Maturana a 90: "Sto per morire prima che io sia vecchio"






Autore: Gabriela García
 VEN 19 OTTOBRE 2018 |  06:46 PM

Foto: Reinaldo Ubilla
Dice che è più brutto. Ma quell'età non lo preoccupa. Quella vecchiaia, più che con gli anni, inizia con la mancanza di autonomia. Non è il suo caso. A 90 anni, il biologo eccezionale continua a fare ciò che ama: riflettere, inventare, giocare. Ricorda molto, ma si da poco il permesso di scavare nei suoi dolori. Come la perdita di sua moglie, il momento in cui la tubercolosi lo ha quasi ucciso, o quanto fosse difficile essere un padre in assenza della propria. "Non è giusto perdere i bambini, perché uno è una promessa di compagnia e all'improvviso non lo è", confessa.
A Humberto Maturana è sempre piaciuto giocare. Quando era un bambino e si ammalò di tubercolosi, decise di cambiare il suo nome: così, la persona che entrò e lasciò gli ospedali per cinque anni fu il signor Irigoitía, e non lui.
Oggi, con appena compiuto 90 anni, sente anche che l'invecchiamento è un altro. Quando il suo cerchio gli ha comprato una torta il 14 settembre, il biologo non pensava che sarebbe stato un grosso problema raggiungere i nove decenni. Su insistenza di una squadra che collabora alle riprese di un documentario sulla sua vita e sta organizzando una discussione per commemorare l'impresa, ha spiegato che per essere conservato così, era in realtà un gatto:
-Relajado e coerente con la mia circostanze.

In una stanza di Matriztica - la scuola di pensiero che ha aperto 18 anni fa con Ximena Dávila - parlare con Maturana è come entrare in un ballo. Come un gatto che si lascia accarezzare dalla lingua, ascolta attentamente. E prima di rispondere, fai un respiro. Guardando negli occhi di solito anche restituire alcune domande. "El doc", come i suoi collaboratori lo chiamano, sussurrò. Nel suo mondo, parola e silenzio sono i due punti dello stesso legame.

MAGGIORI INFORMAZIONI SU TRENDS
Maturana ha studiato medicina all'Università del Cile. Nel 1958 ha conseguito il dottorato in Biologia ad Harvard e ha lavorato al MIT. All'inizio degli anni '70, dalla Facoltà di Scienze e con il suo discepolo Francisco Varela, hanno coniato il concetto di autopoiesi, che afferma che gli esseri viventi sono sistemi chiusi che si producono nello spazio molecolare. Un decennio dopo pubblicarono il famoso libro The Tree of Knowledge. La sua teoria biologica della conoscenza e del linguaggio, che afferma tra l'altro che il riferimento non può essere fatto per una realtà indipendente dall'uomo, ha rivoluzionato il mondo della scienza, dell'istruzione, della filosofia e della psicologia cognitiva. Negli anni '90 ha ricevuto il National Science Award. Ma anche così, non sente che la sua missione è soddisfatta.

- La vita ha un aspetto diverso a 90?
-Non mi sono preoccupato dell'età. Non chiedo degli anni '90 fino a quando la gente non mi dirà che ho quegli anni. Ho vissuto nel presente. E se uno è sempre nel presente continuo, può cambiare i numeri nel calendario ma, a meno che tu non cambi molto fisicamente, non te ne accorgi nemmeno.

Maturana confessa di essere un po 'più sordo e di non poter più saltare come un ballerino russo, ma sono peli di coda. Gli stessi capelli grigi degli ultimi decenni sono ancora lì, vorticosi. Da bambino, usa gli occhiali. La sua cerchia dice che è ossessionato dalla robotica, ma che ha un cellulare e che i suoi selfie sono caricati. Ha pochi amici e mangia ciò che è giusto: il suo corpo è spesso conservato, anche se il suo piatto preferito è la pasta.

"L'altro giorno mi sono guardato allo specchio e l'unica cosa che ho trovato è che sono più brutto", ride. A meno che uno non si preoccupi o abbia qualche difficoltà reale, l'età non ha presenza.

