nel nostro essere molto razionali, eppure siamo più “esseri emotivi” che “esseri razionali”?

HM - Tutti gli esseri viventi sono esseri emotivi, tutti. La nostra origine è anche di essere “esseri emotivi” finché non sorge la lingua. Il linguaggio sorge, secondo ciò che pensiamo, circa tre milioni di anni fa, con la famiglia ancestrale, che genera lo spazio di prossimità, e la permanenza, e lo stare insieme, rendono il linguaggio possibile.

(E quando appare la lingua, il razionale ...)

Il razionale ha a che fare con le coerenze del discorso e i compiti a cui si può fare riferimento. Ma queste coerenze non sono nuove, appartengono alla vita stessa. Quindi quello che succede è che quel linguaggio, possiamo astrarlo e parlarne, e in questo senso noi esseri umani siamo razionali, forse siamo gli unici che siamo in grado di farlo. Ma il fondamento di tutto ciò che facciamo è sempre emotivo. L'intero sistema razionale inizia con premesse accettate a livello di emozione, non della ragione.

Presentatore - Tutti?

HM - Tutti i sistemi razionali iniziano in premesse accettate e derivate da desideri, gusti e preferenze. Dall'eccitazione, dall’emozione.

Annunciatore - E lo riconosciamo in noi stessi?

HM No, di solito no. Perché ci obbligano ad essere razionali, a non essere troppo emotivi, ma in ultima analisi, ciò che spinge le nostre vite sono le emozioni, i gusti, i desideri, le preferenze, le paure, tutto ciò è ciò che guida il nostro comportamento. Basta osservare dove orientiamo la nostra vita per prendere atto che dipende da ciò che ci interessa, ciò che ci piace, da ciò che temiamo, da ciò che rifiutiamo e su questo facciamo sistemi di spiegazione razionali cercando di dargli una forma, un argomento logico. Questo è quello che facciamo.

Ci sono, nota quanto interessanti, due tipi di domande che poniamo, ci chiediamo il perché e ci chiediamo anche quale sia la ragione. E queste due domande si riferiscono a cose radicalmente diverse. La domanda del perché, dei motivi, richiede le emozioni che sono fondamentali nel flusso della vita, e la domanda su quale siano le ragioni richiede sistemi esplicativi, per l'argomento logico di qualcuno che vuole convalidare ciò che ha detto.

Moderatore: separiamo entrambi?

HM Ma svalutiamo le emozioni.

Moderatore: li svalutiamo, e sento anche io, Humberto, che li condanniamo socialmente?

HM - È possibile.

Annunciatore - Vogliamo portarli quasi in un campo esoterico, siamo saturi di convinzioni, viviamo in un mondo di certezza. C'è poco spazio per l'azione per le emozioni.

HM - No, cioè, l'emozione è lì, agisce sempre, non è che ci sia poco. Diciamo che c'è un nascondimento del fatto che ciò che ci spinge alla fine sono le emozioni, le preferenze di desideri, i mi piace, le paure, i rifiuti che abbiamo.

Ragionamento razionale che usiamo per così dire, per giustificare certe emozioni o per invalidare certe emozioni, allora è un gioco sempre in queste due dimensioni. Quando vogliamo dire agli altri che dobbiamo fare ciò che vogliamo che facciamo, diciamo che è razionale. Ogni volta che ti dicono che devi essere razionale, stanno dicendo "devi fare quello che dico io".

Hostess - In questo modo stabiliamo un certo dominio sugli altri, no?

HM - Cioè, intendiamo, c'è un argomento logico universale che è ciò che ti costringerà a fare ciò che ti dico di fare è questa la ragione. Ma quello che sto dicendo è: "Fai quello che voglio". "Fai quello che voglio che tu faccia".

Presentatore - Stiamo parlando con Humberto Maturana. Hai detto che tutto nasce, o la maggior parte dei conflitti che abbiamo oggi nascono dalla sfiducia. Che abbiamo perso la fiducia tra gli esseri umani è venuto il controllo, anche la negazione dell'altro e stavamo costruendo queste teorie del dominio. La domanda che sorge è come recuperare questa fiducia? Come posso entrare in un dialogo sincero con te, confidando nel fatto che stai dicendo la verità? Chi è? Come è? Questo è quello che sento, è perso.

