Humberto Maturana: "Il Cile vive con molte aggressioni"


Humberto Maturana: "Il Cile vive con molte aggressioni"

Giglia Vaccani
La nazione

Per il Premio Nazionale per la Scienza e Medicina alternativa Nobel, il patriottismo quasi bicentenario è sorprendente qualche amante, competitivo, senza capacità di riflettere e nulla ricettivo ad altri cileni, cioè più vicino alla tesi darwiniana della " selezione naturale "quella della sua:" deriva naturale ". Ma lui, affettuoso, ci dà alcuni strumenti per invertire la tendenza.

Humberto Maturana (71), il biologo ed epistemologo cileno più letto al mondo, trascorrerà queste feste nazionali ben lontano dalle ramadas, dalle empanadas e dalla chicha. Non farà per voi di arrendersi, ma perché darà il suo famoso laboratorio "Un altro cambiamento" nel contesto di un'altra celebrazione, come ad esempio il 300 ° anniversario della fondazione della città di Medellin in Colombia, e dove la sua teoria d'amore, la cooperazione e il dialogo provocano un interesse che in Cile, per ora, non è stato risvegliato.

-Professore, possiamo considerare la tua tesi di autopoiesi parte del patrimonio di questi 200 anni?

-Il tema dell'autopoiesi è cileno, picunche, mapuche. Quello e la matrice biologica culturale sono patrimoni intangibili.

- Era o no un concetto ispirato all'osservazione dei cileni?

Assolutamente. Ero un assistente nel corso di Biologia della Facoltà di Medicina dell'Università del Cile, quindi nel mio lavoro di ricerca, neurofisiologico e nel mio insegnamento, ho sviluppato il concetto.

- Andiamo all'argomento. Come vedi il Cile oggi, questo del bicentenario?

- (Silenzio) Oserei dire che in Cile stiamo vivendo un momento storico di grande aggressività. Siamo molto concentrati sulle critiche, sulla squalifica, sull'opporsi l'un l'altro. Siamo molto limitati nella nostra disponibilità a collaborare. E la collaborazione non è fatta tra specialisti, tra i proprietari della verità, tra i rapporti di autorità, ma nel rispetto reciproco. La collaborazione è fatta quando si è disposti ad ascoltare l'altro, senza pregiudizi, senza richieste. Si può anche dire ciò che si pensa e si sente, senza generare tensione. Può essere fatto dalla comprensione e, questo, è l'amore.

-Questa mancanza d'amore in cui noi cileni siamo, farà parte di un processo che ci renderà obbligatoriamente più amorevoli?

-I direi di no perché la cosa naturale è che siamo esseri amorevoli. Siamo nati amorevoli. Il neonato viene dato per essere accolto, curato, per avere fiducia con la madre. Così si nasce, I, (Eduardo) Frei Sebastian Pinera (Marco Enriquez) Ominami, il Presidente (Michelle) Bachelet, il mendicante che è là fuori ... o il cattivo di tutti. E in questo processo, per crescere, quella fiducia di base è tradita con richieste, aspettative, giudizi, mandati, viene limitata nel non essere vista.

- Allora la nostra democrazia sta inviando segnali di aiuto per essere ascoltati di più?

-E 'parte del problema dei cileni: abbiamo smesso di essere visti, di vederci, perché siamo esigenti gli uni dagli altri. La democrazia è costituita quando si verifica come uno spazio basato sul rispetto, sull'apertura, sulla conversazione, sul fare insieme in collaborazione. La democrazia è uno spazio di amorevole convivenza che nasce intenzionalmente perché si vuole vivere così, lì si è una persona, non un concorrente; uno è un membro di una comunità, non un criminale o un teorico, lì si può generare una conversazione per avere uno spazio per la collaborazione.

-Ma il Cile produttivo di oggi costringe a partire per competere, per generare risorse, come si fa allora?

-La domanda, ciò che porta con sé è una cecità. Ad esempio, se chiedo a una persona di comportarsi in un certo modo, non la vedo. Perché devo richiederlo?

-Perché ciò che questo paese richiede di crescere è un sistema produttivo a tutta velocità ...

"Naturalmente, questo è il problema, dal momento che siamo un sistema produttivo, pensiamo che ciò che dà ordine, qualità al lavoro, è il requisito. E non è vero, perché è la coscienza e la responsabilità che si sta facendo bene le cose. Uno sarà serio e responsabile in quello che fa nella misura in cui si sentirà bene in quello che fa, che si sentirà rispettato, con la possibilità di riflettere su uno spirito di cooperazione. Si noti che la democrazia è l'unico spazio vivente, in cui si è una persona legittima, senza supposizioni o richieste.

- L'apatia dei giovani cileni al voto è una conseguenza di questa violenza nazionale?

-L'idea che tutti abbiamo il diritto di votare, in fondo, quello che vogliamo sottolineare è che siamo persone. Non siamo uguali ma siamo equivalenti e, quindi, possiamo trattarci l'un l'altro con rispetto. Cosa si aspetta quando si va a votare, è che in quella linea di elettori, i partecipanti del civica, democratica, agire si comportano senza combattere o richieste ... Se si sente oggi la questione di scelta, si presenta come una lotta elettorale . Stiamo lottando per essere diversi, siamo in competizione per essere scelti e per cosa facciamo loro, negano. Abbiamo attaccato, abbiamo svalutiamo, invece di dire che quello che facciamo è questo o quello della natura. E nella misura in cui viene eletto, cercherò di fare questo con l'intera comunità cilena, come un compito per tutti noi.

È per questo che il presidente Michelle Bachelet ha tale appartenenza?