-E cosa vuol dire essere un uomo senza tempo, allora?

Maturana è silenzioso. Incrocia una gamba prima di rispondere:
-Dipende da come ti occupi di una delle circostanze di quella vita. Se devo ottenere risultati, naturalmente, mi metto in tempo. Ma sembra che non mi consideri in quel modo. Piuttosto, sono stato impegnato a fare le cose che devo fare nel momento in cui mi toccano. E mentre osservo, penso, studio, faccio esperimenti e mi muovo nella comprensione di certi fenomeni come membro di una comunità e con la mia coscienza sociale, il mio percorso non ha fine. Se cerchi un risultato, quando lo ottieni, rimani nel vuoto e devi inventare qualcosa di nuovo. E a volte inventerai la stessa cosa. Ma d'altra parte, se quello che fai non ha un termine, continuerà finché durerà.

- Gli anni dovrebbero portare saggezza. Ti senti in quel modo?
-Non ho idea se sono più saggio (ride). La saggezza è che si usa la sua conoscenza in un modo appropriato alle circostanze in cui vive e le circostanze della vita sono sempre relazionali: si verificano con le altre persone, con la comunità, con l'ambiente. Questo cambierà perché uno sta cambiando fisicamente e anche i tuoi ricordi. Altri penseranno che forse tu abbia saggezza perché rispondi a certe domande con una storia più lunga. Avendo vissuto più cose. Ma sono essenzialmente le stesse domande che ci si pone. Hanno a che fare con responsabilità, onestà, comprensione, cura. Con come convivere o qual è il senso sociale che ha ciò che si fa.

-E nel tuo caso, le risposte sono uguali?
Esso dipende. Per esempio, quando ero uno studente di medicina, nel 1950, con i miei compagni di classe del primo o del secondo anno ci siamo chiesti quale fosse la nostra identità politica. E ognuno ha reso la sua festa trasparente. Alcuni erano indipendenti, altri erano socialisti, conservatori, liberali. Poi ci chiediamo cosa vogliamo. E in questa enorme diversità c'era solo una risposta fondamentale: "Vogliamo restituire al Paese ciò che abbiamo ricevuto da esso". Molti anni dopo, negli anni '70, se chiedeste a un giovane cosa volesse fare con i suoi studi, risponderà lo stesso? Oggi le coerenze hanno a che fare con il fare, ma prima avevano a che fare con il paese. Per me quella risposta è ancora valida. Il paese mi ha dato tutto.

-Hai ricevuto un'educazione gratuita. Ma quel Cile che lo ha formato è diverso da quello attuale. Non ci sono giorni in cui ti svegli e ti senti depresso?
-E 'che se mi deprimo, morirò depresso. No, faccio cose che penso possano aiutare a non rimanere intrappolati in questo presente che stiamo vivendo. In modo che possiamo essere consapevoli che abbiamo bisogno di serietà nell'assistenza ecologica. O che la popolazione non può continuare a crescere, quindi dobbiamo stare attenti a non avere tutti i bambini che possono apparire. Dobbiamo essere consapevoli e generare un mondo di rispetto reciproco. Di conversazione, di riflessione, che alla fine è ciò che vogliamo con la democrazia.

FOTO: REINALDO UBILLA
Il primo movimento
Maturana riflette sin da quando era bambino. Questo fu aiutato dalla tubercolosi polmonare che lo colpì da quando aveva 12 anni e aveva tre anni di riposo e altri due ricoverati in ospedale. La streptomicina, il primo antibiotico inventato per curare la malattia, ha finito per salvarlo quando aveva già iniziato a studiare medicina. Ma Maturana è cresciuto come un bambino solitario. Dall'età di sette anni si fece delle domande senza fermarsi. E ha giocato con un gattino che si aggirava per la sua casa. Ma un giorno l'animale non si è più mosso e lui, dice oggi, non ha capito niente.

Ho chiesto se il gatto non fosse vivo, che cosa stava vedendo. E hanno risposto che era il suo corpo. Quindi la mia domanda era ciò che è vivo. Cercando di capire questo, ho passato la vita ", dice.

