Humberto Maturana Romesín, Riflessioni inaspettate Morire ... per vivere?


Riflessioni inaspettate
klimt vie et mort

Morire ... per vivere? In diretta ... muore?  
La morte accompagna la vita, senza vivere non c'è morte, lo sappiamo. A volte ci siamo chiesti che cosa sarà la morte? O da come sarà morire?
Altri muoiono, li vediamo morire, e vediamo che una volta il quello che muore non lo è. Abbiamo ricordi, forse sogniamo e cosa pensiamo, sogniamo o ricordiamo che ha a che fare con noi, con i nostri sentimenti intimi, con quello che abbiamo fatto o non fatto, ... con cosa ora pensiamo che dovremmo o avremmo voluto fare.
Il più grande parte del tempo la morte non sembra avere niente a che fare con noi perché è quello di un altra o di un altro, anche se a volte sì. Molti anni fa ero malato di tubercolosi polmonare. Ero dentro l'inizio dei miei studi medici. A quel tempo si stava morendo tubercolosi e sapevo che stavo per morire. Lo sapevo perché potevo vedere il corso del mio deterioramento e il progresso della mia malattia. Non volevo il mio la madre lo sapeva, anche se certamente lo sapeva anche lui, perché voleva farlo evitare un dolore anticipato Non sono morto, la streptomicina che aveva appena fatto comparire in campo medico mi ha salvato. Tuttavia, mentre lo sapevo Sono morto, ho vissuto qualcosa che voglio dire. Sono stato ricoverato in ospedale e il mio la stanza era un piccolo recinto aperto a un giardino che era separati da un broker. Un giorno, mentre dal mio letto stavo contemplando il giardino, due infermiere che portavano una barella con una persona del Il padiglione TB che era appena morto si è fermato davanti a me porta aperta per parlare. Sapevo di cosa si trattava, e lo contemplai persona morta che non ha visto perché era coperto da un lenzuolo bianco, ma era presente lì con me, e ho scritto una poesia Trascrivo qui di seguito:
"Cos'è la morte per chi la guarda? Cos'è la morte per chi lo sente? Pesantezza sconosciuta, incomprensibile, ...
Pagina 2
Pagina 2 di 3 +562 2294482 +562 2247678 | Rosario Sur 91 di. 304, Las Condes. Santiago - Cile. Web: matriztica.cl Email: info@matriztica.org
dolore che l'egoismo comporta. Silenzio, pace e niente, per questo. Tuttavia, l'uno sente che il suo orgoglio si ribella ... che la tua mente non sopporta ... che dopo la morte non rimane nulla, ... che dopo la morte c'è la morte. L'altro, nella sua pace, nel suo silenzio, ... nella sua inconsapevole maestà si sente ... la vita non sente nulla, nulla sa perché dopo la morte è la vita che senza la morte è solo la morte. "
La morte degli altri ci commuove perché ci fa pensare alla vita ... cosa lo distrugge nel flusso del tempo nella vecchiaia e nelle malattie ... e ora in terremoti e maremoti come quelli in Cile e Giappone. il distruzioni, morti da una dinamica innescata da modo improvviso ed inesorabile. In Cile potremmo pensare al mito di I mapuche che ci mostrano la loro saggezza storica quando parlano del lotta del grande serpente terrestre e del grande serpente marino che inviare fuggire in montagna. Quando pensiamo al Giappone, lo condividiamo dolore perché lo sappiamo, tuttavia quando lo vediamo siamo anche indignati prima della cecità e delle ambizioni generate dalla seduzione dell'arroganza del grande serpente tecnologico che ci oscura con le sue promesse potere infinito che ci porta a perdere la nostra sanità mentale e a fare le cose consapevolmente o inconsciamente sbagliato quando sappiamo come migliorarli. La morte non è evitabile, ma possiamo recuperare la sanità mentale, l'armonia del cuore e della ragione che ci rendono responsabili di ciò che sappiamo e per che in realtà sappiamo tutto ciò che dobbiamo sapere per generare bene-- essere nella convivenza dell'umanità, anche se non sempre capiamo la nostra conoscenza Il poema di cui sopra termina dicendo: "... dopo il la morte è la vita che senza la morte è solo la morte ". Ma non parla del la vita come valore, ma ne parla nel viverlo.
Pagina 3
Pagina 3 di 3 +562 2294482 +562 2247678 | Rosario Sur 91 di. 304, Las Condes. Santiago - Cile. Web: matriztica.cl Email: info@matriztica.org
 Stiamo distruggendo noi stessi e distruggendo la biosfera - antroposfera con a crescita demografica continua e straripante; stiamo generando povertà con una continua estrazione traboccante di ciò che la biosfera-- L'antroposfera può fornirci; Stiamo generando male - essere, malattie e disarmonia ecologica con un continuo e traboccante contaminazione della biosfera - antroposfera scaricando rifiuti in essa più veloce di quello con cui può elaborarli ... Serpenti della vanità tecnologica, della cecità delle ambizioni economiche, di l'ambizione di ricchezza e potere ... di sapere che possiamo sempre inventare una teoria che può sedurre gli altri a credere come valido cosa noi giustifichiamo con esso. Ma in fondo sappiamo che non è così va bene perché non porta davvero bene - l'essere, l'estetica, la gioia e la dignità alla nostra vita, ... alla vita dell'umanità nell'antroposfera: la biosfera. Qual è l'output? Vivendo nel sentimento e nel vedere il percorso dell'amore dentro la co-ispirazione di correggere insieme gli errori che risvegliano il serpenti che ci portano alla distruzione dell'armonia antroposfera biosfera. Ad ogni modo, questa è la nostra opportunità; ognuno può agire solo dal proprio e lo farà sempre dalla sua comprensione ... "... perché dopo il la morte è la vita che senza la morte è solo la morte ". Il nucleo del morire vivente è vivere, come vogliamo vivere - vivere insieme? il gli esseri umani siamo gli unici esseri viventi che sappiamo che possono essere consapevoli che scelgono ciò che scelgono al momento di sceglierlo, quale vita scegliamo di vivere? La scelta è un atto fondamentale di responsabilità del vivere - coesistere umana.
Humberto Maturana Romesín

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)