Esattamente. Se non siamo di parte per quanto riguarda gli Stati Uniti, che sta facendo il presidente Barack Obama è molto interessante. Ha presentato quello che fa come qualcosa che deve evocare tutti. Non questo o un altro partito. Non è cieco alle cose che preoccupa l'altra parte, ma cercando di costruire spazi di collaborazione.

'E vede un candidato alla presidenza a quella fermata oggi?

-No. Credo che nei loro cuori qualcuno potrebbe pensare, ma onestamente voglio essere un presidente di questo paese, e voglio essere eletto democraticamente, so che il mio governo ospiterà le preoccupazioni dell'altro gruppo, non posso pensare ah !!!, ora aprirò lotta politica con gli altri. Chi vince, si dovrebbe sapere quali sono i saldi sono per che con l'esercizio, lo fanno in modo creativo, in collaborazione.

E la famiglia cilena, stai collaborando con se stessa?

'Non credo, perché oggi dobbiamo lottare per la vita. La famiglia è fonte di confusione diversità, permettendo la scelta, la concorrenza.

E 'difficile la vita familiare in questo paese ...

-No. A te ti fanno pensare che funziona. Le persone lavorano secondo le teorie che hanno. Se penso che sto in competizione, io negherò l'altro.

Metro -Il potrebbe essere il miglior esempio nazionale di tale concorrenza ...

Naturalmente, prima in metropolitana non importa cosa succede agli altri ... ma così sta vendendo tanto per l'altra pausa, diventando il più grande di rendere gli altri più piccoli.

Puoi darci qualche tecnica cileni ad essere più gentile?

Direi che non è una tecnica, ma un processo: rifletto. C'è da chiedersi: mi piace vivere come sto vivendo? Che cosa sto facendo che stiamo vivendo in questo modo?, Se mi rendo conto di quello che sto facendo risultati in gara, poi mi rendo conto che io che devo cambiare. E dove ho intenzione di cambiare?, Dalla mia responsabilità. Se io sono un intelligente, in grado di ascoltare un altro, se voglio, penso che dalle basi di quello che faccio e voglio ...

-¿Vale anche se qualcun altro mi chiama pensi?

Quando io non sono disposto a parlare di me, le cose che faccio, voglio dire che non mi rispettano. Non ho fiducia in me, ho paura di trovare le cose che sto facendo non sono ben fatto. Ma se ho fiducia, rifletto.

'Che cosa circa l'arroganza del cileno?

-Il L'arroganza è la mancanza di rispetto di sé. A volte uno è fiducioso nel pensare che si sta facendo le cose per bene, ma non sono come previsto, allora si può chiedere perché non sono ...

Perché c'è una selezione naturale, può essere?

'Guarda la deriva naturale, a differenza di selezione naturale, spazio aperto di collaborazione perché si basa sul benessere del vivere. Il concetto di selezione naturale, invece, si basa sulla corsa. Perciò è molto importante sottolineare concorrenza nella Comunità. Le conseguenze di entrambe le tendenze sono completamente differenti. Ho visto in televisione due film molto interessanti di Hitler: i suoi primi e ultimi periodi. Se si ascolta bene, c'è tutto il discorso che il minore dovrebbero essere eliminati. È il fondamento della selezione naturale. E 'il pensiero di Darwin, ma ciò che il neodarwinismo valido. Che discrimina, considera l'altro inferiore.

'In questo senso, l'aumento ambientale, alimentare la salute o gruppi vegetariani in Cile potrebbero essere dimostrato che v'è una tendenza naturale ad andare alla deriva?

'Non è che noi chiediamo a Dio spazio di collaborazione in circostanze in cui, volenti o nolenti, gli esseri viventi a vivere mangiando esseri vivi, tranne le piante. Se si sta mangiando un pezzo di carne non è un'aggressione contro la mucca, ma fa parte della nostra storia e siamo in grado di vivere in modo completamente diverso se siamo concentrati sulla concorrenza, vincendo. Il leone non è un predatore, è un carnivoro.

Come dovremmo celebrare 200 anni di convivenza nazionale?

-Il vivremo come crediamo che evoca. Ma voglio celebrarla secondo ciò che la canzone nazionale ci invita: la canzone nazionale ha un ecologico, culturale, sociologico di unità. Il coro dice, "o quello che sarà la tomba della libertà, o di asilo contro l'oppressione" ... Quelle due frasi sono molto potenti. La tomba è sollevata dalla guerra, ma libera dalla pace ... Se non sei libero, ci sarà pure sulla tua tomba, si muore il cuore spezzato, vale a dire l'asilo contro l'oppressione ... in background, si tratta di una chiamata a un live democratica.

Almeno abbiamo giochi nazionali che sono molto poco competitive, come il tasso e l'aquilone.

- Ma quando usi il filo curato, sì, perché devi lanciare l'altro. Nella competizione ciò che guida la qualità dell'altro, perché sono in competizione, ma non faccio ciò che corrisponde o ciò che farei dalla mia stessa creatività, quindi, anche, è negativo dal punto di vista della dignità della persona.

- Qualche ricetta per sopravvivere altri 200 anni come nazione?

-L'energia deve fluire perché qualcosa possa accadere. Si vede l'energia solo se c'è un flusso di azioni, così che quando si accumula energia si accumula ricchezza, si arresta il flusso del fare e si crea povertà. Se non ami, ferma anche questo flusso ... Le persone vogliono lavorare, essere degne. Le elemosine non danno dignità. Ciò che dà dignità è l'opportunità di fare qualcosa che abbia senso per uno, sostenere la sua vita e la sua famiglia, naturalmente, naturalmente. Ecco perché diciamo che il denaro è energia, come la benzina per l'auto ...


Commenti

Post popolari in questo blog

Renato Gorgoni

Prima le persone. Competizione o collaborazione? (destra e sinistra non esistono)