- Che senso ti dà oggi in tutti quegli anni in cui ti sei ammalato?
- L'ho vissuto come chi sta studiando all'estero. Doveva riposare e apparentemente era proibito leggere, ma lo fece in segreto. Mi sono installato alla fine della stanza e quando è arrivato il dottore e ho chiesto come stavo, direi che in effetti stavo bene e avevo nascosto il mio piccolo libro.

- A quei tempi stavo leggendo Nietzsche. Cosa gli è successo quando ha letto Così parlava Zarathustra ?
Ho sentito che quello di cui parlava il libro aveva a che fare con me. Ero anche in una transizione, come Zarathustra quando scende dalla montagna. C'è una storia chiamata "La metamorfosi dello spirito" che mi ha segnato. Hai letto?

La storia a cui si riferisce presenta il superuomo come frutto di tre trasformazioni: quella dello spirito, che diventa un cammello per lenire le sue forze e ricevere il peso delle convinzioni e degli obblighi sociali e morali; quella del cammello, che diventa un leone per non inchinarsi davanti a nessuno e affrontare il più terribile; e quello del leone, che diventa un bambino per poter liberare se stesso e tornare all'innocenza e giocare.

"Quel primo movimento," sospirò il biologo, evocando Zarathustra, "fu la promessa di un nuovo inizio per lui.

Maturana pensava che sarebbe morto. Ma si riprese e cominciò anche a staccarsi dalle verità.

- Cambiare il suo nome avrà contribuito a salvarsi dalla morte?

Il "doc" è lungo da ridere. Quando fu internato nell'ospedale di Salvador, disse ai dottori che non era Humberto Maturana, ma il signor Irigoitía. E poiché ha trascorso un anno lì, tutti hanno finito per assumerlo.

- Credi che anni dopo ho incontrato uno degli assistenti che si è preso cura di me quando sono stato ricoverato? "Señor Irigoitía", mi ha salutato.

"E non gli hai detto che quest'uomo è morto, ma che Maturana è stato salvato?"
-Non so se il signor Irigoitia sarà morto. Non penso, dal momento che mi chiedi di lui. Ma fa parte della storia di qualcuno. Ho avuto nomi diversi in base al tempo e ognuno ha un inizio diverso. A quel tempo dissi: non sono io che sono malato, è un altro uomo. Più tardi ero nel sanatorio di Putaendo e misi Tubalcaín, che è figlio di Caino. Avevo letto Genesi e mi sono arrabbiato con Geova.

Maturana si arrabbiò con Geova quando arrivò alla conclusione che era l'invidia che generava tra i fratelli che guidava Caino ad uccidere Abele. Perché preferire uno implica il rifiuto dell'altro. Una discriminazione che non doveva fare, dice.

-La discriminazione si basa su teorie che negano l'amore. E ho messo Tubalcaín a reclamarlo ", spiega con orgoglio.

Amare è stato una costante nelle dozzine di libri che il biologo ha pubblicato, e in larga misura lo deve a sua madre, Olga Romesín: "una donna allegra ed esigente" che Maturana chiama "la madre". Gli ha dato la luna da ragazzo e gli ha insegnato che "il peccato non esiste e che i comportamenti non sono buoni o cattivi in ​​se stessi".

"È responsabilità di tutti sapere quale è quale in ogni momento", ha spiegato quando Maturana aveva 11 anni. La nonna era appena morta. E lui e suo fratello erano preoccupati perché dalla loro partenza non stavano andando in chiesa.

-E 'stato un regalo fantastico - dice oggi il biologo.

L'amore per il femminile è inevitabile nel suo lavoro. Perfino la Matriztica si riferisce alla matrice biologica dell'esistenza umana, l'utero.