HM - Se vuoi riacquistare fiducia, parlare di fiducia non funzionerà. Perché la fiducia arriva accettando la legittimità dell'altro. Ad esempio, nel momento in cui mi inviti e accetto l'invito, stabilisci uno spazio di fiducia perché significa che siamo disposti a stare insieme. Che nel momento in cui iniziamo a stare insieme in questa condizione iniziale di rispetto, la fiducia si espande. Stiamo generando uno spazio in cui ascoltiamo, in cui stiamo facendo cose che avranno un risultato coerente in base alle cose che stiamo dicendo.

Quindi la fiducia inizia con la fiducia. E cosa è necessario per fidarsi? Rispetto. Nel momento in cui rispetto l'altro mi rispetterò e la fiducia apparirà.

Voglio raccontarti una breve storia che racconto perché mi è sembrata molto interessante. Qualche giorno fa, stavo percorrendo una strada con la mia auto e vedo un piccolo camion che accelera per superarmi e quando mi passa davanti mi tampona e rovina la parte inferiore sinistra della mia auto. La macchina continua a correre e questa persona si allontana e a circa mezzo isolato di distanza. Io naturalmente  l’ho seguito. E come si è fermato mi sono fermato anch'io. E’ sceso dal camion e mi ha dettp "Cosa posso dirti?" Ed io gli ho risposto che poteva dirmi "Scusami". E lui mi dice: "Mi scuso," e mi stringe la mano e inizia una conversazione radicalmente diversa. Perché ho notato e ho sentito, quell'atto assolutamente onorevole di rispetto reciproco. Un incidente, un colpo, diciamo ...

Annunciatore - Una circostanza.

HM – La mia automobile era accartocciata e forse anche la sua e quello che ha detto era "Cosa posso dirti?" E c'è l'emozione, quando stai dicendo "Cosa posso dirti?" E io dico "Mi scusi" e lui "Mi scuso" e lo scuso, e poi la conversazione non diventa una disputa, non segue il percorso di una disputa, segue il percorso di una conversazione tra persone che si rispettano a vicenda.

Hostess - Questo ha a che fare con il dare alla conversazione troppo poco tempo? Con poco tempo per parlare o perché non generiamo questo spazio. Perché alla fine, nel migliore dei casi, non vogliamo mettere a nudo la nostra anima.

HM: Quando diciamo che non abbiamo tempo, di solito diciamo che non vogliamo.

Hostess - Parli oggi?

HM - Sì, ma essenzialmente poco perché hai molte opinioni. Ok, abbiamo opinioni, ma trattiamo come giudizi. Quando qualcuno dice "io giudico", in fondo quello che stai dicendo è "non mi biasimo per quello che sto dicendo" perché quello che dico convalida altrove.

Se ho la mia opinione, posso dire "ho la mia opinione" e tu sei responsabile delle tue opinioni. Quindi non parliamo perché vogliamo avere ragione, vogliamo avere la verità, vogliamo che l'altro faccia certe cose che vogliamo che faccia, quindi non rispettiamo noi stessi. Non ci ascoltiamo e non ascoltiamo, non parliamo.

Moderatore - Perché siamo così concentrati, Humberto, nella logica di imporre le nostre idee?

HM - Perché viviamo in una cultura della competizione, di vincere, di progresso, di successo, di competizione. Nota che la competizione comporta in effetti la negazione di ciò che fai perché fai le cose in funzione di ciò che fa l'altro.

Presentatore - Per vincere da questo altro.

HM: Ovviamente, il risultato è che quello che avrei fatto non è quello che voglio, ma quello che fa l'altro.

Ecco perché dico che quando c'è una partita di calcio, quello che perde è il più importante. Perché se uno non perde, l'altro non vince.

Ma poiché siamo concentrati su questa idea che "competere" e "vincere" e "ciò che è buono", "progresso" e "Devo essere migliore dell'altro", "Devo farlo", allora siamo sempre in quelle situazioni in cui neghiamo agli altri che possiamo ottenere qualcosa, perché pensiamo o agiamo come se il raggiungimento di qualcosa in termini di qualità del nostro fare dipenda dall'altro. Non è giusto! Non dipende dall'altra persona, dipende dalla qualità di ciò che faccio io.

