Tutto inizia con una sensazione


Tutto inizia con una sensazione

30/03/2015

 Fábio Betti

Mi prendo la libertà di dare una copia e incolla nel titolo e in parte del testo che un cliente ha scritto e pubblicato sulla sua intranet nel tentativo di spiegare la profonda trasformazione in cui un gruppo di leader si era imbarcato su invito della direzione dell'organizzazione. "Tutto inizia con un sentimento", ha detto. "E proprio per questo, tutto inizia con le persone. Sì, perché è l'essenza dell'essere umano a provare. E il sentimento è possibile solo quando riconosciamo e interagiamo l'uno con l'altro. "Il messaggio è ovvio - lo spero lo sia. Tuttavia, comprenderlo è qualcos'altro. Accettarlo, quindi, sembra ancora abbastanza distante in un mondo in cui le persone sono accusate di essere più obiettive e le verità sono considerate uniche. Propongo di fornire questo servizio pubblico che chiarisca il ruolo delle emozioni nei processi di gestione.

Per cominciare, non siamo esseri razionali. Anche se per fare questa affermazione, ho fatto uso della ragione, le emozioni sono direttamente responsabili di tutto ciò che pensiamo e facciamo. Per confermare questa affermazione, oggi ho deciso di abusare del "copia e incolla" e includo qui un testo del libro "Emozioni e linguaggio nell'educazione e nella politica", scritto dal biologo cileno Humberto Maturana.
"Le premesse fondamentali di ogni sistema razionale non sono razionali, sono nozioni, relazioni, distinzioni, elementi, verità, che accettiamo a priori perché ci piacciono. In altre parole, ogni sistema razionale costituisce un costrutto coerente dall'applicazione ricorrente e ricorsiva di premesse fondamentali nel dominio operativo che queste premesse specificano e in base alle regolarità operative che implicano. Vale a dire, ogni sistema razionale ha un fondamento emotivo. Apparteniamo, tuttavia, a una cultura che conferisce al razionale una validità trascendente e a ciò che deriva dalle nostre emozioni, un carattere arbitrario. Quindi è difficile per noi accettare il fondamento emotivo del razionale, e pensiamo che ci esponga al caos dell'irrazionalità in cui tutto sembra possibile. Succede, tuttavia, che la vita non avvenga nel caos, e che ci sia il caos solo quando perdiamo il nostro riferimento emotivo e non sappiamo cosa vogliamo fare, perché ci troviamo ricorrentemente in emozioni contraddittorie contrastanti le une con le altre ".

Come si dice Maturana nelle sue lezioni presso l'Universidad Mayor de Chile o in affollati corsi gratuiti Biologia-culturale che insegna in diversi paesi "il momento in cui si nota questo meccanismo che si verificano nella vostra vita quotidiana, si perde la tua innocenza". E Complemento: perdi la tua innocenza per usare verità assolute e affermi che se l'altro non capisce qualcosa che hai detto, il problema è che è ignorante, resistente o non sa ascoltare. "Sii obiettivo!" Quando vogliamo che l'altro sia d'accordo con ciò che pensiamo, siamo persino abili nell'arte di usare la ragione e la sua espressione più concreta, il linguaggio, al nostro servizio. Tuttavia, nella misura in cui siamo esseri relazionali, sarebbe più ragionevole - razionale! - capiamo che quando ignoriamo questa base scientifica, che ogni ragione si basa su un'emozione,

Google non è la compagnia dei sogni dei giovani brasiliani per aver pagato i migliori stipendi. I talenti sono attratti e rimangono fedeli a un'azienda quando si sentono bene e si fidano dei loro leader.

Apple non è un'azienda innovativa semplicemente perché ha i migliori cervelli. L'innovazione arriva quando le persone si trovano in un vero spazio di ascolto, fiducia e rispetto reciproco. Si sentono autorizzati a pensare liberamente ed esporre le loro idee senza paura di essere giudicati.

Il denaro e il potere si impegnano molto meno di uno scopo che va oltre il profitto. Questo perché le emozioni vengono prima di tutto. E un'emozione particolare sembra essere venuta prima di tutte le altre quando il soggetto è l'essere umano.
Maturana crede che il punto principale della differenziazione umana per altre specie di primati sia il linguaggio - linguaggio inteso come azione coordinata di apprendimento ricorsivo. E per emergere questa competenza più sofisticata che non si osserva in nessun altro essere vivente sulla Terra, era necessario che un certo gruppo di primati stabilisse un modo di convivialità basato sulla collaborazione, sulla fiducia e sul rispetto reciproco. Questo perché ci vuole tempo per sviluppare il linguaggio, un processo che si manifesta a tutto il suo potenziale solo se si basa su una dinamica relazionale in cui le persone che ne fanno parte si presentano come legittime altre. Vale a dire che se i nostri antenati non hanno imparato ad ascoltare gli uni agli altri, accettando e incorporando nella loro vita quotidiana delle diverse prospettive di mondi portati ricorrentemente l'altro e co-creata da questa interazione, probabilmente sarebbe ancora saltare da un ramo all'altro dietro le banane.
Un leader che ignora questa caratteristica della nostra storia che ci accompagna come condizione biologica e può essere osservato, generazione dopo generazione, nel processo di sviluppo di ogni bambino, può incorrere nell'errore di compromettere i suoi obiettivi e il successo dell'organizzazione non dando il giusto valore per le emozioni che le tue dinamiche di leadership stanno generando e che, in prima e ultima istanza, sono i veri motivatori o demotivatori delle azioni della tua squadra. Lungi dal proporre che le organizzazioni diventino uffici terapeutici, diminuire o, se possibile, evitare giudizi sommari e attaccamenti alle verità universali sarebbe un enorme progresso.

Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)