- Ti senti femminista?
-Non so se sono una femminista. Ma io credo che la cosa migliore nella vita dell'uomo sia la donna e ho partecipato a una riunione femminista una volta. C'era tutta questa denuncia contro gli uomini che era perfettamente valida e io, che pensavo di avere il diritto di parlare perché ero cresciuto da ragazza e ho imparato presto a lavare, cucinare e lavorare a maglia, ho chiesto il pavimento. Come biologo ho anche detto che pensavo di poterli aiutare a risolvere il loro problema. È facile: attraverso la partenogenesi delle donne, la riproduzione senza la partecipazione dell'uomo, gli uomini finiscono, scompaiono. Ma tutti si alzarono e dissero "no" all'unisono. E lo hanno detto perché l'uomo non è il problema, è un comportamento macho e misogino. Non vogliamo l'autoritarismo, la discriminazione. Ciò che ritengo sia buono sono le mobilitazioni per l'equità.

- Hai amato in equità?
-La vita è un processo che ti permette di capire meglio l'amore. L'amore sta lasciando apparire. E in base a ciò che si vede, agisci. Quello di lasciare apparire richiede la semplicità e l'ampiezza di non mettere pregiudizio, l'esigenza o l'assunzione nella relazione.

-Dobbiamo lasciar andare il controllo e lasciarlo scorrere?
Sì. Ma non nel senso che qualsiasi cosa valga la pena. Le lamentele di non essere amate in generale sono legate al non essere visti o non essere ascoltati. Quando uno dei due di una coppia dice: "ma lascia che te lo dica ..." e l'altro dice: "ma io già so ...", il dialogo si interrompe perché hai un'idea preconcetta sull'altro. L'amore è innocente Semplicemente. C'è un momento in cui Gesù dice ai suoi discepoli: "Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi". Se guardi alla storia dei Vangeli, realizzerai che Gesù amava lasciando apparire.

- Tutto ciò che ha parlato con il Dalai Lama così oggi dice che ha imparato da voi il distacco?
-Non conoscevo molto più tardi che la conversazione che aveva avuto con me, la leggeva come un insegnamento della natura del distacco. Ho solo spiegato cosa fosse la scienza, ma non immaginavo che sarebbe stato illuminante in quella direzione.

-E cosa ti ha insegnato?
- Mi ha mostrato la sua serietà nel seguire i suoi scopi fin dall'infanzia e per tutta la sua vita. È cresciuto come frutto di una reincarnazione.

- E ci credi?
-No. Ciò che credo esista sono i ricordi e le presenze delle persone nel corso della storia. Ad esempio, Aristotele è ancora in giro con noi. Non come una cosa, ma come un referente che appare nella memoria, nella riflessione attraverso l'evocazione.

La nostalgia
Ma per Maturana ci sono nomi che fa male evocare. Mentre sostiene che chi ama non soffre, quattro anni fa gli è stato difficile accettare la perdita di Beatriz Genzsch, sua moglie per 35 anni.

I-Ching e il lettore di tarocchi, una volta ha letto le lettere al biologo. Nessuno la avvertì che Beatriz avrebbe dovuto subire un'operazione che le sarebbe costata la vita a causa di negligenza.

-Qual era la cosa più dolorosa nell'accettare quel gioco?
-La cosa improvvisa che stava perdendo un compagno. Il dolore dell'assenza. Il vuoto Ma adesso sono da un'altra parte ... "dice, stabilendo un limite.

"Il doc è una persona che rimuove le emozioni e il dolore", ha spiegato in seguito il suo collaboratore Ximena Dávila. Era una delle poche persone che lo ha sostenuto in quel duello che ha vissuto nel 2013, isolato nella sua trama di Lo Cañas. Si erano conosciuti nel 1997, quando Maturana era ancora professore all'Università del Cile e lei venne a dirgli che come consulente di famiglia aveva scoperto che tutto il dolore è di origine culturale. Maturana, che secondo Ximena in quel momento "era circondato da seguaci ma profondamente solo", fu stupito. Da allora entrambi credono che se la cultura è cambiata, un altro mondo è possibile. Anche se dicono di essere una coppia, lo negano. Ximena dice che entrambi hanno fatto affidamento su tempi difficili. E uno di loro è stata la morte di Beatriz.

-Il dottore non parla di lei, ma in quel momento le ho chiesto cosa provasse. E il suo dolore era di nostalgia ", dice sedendosi accanto a lui.

