Humberto Maturana: "È importante come dipendente sentirsi parte dell'organizzazione"



Ana Falbo 
5 febbraio 2017 
"Fai questa intervista per interesse o obbligo?", Ha chiesto Humberto Maturana al reporter. Attraverso questa domanda, il biologo e l'epistemologo cileno ha voluto dimostrare come l'atteggiamento che una persona prende nei confronti di un'altra determina come sarà la loro conversazione. Secondo il ricercatore, lo scambio riflette il livello di impegno, collaborazione e rispetto verso ciò che viene fatto e, quindi, il risultato ottenuto.

Questo meccanismo si ripete in ogni conversazione all'interno di un sodalizio e si riflette nel compito dei suoi membri, definendo l'organizzazione. In questo modo, l'esperto di teoria dei sistemi riflette su come il ruolo della comunicazione sia così importante all'interno delle aziende, associazioni e sodalizi. È il fondatore della Matrizina School, che è definita come "un laboratorio umano il cui obiettivo è quello di accompagnare le persone nelle comunità e organizzazioni umane nei loro processi di trasformazione e integrazione culturale".

La base è nella conversazione
"Ogni organizzazione è il risultato delle conversazioni che si svolgono tra le persone che ne fanno parte."

Maturana insiste sul fatto che il fatto che le persone si sentano parte dell'organizzazione a cui appartengono, essendo presenti "corpo e anima", determina come è la società. "E 'importante come il dipendente si sente parte dell'organizzazione perché sarà avere tutta la loro attenzione su ciò che stanno facendo e per fare qualcosa di diverso. Se ciò si ottiene, allora sì che assumeranno la loro responsabilità etica per il lavoro che fanno".

Allineare gli scopi
"Quando la persona si sente riluttante, la loro partecipazione scompare".

Se lo scopo di persone all'interno di una società, non è allineato con l'organizzazione, ci sono due possibili conseguenze: o non sono felici e si lamentano, o hanno la loro attenzione su altre questioni, allora non è possibile acquisire il livello di impegno, collaborazione, rispetto e responsabilità necessari per raggiungere gli obiettivi organizzativi. Maturana riconosce che mentre è facile parlare di come ottenere una responsabilità etica degli individui all'interno di un sistema, non è invece facile da ottenere.

Un invito fondamentale
"È attraverso i manager che l'azienda deve fare l'invito alle persone in modo che partecipino e assumere un impegno lavorativo".

Il ruolo dei dirigenti è fondamentale per garantire la responsabilità e l'impegno dei membri dell'organizzazione. "Sono loro che dovrebbero estendere l'invito alle persone a partecipare e far parte della compagnia", afferma Maturana. "L'invito deve essere onesto, altrimenti non funziona, e l'altra parte deve accettarlo per ottenere uno scambio con energia e rispetto", spiega il biologo, che basa la sua opinione sulla persona nella sua conoscenza della biologia.

Coordinare dall'ispirazione
"Il ruolo del manager è quello di coordinare i compiti delle persone, non è una questione di leadership, ma di collaborazione".

Una volta che l'invito a far parte dell'organizzazione è stato fatto e accettato, la relazione tra il manager e i dipendenti è collaborativa. Entrambe le parti capiscono che stanno partecipando a un progetto comune che corrispondono alle loro desideri e dove non c'è leadership e autorità, ma è una gestione di co-ispiratore. "Quando si apre lo spazio per la collaborazione, le relazioni hanno un ordine cooperativo e non gerarchico", dice.

Comunicare per collaborare
"La cosa importante è che le diverse persone che partecipano al progetto comune si sentono parte e responsabili perché, in questo modo, faranno bene il compito che dipende da loro".

Secondo Maturana, la conversazione è fondamentale per generare lo spazio adeguato affinché il manager possa essere posto alla pari con il dipendente al fine di svolgere il proprio lavoro autonomamente da un luogo di collaborazione e non dalla sottomissione. "Quando c'è una mancanza di comunicazione, perché non ci sono conversazioni all'interno dell'organizzazione, la collaborazione non avviene, al contrario sorgono, il dolore, maltrattamento e mancanza di rispetto che si traducono in reclami, iniquità, errori e negligenza. ", descrive il biologo cileno.

Le relazioni definiscono l'organizzazione
"I leader devono capire che ciò che vive l'organizzazione è ciò che la persona vive".

Sostiene che lo sviluppo di spazi per il dialogo e la collaborazione tra persone all'interno di un sistema determina il tipo di relazioni all'interno di un'azienda e, in questo modo, i risultati che può raggiungere. "Le lamentele vengono date e finiscono per essere reciproche perché non riesci a trovare l'ambiente giusto per dire le cose in modo coerente", dice. Tuttavia, conclude che se il manager riesce a ispirare dalla comunicazione, le persone sentiranno che ciò che accade nell'organizzazione ha a che fare con loro e raggiungeranno la motivazione di cui hanno bisogno per svolgere il proprio lavoro.

Humberto Maturana
Biologo e scrittore


Professione: biologo e ricercatore

Età: 90

Origine: Cile

Ha studiato medicina presso l'Università del Cile e ha conseguito un dottorato in biologia presso l'Università di Harvard

È il fondatore e formatore della Scuola Matriztica con Ximena Davila, dove diffonde le idee della biologia del conoscere e dell'amare, tra cui la biologia culturale e l'auto-aiuto

Dalla biologia alla psicologia - Humberto Maturana
Autore di diversi libri, in questo caso spiega le basi della sua conoscenza

Di: Ana Falbo

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)