Il palazzo ducale e piazza Garibaldi


Non si può chiudere il capitolo in cui si è parlato tanto di « proporzioni» senza ricordare l'affermazione di Calvesi e Manieri Elia di essere la facciata del palazzo ...« di grandiose dimensioni rispetto alla piazza. »... Nota che sottintende una « sproporzione » tra la mole del palazzo e la piazza antistante.
Dalla planimetria catastale allegata si vede che la facciata è lunga 36 metri e la piazza è larga, in media, 50 metri; larghezza che permette comodamente di osservare l'edificio sotto qualsiasi angolazione. 11 punto di vista « A » (ottimo), ortogonale al centro della facciata, posto allo sbocco della Via del Duomo, una viuzza medioevale sapientemente sagomata ad imbuto, dista 60 metri dal palazzo e consente di abbracciarne l'intera mole con un angolo azimutale di 30 gradi e 20 gradi (sessagesimali) zenitali. Lo stesso può dirsi del punto di vista « prospettico » « B » che si trova allo spigolo nord del Duomo. Constatazioni queste che vanno ad elogio della sapienza urbanistica, paesistica e prospettica degli antichi ».
Le osservazioni di Calvesi e Manieri Elia debbono essere state determinate dal « fatto nuovo » degli alberelli e del Monumento venuti su in piazza dopo la prima guerra mondiale, alterando in un certo senso i rapporti di proporzione e di prospettiva del palazzo. Fatto nuovo che queste note, imperniate su visioni mnemoniche del buon tempo antico, non hanno considerato.

Giulio Laudisa, Il Palazzo Ducale di San Cesario

Commenti

Post popolari in questo blog

Massimo Fortunato: UN UOMO SOLO AL COMANDO.

La collaborazione dei cittadini per sostituire le oligarchie finanziarie

Il gioco coi boccioli di papavero comune o rosolaccio (Papaver rhoeas L.)