DISCORSO DEL NUOVO MEDICO HONORIS CAUSA D. HUMBERTO MATURANA ROMESÍN



Grazie mille
Sono profondamente commosso da ciò che è successo, grato al Rettore, personale docente e l'Università di Malaga per questa distinzione che ho ricevuto insieme a un altro collega
Cos'è una distinzione? Che cosa fa distinguere una persona? Cos'è? Cosa si sta facendo?
Penso che una distinzione come questa sia un regalo. Certo, è vero che si cerca ragioni per giustificare il dono, ma in realtà è un dono, perché dipende da uno crea le ragioni. Se non credo nelle ragioni per cui non faccio il regalo ma se credo in le ragioni per cui faccio il regalo in modo che sia un atto d'amore, un atto di amicizia e è potente
Ma si fa anche in una cerimonia, in un rituale e cosa fanno i riti? che cosa fare le cerimonie? Conservano la memoria della storia, collegano il presente con il passato, quel passato che non esiste, che è un'invenzione esplicativa trasformata nell'esperienza attuale ora.
Questa cerimonia, che è un rituale, mette nel presente il desiderio di distinguere una persona perché uno vuole, rispetta e ama ciò che lei o altri dicono che ha fatto. Per questo ringrazio.
Ma ho alcune domande. La mia domanda, forse, più grande è come è uno è disposto a dare ad un'altra persona ciò che apprezza e ama? Perché senza dubbio in questo dono del dottorato Honoris Causa mi è stato dato da coloro che lo regalano essi apprezzano. Lo distinguono come qualcosa di prezioso, quindi mi stanno dando qualcosa lei, qualcosa di grande apprezzamento.
Come è questo che dà ciò che si apprezza di più? Per rispondere a questa domanda propongo di seguire un percorso riflessivo attorno ad altre domande:
Come ci amiamo? Da dove viene il nostro amore? Che tipo di esseri siamo noi? Come facciamo quello che facciamo?
Prima riflessione: l'amore ha a che fare con vedere e ascoltare.
Quando un bambino dice: "Mamma, l'insegnante, l'insegnante non mi ama" e la madre chiede "perché dici così?", dice il bambino perché non mi vede mai quando alzo il mano per fare una domanda e mai ascoltare quello che dico.
In altre parole, non mi vede, non mi ascolta, non mi ama.
Seconda riflessione: a volte diciamo che i bambini sono il futuro dell'umanità. Noi della Matrix School con la mia collega Ximena Dávila e la nostra pensiamo che questo non sia il caso, che il futuro dell'umanità sia persone adulte
È con gli adulti con cui vivono che i bambini, le ragazze, i giovani si trasformano in convivenza. Questa è la nostra grande responsabilità. Gli adulti, ora, con quello che facciamo, con ciò che scegliamo, con cosa pensiamo, siamo il futuro dell'umanità.
Terza riflessione: la vita si verifica nel presente. Se guardiamo il Cosmo un po ', parliamo di tempo, parliamo del passato ma, cosa è tempo? Il tempo è un'invenzione esplicativa per collegare la nostra memoria prima e dopo. Ma tutto accade nel presente. Il cosmo si verifica nel presente e come accade nel presente, qualsiasi idea possibile di un viaggio nel tempo non lo è possibile. Non si può tornare indietro, non si può tornare indietro, nemmeno il pendolo sembra che stia facendo un movimento ciclico, di ritorno continuo alla condizione iniziale, ritorna a una condizione iniziale perché l'intero ambiente cambia in base al suo battere nel tuo movimento.
E la domanda su come è che amiamo? vogliamo rispondere facendo uno sguardo alla storia che ci ha dato origine come esseri umani. Se uno vuole nel evolutivo cerca un modo per spiegare il presente, se vuoi spiegare come è viviamo nel presente che viviamo, ciò che uno deve chiedere è ciò che ha preservato in tutta questa storia che sto inventando per spiegare il presente così che ora siamo come siamo.
Come siamo come esseri umani? Abbiamo due caratteristiche fondamentali: la prima è che come mammiferi viventi, siamo nati amorevoli. E cosa vuoi dire?