Presentatore - Possiamo vivere diversamente o siamo quasi condannati a questa vita, anche se siamo un paese che sta cercando di diventare una nazione sviluppata?

HM - No, non siamo condannati, fortunatamente noi umani non siamo condannati perché possiamo sempre riflettere e dove porta la riflessione? Nota che il riflettere è il fatto che ti fermi un momento per osservare quello che stai facendo e chiederti: "Mi piace quello che sto facendo o no?" Ma devo guardarlo e per guardarlo devo smettere di fare quello che sto facendo. Devo accettare che forse non lo so, non vedo. Quindi, in questo atto di riflessione si apre la possibilità di cambiare direzione. Apre la possibilità di rendermi conto che non voglio davvero quello che sto facendo. Ah sì, che vivere in competizione, in lotta, questo continuo sforzo di successo, non ci fa fare le cose meglio. Non apre uno spazio per la riflessione che ci consente di scegliere un percorso o un altro in base a ciò che vogliamo vivere. Secondo ciò che vogliamo mantenere nella convivenza.

Presentatore - Ma generiamo questa cultura?

HM: Nessun dubbio e lo teniamo, lo conserviamo. Lo teniamo e ce lo insegnano da una tenera età. Parliamo che i bambini devono ottenere le cose, devono essere migliori degli altri "Devi essere migliore".

Presentatore - Devo fare degli esami per entrare all'asilo al liceo.

HM - Per esempio. Ma devono fare test in un ambiente competitivo. Non dire al bambino "Dobbiamo vedere le cose che fai per sapere dove staresti bene con quello che sai per saperne di più." Che è diverso Ero rettore di un'università e una giovane e mi dice: "Voglio andare all'università per studiare una cosa del genere," e io gli chiedo: "Dimmi un po 'quello che hai fatto?" E ha parlato di quello che ha fatto e dico "Guarda, se vuoi imparare questo prima dovresti fare quest'altra cosa "e guidarti lungo la strada. Ma non lo metto in uno spazio di esigenza. Lo prenderò. Ti do il benvenuto Questo è ciò che non facciamo. Quindi siamo nel bisogno, non nella competizione. E noti che non fai le cose meglio quando gareggi, al contrario, sei più cieco. Non vedi le tue circostanze perché l'unica cosa che vedi è l'altra persona. Non è l'unica cosa che vedi, ma ...

Moderatore - Ma una parte importante dell'attenzione viene catturata lì e non nelle possibilità stesse.

HM: Certo, non nelle abilità, non nelle circostanze in cui ti trovi, dove saranno presenti le tue abilità.

Annunciatore - Hai detto che dobbiamo ascoltare i bambini per convalidarli accettando ad esempio la legittimità di un bambino di fronte a un padre, un bambino di fronte a una madre. Per un padre o una madre, lì viene stabilita una differenza o uno studente di fronte a un insegnante. Questa è forse una delle carenze più importanti della nostra educazione, che è stata uno dei temi più presenti nell'agenda pubblica negli ultimi due anni.

HM - Penso di sì, perché tutti, di fronte a nuove situazioni, abbiamo difficoltà nel senso che non lo sappiamo. Quindi un bambino che sta imparando qualcosa di nuovo, e il nuovo non è lo stesso per tutti. Il bambino che veniva dall'ambiente A e il bambino che veniva dall'ambiente B e il bambino che veniva dall'ambiente C, qualcosa che è nuovo per uno può essere parte della storia dell'altro, o per uno può essere una cosa impossibile mentre per un altro più accessibile, quindi il compito dell'insegnante è di essere in grado di ascoltare queste 3 possibilità, in modo che possa connettersi con ogni bambino secondo le sue possibilità, secondo "Cosa vedi in quel momento?". Perché siamo tutti intelligenti.