Maturana annuisce. "La nostalgia è il dolore di non avere qualcosa che era una volta e si è perso", dice. "Quello che ho imparato da quel duello è che a volte hai tutto e non lo vedi. Questo ha solo presenza davanti a te quando lo perdi ".

-Qual'è un mistero la morte?
Sì. Ma non mi preoccupo. Non voglio batterlo o renderlo un gallo. Non voglio riuscire in niente. Vediamo, volevo essere un biologo. Ma non come un risultato, ma come un modo di comprendere gli esseri viventi, e qui continuo. So che sto per morire e voglio morire prima di essere vecchio.

-Che è la vecchiaia per te se non sono questi 90?
-La perdita di autonomia. È così Non voglio invecchiare e dipendere dagli altri. Se mi chiedi se sono d'accordo con la morte assistita o prescelta, assolutamente sì.

- Ciò significa che quando vuoi morire sta per eutanasia?
-Quindi è così.

-Ma di quell'argomento non siamo ancora riusciti a parlare come una società. È proibito
-Forse perché non sai cosa verrà dopo. Ma poi non arriva niente. Finisce proprio come un individuo. In realtà ciò di cui temi non è la morte, ma come stai per morire: con il dolore, con la paura. Ma se uno sceglie di morire, è una morte dolce. Anche se si spara un colpo. Inoltre, la sovrappopolazione è disastrosa per il pianeta. Se possiamo aiutare coloro che sono abbastanza grandi per morire in pace, se lo scelgono, così sia.

- Credi in Dio?
-No. Mi sono anche arrabbiato con lui.

Maturana rimane in silenzio per qualche secondo e va alla ricerca del ricordo che la spiega:
-Sono accompagnato alla madre che era assistente sociale di un policlinico in visita a domicilio. Dovevo avere circa 11 anni e siamo andati a controllare la vita di una donna che si trovava a Punta de Rieles, alla fine di Macul. In una mediagua su un buco nel terreno, la donna era coperta di stracci. E accanto a lui c'era un bambino che poteva essere un po 'più giovane di me. Ricordo di aver pensato: non ho niente di speciale per avere una casa migliore della sua; e avere il privilegio di mangiare ogni giorno e andare a scuola, mentre lui non ha niente. Se Dio è potente e saggio, perché lo consente? Quindi l'ho respinto.

-E quando si è ammalato, a chi ha pregato di essere guarito?
'Nessuno. Ero malato solo La madre ha lavorato, quindi mi ha lasciato a letto con un pezzo di cartone, forbici, incolla e qualche libro di favole. E la mia vicina, la signora Blanca, mi portò il pranzo a mezzogiorno. Ero solo Ha fatto figure di carta: aeroplani, animali.

Gli anni lo hanno portato a connettersi di più con il suo bambino interiore?
-Si parla del bambino interiore, si dice che ne abbiamo tutti uno, ma so biologicamente che gli esseri umani sono neotenici, che è un'infanzia prolungata, così che continuiamo ad essere tutti i bambini che amano giocare, riflettere, conversare , inventare cose.

-Ma ci sono persone che diventano difficili e inflessibili quando invecchiano.
-Ma perché la sua infanzia è finita molto presto e diventa un adulto. Questo è un fenomeno psichico.

-E come fai a rimanere un bambino per tutta la vita, allora?
- Ha a che fare con la curiosità, con la volontà di riflettere, di chiedere, di essere aperti alla tenerezza, alla collaborazione. Il sesso appare lì nel mezzo e le cose accadono. Ma anche quando nasce un bambino, il padre e la madre diventano più bambini. Si prendono cura del piccolo, giocano con lui. Voglio dire che uno è adulto dal punto di vista culturale quando ha determinate responsabilità, ma biologicamente, nella privacy, è ancora un bambino.

Mea culpa
Maturana doveva anche connettersi con la sua infanzia quando era padre. Ma essendo cresciuto praticamente da solo con sua madre, non aveva nessun riferimento maschile a cui ricorrere. Ha interpretato il suo ruolo spontaneamente, dice.