Significa che il bambino alla nascita, nasce con l'anatomia, la fisiologia che implica implicitamente un ambiente accogliente che renderà la tua vita possibile. Cioè, il bambino è nato nell'implicita sicurezza che lui nascerà con lui o con lei una mamma, un papà, un ambiente che lo accoglierà perché se non lo accetta, muore. Lo stesso della farfalla che lascia la crisalide con un'anatomia e una fisiologia che coinvolgono fiori, nettare e che se non ci sono fiori o nettare, muore.
Com'è che gli esseri umani sono nati amorevoli? Com'è che il bambino è nato amorevole? Pensiamo che l'altra caratteristica fondamentale sia che noi esistiamo nella lingua, nella conversazione e nella riflessione. Questa è la nostra caratteristica presente. Tutto ciò che abbiamo fatto in questa cerimonia o rito, ha a che fare con le nostre riflessioni su ciò che facciamo, su ciò che pensiamo, in a parlare in cui distinguiamo quali cose apprezziamo e quali cose non apprezziamo.
Abbiamo fatto riflessioni nella lingua, abbiamo guardato al nostro presente e abbiamo ho guardato la nostra storia quindi, se gli esseri umani sono nati amando ed esistono nel linguaggio, il parlare e riflettere Cosa deve essere successo per renderlo così? Nel Matríztica School of Santiago, pensiamo che sia sorta la cosa umana la famiglia ancestrale.
Qui hai un illustre gruppo di paleontologi che hanno lavorato in Atapuerca, che ha svolto un lavoro importante nei secoli dell'Homo Sapiens, le ere paleontologiche di Homo Sapiens che è molto interessante. Noi, nel a sud del mondo, abbiamo guardato le ere psichiche e abbiamo proposto insieme al mio collega Ximena Dávila la nozione di "epoche psichiche dell'umanità", in cui parliamo di ciò che l'umano deve aver iniziato quando il linguaggio e il parlare. E la lingua e la conversazione sono sorti dove non c'era lingua e parola prima, cioè, naturalmente, viveva insieme e ovviamente dovevi esserlo insieme; ma cosa facciamo ora, che sembra così facile per noi e per un bambino con due anni impara fondamentalmente alla perfezione non esisteva verso le tre milioni e mezzo di anni cioè quando è emersa la famiglia ancestrale.
La famiglia ancestrale deve essere emersa come uno spazio per il godimento del convivenza, vicinanza, stare insieme, fare cose insieme.
Quindi siamo esseri amorevoli e viviamo nella lingua, nella conversazione e nella riflessione, e la riflessione è una cosa particolarmente interessante perché consiste nel lasciar andare conoscenza per guardarli. Non come un atto nella ragione, ma come un atto nelle emozioni.
Lascia andare la conoscenza, lascia andare quello che so, lascia andare quello che dico di sapere. Quante volte lo avranno chiesto? Sapranno cosa dico, lo so? Questo è un atto meraviglioso, che costituisce l'atto di riflessione, in cui si rilascia ciò che pensa di sapere e lo guarda e forse scopre che non sa cosa pensava di sapere e lo lascia e passa a un altro spazio, a un altro dominio.
Ora so che sono il dottor Honoris Causa dell'Università di Malaga ma la cosa non finisce qui, perché risulta che ora mi muovo in un altro dominio. Cos'è? E’ il dominio che porta con sé tutto ciò che questo implica. È come uno spazio collegato che ha caratteristiche diverse a cui ho vissuto prima e che io do a me stesso ha esattamente il motivo per cui posso fare questo atto di riflessione.
E alla fine, ora esploriamo la domanda che ha a che fare con il modo in cui sappiamo, con come generiamo il mondo.
E qui voglio, se posso, raccontare una parte della mia storia che non è nel storia meravigliosa che mi ha sorpreso che il dottor Miguel López Melero ha fatto di me.
Ora so più cose di me rispetto a prima e sono grato di averlo ha mostrato così tante belle cose di cui mi chiedo, sarà tutto vero?
Ma dato che mette le date qua e là, deve esserci del vero nel costruzione del presente che stiamo vivendo.
Sono stato un biologo e cosa significa che uno è stato un biologo? Il biologo è uno scienziato.
E significa che si va in giro per il mondo a guardare esseri viventi, piante, insetti, tutti gli animali, batteri e chiedendosi come è questo vivere?
Come fanno quello che fanno?