Tutti gli esseri umani, come esseri umani che esistono nel linguaggio, sono ugualmente intelligenti. Perché l'intelligenza ha a che fare con la praticità comportamentale in un mondo che cambia. E vivere in una lingua richiede una pratica comportamentale così gigantesca che, a meno che non abbiamo avuto traumi, malnutrizione, malattie genetiche di qualche tipo, siamo essenzialmente ugualmente intelligenti. Quindi, se questo bambino non capisce significa che devo parlarle in un altro modo, perché nel momento in cui incontra quello che sto dicendo, lui capirà e si svilupperà.

Ma se faccio tardi, perché non mi interessa se non mi capisci, continuo semplicemente perché dico che devo seguire ciò che è più avanzato, lo condanno. Lo condanno a un ritardo permanente perché senza passare per il punto A non posso raggiungere B. E questa è una delle cose che facciamo. Perché? Perché dobbiamo rispettare il curriculum, perché dobbiamo soddisfare questo requisito, ecc. E il nostro compito fondamentale come insegnanti è quello di creare uno spazio in cui tutti i giovani, i bambini, i ragazzi e le ragazze diventino un'estensione della comprensione e il mio compito è quello di creare per tutte le condizioni affinché possano soddisfare le loro capacità e stabilire la loro comprensione.

Annunciatore - E come può essere un aiuto per i genitori? Il padre, la madre, la figura materna, che credo sia molto importante. E vorrei anche un accenno a quello che è successo con l'inserimento delle donne nel mondo del lavoro. Che evidentemente ha generato un vuoto per alcuni bambini.

HM: Beh, certo. (Se lavori ... diciamo), i bambini hanno bisogno di tutta la famiglia. Se c'è madre e padre, madre e padre sono fondamentali. Se c'è solo madre, la madre è fondamentale. E cosa significa madre e padre? Significa adulti che si rispettano a vicenda, che amano e apprezzano questo bambino e quindi aprono lo spazio per farlo nascere. In che senso? Diventa una convivenza, impara vivendo. Per esempio quando un bambino, un ragazzo, una ragazza dice: "Madre, come fai a fare questo dolce , dolcezza?" Che cosa stai dicendo? Sta dicendo: uno, che apprezza il lavoro della madre; due, che lui o lei vuole farlo bene pure; e tre, che sono disposti ad imparare. Quindi è meraviglioso. Ma se mia madre o mio padre dice: "Oh, figlio mio, non ho tempo".

Annunciatore - ("Un altro giorno ti dico") Uccidi tutte queste possibilità, ovviamente.

Stiamo parlando con il biologo e pensatore Humberto Maturana. Hanno commentato su Twitter e ci hanno chiesto nel nostro social network "Qual è la via alternativa alla competizione?"

HM - La collaborazione. Sopprimi la competizione e appare la collaborazione.

Annunciatore - Ci riuniremo tutti? Come un problema sociale.

HM - Naturalmente, tra tutti. Perché nel momento in cui sopprimo la competizione, non sono più concentrato sull'essere migliore dell'altro. Posso guardare a quello che fa l'altro e imparare da lui o lei e l'altro guarda quello che sto facendo perché non è in competizione con me neanche io.

Quindi cosa appare? La possibilità di fare qualcosa insieme. Appare la collaborazione. In quale spazio? Qualunque cosa sia, corrisponde alla situazione in cui ci troviamo. Sospendi la competizione, appare la collaborazione.

Presentatore - E questo ha contribuito molto alla felicità. Una mentre stavo ascoltando qualcuno rifletta lo scopo di un programma che è andato in TV, un grande articolo che si chiedeva se cileno eravamo felici o meno rispetto ad altri indici di altre nazioni e non ci sente, il cui scopo diminuiamo l'importanza vivere in comunità. E se analizzi, ad esempio, i messaggi di pubblicità o anche i libri di autoaiuto di successo che tutti questi testi ti dicono "È la tua forza. Il potere è tuo Puoi essere felice Sei responsabile della tua stessa felicità ", escludendo la comunità da tutto ciò. Verso, per esempio, quello che è successo in Costa Rica dove le persone erano felici perché, secondo i funzionari governativi, avevano creato, per esempio, ospedali pubblici di altissima qualità. Ancora meglio di quelli privati. Ed è qui che i più ricchi e i più poveri vogliono accedere. E ci fu un incontro di fragilità, debolezze, debolezze, malattie per riconoscersi e costruire, se si vuole, questa felicità nella comunità. Vedo questo come un buon esempio.

