Humberto Maturana sulla disuguaglianza: "La povertà è illegittima, la miseria è assolutamente illegittima"



"Supponiamo che ci siano dati economici che ci dicono che stiamo molto bene, ma che succede se prendiamo l'economista e lo trasferiamo in una popolazione 'callampa', e l'umile lavoratore lo trasferiamo nel luogo di residenza dell'economista per un periodo di tre mesi? Lì si vedranno le differenze, si sarà in grado di rendersi conto che ci sono cose illegittime ", ha detto il National Science Prize.
Il Premio Nazionale della Scienza, Humberto Maturana, ha analizzato l'emergere di movimenti sociali nel paese, che ha attribuito ad una protesta contro le promesse non mantenute di cittadinanza politica, del mondo e chiamata anche la povertà e la miseria come un sintomo di disuguaglianza che è "assolutamente illegittimo".
In un'intervista pubblicata in America Economia , dove questa e altre questioni affrontate dal epistemóloga Ximena Nvila e ingegnere Christopher Gaggero, Maturana ha detto che "non v'è una richiesta, un grido e una denuncia. Una denuncia contro la superficialità nell'adempimento degli impegni stabiliti. Stiamo facendo cose in Cile e nel mondo in generale; ci impegniamo a fare qualcosa che non facciamo o che facciamo male, sapendo che è fatto male. Questa semplice disonestà è la denuncia. Allo stesso tempo, possiamo dire che non siamo necessariamente tutti disonesti, ma siamo in questa disonestà di base, nella quale non adempiamo gli impegni sociali ".
Secondo lui, uno dei problemi ha a che fare con il concetto di "costo" che implica la realizzazione delle modifiche.
" Per esempio: Quanto costa fissare un viale in modo che le alluvioni non siano causate. Qualcuno potrebbe dire che costa molto, e quando qualcuno lo dice, è perché in fondo non vogliono una soluzione, e non la vogliono perché costa molto. Alla fine, c’è qualcuno non vuole mettere energia, dedizione e risorse, perché ogni azione umana richiede energia ".
E ha aggiunto: "tutto ciò richiede energia. Capire il denaro come energia, la volontà di agire come energia, la disposizione del corpo per agire come energia. Tutto è azione. Vuoi fare Quindi, ogni volta che viene discusso un problema politico, si parla di voler fare. Questo è il tema, perché quando viene preso in considerazione, c'è uno sfondo da cui uno sceglierà. Quanto costerà, cosa accadrà, ecc. E non ci pensiamo noi. "
"Quando si parla di costi, si parla di una cosa negativa. Ma se si potesse mettere in un altro modo, per esempio, dire che l'energia ho bisogno di volere. Questo è completamente diverso da l'espressione dei costi. Quindi, se lo facciamo, e se parliamo la natura di ciò che si vuole fare, allora possiamo agire. Ma se lo guardiamo in termini di costi, vantaggi e svantaggi, a seconda del costo, poi, non riusciremo mai a fare ", ha aggiunto.
Disuguaglianza e differenze illegittime
Maturana anche affrontato il problema della disuguaglianza, sottolineando che quando ci sono esigenze economiche da parte dei cittadini per differenze da correggere a causa della loro illegittimità.
"Ci sono differenze che sono legittime e che sono rispettabili. Ma ci sono anche differenze che non sono rispettabili. Siamo diversi, ma ci sono momenti in cui trattiamo queste differenze come una ragione di discriminazione, e in quel momento non sono più legittime. La discriminazione non è mai legittima, si basa sempre su una teoria che nega l'altro. Quindi, non si tratta di fare uguaglianza, perché non siamo tutti uguali. Ma per raggiungere una coerenza nella convivenza, in cui ci rispettiamo l'un l'altro, e sentiamo che le differenze illegittime sono corrette, in quanto le disuguaglianze economiche illegittime, che sono gigantesche, dovrebbero essere corrette ".
Ha esemplificato: " Supponiamo che ci siano dati economici che ci dicono che stiamo molto bene, ma che succede se prendiamo l'economista e lo trasferiamo in una popolazione 'callampa', e l'umile lavoratore lo trasferiamo nel luogo di residenza dell'economista per un periodo di tre mesi? Lì si vedranno le differenze, si sarà in grado di rendersi conto che ci sono cose illegittime. La povertà è illegittima, la miseria è assolutamente illegittima. Ecco perché, quando qualcuno è più povero, c'è qualcuno che diventa più ricco. " E ha concluso sottolineando che "c'è un'illegittimità lì. È positivo che ci siano delle differenze, ma è una questione etica. Si tratta di analizzare qual è la dinamica che preserva o giustifica le differenze che diventano illegittime ".

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)