Per me gli esseri umani erano altri esseri viventi. Quando si studiano gli esseri vivo, ad esempio, alle farfalle, si studiano farfalle, si parla di come si nutrono, come si riproducono, come volano le farfalle. Ma, raramente trovane uno con una particolare farfalla. Una farfalla che posso avere qui nella mano, potrebbe persino avere un nome. Sì, sì è una farfalla, ma tra tutte le farfalle è un individuo particolare.
Non posso più trattare le farfalle semplicemente come farfalle se mi trovo con loro come individui particolari.
Ho parlato degli esseri umani nello stesso modo in cui si può parlare di farfalle. Gli esseri umani hanno avuto una storia evolutiva, siamo nati amorevoli ma un giorno ho incontrato il professor Ximena Dávila che me l'ha mostrato che noi esseri umani eravamo persone. Un giorno mi dice: "Dottore, ho fatto una scoperta "e gli ho chiesto cosa? E lei dice: "Ho capito che il dolore per il quale è richiesto un aiuto relazionale è sempre di origine culturale e la persona dicendomi le sue preoccupazioni, mi mostra la matrice relazionale in cui era la sua vita, vita in cui è stato negato, abusato, violato, non ascoltato o sentito. E mi mostra anche la matrice relazionale di come esci da quel dolore. E mi si rivela allora, in tutto la sua maestà, la persona.
È vero, perché se una persona chiede aiuto, è una persona che ha sofferto la negazione. Potrebbe essere stato un bambino non ascoltato, abusato, stuprato, così tante cose che sappiamo cosa succede in questo presente culturale patriarcale / matriarcale. Forse sappiamo cosa succede perché stanno accadendo di più o perché prima semplicemente non lo abbiamo sentito o non l'abbiamo visto. Ed è così che la persona mi appariva prima,
Mi sono riferito agli esseri umani, ora vedo che la vita umana accade dentro alla persona e questo fa una differenza fondamentale.
E qui torno al momento iniziale di questo pomeriggio, quando ricevo il dottorato onoraris causa come persona. Sì, certo, sono un essere umano ma sono una persona ed è quello che genera il mondo sempre. Ognuno di voi genera un mondo. Un mondo che ha a che fare con le vostre preferenze, i vostri desideri, i vostri gusti, le vostre riflessioni. Questo è diverso dall'altro e con queste differenze siamo capaci vivere insieme e fare qualcosa insieme, collaborare, co-ispirare in un progetto comune in una comunità. E anche, finché siamo persone, possiamo riflettere e possiamo renderci conto se vogliamo o non vogliamo il mondo che stiamo generando con gli altri. Possiamo quindi essere liberi.
Voglio o non voglio vivere quello che vivo? E quello che è un atto nell'emozione, è un atto in cui si rilasciano le sue certezze in modo che poi viene il ragionamento, argomentazione riflessiva razionale, a volte non la vediamo perché non ci rendiamo conto che ogni argomento razionale ha un fondamento non razionale, che è ciò che dà carattere alla discussione. Pertanto, ogni sistema razionale non ha base irrazionale.
Ed è da lì che la cosa meravigliosa di questa cerimonia è che il suo fondamento non è razionale. Ha a che fare con rispetto, con apprezzamento, con il riconoscimento di quello fa l'altro perché gli piace la sua storia o quello che fa, con la possibilità di riflettere e chiederti se vuoi o non vuoi ciò che stai vivendo o vivendo generatrice. E uno può rendersi conto che si è sempre come una persona generatore del mondo in cui vive. Vive con gli altri ma ognuno di noi è responsabile per il mondo in cui viviamo e di ciò che scegliamo.
L'atto di scegliere non è tanto l'atto di andare in un modo o nell'altro, ma un atto di lascia cadere le certezze e guarda.
Ed è quella libertà di sentire, di amare, di riflettere su come viviamo la nostra vita, ma soprattutto, capire che siamo il futuro dell'umanità, è il chiedersi come viviamo ora, perché bambini, ragazze, giovani imparano il nostro spazio psichico. Imparano la nostra vita. Non imparano le cose.
Imparano a vivere con i loro insegnanti, imparano a riflettere se gli insegnanti riflettono, imparano l'onestà se gli insegnanti sono onesti.
Quindi questa cerimonia, questa distinzione, mi commuove perché mi mette di nuovo alla presenza di me stesso come persona e dell'impegno che sento come il creatore del mondo con gli altri e il desiderio che il mondo che creiamo sia tale che vale la pena vivere per i nostri figli e figlie e i loro figli e figlie.
Grazie mille

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?