HM - Senza dubbio è un buon esempio, perché ciò che è coinvolto lì, quando faccio un ospedale pubblico, è che tutte le persone sono legittime e ugualmente degne di attenzione. Non solo degno di attenzione ma degno della migliore attenzione. Quindi crea uno spazio di rispetto reciproco. E quindi uno spazio di collaborazione. E se ciò viene fatto seriamente, aumenta la capacità di fare terapia, di collaborare, di fare cose insieme, di risolvere le difficoltà attraverso la presenza o la conversazione con gli altri.

Presentatore - Ho recensito un'intervista che ha regalato a Cristián Warnken "La bellezza del pensiero" alcuni anni fa, non ho trovato la data.

HM - Molti anni fa.

Presentatore - Sono passati alcuni anni. Dove hai parlato di immagini, quanto siamo preoccupati di costruire qualcosa di fronte agli altri, un'immagine. E stavo pensando oggi e cercando di unire, collegare, con i risultati, ad esempio la ricerca, che è precisamente ciò che misura la ricerca, l'immagine di un certo candidato, l'immagine di un particolare presidente. Perché oggi l'immagine domina tutto? O non hai quella sensazione?

HM - Sì, certo, ho questa sensazione, ma non solo oggi.

Hostess - È sempre stato così?

HM - Pensa ad alcune parti del vecchio Santiago dov'è la facciata, la facciata è un'immagine, vedi una facciata e guardi indietro e vedi qualcosa che non corrisponde alla facciata. Perché cosa rende la facciata? Proietta un'immagine. Le immagini sono sempre bugie. Perché non mostrano quello che c'è o quello che è. Quando qualcuno proietta un'immagine, in fondo vogliono che l'altro veda qualcosa che non lo è. Quando qualcuno si comporta come lui, non proietta un'immagine, mostra la sua identità, mostra il suo modo di pensare, mostra i suoi sentimenti. Quindi ogni volta che cerchiamo immagini, vogliamo proiettare un'immagine, in fondo vogliamo mentire. Non ce ne rendiamo conto.

Moderatore - Non cosciente.

HM - No, perché confondiamo l'immagine con l'identità.

Presentatore: qual è la differenza?

HM - La differenza è che nell'identità una persona si mostra come è nel senso che dice ciò che pensa, agisce, riflette in un modo, cambia idea quando sente qualcosa che trova interessante. E non stai sostenendo alcuna idea, ma stai partecipando alla creazione. O quando presenti un'idea, non è che la difendi perché è tua, ma fai gli argomenti che la convalidano, ecc.

Ma quando qualcuno presenta un'immagine perché vuole che l'altro la veda in un certo modo, "Beh, devo presentare l'immagine che sono una persona che ha fiducia in se stesso", perché se non presenta questa immagine, non gli daranno il per esempio. "Bene, ma io sono timido", ma non può dimostrare, deve proiettare un'immagine di solidità, di autonomia.

Hostess - E questo è insostenibile da molto tempo perché stiamo tradendo la nostra natura, ciò che siamo.

HM - Esattamente. (Quindi se qualcuno è disposto ...) perché siamo tutti intelligenti. È vero quello che sto dicendo.

Moderatore - Passiamo a questo punto.

HM - Se presti attenzione alla tua vita quotidiana, quando dici che un animale è intelligente? O che un bambino è intelligente? Che una persona è intelligente? Quando vedi questo animale, questo bambino, questa persona adulta è guidata in un modo di plastica davanti a un mondo che sta cambiando. Raccoglie un animale per strada, lo porta a casa sua, arriva un amico un giorno o due dopo e dice: "Guarda, ho scelto questo gattino e quanto è intelligente. Conosci già tutta la casa, lo sai, tutto ... "in un mondo completamente diverso da quello che era. Così è con i bambini, con le persone, con gli adulti. E questa capacità di plasticità comportamentale di fronte a un mondo che cambia, ovviamente, è diversa nei diversi tipi di organismi.