Aveva 27 anni quando il primogenito dei suoi due figli nacque a Londra. Grazie ad una borsa di studio della Fondazione Rockefeller nel 1954, Maturana studiò anatomia e neurofisiologia all'University College. La sua prima moglie, Maruja, con la quale è stato sposato per 20 anni, ha studiato medicina, così ha tenuto il bambino e lo ha portato in un cesto al laboratorio. Quando il ragazzo ha compiuto un anno, lo ha lasciato con famiglie inglesi che hanno svolto il ruolo di giardini d'infanzia.

- Mi dispiace che ho dovuto dedicare più tempo al lavoro che ai bambini, ma quello è lo spazio culturale - dice.

- Cos'altro ti penti?
-Non ho un grande peccato da confessare. Niente di molto concreto da dire. Non ho ricevuto un dottore. Ma quello che ho imparato dalla medicina mi ha aiutato. E mi sarebbe piaciuto passare più tempo con i miei figli, ma ora ho un po 'più tempo con loro. La cosa buona di rendermi conto di aver fatto un errore è che puoi fare qualsiasi cosa: essere indignato dalla mia stupidità, o posso dire: wow, devo ripensarci.

- Ti sei scusato con i tuoi figli?
Sì. Perché non va bene per i bambini che papà e mamma non sono più con loro. E non va bene perché uno è una promessa aziendale e all'improvviso non c'è. Ho giocato con loro, mi sono preso cura di loro, ma allo stesso tempo ho avuto delle responsabilità perché lavoravo all'università. Ricordo che in laboratorio ha dato da mangiare alle rane e gli ha dato una bottiglia.

-Ma non era abbastanza
-No. Perché quando sono tornato in Cile nel '60, aveva cinque anni e io, tra le lezioni e il laboratorio in Cile, ho avuto a malapena il tempo. Ero in ritardo a casa e la domenica ero con i due bambini, ma scrivevo con uno in cima e l'altro sul lato. Ha fatto quello che poteva.

- Né aveva un punto di riferimento su cui appoggiarsi. Non ti ha fatto arrabbiare?
-Non avevo un padre per chiedermi cosa significasse essere un papà. La madre si separò da lui quando avevo uno o due anni, e non lo vedevo più, quindi ero un bambino solitario. Non ho lamentele sulla mia infanzia, comunque. Non sentivo la mancanza di papà perché non si parlava di lui come un papà assente. Non era solo Poi, quando aveva circa 10 anni, è apparso, ma dal momento che non era lì, non ha perso nemmeno ...

-Era già in ritardo
- Sicuro. Il padre non è un'entità, è una relazione. Quindi non avevo un padre. Al più tardi ho avuto un patrigno che era affettuoso: "el papi".

La voce di Maturana è sospesa. Trasposto in un momento in cui, nel tentativo di eliminare il padre, ha detto ai suoi insegnanti alla scuola superiore Manuel de Salas di non essere più detto da Humberto Maturana ma da Sasha Romesín.

-È più facile essere un nonno?
-E 'stato più difficile ancora, perché c'era più distanza. Nelle famiglie allargate il nonno fa parte della vicinanza. Ma ero un nonno occasionale e poi i genitori viaggiarono. Ho 90 anni e non posso dire "quanto sono ricco: ero quel papà e nonno di cui parliamo". I miei figli hanno figli? Sì. Ma non mi sento un nonno anche se so che ero un nonno. È solo che ho lavorato, non ho mai smesso di lavorare ...

Maturana rimane in silenzio per un momento. Ricorda che nella casa in cui viveva in quel periodo avevano una piscina e uno dei suoi nipoti, circa cinque anni, cadde in acqua nel bel mezzo dell'inverno. Il biologo, che era seduto a guardare il piccolo, lo vide innatamente cercare il bordo in modo da non affogare. Poi si alzò e lo tirò fuori afferrandolo dal cappotto.

- Mi congratulo con te Ti sei salvato, "disse come se stesse parlando anche a se stesso.


Commenti

Post popolari in questo blog

Antonella, non posso tenerti per mano, allora ti porto nel cuore

Dove siete giovani?