Ma negli esseri umani, come esseri che esistono nel linguaggio, la plasticità comportamentale richiesta per esistere efficacemente nel linguaggio è così gigantesca che siamo tutti ugualmente intelligenti. Non sono più intelligente di chiunque altro. Un individuo è diverso dall'altro, abbiamo gusti diversi, preferenze diverse, ma siamo fondamentalmente ugualmente intelligenti.

Ora, siamo guidati in modi diversi nei gusti e nelle preferenze in base ai gusti e alle preferenze. Ma nel momento in cui accetto che l'altro sia intelligente come sono, sono disposto ad ascoltarlo.

Moderatore - A questo proposito, ci chiedono su Twitter se sono compatibili e in che modo la collaborazione con la leadership è compatibile. Questa è una buona domanda.

HM - Una domanda molto buona. Credo che quanto si capisca la leadership in generale non sia compatibile. Perché nella storia, la storia della parola leadership è (una parola storia ...) di accettare la guida dell'altro. E nel momento in cui accetti la guida dell'altro, non collabori, obbedisci, invia. Quindi abbiamo confuso molto. È piuttosto diverso, ad esempio, dalla coordinazione, dalla conversazione con l'altro che ci consente di generare un'idea e metterci d'accordo, e nel momento in cui ci mettiamo d'accordo su cosa fare, questo è l'accordo che guida cosa fare, non la leadership.

Moderatore - Non dominio.

HM - Non obbedienza, efficacemente. E se noti bene, noterai che ogni volta che qualcuno obbedisce, si sentono male.

Moderatore - È importante infine rispettare gli errori? Questo è un mondo che non rispetta gli errori. Condannali.

HM - Assolutamente. Perché se non rispetto gli errori, non li realizzo o li nascondo. O mentire. Ma anche l'altro deve rispettare i miei errori, cioè quando dico "Ho fatto un errore" sto dicendo qualcosa di molto forte. Mi sono reso conto di aver fatto qualcosa di scomodo, anche se nel momento in cui l'ho fatto ho pensato che non fosse così. E ciò dovrebbe aprire la possibilità di una conversazione per correggere l'errore, per compensare. Beh, ci sono degli errori terribili, sì, naturalmente ci sono degli errori terribili che nessuno avrebbe voluto commettere, ma il risultato è che quando hai fatto quello che hai fatto non volevi sbagliare. Pensavo fosse valido.

Hostess - Humberto Maturana, grazie per averci accompagnato in questi minuti, è stato un piacere averti qui in TV Cooperativa.

HM - Grazie per avermi invitato e invitato, in realtà ho invitato anche Matriztica e quello che dico qui, in effetti, è qualcosa che pensiamo e cosa facciamo nella scuola di Matriztica nella ricerca umana.

Hostess - Sappiamo qualcosa di quello che stanno facendo lì. Cos'altro dovremmo sapere di questo, o cos'altro dovrebbe sapere il nostro pubblico sul lavoro svolto in Matriztica?

HM: Beh, dovrebbero prendere uno dei nostri corsi. (rs)

Presenter - Ma sono per le aziende, per le persone, per tutti?

HM - No, facciamo corsi che sono per l'intero pubblico. Naturalmente, per esempio ora, a fine gennaio ne faremo uno. Ma dovrebbero guardare alla matrice del sito. Qual è il corso sulla biologia culturale, questo è il tema centrale.

Presentatore - Biologia culturale.

HM - Non biologia e cultura, ma biologia cultuale. Gli esseri umani sono fin dalle nostre origini esseri che siamo contemporaneamente biologici e culturali.

Presentatore - Interessante. Ecco tutte le informazioni, più tutte le pubblicazioni della stampa e alcune colonne di opinione o alcuni pensieri che appaiono riflessi in quella pagina web che è matrix.cl. Ancora grazie mille, buon 2013.

HM - Mille grazie a te.

NOTA: Usa (tra parentesi) in parti di un discorso che può essere scartata principalmente per essere stato un inizio di ragionamento che non raggiunge la fine, la frase viene arrestato.


- -  -

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?